La preside vieta la benedizione: a scuola ci sono alunni islamici

In una scuola del Cagliaritano la preside ha impedito al parroco di entrare a scuola perché in classe c'erano anche degli studenti musulmani

Il copione è sempre lo stesso: il parroco si presenta alla porta della scuola con i chierichetti, la croce, l'aspersorio e il secchiello. Per anni ha impartito la benedizione a quei luoghi, ma stavolta si vede chiudere i battenti in faccia.

A Decimoputzu, nel Cagliaritano, il prete non ha potuto impartire la tradizionale benedizione alla scuola perché la preside ha ritenuto che fosse irrispettosa degli alunni musulmani presenti nell'istituto. Alla scuola Antonio Gramsci, racconta L'Unione Sarda, al parroco di Nostra Signora delle Grazie è stato impedito l'ingresso per rispettare la sensibilità dei piccoli studenti islamici, una decina in tutto.

"Non potevo permettere che entrasse nelle loro classi senza prima aver chiesto l'autorizzazione", ha spiegato la dirigente scolastica. Basito e amareggiato, invece, il reverendo, che ha parlato di "eccesso di laicità che può sfociare nell'intolleranza".

Non è la prima volta che nelle scuole italiane si verificano episodi del genere, e molto spesso sono gli stessi genitori e insegnanti a schierarsi contro i presidi per mantenere la tradizionale benedizione, certi di non offendere né discriminare nessuno. Nel dicembre 2013 era successo a Varese, nel 2006 nel Milanese, il mese scorso a Bologna. Le tradizioni cattoliche sono viste, da molti dirigenti scolastiche, come un retaggio del passato discriminatorio e inaccettabile nella scuola pubblica.

Commenti

angelomaria

Mar, 21/04/2015 - 15:57

INACCETTABILE E I CRISTIANI VENGONO GIORNALMENTE MASSACRATI!!RISPETTO!!QUALE?

roberto del stabile

Mar, 21/04/2015 - 15:58

NON CAPISCO CI VUOLE UN POCA DI RECIPROCITA' SE SEI A CASA LORO I MUSSULMANI BENE CHE VADA NON TI DECAPITANO MA CERTO NON RINUNCIANO ALLE LORO TRADIZIONI PER FAVORIRE UN CRISTIANO DA NOI RINUNCIAMO ALLE NOSTRE PER RISPETTARE LE LORO C'E' QUALCOSA CHE NON VA!!!!

angelomaria

Mar, 21/04/2015 - 15:59

MAI SENYITO COSI SOLO!!!

momomomo

Mar, 21/04/2015 - 15:59

Quando si è cretini e c'è poco, anzi, nulla da fare e pure le benedizioni pasquali sono impotenti..... In ogni caso si trattava di una BENEDIZIONE e non di una MALEDIZIONE di Pasqua! E poi, per quale motivo una benedizione pasquale, dev'essere vista come un insulto per coloro che hanno una religione diversa da quella cristiana????

19gig50

Mar, 21/04/2015 - 16:00

Preside sardegnolo, bastava che al momento della benedizione facessi andare i bambini islamici in ricreazione.

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Mar, 21/04/2015 - 16:01

E' irrispettoso da parte degli islamici impedire ai Cristiani in Terra Cristiana di ricevere la Benedizione del vicario di Cristo

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 21/04/2015 - 16:05

E' ovvio. Se uno schizzo di acqua benedetta arriva in faccia ad un musulmano sai che ustioni. Altro che acido solforico. Sti poveri bambini islamici devono essere preservati dall'orrore in tonaca e aspersorio o ne escono scioccati per il resto della vita e diventano Jihadisti per reazione.

SanSilvioDaArcore

Mar, 21/04/2015 - 16:08

Prima per gli atei rispetto zero, per le altre religioni tutti a calar le braghe... i credenti sono tutti uguali, se non la pensi come loro, indipendentemente dal dio che venerano, rispetto non ne avrai

gneo58

Mar, 21/04/2015 - 16:11

si fa entrare il parroco e si fanno uscire gli islamici (sempre che a loro non freghi niente per cui possono rimanere in classe) finita la benedizione si fanno rientrare gli islamici. Fine della storia.

eolo121

Mar, 21/04/2015 - 16:14

non preoccuparti cara preside .. presto saremo tuti maomettani , ..e i tuoi valori laici saranno custoditi dall isis

Ger51

Mar, 21/04/2015 - 16:16

La solita preside testa di c....,che fa crescere l'intolleranza verso i musulmani.

paolonardi

Mar, 21/04/2015 - 16:18

La madre degli imbecilli e' sempre incinta.

torodamonta

Mar, 21/04/2015 - 16:19

POVERA ITALIA !!! CHE BRUTTA FINE TI HANNO FATTO FARE !!!

