Il procuratore Bruti Liberati indagato dalla procura di Brescia: omissione di atti d'ufficio

L'accusa è in relazione ad uno dei capitoli più scottanti della faida con Robledo: la gestione del fascicolo sulla privatizzazione della Sea, la società aeroportuale milanese, da parte del Comune di Milano

Che il braccio di ferro all'interno della Procura di Milano non fosse destinato ad esaurirsi con il "licenziamento" in tronco di Alfredo Robledo, il principale oppositore del procuratore Edmondo Bruti Liberati, spedito ad occuparsi di scartoffie dallo stesso Bruti, era prevedibile. Meno prevedibile era la nuova, devastante svolta del feuilleton: l'incriminazione di Bruti Liberati da parte della procura di Brescia, competente ad occuparsi dei reati commessi dai magistrati in servizio a Milano.

I colleghi bresciani hanno iscritto nel registro degli indagati Bruti, accusandolo di omissione di atti d'ufficio in relazione ad uno dei capitoli più scottanti della faida con Robledo: la gestione del fascicolo sulla privatizzazione della Sea, la società aeroportuale milanese, da parte del Comune di Milano. Quel fascicolo, che rischiava di creare qualche grattacapo alla giunta rossa milanese, venne dapprima affidato da Bruti ad un magistrato che non aveva i titoli per occuparsene, poi ripreso in mano dal procuratore e dimenticato in una cassaforte proprio nei giorni cruciali dell'affare Sea, quando il Comune varava l'asta che portò il pacchetto di azioni nelle mani dell'unico concorrente, il fondo F2i. Una dimenticanza ammessa dallo stesso Bruti nelle sue lettere al Consiglio superiore della magistratura, che del caso Sea era stato investito con l'esposto di Robledo.

"Ho cinquemila fascicoli, una dimenticanza è possibile", ha sempre detto Bruti. Ma che l'unico fascicolo effettivamente dimenticato sia stato anche l'unico che lambiva Palazzo Marino ha dato luogo, ovviamente, alle più svariate illazioni. Il Csm, alla fine della sua istruttoria, aveva candidato il procuratore milanese a un procedimento disciplinare, di cui non si è più saputo nulla, nell'inerzia totale del ministro della Giustizia, il piddino Andrea Orlando, e del procuratore generale della Cassazione. Ora sulla scena fa irruzione fragorosamente la Procura di Brescia. E' un atto destinato a cambiare i rapporti di forza dello scontro in corso a Milano? Si vedrà. Di certo è la prima volta nella storia della Repubblica che il procuratore della Repubblica di Milano, titolare di uno degli uffici giudiziari piu delicati del paese, da inquisitore si trova inquisito. E la conferma di Bruti nella sua carica, su cui dovrà pronunciarsi il nuovo Csm, si presenta a questo punto sempre più incerta.

Commenti

Mobius

Mer, 08/10/2014 - 11:54

Con quella faccia un po' così, non mi meraviglia che sia indagato...

fer 44

Mer, 08/10/2014 - 12:10

Tranquilli! Cane non morde cane! Però se il cane ha la rogna....????Chissà!!!!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mer, 08/10/2014 - 12:12

Una ulteriore prova che siamo nella meringa fino al collo.

mezzalunapiena

Mer, 08/10/2014 - 12:16

questa è la fotografia esatta della magistratura italiana.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 08/10/2014 - 12:18

Mi sorge un dubbio, si sarà mica dimenticato di portare avanti un indagine che riguardava i compagni?, una dimenticanza di poco conto, mica si può essere sempre veloci come per altri casi che riguardano nemici politici, succede, succede, succede sempre però per le indagini di una sola parte, si vede che la memoria è avvezza a scordarsi solo alcune cose.

honhil

Mer, 08/10/2014 - 12:22

Statisticamente le casseforti d’ufficio vengono aperte almeno una volta al giorno: com’è potuto passare inosservato, per quanto piccolo potesse essere, quel dossier, per tre mesi?

redy_t

Mer, 08/10/2014 - 12:26

Fantastico.Si scannano tra loro.Che meraviglia!

agosvac

Mer, 08/10/2014 - 12:42

Roba da non credere! Dopo tutti i danni che ha fatto, finalmente qualcuno se ne accorge! Non è che sia arrivato il momento giusto di fare piazza pulita da tutti questi squallidi individui che hanno ridotto la procura di Milano una sottospecie di associazione a....... meglio non dirlo!!!

fisis

Mer, 08/10/2014 - 12:44

Bene. Questo magistrato è indagato. Personalmente, essendo garantista, direi che è innocente fino a prova contraria. Ma in Italia, finora, in special modo per i politici di centrodestra, si è applicata la regola per cui basta essere indagati per essere giudicati colpevoli dall'opinione pubblica e indegni di ricoprire il ruolo che occupano. Dunque, il magistrato rosso si dimetta!

