Sanremo, 650 mila euro per Conti. La Rai: "Compenso non legato ad un singolo evento"

Dopo l'indiscrezione sul cachet stellare di Carlo Conti per il Festival di Sanremo e le critiche che ne sono seguite, la Rai in una nota stampa ha deciso di "dare un senso" ai quei 650 mila euro

L'indiscrezione sul cachet stellare di Carlo Conti per il Festival di Sanremo ha parecchio indispettito gli italiani che subito hanno iniziato a manifestare il loro malcontento sui social, ora la Rai con una nota stampa ha voluto "dare un senso" a quei 650 mila euro.

La notizia del compenso di Carlo Conti per il Festival di Sanremo 2017 è stata data per primo da La Stampa e nel giro di qualche ora tutti i quotidiani l'hanno ripresa. Dopo giorni di proteste e accuse, su WhatsApp sta girando anche un messaggio per cercare di boicottare il Festival della musica italiana, la Rai rompe il silenzio con una nota ufficiale.

"In merito alle indiscrezioni che circolano su organi di stampa e in rete sulla cifra percepita da Carlo Conti per il Festival di Sanremo - si legge - si precisa che il compenso lordo dell'artista, uno dei volti di punta dell’azienda, non è legato al singolo evento ma inserito in un contratto di esclusiva che comprende la conduzione, la direzione artistica del Festival, di Radio Rai e la realizzazione, in qualità di autore e conduttore, di altre trasmissioni. Rai sottolinea che il Festival di Sanremo non pesa sulle risorse derivanti dal canone, ma da almeno due anni è in attivo grazie al contenimento dei costi e ad introiti pubblicitari e ricavi commerciali per un totale stimato quest’anno di 23 milioni di Euro".

La nota ufficiale continua con un elogio al Festival: "Sanremo, come tutti sanno, rappresenta un veicolo di promozione a livello internazionale dell’intero sistema Paese e un motore per lo sviluppo dell’indotto, ma anche una grande occasione per dare concretezza alla missione sociale del servizio pubblico radiotelevisivo. In questa edizione del Festival, la Rai potrà ribadire il proprio impegno a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma attraverso lo spazio che sarà dedicato al racconto della situazione del Centro Italia e la raccolta fondi della campagna di solidarietà 'Ricominciamo dalle scuole'. L’iniziativa, avviata lo scorso 31 dicembre da Rai d’intesa con il Commissario Straordinario del Governo per la ricostruzione e in collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, ha già superato i 2 milioni di euro. Rai coglie l’occasione per ricordare che il compito del servizio pubblico è quello di stimolare e ricevere le donazioni che vengono girate alla Protezione civile, unico ente titolato alla gestione delle somme raccolte, e che i fondi derivanti dal canone non possono essere devoluti direttamente a iniziative di solidarietà".

Commenti

ghorio

Mer, 25/01/2017 - 12:38

E poi ci mettono il canone in bolletta per questi compensi scandalosi per uno spettacolo di basso livello.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 25/01/2017 - 12:41

Scandaloso e offensivo, verso gli italiani onesti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 25/01/2017 - 15:23

Ma che palle! Ogni anno, puntuale come un orologio svizzero, nell'imminenza di Sanremo assistiamo alle solite, identiche polemiche sui compensi a presentatori e ospiti. Propongo una petizione per abolire il Festival di Sanremo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 25/01/2017 - 15:57

Se penso che potrebbero essere più utili in Abruzzo...Ahh, sti comunisti!

cianciano

Mer, 25/01/2017 - 17:02

La rai tutta bisogna spostarla a torino o milano....qualche speranza in più per la trasparenza e onestà.... meno magna magna.......

carpa1

Mer, 25/01/2017 - 18:30

Buzzurri, donate, donate i 2 euro per la campagna Rai e vedete dove finiscono!

MOSTARDELLIS

Gio, 26/01/2017 - 00:56

Cari italiani, c'è soltanto una cosa da, di cosa ci staremmo privando? Semplicemente di quattro scemi sul palco che sbraitano cose che capiscono solo loro. Sappiamo che è tutto gonfiato dagli sponsor, non è una novità. Boicottiamo il Festival per dare un po' di soddisfazione ai contribuenti italiani, i più tartassati al mondo.

MOSTARDELLIS

Gio, 26/01/2017 - 00:57

Ma quale sistema paese, ma fate il piacere.

grazia2202

Gio, 26/01/2017 - 12:01

io per 650.000 faccio anche le capriole . la RAI è il salvadanaio di artisti o pseudo tali che senza di essa non farebbero neanche 10 euro sul marciapiede. è necessario avere rispetto per il soldi che gli Italiani sono costretti a pagare. intervenga la corte dei conti visto che il canone lo ha imposto lo stato quanto i cda di oscuri personaggi pronti a sdebitarsi come vassalli ai propri feudatari. ma quanti voti porta il presentatore di Sanremo a Renzi e i suoi amici Komunisti. sanremo non lo vedo da anni ma quest'anno tolgo anche la spina dalla TV per evitare che possa essere intercettao come pubblico. che schifo come venogono tratti i nostri soldi. i giudici non intervengono perchè sono interessati a piazzare qualche pargolo e parente . vero?