AloisiusUrbinas

Mar, 21/04/2015 - 16:19

Ma vi rendete conto chi sono i cosidetti Presidi? Dirigenti scolastici! Hanno partecipato ad un concorso nazionale e sono stati promossi tutti idonei! L'intera mandria. Nessuno è stato selezionato o rifiutato. Una vera vergogna. In mezzo a loro c'è gente miserrima e incompetente. Sono sempre gli italiani che pongono problemi di compatibilità religiosa. Chi ha presentato esposti contro l'esposizione del Crocefisso in aula era sempre e unicamente italiano. Ignorante sempre. Ho la fortuna di lavorare in una associzione di immigrati, mai una volta nessuno di loro ha avuto da ridire sulle immagini che richiamano alla cristianità presenti nel mio ufficio. Selezioniamoli meglio questi Presidi e se non superano l'esame mandiamoli a raccogliere la cicoria. Con quello che ci costano.

torodamonta

Mar, 21/04/2015 - 16:23

NESSUNO HA IL CORAGGIO DI DIRE CHE I MUSULMANI SONO I PIÙ GRANDI RAZZISTI ED EGOISTI CHE CI SONO SULLA TERRA.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 21/04/2015 - 16:27

Era logico aspettarselo. Siamo alla Scuola Antonio Gramsci, e quindi nessuno si è sentito in dovere di rinchiudere la Preside e gli alunni Musulmani nel cesso come meritavano. Pensate un po' come si sono ridotti gli italioti!

linoalo1

Mar, 21/04/2015 - 16:27

E chi è razzista,in questo caso?Licenziamola!

pagano2010

Mar, 21/04/2015 - 16:27

.....scuola Antonio Gramsci... cosa vi aspettavate? la preside andrebbe trasferita come minimo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 21/04/2015 - 16:27

per colpa dei scemi di sinistra, che hanno votato il PD, quel partito che si è piegato all'islam.... ma si può essere piu stupidi di cosi???? ERSOLA, TOTONNO58, SCHIZZO, XGERICO, GZORZI, SNIPER, ANDREA SEGAIOLO, ATLANTICO, EDO1969, TZIGHELTA, dove siete? la colpa è anche vostra!!!

VittorioMar

Mar, 21/04/2015 - 16:30

Quanto timore incute ancora quel "legnetto"!Ha subito ancora ingiustizia e ignoranza!Si parla di integrazione e multiculturalismo!Non da fasidio ai bambini ma agli adulti.Una benedizione non uccide,. il loro Dio si

Ritratto di perigo

perigo

Mar, 21/04/2015 - 16:30

Assurdo. Se proprio si dovevano "rispettare" gli studenti islamici, perché non rispettare anche gli studenti cristiani? La soluzione c'è, ma non si mette in pratica: entra il prete, escono gli studenti islamici. Esce il prete, rientrano gli studenti islamici. Questa è la giusta maniera per rispettare tutti.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mar, 21/04/2015 - 16:32

Bisogna dire che questa dipendente dello Stato Italiano, non credo sia in grado di ricoprire il ruolo che occupa. Evidentemente, vive fuori dal mondo reale e non ha ancora capito cosa significhi convivenza di varie etnie. Ognuno rispetti il credo dell'altro, ma senza commettere l'errore di eliminare il crocifisso, di alienare la capanna del presepe, di annullare la Pasqua, solo perché ci si deve fare amici persone di altro credo religioso. Non è calandosi i pantaloni che diventiamo tutti più buoni o, meglio ancora, cerchiamo di togliere, come si suol dire, "la paglia davanti al ciuccio".