squalotigre

Mer, 08/10/2014 - 12:45

Ma sì, è solo una dimenticanza, perbacco. Vogliamo inquisire una persona per una semplice dimenticanza? Quando si è trattato di inquisire Berlusconi, però, non c'è stata alcuna dimenticanza, bisogna darne atto al Sig. Procuratore Capo! Anzi per non perdere tempo si è affidato il fascicolo a Sostituti che non avevano alcuna competenza, ma che erano di suo gradimento come è avvenuto nel caso Ruby, affidato alla Boccassini e poi giudicato da un tribunale composto esclusivamente da donne che somigliavano a delle erinni invasate e come tali hanno emesso una sentenza che, cosa che capita molto di rado , è stata perfino letta da altri giudici che con sprezzo del pericolo per la loro futura carriera, è stata valutata per quello che era e cioè una buffonata priva di qualsiasi elemento di riscontro, con testimonianze univoche di persone presenti alle cene che per avere detto la verità sono stati anche accusati di mendacio. Per quanto riguarda la dimenticanza vorrei vedere come si sarebbe comportato il Sig. Bruti Liberati se mi fossi dimenticato una garza nell'addome di una mia paziente. Sono sicuro che mi avrebbe solo dato un buffetto su una spalla come di certo faranno nei suoi confronti sia i magistrati di Brescia, sia il CSM. La giustizia infatti è uguale per tutti ma per alcuni è più uguale.

Iacobellig

Mer, 08/10/2014 - 12:57

il dipendente Bruti L. deve essere buttato fuori, ricorrendone poi i presupposti risarcire lo Stato per i danni cagionati.

isaisa

Mer, 08/10/2014 - 13:25

E ora per gli irreparabili danni che hanno combinato lui e la sua socia rosso /carota, dovrebbero sequestrare a questi due ignobili individui i beni, le prebende, i vitalizi ... le mutande ( no quelle no ... puzzano)!! La loro dimenticanza era forse dovuta alla premura e alla velocità con cui stavano costruendo le prove che avrebbero dovuto reggere le loro balorde teorie?? BUFFONI vi abbiamo pagato fior di stipendi e questo è il risultato ??

isaisa

Mer, 08/10/2014 - 13:28

LIBERAT-eci da questi BRUTI per piacere!!

Libertà75

Mer, 08/10/2014 - 13:30

Finirà che Bruti lo sposteranno a Firenze ad indagare su qualcun altro?

ego

Mer, 08/10/2014 - 13:44

Signor Napolitano, lei che come presidente di questa malmessa repubblica (per colpa soprattutto della sottoclasse politica) è sempre intervenuto a dire la sua su ogni aspetto della vita pubbica, perchè invece ha mancato di vigilare, come costituzionalmente e doverosamente le compete, sul corretto comportamento dei magistrati non sempre,AD EVIDENZA, lineare e trasparente? Lei, che rappresenta tutti gli italiani, non ha mai avuto sentore che questi italiani sono letteralmente disgustati dalla deriva faziosa sulla quale una parte della magistratura è da tempo, troppo tempo, scivolata? E se ritiene che i suoi attuali poteri non le hanno consentito che interventi soltanto "palliativi, non era il caso, visto il vistoso deterioramento della situazione, sollecitare alla classe politica un'azione legisltiva atta a dare più sostanza alla sua posizione di capo della magistratura? Ecco, su questo nevralgico fronte avremmo maggiormente gradito il suo, per certi versi insolito, attivismo. Ossequi.

nonnoaldo

Mer, 08/10/2014 - 13:52

Le apparenze potrebbero indurre a pensar male, come avrebbe detto il bun Andreotti, ma a pensar male si fa peccato. Una cosa però è certa, Bruti Liberati non è più in grado di gestire una procura della dimensione di quella di Milano. Il tempo passa per tutti. Poi, con migliaia di fascicoli da gestire, qualcuno può essere dimenticato, anche perchè, evidentemente, Bruti non ha ancora scoperto l''uso di un banale PC nel quale memorizzare i titoli dei fascicoli e la loro scadenza, se proprio non si vuole adottare un banale sistema che traccia le varie fasi di una pratica... o si vuole avere la possibilità di dimenticare???

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Mer, 08/10/2014 - 14:10

@ego, ore 12:44. Lei si chiede su Giorgio Napolitano che non vigila, non sente, non sa niente. Beh, le consiglio un recente libro per chiarire idee sull'INTOCCABILE, non INTERCETTABILE telefonicamente. L'unica persona capace di fare bruciare le sue registrate telefonate - e pensare che Nixon fu distrutto da tali cose nel Watergate. Ecco il libro, Titolo: Napolitano, il capo della banda Autore: Tassinari Ugo M. (uomo di SINISTRA!) http://www.macrolibrarsi.it/libri/__napolitano-il-capo-della-banda-libro.php E pensare che per anni e' stato oscurato scientemente in Italia questo video sul nostro BI_Presidente... https://www.youtube.com/watch?v=ngWs2j_T6p0 certo non lo avremo mai visto nel TGGG3, ma gli altri TG?

