Il palazzo città-stato in balìa dei nordafricani

Circa 500 nordafricani, perlopiù eritrei e somali, occupano illegalmente un palazzo di sette piani dove regna la sporcizia e l'illegalità con locali commerciali aperti abusivamente e dove sono stati riscontrati vari casi di scabbia

Un hotspot abusivo nella periferia romana. Un intero palazzo autogestito da rifugiati. Lo stabile - che si trova in via Collatina nella periferia est di Roma - da un decennio è stato abbandonato dalle istituzioni e dai proprietari. E così è diventato una vera e propria città-stato governati dagli stessi abitanti. Siamo Tor Sapienza, dove nell’autunno 2014 sono scoppiati gli scontri tra migranti e residenti. “Qui è stato messo di tutto e di più, dai centri d’accoglienza ai campi rom, e il tessuto sociale non è stato fatto dai cittadini ma dalla politica”, spiega Roberto Torre, presidente del Comitato di quartiere, mentre ci accompagna a vedere quella che si potrebbe tranquillamente definire ‘una città nella città’.

Lo stabile-Stato autogestito dai nordafricani

Un edificio di sette piani che, fino ai primi anni 2000, ospitava la sede dell’Inpdap ma dal 2005 è la casa di circa 500 nordafricani che vivono in condizioni disumane tra sporcizia e casi frequenti di scabbia.“Veniamo tutti dal mare”, spiega Berhe, un ragazzo eritreo sulla trentina che ‘lavora’ nella guardiola all’ingresso del palazzo e che ci fa da ‘Cicerone’.“Siamo tutti eritrei ed etiopi e abbiamo la stessa cultura e la stessa religione. I musulmani sono davvero pochi e non ci sono tensioni tra di noi”, dice Berhe che racconta come il palazzo sia un po' come una città-stato autogestita dai residenti con regole e finanze proprie. “Solo il 10% di noi lavora, mentre gli altri vanno a chiedere l’elemosina vicino ai benzinai e nelle chiese oppure fanno i venditori ambulanti”, dice il ragazzo eritreo, omettendo che molte donne la sera si prostituiscono lungo la via, come ci confermano i residenti.

Nel palazzo vi sono altre due persone che lavorano in guardiola, un idraulico e un elettricista, mentre due donne si occupano dei due bar/ristoranti forniti di sala biliardo e tivù con sky piratato, ovviamente aperti abusivamente e dove le condizioni igienico-sanitarie sono a dir poco precarie (guarda le foto). I proventi di questi ‘locali commerciali’ servono a pagare i loro stipendi e le spese principali, ma per ogni problema il loro punto di riferimento è il settimo Municipio. Da quel che si può vedere dai corridoi si tratta di uno stabile molto fatiscente che anni fa, come racconta Berhe, è stato teatro di un incendio al primo piano e questo ha rovinato i soffitti. Il problema ora è che persino gli idranti sono rotti e il tecnico mandato dal Comune, anziché riparare il guasto, ha semplicemente chiuso l’acqua e perciò se scoppia un incendio i migranti non hanno modo di spegnerlo rapidamente (guarda il video). Per questo motivo, ma soprattutto per paura di infiltrazioni da parte dei terroristi, i residenti da due anni hanno deciso di non accogliere più nessuno. Una situazione di assoluto 'autogoverno' che denota come Tor Sapienza, a due anni dagli scontri, sia ancora un quartiere in balìa di se stesso dove le istituzioni chiudono un occhio di fronte a situazioni di illegalità e di degrado come questa per evitare di dover trovare soluzioni ancora più politicamente scomode per i residenti.

La preoccupazione per i casi di scabbia

L’edificio, infatti, è una ex sede dell’Inpdap che è stata venduta nei primi anni 2000 perché i piani inferiori si allagavano. Ma non è tutto. Dietro questo stabile ce n’è un altro che nel 2015 era stato occupato dai rom e che era andato a fuoco per 15 giorni perché quell’area era diventata un centro di smaltimento dei rifiuti tossici. In questo contesto i cittadini lamentano l’assenza dello Stato non tanto per motivi di sicurezza, ma per i problemi igienico-sanitari. “Da parte dei residenti non si temono tensioni sociali ma c’è una legittima preoccupazione per i casi di scabbia documentati dalla Asl e, appena insediato, presenterò un’interrogazione in merito al neosindaco della Capitale”, anticipa il neoconsigliere comunale di Fratelli d’Italia, Francesco Figliomeni, che, insieme al collega di partito, Fabrizio Santori, sta seguendo questa problematica.