Tuthankamon

Mar, 21/04/2015 - 16:32

Perche' una persona come un/una preside che dovrebbe avere una visione d'insieme superiore alla maggioranza, fa una simile fesseria (stavo per usare un termine piu' colorito)? E' gravissimo, di fronte ad altre culture, ma soprattutto a musulmani, rinunciare alla propria identita'. In pratica li si autorizza a mancarci di rispetto. Provate ad andare in una qualsiasi altra cultura, soprattutto islamica, a vedere se rinunciano a qualcosa del loro bagaglio identitario. Cara professoressa, un errore gravissimo soprattutto da un'insegnante!!! Questa non e' tolleranza, e' radicalismo laicista ("correttezza politica") della peggior specie.

ullo

Mar, 21/04/2015 - 16:32

Benedizione, dove siamo nel medioevo? A scuola si studia, per essere benedetti si va in chiesa.

Razdecaz

Mar, 21/04/2015 - 16:34

Quindi siamo noi che dobbiamo sempre rispettare le religioni dei migranti ospiti nel nostro paese e puntualmente LA NOSTRA RELIGIONE non viene rispettata da nessuno, tanto meno da questa dirigente scolastica da 4 soldi la quale le auguro che questo suo gesto di buonismo, le consenta di integrarsi totalmente con queste persone, seguendo usi e costumi. Anche il suo supporto è indispensabile visto la sua, che ritengo ipocrisia. Il nostro paese merita la situazione attuale che stiamo vivendo, grazie a questa gente. Si vergogni, la preside: sarebbe da sospendere domattina. Fomentatrice di tensioni sociali a sfondo religioso. Mi auguro che chi di dovere provveda immediatamente a rimuovere tale persona dal suo ruolo. Benedire una scuola sarebbe offensivo nei confronti di chi non è cattolico? V E R G O G N A italidiota.

Kamen

Mar, 21/04/2015 - 16:36

Preside o presida (come vuole la sua sodale trinariciuta Boldrini):si vergogni!

jeanlage

Mar, 21/04/2015 - 16:38

Due considerazioni: 1- questo è un ottimo motivo per cacciare i maomettani fuori dall'Italia: così potremo esercitare la nostra religione e mangiare i nostri prosciutti senza aver paura di non offendere nessuno. 2 - Se la preside avesse un minimo di cultura e coerenza, si dovrebbe dimettere immediatamente: non c'è nulla di più offensivo per un maomettano di una femmina che comanda dove ci sono dei maschi.

montenotte

Mar, 21/04/2015 - 16:40

Vale sempre l'idea che se a coloro a cui non piacciono le nostre tradizioni e non si vogliono integrare e bene che se ne ritornino a casa loro cosa che noi dobbiamo fare trovandoci nei paese musulmani. Fatemi la cortesia di prendere a calci nel sedere la dirigente scolastica e informatela che sono loro che, in qualità di ospiti, devono rispettarci e non viceversa.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 21/04/2015 - 16:41

Saggia preside. Quando si dice che il mondo al femminile sarebbe tutto rosa..! E se quel sacerdote fosse andato lì con l’intenzione di annegare gli allievi islamici con l’acqua santa per vendicare i dodici cristiani gettati in pasto ai pesci? Come sardo, questa premurosa preside mi fa tornare in mente un canto: «Pobiddedda mia m’hat fattu i macarronisi; fattu mind’hat tresi che tresi ischidonis. Orruttu mind’hat unu e mortu m’hat su cani. Pobiddedda mia, torramid’a fairi!» (La mia mogliettina mi ha fatto i maccheroni: me ne ha fatto tre come tre spiedi. Me n’è caduto uno e mi ha ucciso il cane. Mogliettina mia, fammeli altre volte!). Ad malora, preside.

pinuzzo48

Mar, 21/04/2015 - 16:43

questi presidi sono atei e non hanno il coraggio di dirlo e si nascondono dietro una minoranza di bambini musulmani

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mar, 21/04/2015 - 16:44

Escono la preside ed i piccoli islamici dalla classe così il parroco benedice: non mi pare sia una operazione molto complessa.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 21/04/2015 - 16:54

A me sembra che più uno studia più rincog lionisce se poi si infarcisce di ideologie e va avanti con gli anni più assomiglia ad un ammasso di cellule in cancrena. Praticamente un'"EBOLA" sociale ... se non lo conosci e non te ne stai alla larga ... ti fulmina.