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mer, 08/10/2014 - 14:12

ego Scrive: "Signor Napolitano, lei che come presidente di questa malmessa repubblica......" egrgio signore, cosa vuole che importi a Napolitano Giorgio della faccia di "M" di turno. Lui, il Giorgio del colle, da tutta la vita è una faccia di "M", anzi, Lui, quello lì, vegeta nella "M" (Si figuri che gli arriva fino alle ascelle", e siccome fatica a dembulare essendo la "M" vecchia dei tempi ancora precedenti dei carri armati sovietici, per la fatica, da un momento all'altro schianta, e Lei spera che possa occuparsi dei problemi della barzelletta di cui è Presidente? Ossequi.

glasnost

Mer, 08/10/2014 - 14:13

Ma qualcuno che pensi che questo signore abbia dimenticato proprio quel fascicolo che riguarda uno di sinistra, può essere ritenuto uno in buona fede o normalmente capace di intendere e di volere? E la nostra (superpagata) magistratura che chiede "rispetto" ci prende proprio per scemi????

Albeola50

Mer, 08/10/2014 - 14:14

Come poteva non sapere del fascicolo riguardante la Societa'Sea?Solo il Signor Silvio Berlusconi invece....sapeva!!!Tutti quanti corrotti fino al midollo.

Romolo48

Mer, 08/10/2014 - 14:31

ma santa pazienza, un fascicolo dimenticato su 5000; suvvia, cosa volete che sia! questa piccola pecca è ampiamente compensata dalla meticolosità e celerità con cui si è proceduto in latri casi (leggasi RuBy e tutto il circo equestre scatenato).

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 08/10/2014 - 14:46

Come suol dirsi: proprio una brava persona!

mino1953

Mer, 08/10/2014 - 14:55

magistratura.... rossa.. da vergogna..

ego

Mer, 08/10/2014 - 15:05

per a-tifoso----La ringrazio per l'informazione. Provvederò a procurarmi il libro.------------------------ per Nanuq----caro signore, so bene di che pasta è fatto il sig.Napolitano. Vede, la mia era, come si puà dire, una domanda...retorica....

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 08/10/2014 - 15:16

Chissà se patteggerà la pena???????

Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mer, 08/10/2014 - 16:02

E' un uomo falso, non esiste una mente umana che possa contenere 5000 fascicoli di procedimenti penali quindi ad ogni controllo lui e i suoi collaboratori lo "dimenticavano"

fisis

Mer, 08/10/2014 - 16:13

Berlusconi è stato condannato per non aver pagato qualche tassa, proprio lui che paga milioni di tasse allo stato italiano e che dà lavoro, con le sue aziende, a migliaia di italiani. Questo impiegato dello stato che col suo comportamento omissivo mina gravemente la credibilità della magistratura, venendo meno ai suoi doveri di imparzialità - che dovrebbe essere la stella polare per un giudice - cosa meriterebbe? l'ergastolo?

ego

Mer, 08/10/2014 - 16:28

per fisis-----------Ciò che lei appropriatamente descrive è il paradosso che segnala lo sfascio di un Paese

baio57

Mer, 08/10/2014 - 16:31

Nessuna dimenticanza sul BEN PIU'IMPORTANTE caso Ruuuuubbbbbyyyy, vero Bruttissimo Incarcerato ???????

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 08/10/2014 - 16:52

sembra n filmetto di gangsters anni 30. I sicari che hanno fatto fuori il Boss, ora che sono inutili, vengono fatti fuori a loro volta.

elio2

Mer, 08/10/2014 - 17:02

I comunisti non si smentiscono mai, ora che non c'è più il Berlusca da incriminare per qualche cosa, se le danno di santa ragione fra di loro. Eppure in fin dei conti è anche una fortuna per il Paese, fintanto passano il tempo a darsele tra loro non fanno altri danni.

francesco de gaetano

Mer, 08/10/2014 - 17:05

La magistratura italiana si è potuta permettere di comportarsi in un determinato modo perchè si era accorta che a capo di questo organismo c'era un personaggio che durante la sua carriera politica aveva collezionato una infinità di iscrizioni nel libro degli indagati.L'allora PCI che era culo e camicia con i procuratori della Repubblica Italiana,ha preferito toglierselo dalle palle facendolo eleggere a Capo dello Stato ottenendo un duplice risultato : La magistratura rallentava le indagini sull'indagato Giorgio Napolitano ed il PCI poteva manovrarlo a suo piacimento.Il ricatto era l'arma che condizionava il suo progetto politico.Il caso Robledo/Bruti Liberati è la dimostrazione lampante che il Capo del Consiglio Superiore della Magistratura non conta un c...zo. VIVA L'ITALIA !!!

ego

Mer, 08/10/2014 - 17:07

Ma non c'è nessuno a livello di dirigenti politici o altro che abbia un soprassalto di dignità e faccia un appello per ribaltare tutto questo schifo!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 09/10/2014 - 00:20

Tu quoque, Bruti? Ben arrivato nell' inferno degli indagati. Sekhmet.