Proprio Santori, consigliere regionale del Lazio, ha di recente avuto risposta su un’interrogazione presentata in autunno sulla situazione sanitaria di Via Collatina 391. “Dalla Asl Roma B ci informano che - spiega Santori - parte degli interventi annuali di sorveglianza sanitaria, che ammonta ad una spesa totale di 73mila euro, sono sostenuti dal comune di Roma, di cui 5.000euro investiti per il funzionamento di un camper che garantisce l’offerta attiva di prestazioni sanitarie e circa 32mila euro per i compensi relativi al mediatore culturale e all’autista. A ciò si aggiungano le spese farmaceutiche che per il 2014 sono state circa 9mila euro, mentre per il 2015 più di 16mila”.

Il Comune brancola nel buio

L’altro aspetto preoccupante della vicenda è che i residenti non sanno a chi appartenga l’immobile e il Comune di Roma non solo brancola nel buio per quanto riguarda i proprietari, ma non è neanche a conoscenza del fatto che lo stabile è occupato da nordafricani tanto che, per avere notizie, si è informato attraverso la Asl. Alla richiesta di delucidazioni da parte del Comitato di quartiere, il Comune ha pertanto risposto che non si tratta di un immobile di sua proprietà o di sua disponibilità ma “da notizie assunte anche in via informale, risulterebbe di proprietà di una Società privata e occupato, abusivamente, da stranieri provenienti dal continente africano”. IlGiornale.it non solo è riuscito a entrare dentro l’edificio ma ha anche rintracciato i legittimi proprietari. Si tratta della società Idea Fimit Sgr (Fondo Immobiliare Italiano, Società di Gestione del Risparmio), posseduta per il 64,3% dal Gruppo De Agostini; per il 29,7% dall’Inps e per il restante 6% dal Fondazione Carispezia.

Le azioni intraprese dai legittimi proprietari

Dalla Idea Fimit sgr mi fanno sapere che lo stabile di via Collatina è stato acquistato nel 2007 perché “faceva parte di un portafoglio più ampio di immobili che vennero immessi nella proprietà del Fondo”. All’epoca, quindi, l’immobile era occupato già da due anni e, da allora a oggi, la Idea Fimit sgr (che anche altri 3 grossi immobili occupati nella Capitale) ha avviato tutte le procedure legali e amministrative per rientrarne in possesso, ma senza ottenere nessun riscontro positivo. Dalle prime segnalazioni alla prefettura del novembre 2010 si arriva al 2011 con una richiesta di sgombero dello stabile al questore di Roma e ad una denuncia contro ignoti per invasione di terreno, danneggiamento e furto.

Nel 2013 il Gip, però, dispone l’archiviazione del caso e tutte le altre azioni amministrative non consentono alla società di rientra in possesso dello stabile. Ora i legali del Fondo stanno pensando di richiedere un risarcimento alle amministrazioni pubbliche e alle forze dell’ordine “a cui è addebitabile una ingiustificata inerzia nella gestione della vicenda” anche perché tutti i proprietari dello stabile continuano a pagare le tasse di proprietà (IMU e Tasi), le rispettive spese legate e i vari consumi di utenze allacciate.

Commenti

Aegnor

Gio, 14/07/2016 - 08:50

Il fantastico mondo dei buonoidi e dei PiDioti,illegalità,sporcizia,degrado...

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 14/07/2016 - 08:51

Il nostro paese (!!!!) è ridotto VERAMENTE MALE....non so se simili situazioni si verifichino anche in Svizzera, Austria,Lussemburgo,Svezia etc tanto per citare alcuni paesi modello di efficienza ed ordine.

TORRIDO

Gio, 14/07/2016 - 09:12

Ma abbiamo uno Stato?di cooperative!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 14/07/2016 - 09:14

E' un principio naturale che regola l'universo e nel nostro piccolo non ne siamo immuni. Quando si crea il vuoto (Stato) le leggi della fisica fanno in modo che la materia (immigrati) ne occupi subito lo spazio.

cgf

Gio, 14/07/2016 - 09:15

Grazie Boldrini, Grazie Renzi, Grazie Alfano. Spero tanto che nella prossima legislatura vi sia una commissione d'inchiesta la quale dovrà fare luce sui FONDI oscuri di questa "accoglienza"

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 14/07/2016 - 09:16

E' giusto che gli italiani paghino IMU TASI e UTENZE a queste pregevoli risorse eritree e somale, lo studio medico della scabbia e delle altre malattie ci ripaga culturalmente delle spese sostenute. Lo stato di degrado e sporcizia inumani sono un'altra accademia di cultura nella quale possiamo rispecchiarci in modo da immaginare e prevedere il futuro prossimo che ci attende tutti, anche all'esterno di tale struttura. Il progetto di ricostruzione storica della peggiore Africa in itaglia procede a passi da gigante e il popolino esultante approva e vota con entusiasmo PD e i loro collaborazionisti 5stelle. Avanti coi barconi, presto!