Joe Larius

Mar, 21/04/2015 - 16:59

Gentile signora preside, faccia un viaggetto in Arabia Saudita e si faccia il segno della croce in una qualsiasi via della città. Le do un consiglio: se davvero volesse farlo, comperi solo il biglietto di andata.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 21/04/2015 - 16:59

Ma cotale pretendeva che il presule venisse a farle la benedizione per acquisire punteggi per la carriera o magari aveva un posto in qualche nmadrassa e non doveva trasgredire i "comandanti" di quella parte?

Démos_Cràtos

Mar, 21/04/2015 - 17:00

@♣mortimermouse mi sfugge in che modo chi vota PD ha influito sulla decisione personale di questa preside. Mi sa tanto che l'hai sparata tanto per dirne una.

Ritratto di federalhst

federalhst

Mar, 21/04/2015 - 17:04

La scuola pubblica deve essere laica, punto. Qui ancora siamo a discutere di cosa succede se gli alunni sono cristiani, atei, musulmani, buddisti o raeliani? Chi ha piacere che i propri figli ricevano la benedizione e facciano la preghierina al mattino è liberissimo di iscriverli negli istituti cattolici, nel resto del mondo funziona così.

Rossana Rossi

Mar, 21/04/2015 - 17:04

Avanti così e ci ritroveremo col velo tutti in moschea visto che le premesse già ci sono, facilitiamogli pure la strada...............semplicemnte vergognoso, e non piangiamo se poi ai cristiani tagliano la testa.....

angelovf

Mar, 21/04/2015 - 17:04

Se non ci fossero persone come questa preside. Del cxxxo' gli immigrati si comporterebbero diversamente, con più educazione e la consapevolezza di essere ospiti, i nostri figli e nipoti dovrebbero rinunciare alla loro cultura perché ci sono queste persone che tradiscono l'Italia. Che schifo.

angelovf

Mar, 21/04/2015 - 17:04

Se non ci fossero persone come questa preside. Del cxxxo' gli immigrati si comporterebbero diversamente, con più educazione e la consapevolezza di essere ospiti, i nostri figli e nipoti dovrebbero rinunciare alla loro cultura perché ci sono queste persone che tradiscono l'Italia. Che schifo.

Razdecaz

Mar, 21/04/2015 - 17:06

La dirigente scolastica provi ad andare in un paese islamico e, all'interno dell'insegnamento coranico, pretendere l'eguaglianza religiosa con i cristiani!! Cioè degli "Infedeli"!!! Penso che perderebbe in un attimo la testa. Niente Benedizione della S. Pasqua, per rispettare la sensibilità dei piccoli studenti islamici, poverini sono tutti deperiti. Guardando il povero diavolo sul crocefisso, di notte poi non dormono, vanno tutti in depressione. L’ITALIA È SOVRANA, NON MERCENARA. Lei, è italidiota?

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 21/04/2015 - 17:08

Ma perchè il ministero dell' istruzione non regala a questi illuminati personaggi un viaggio vacanza premio a Al-Raqqa!!!!

@ollel63

Mar, 21/04/2015 - 17:08

credo che molti studenti musulmani siano più intelligenti di certe presidesse (si dice così?Mah!), lo sanno benissimo che in Italia ci sono (c'erano!) i cristiani, i cattolici e altri..., ci vivono. Sanno anche, ora, che ci son presidesse che vivono fuori dal mondo, non solo dall'Italia.

angelovf

Mar, 21/04/2015 - 17:08

Il Papà potrebbe pronunciarsi sul problema della religione e il comportamento di questa preside venduta allo straniero.

