Scatta il processo ad Alfano Ma lui e Renzi negano l'evidenza

Renzi: "Non possiamo permetterci di avere buchi e falle nel sistema". Ma lui e Alfano negano l'evidenza

La tragedia che ha sconvolto Milano e trafitto al cuore la magistratura è stata causata da evidenti falle nel sistema di sicurezza. Non ha mezzi termini Matteo Renzi, che ieri ha partecipato alla conferenza stampa organizzata a Palazzo Chigi: «I sistemi di sicurezza del nostro Paese si poggiano su donne e uomini capaci al limite dell'eroismo - ha detto - ma non possiamo permetterci di avere buchi e falle nel sistema, come quelle che ci sono state. Bisogna accertare chi, come e perché abbia sbagliato». Il premier, nell'esprimere cordoglio alle famiglie delle vittime e gratitudine verso i carabinieri che hanno fermato l'assassino, ha fatto sapere che il governo è pronto a riferire in Aula. «Faremo richiesta di chiarezza in tutte le sedi opportune». Poi il pensiero vola all'Expo: «Quello che è accaduto è incomprensibile e gravissimo, ma da qui a strumentalizzare e tirare in ballo ancora l'Expo ce ne passa».

Profondamente colpito si è detto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha convocato il Csm in plenum straordinario. «Siamo qui per onorare la memoria di Fernando Ciampi, giudice probo, rigoroso e intransigente - ha sottolineato -. Un altro magistrato, l'ennesimo, caduto nell'esercizio delle sue funzioni. I magistrati sono sempre in prima linea e ciò li rende particolarmente esposti: per questo va respinto ogni discredito nei loro confronti».

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha spiegato invece che il killer di Milano era pronto ad uccidere di nuovo a Vimercate quando è stato fermato. «Vogliamo sia fatta subito chiarezza su cosa non ha funzionato - ha aggiunto Alfano - e su chi è responsabile dell'ingresso di un'arma a Palazzo di Giustizia». Anche se sono in molti a chiedersi anche chi sia responsabile della sicurezza nei tribunali: Alfano o il Guardasigilli Andrea Orlando, per cui ci sono stati «errori gravi» che «le indagini dovranno chiarire»? Al momento, è proprio Alfano a finire nel mirino delle critiche politiche, con Salvini che definisce il governo «incapace» e il centrodestra che chiede spiegazioni. «L'Isis è alle porte e tra pochi giorni avrà inizio l'Expo: il nostro Paese dovrebbe essere iper sicuro invece è uno scolapasta», è il commento del deputato Fi Daniela Santanchè, mentre il senatore Maurizio Gasparri, chiede di smetterla con «patetici giustificazionismi» che giustificano il «buco colossale» nel sistema di sicurezza italiano. Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che conosceva il giudice Fernando Ciampi, promette giustizia ed esprime vicinanza ai familiari delle vittime. L'Amn, infine, chiede «misure urgenti» a protezione dei togati e Magistratura democratica maggior rispetto, perché «non si versino lacrime solo quando scorre il sangue».

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 10/04/2015 - 08:22

Vedrete che Fuffolo Renzi, dopo aver cacciato a pedate Lupi ed ordinato a Del Rio di prendere il suo posto alle Infrastrutture, porterà la "marionetta" Alf-Ano nello sgabuzzino delle scope e gli farà presente che quello sarà il suo prossimo Ufficio.

Beaufou

Ven, 10/04/2015 - 08:26

Alfano, Orlando...uno vale l'altro. Per non far torti a nessuno, cacciateli tutt'e due. Metteteci Razzi e Bernini (quello, mi pare, dei microchip nel cervello), così la sicurezza dei giudici non migliora (e poco male), ma almeno si ride.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Ven, 10/04/2015 - 08:30

Il più inutile ed insulso ministro degli interni che abbiamo mai avuto. E' in grado solo di commentare i fatti, dopo che sono accaduti. Per attribuirsene il merito, se positivi, o per scaricare su altri le responsabilità se negativi. Esalta mare nostrum ed il giorno dopo si lamenta dei troppi clandestini. asserisce che il nostro paese può fare tutto da solo ed il giorno dopo "supplica" per l'intervento dell'Europa. Dice che non ci sono infiltrati e poi dice di avere espulso decine di infiltrati. Ma davvero non ha altro da fare? O serve a Renzi?