Duka

Gio, 14/07/2016 - 09:18

Hanno capito d'essere in un paese allo sbando completo e ne approfittano. FANNO BENE si sentono a casa- Il problema non sono gli immigrati ma le istituzioni incapaci di alcunchè. Siamo governati da una banda di squinternati. Solo un cieco può non vedere che cosa succede.

moshe

Gio, 14/07/2016 - 09:32

In Italia cani e porci la fanno da padroni grazie ad un governo inesistente ed illegittimo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 14/07/2016 - 09:42

L'Italia ha bisogno di una vera destra. E di cacciare il Vaticano per cominciare. Fuori la chiesa massonica da questo paese. Loro e la sinistra mondialista nemici

..SanLusto

Gio, 14/07/2016 - 10:07

l'itaglietta sempre più PATTUMIERA D'EUROPA, a cominciare da mafiacapitale in giù

Ritratto di Ventoverde

Ventoverde

Gio, 14/07/2016 - 10:23

Il comune brancola nel buio semplicemente perchè per lorsignori le cose vanno bene così come stanno. Annamo bene!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 14/07/2016 - 10:46

Individuare i "bravi samaritani" italiani che sicuramente hanno segnalato a chi di dovere l'immobile e aiutato le "risorse" ad occuparlo e poi presentare loro il conto sarebbe opera buona e saggia! Purtroppo siamo in itaglia e le opere sagge e buone sono escluse grazie a una sinistra sinistrata e infestata dalle sboldrine a assimilati ben coadiuvata da una magistratura che si classifica riuscendo in Europa a essere classificata terzultima con dietro solo Malta e Cipro!

Ritratto di Mariador

Mariador

Gio, 14/07/2016 - 11:11

"………ecco dobbiamo dare l'esempio concreto di una cultura dell'accoglienza, che sia integrale, una cultura dell'accoglienza deve mettere tutto al centro ,l'accoglienza con un nostro valore a 360 gradi e che sappia misurarsi con la sfida della globalizzazione questa accoglienza quella sfida che porta con sé come ovvio anche maggiori opportunità di circolazione delle persone perchè nell'era globale tutto si muove si muovono i capitali si muovono le merci si muovono le notizie si muovono gli esseri umani e non solo per turismo e i migranti oggi sono l'elemento umano l'avanguardia di questa globalizzazione e ci offre uno stile di vita che presto sarà lo stile di vita molto diffuso per tutti noi loro sono l'avanguardia di quello e lo stile di vita che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi....."

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 14/07/2016 - 11:23

Ecco i primi frutti velenosi dell'utopia multirazziale e multiculturale. Guardate che abominio

Aegnor

Gio, 14/07/2016 - 11:28

Duka@- guarda che sanno benissimo cosa succede,ne sono gli artefici,la Papessa vuole il meticciato e così sarà.

guardiano

Gio, 14/07/2016 - 11:56

Italioti, avanti cosi.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Gio, 14/07/2016 - 12:06

Quindi il 27% della società che ha abbandonato il palazzo appartiene all'Inps del genio Boeri: lo stesso che si lamenta di non avere soldi e vorrebbe rubarli ai pensionati.

il corsaro nero

Gio, 14/07/2016 - 13:19

state sereni sono coloro che ci pagheranno la pensione!

rosa52

Gio, 14/07/2016 - 13:44

lo dico da tanto che i comunisti ridurranno l'Italia ad un paese del terzo mondo e poi basta ricordarsi di come erano diventati i paesi dell'est sotto le dittature comuniste! Sono doppiamente falsi quando parlano di crescita perche' loro non vogliono la ripresa anzi piu' miseria c'e' piu' consolidano il loro potere!