@ollel63

Mar, 21/04/2015 - 17:10

e la scuola è pure una " antonio gramsci", come volevasi dimostrare. L'ignoranza certificata.

umbro80

Mar, 21/04/2015 - 17:13

Se fossi un genitore di quella scuola avrei chiesto immediatamente spiegazioni alla preside. Perdendo queste tradizioni stiamo consegnandoci all'Islam. E' ora di rialzare la testa se ancora abbiamo un minimo di orgoglio e dignità.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 21/04/2015 - 17:13

Sempre la solita storia, qui c'entra relativamente il rispetto per la sensibilità dei bambini musulmani. La verità è che la giurisprudenza (per es. sentenza n. 250/93 del TAR dell’Emilia Romagna, sentenza 489/95 del TAR del Veneto, e altre ancora) vieta l’effettuazione di riti di culto (come messe, preghiere e benedizioni) in orario scolastico. I presidi quindi non fanno altro che adeguarsi alla giurisprudenza, anche per evitare ricorsi da parte delle famiglie dei bambini che non sono cattolici.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mar, 21/04/2015 - 17:15

Ma in un istituto scolastico intitolato ad ANTONIO GRAMSCI cosa vi aspettavate di diverso?

Doppiavela21

Mar, 21/04/2015 - 17:15

VOGLIO DENUNCIARE PER VIOLENZA PRIVATA A TUTTI I BIMBI DI FEDE CATTOLICA DI QUELLA SCUOLA, QUELLA INDECENTE PRESIDE!!!!!!!!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mar, 21/04/2015 - 17:16

E mandare fuori della classe i non cristiani durante la benedizione non era possibile? O forse si temeva che l'aula restasse "contaminata"?

angelorosa

Mar, 21/04/2015 - 17:16

uno può essere credente o meno ma ci sono le tradizioni millenarie che vanno comunque rispettate, poi ci sono gli imbecilli che ovviamente se ne fregano della tradizione. Però, questi imbecilli, sono legatissimi alle tradizioni delle feste paesane, guai se manca la porchetta o il vino locale sono capaci di far dimettere il sindaco e il presidente della regione. Imbecilli al quadrato.

Ghiaccio9

Mar, 21/04/2015 - 17:16

La preside ha agito bene ma per il motivo sbagliato;anche se ci fossero stati tutti alunni cristiani il prete andava rispedito in parrocchia,la scuola italiana è LAICA.Se volete benedizioni cristiane musulmane buddiste scintoiste o taoiste iscrivete i vostri figli in una scuola privata della religione che preferite o fate venire l'officiante direttamente a casa vostra.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mar, 21/04/2015 - 17:17

E mandare fuori dall'aula gli alunni che non "gradivano" la benedizione cattolica non era possibile? O forse qualcuno temeva che l'aula restasse contaminata?

Giorgio5819

Mar, 21/04/2015 - 17:18

Impedite a questo pirla di accedere all'edificio scolastico ! Sostituzione immediata del preside, incapace demente rosso.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mar, 21/04/2015 - 17:19

E' come dire che i nostri bambini non possono portarsi come colazione un bel panino col prosciutto perché il compagno di banco è musulmano; ma che vadano tutti a cag.... (a casa loro, naturalmente!)

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mar, 21/04/2015 - 17:30

Esimio ullo io sono ateo ma non per questo sono contrario alla presenza dei simboli cristiani come il crocefisso o alla benedizione delle aule scolastiche. Fanno parte della nostra tradizione e, come tale, anche a me sta bene che siano mantenuti. Alla faccia degli idioti che, per essere più realisti del re, si fanno interpreti dei desideri degli islamici "ospiti" in Italia con iniziative contrarie alla volontà degli italiani veri.

magnum357

Mar, 21/04/2015 - 17:31

Vadano al cesso per cinque minuti e poi rientrino in classe, se proprio non gli va di assistere ad una benedizione !!!!! perchè i nostri ragazzi devono rinunciare ?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 21/04/2015 - 17:34

Gli islamici forse disdegnano le benedizioni,ma stanno volentieri col cappello in mano sui sagrati delle chiese e non rifiutano le elemosine dei cristiani che escono.Ma forse anche nei loro paesi usano lo stesso rispetto verso i cristiani,credo che i presidi komunisti facciano bene a ricambiare.Grazie................