onurb

Ven, 10/04/2015 - 08:50

I buchi e le falle nei sistemi di sicurezza non dipendono da questo o quel ministro. Dipendono dalla mentalità italica. Nei tribunali esistono dei varchi di accesso muniti di metal detector; io stesso, quando mi reco in tribunale, mi devo sottoporre ai controlli. Qualcuno mi spieghi per quale recondita ragione ci sono persone, magistrati e avvocati, esentate dalla procedura di controllo, soprattutto in un tribunale delle dimensioni di quello di Milano, dove è facile ipotizzare che nessuno degli addetti alla sicurezza sia in grado di riconoscere a vista ogni magistrato e ogni avvocato. E poi chi mi assicura che costoro vadano immuni dalle umane passioni e non decidano un bel giorno di entrare in tribunale con una pistola e comportarsi come un Andreas Lubitz qualunque? Ed ecco che ritorna la mentalità italica: c'è sempre qualcuno al di sopra di ogni sospetto o di fronte al quale la gente si scappella. Vuoi forse che il grand'uomo sia trattato alla stregua del comuni mortali?

rampy

Ven, 10/04/2015 - 08:50

Quello che è assurdo è che pur essendo il paese che ha più polizia in europa, ben oltre 320 mila poliziotti, una volta e mezzo quanti ne conta la Francia e la Germania, che hanno 20 milioni di abitanti più di noi, siamo i più insicuri d'Europa. Nei 320 mila non ci sono le polizie locali, altrimenti arriveremo a 370 mila agenti. Urge certezza della pena e razionalizzare il sistema sicurezza. Visto quello che fanno oggi le polizie locali toglierle dalla dipendenza dei sindaci ai quali interessano solo le multe e inserirle come specialità della polizia di stato. Accorpare polizia e carabinieri. Altrimenti avremo solo sprechi.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/04/2015 - 08:53

oramai Alfano è uomo PD: è sempre colpa di qualcun altro mentre le poltrone devono essere difese: costi quel che costi!

mzee3

Ven, 10/04/2015 - 08:59

Eh già! Ora tutti contro Alfano e Renzi perchè un delinquente arrogante ha fatto quel che ha fatto, ma quando si è trattato di colpire Scajola che ha levato la scorta al Prof. Biagi, tutti zitti! Quando si è trattato del G8 a Genova, tutti zitti, anzi, giù a colpire la sinistra. Ecco perchè in Italia le cose vanno male! Perchè c'è gente come voi che non ha dignità nazionale!

baldo1

Ven, 10/04/2015 - 09:11

io caccerei dal paese chi ha delegittimato in tutti questi anni la magistratura.

Tom Hagen

Ven, 10/04/2015 - 09:14

A mio modo di vedere esistono solo soluzioni semplici. E' inutile costringere il mondo intero a passare sotto i metal detector, o a buttare via le bottiglie d'acqua prima di passare il varco. Bisogna ridare il buon senso a chi fa i controlli, ed il potere di perseguire chi questi controlli non li fa.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 10/04/2015 - 09:15

La cruda verità è che i Politici viaggiano su un "pianeta" diverso dalla Società/Realtà che viviamo tutti i giorni. DEVONO capire ed adoperarsi per il Paese e i Cittadini che li pagano PROFUMATAMENTE! Inanto il Sig. ALFANO ha fallito in tutte le direzioni.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 10/04/2015 - 09:16

La cruda verità è che i Politici viaggiano su un "pianeta" diverso dalla Società/Realtà che viviamo tutti i giorni. DEVONO capire ed adoperarsi per il Paese e i Cittadini che li pagano PROFUMATAMENTE! Inanto il Sig. ALFANO ha fallito in tutte le direzioni.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 10/04/2015 - 09:18