dakia

Gio, 14/07/2016 - 14:00

I cittadini lamentano l'assenza dello stato? Ma quale stato, fateci il piacere, facciamo in modo di andare al voto e sbattere fuori questa congrega di mascalzoni che ci hanno ridotto alla mercè di questi delinquenti, compresa questa Raggi che non è compito per lei trattare di mettere ordine in questo marasma. Ci vuole chi inizia con serietà a fare rimpatri, a fermare gente e chiedere documenti se non li hanno mandarli a casa. Ci vada il pampero a vivere colà, no lui ha ereditato le poltrone di raso e sta ben comodo con aria e pulizia, compresa la kyenge che non le pare vera la pacchia che ha trovato e vorrebbe portare qui tutti i suoi paisà cosi la eleggono presidente anzi presidenta come suggerisce la marchigiana radical shic.

ziobeppe1951

Gio, 14/07/2016 - 14:04

Da dove è uscita sta MARIADOR?....cara kkkompagna, va beh che tutto si muove...ma ci vogliono anche regole certe e rispetto delle leggi, altrimenti tutto diventa anarchia, caos, inciviltà

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 14/07/2016 - 14:27

Ê solo "l'antipasto" di come sarà l'Italia TUTTA, fra un paio di anni continuando con questo S/governo di FROTTOLO e HALF-ANO!!!lol lol. Poveri Italiani, SCHIAVI (del fisco) RASSEGNATI (dall'ingiustizia) SOTTOMESSI (dalle leggi) e IMPAURITI (dalle risorse). AUGURIIII!!!

dakia

Gio, 14/07/2016 - 15:17

Mariador-11:11, farai parte di qualche onlus, associazione vaticanista e similari oppure parli in broma? Perché detti post in un giornale come questo,dileggiato e contrario alle sfide suscritte non dovrebbe neppure apparire visti gli epiteti che si danno a diritta, andate a scrivere su avvenire o sulla famiglia cristiana, se ciò non vi accomoda, c'è sempre l'unità.

Blueray

Gio, 14/07/2016 - 16:21

Chiediamo aiuto a Orban.

maurizio50

Gio, 14/07/2016 - 16:28

Ecco i risultati delle scelte demagogiche di Renzie&Alfano, tutti presi a "salvare vite umane" ma MAI in grado di fermare il degrado continuo ed incessante portato in Italia dall'invasione africana sponsorizzata da PD e Chiesa Cattolica!!!!!

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 14/07/2016 - 17:18

«Di questo passo saranno i multirazziali, multiculturale USA a prendere esempio da noi. Abbiamo già, per quanto non ne meniamo il dovuto vanto, qualche China Town, sparse qua e là, Ora c’è Eritrea Town e, in rapida formazione, parecchie New Islamabad. Vuoi vedere che la cenerentola Italia, forse a motivo dello stivale, diventa il primo stato d’«Eurabia»? Bisogna però che qualcuno pensi a liberalizzare la vendita delle armi. Non è dignitoso andare avanti con cartelli stradali, coltelli, picconi… Siamo nel terzo millennio, ragazzi. A dire il vero, però, ci vorrebbe anche qualche riserva per gli indigeni italici. Ma ci si arriverà; il tempo è galantuomo.

Massimo Bocci

Gio, 14/07/2016 - 18:18

Voi del Giornale, va bene che gli aggettivi come gli ITALIANI VERI non costano nulla, ma utilizzarne, in cos'ì sovrabbondanza, per rappresentare la solita cronaca CRIMINALE,GIORNALIERA.....NERA!!! Mi sembra un spreco di caratteri ITALIANI, bastava in sintesi titolare.... " LO STATO??? Dei LADRI!!!....in balìa (come prassi) dei (ORDE) di nordafricani""", poi si poteva aggiungere tipo di Orda come fanno i Napoleonici (per la grandeur DELLA TRUFFA),....un sostantivo,tipo... "CRIMINALE!!!", sentite come TITOLAVA.... meglio..... " Lo STATO (di cesso!!!)....in balìa di (orde,criminali) di nordafricani"...... e poi, in calce, per completezza di informazione,la nota informativa, cioè l'OVVIO!!! Su chi paga di prassai questi svaghi ludici, anche per tranquillizzare i FRUITORI!!!A SBAFO!!! Concludendo con un bel....tranquilli nordafricana, qui tutto spesato A GRATIS!!!, paga solo il popolo sovrano??? SERVO e BUE,del regime meticciato,UE-Euro.

Una-mattina-mi-...

Gio, 14/07/2016 - 22:24

IL LORO MODO DI VIVERE SARA' IL MODO DI VIVERE DI TANTI ITALIANI. firmato: boldrini

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 15/07/2016 - 00:15

Mariador, mi auguro che il tuo commento sia tutto in senso tragicomico, vero? Se così non fosse mi preoccupo per la tua salute mentale.