Raoul Pontalti

Mar, 21/04/2015 - 17:35

Basta o laici dei testicoli del mio cane ed eziandio della mona delle mie galline di farvi paravento degli alunni islamici per cacciare ogni religione dalla scuola, in primis la cattolica. Agli islamici non importa un fico secco della benedizione cattolica della scuola, forse anzi la gradiscono perché comunque fatta nel nome del Dio del Libro e quindi siete voi laici di guano, miscredenti vomitanti escrementi edonistici che volete offendere la religione e fomentare il razzismo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 21/04/2015 - 17:41

E' inutile prendersela con gli islamici qui. Non sono loro a opporsi. Siamo onesti... è solo la sinistra che approfitta di questo tema per diffondere il laicismo bastardo.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 21/04/2015 - 17:42

@ullo – A scuola ci siamo andati tutti. Visto quel che scrivi, non tutti hanno capito cosa significhi studiare e tanto meno cosa significhi scuola che si apre e dialoga con la società in cui è inserita. Se studiare si riduce a quanto scrivi, risparmieremmo dando ad ogni alunno un computer e lasciandolo a casa sua. Risparmieremmo anche lo stipendio di certe presidi.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mar, 21/04/2015 - 17:42

Proprio una preside sardegnola, cioè asina! Ma sono di vetro i bimbi figli dei maomettani o sono deficienti gli italiani da non capire quanto si rendono ridicoli con queste scempiaggini?

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 21/04/2015 - 17:43

Offendere invece le nostre tradizioni è lecito? ixxxxxxxe!

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 21/04/2015 - 17:44

Già il nome della scuola è tutto un programma!

ex d.c.

Mar, 21/04/2015 - 17:46

Niente di strano. Sicuramente la preside è di sn, quindi appoggiata dalla Chiesa

maurizio50

Mar, 21/04/2015 - 17:55

Notizia da girare all'ecc.mo Card.Bagnasco e a tutte le alte gerarchie ecclesiastiche , "tifose" della sinistra! Ci dicano la loro opinione a riguardo!!!!!!!!!!!

Roberto C

Mar, 21/04/2015 - 17:58

Purtroppo ne fanno una questione Islam contro cattolci, la pongono nel modo più sbagliato possibile e spiace che siano dei dirigenti di istituti scolastici (persone che dovrebbero avere almeno un minimo di cultura). Far entrare il prete con i chierichetti in una scuola pubblica per impartire la benedizione cattolica è irrispettoso NON verso i musulmani, ma verso i non cattolici, si tratti di musulmani, protestanti, testimoni di Geova, mormoni, indù o atei che hanno tutto il diritto (oltre che l'obbligo fino alla 3° media) di mandare a scuola i loro figli per studiare, non assistere a rituali che hanno tutto il diritto di non condividere o di reputare blasfemi. Ma questi genitori che si scandalizzano per la decisione della preside poi portano i loro figli a messa ogni domenica e li mandano sempre al catechismo?

roseg

Mar, 21/04/2015 - 18:00

Raoul Pontalti...ma che parolacce birichino ti hanno fatto infuriare vero,suvvia per consolarti fatti il decimo grappino eheheh.

roseg

Mar, 21/04/2015 - 18:01

Potrò sbagliarmi ma la preside è una parente della sboldrina.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mar, 21/04/2015 - 18:03

Possibile che la minoranza detti legge ? Se il parroco benedice, i non cattolici, possono uscire dalla scuole, mi sembra la soluzione più logica. Cosa dice Franceschiello primo ?

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Mar, 21/04/2015 - 18:06

Così facendo non dovremo meravigliarci tra non molto se, per giusta reazione, cominceranno a formarsi fondamentalisti cristiani, anche feroci, i quali non avranno alcuna intenzione di 'dialogare' (concetto odioso!) con gli islamici per rinunciare, senza combattere, alla priorità e supremazia millenaria del Cristianesimo in Italia sulle altre religioni decisamente minoritarie. Un altro Scisma nella Chiesa cattolica non sarà da escludere.

rommel22

Mar, 21/04/2015 - 18:09

Vedremo se si lamenterà quando sarà costretta ad andare in giro col burqa

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 21/04/2015 - 18:11

Queste notizie ormai sono all'ordine del giorno, chi non vuole o non crede nell'acqua santa può solo togliere il disturbo e che diamine!

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 21/04/2015 - 18:11

Ma visto che 'sta preside è cosi rispettosa delle tradizioni altrui, almeno se lo mette il burqa quando si presenta in pubblico a scuola? Amici, arrendiamoci, ormai siamo circondati!

FRANZJOSEFF

Mar, 21/04/2015 - 18:17

ORA I PRETI CATTOCOMUNISTI CHE DICONO?

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 21/04/2015 - 18:19

@federalhst – in una grossa fetta del «resto del mondo» le femmine non vanno a scuola e tanto meno possono essere presidi. In un’altra grossa fetta del «resto del mondo» Ci sono massa di bambini e bambine che, se hanno la fortuna d’imparare a leggere, scrivere e far di conto, è grazie a quelle scuole dove si dicono (chi vuole) anche le preghierine. In ciò che resta del «resto del mondo», dove la democrazia non è quella delle «repubbliche popolari», lo stato riconosce ai cittadini il diritto di scegliere per i propri figli il tipo di scuola che più si confà con il loro pensiero religioso. Lo rende però concreto, tale diritto, sostenendo economicamente tutte le scuole in ugual misura. Infine, se per scuola laica intendi ciò che dici, ti consiglio di iniziare una campagna per eliminare proprio il termine «laico». Esso è un termine tecnico della chiesa cattolica. Sono laici tutti i fedeli che non sono né chierici, né religiosi.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Mar, 21/04/2015 - 18:26

Anche questa preside è islamica ? Altrimenti non si capisce il motivo di questo suo rifiuto , poteva benissimo allontanare i bambini islamici far fare la benedizione e festa finita , se non ha fatto così vuol dire che è lei che non vuole che la scuola sia benedetta ...........perché di religione incerta ???????????????????????????????????????????

Luigi Farinelli

Mar, 21/04/2015 - 18:33

Chi si è accorto,fra i lettori giustamente indignati contro questo nuovo attentato alle tradizioni cristiane che l'Europa ha rimosso dalle sue agende il 25 dicembre quale giorno dedicato al Santo Natale? ONU e EU (istituzioni massoniche) sono indefessamente impegnate ad abbattere a colpi di laicismo soprattutto il cristianesimo cattolico (unico loro vero antagonista) con campagne di demonizzazione usando scagnozzi come Dan Brown o Corrado Augias, aventi facile presa per la mancanza di cultura storica odierna. Il panteismo imposto (ipotesi Gaia di AlGore, cambiamenti climatici "antropogenici", "animalismo" di Peter Singer...) sarà la religione sincretista della futura massa di imbelli androgini schiavi dell'élite dei creatori di luciferine "Repubbliche" Universali totalitarie.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 21/04/2015 - 18:40

@ Ghiaccio9 – attento: vorrai dire scuola LAICISTA. «LAICO» viene del diritto canonico e non esclude la religiosità dei cittadini. Non pretende che si taglino in due: un pezzo, quando vanno a scuola, al lavoro, per strada; un pezzo, quando pregano o vanno in chiesa. La scuola che pensi tu dovrebbe appendere nelle aule un quadro della «dea ragione», la ragazza nuda che la rivoluzione francese pose in bella mostra su un altare. I laicismo non ha nulla da imparare, quanto a intolleranza, dal peggiore islam.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 21/04/2015 - 18:46

Orribile visu il post di Pontalti,sono anch'io d'accordo di lasciar fuori dalle scuole religioni e politica,ma qualcuno ci vive su queste cose,non se la prenda.!!!

Ritratto di kikina69

kikina69

Mar, 21/04/2015 - 20:39

. è solo la sinistra che approfitta di questo tema per diffondere il laicismo bastardo. Ausonio...come non quotarla...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 21/04/2015 - 21:11

Sono tornati a postare sul Giornale i vari trinariciuti,assenti da qualche giorno di legittimo impedimento per gli articoli non confacenti alla loro intellighentia.Noi li riacogliamo volentieri,altrimenti non saprebbero dove mandare i loro nauseanti post infarciti di odio e di insulti per chi non la pensa come loro.Sappiate però che non uccideremo il vitello grasso.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 21/04/2015 - 23:34

Chissà come rimpiangono il "Pope Stalin" questi sinistorsi che devono inventarsi ogni combinazione pur di poter stare sulla "cresta dell'onda" e tirare la pigione per arrivare a fine mese.

Tuthankamon

Ven, 24/04/2015 - 15:07

Tutti quelli che (politicamente corretti) dicono che la scuola deve essere "laica" saranno i primi ad adeguarsi alla sharia e al chador/burqa. Poveri illusi!!!