"Sicurezza del Paese a rischio" - dicono oggi i politici ed altri delle solite caste. Strano che se ne accorgano solo quando si attenta allo loro vita, alla vita della casta, al loro tranquillo e quieto e ben pqagato vivere. Il popolo vive invece senza sicurezza da anni ed affronta ogni santo giorno il dolore di qualche familiare morto ammazzato sulle strisce pedonali o attraversando la strada o colpito a morte dal solito malato di mente o delinquente o zingaro importato. E questi "signori" ed altri nostrani fanno questo perché contano sul fatto, anzi son sicuri che, grazie alle leggi di questo sedicente Stato ed all'indiffferenza delle caste politiche e giudiziarie, la faranno sempre franca. Ecco perché il popolo non potrà mai essere con voi caste.

glasnost

Ven, 10/04/2015 - 09:19

Ma se le forze di polizia le state disarmando e state impedendo loro di operare, come potete pretendere che l'Italia abbia sicurezza? Se lasciate delinquenti, clandestini e zingari LIBERI di fare quello che vogliono, perché poi vi stupite quando toccano, anziché un poveraccio, qualcuno dei vostri?

blackbird

Ven, 10/04/2015 - 09:23

Non servono leggi a tutela dell'onorabilità dei magistrati, basta che si comportino in modo adeguato al loro incarico e non si sbugiardino a vicenda. Un magistrato viene ucciso quando viene lasciato solo dai suoi colleghi. La falla nella sicurezza è all'origine del sistema, quando si prevede che qualcuno (magistrati, avvocati e dipendenti vari) possa passare i controlli senza essere controllato. Un Paese diviso in caste, dove alcuni possono e altri no, non è un Paese sicuro.

NON RASSEGNATO

Ven, 10/04/2015 - 09:26

Processarlo per le azioni di un folle non ha una logica. Processarlo per andare a prendere delinquenti(conclamati o futuri) e terroristi si.

hectorre

Ven, 10/04/2015 - 09:32

vorei ricordare al soporifero pers. della rep. che ieri sono morte altre persone e non solo un magistrato......molto piu semplice quando un imprenditore si suicida, ormai non si contano nemmeno più, drammi che non fanno più notizia....questo folle e disperato, invece di puntare la pistola alla sua tempia, l'ha rivolta verso coloro che considerava gli unici responsabili del suo fallimento.....nessun attacco alla magistratura, nessun clima d'odio...solo un gesto isolato che ora viene strumentalizzato vergognosamente, strano che non abbiano tirato in ballo berlusconi!!!!!!...anche se, velatamente, qualcosa si intuisce.......

onurb

Ven, 10/04/2015 - 09:34

mzee3. Mi sembri un tantinello in contraddizione. E' proprio la sinistra ad essersi accanita per i fatti di Genova in maniera indiscriminata contro la polizia e i carabinieri e a fare di tutta l'erba un fascio, come si usa dire. Nel penale la responsabilità è personale e dunque generalizzare è un grossolano errore o forse è il vostro consueto modo di fare demagogia. Quanto alle colpe ieri Striscia la Notizia ha fatto rivedere i suoi servizi risalenti a 13 anni fa in cui i suoi inviati entravano nei tribunali con oggetti metallici senza subire alcun controllo. I magistrati non sono immuni da ciò che è successo a Milano: se io fossi il presidente del tribunale, un'occhiata alle procedure di sicurezza l'avrei data e con i tempi che corrono, Parigi insegna, qualcosa da obiettare l'avrei avuta.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Ven, 10/04/2015 - 09:37

Caro mzee3, ma che ca@@o dici. A parte le quintalate di articoli e di commenti, Scajola si dimise per la mancata scorta a Biagi. Il G8, o da una parte o dall'altra e stato commentato, descritto, approvato, disapprovato, in milioni di articoli. Colpire la sinistra? Gli unici aa pagare sono stati i poliziotti. Siamo contro Alfano e Renzi: non per quello che è successo ieri. Le loro colpe sono ben altre e più gravi. Gli eventi di ieri sono soltanto una occasione per farle venire alla luce.

michetta

Ven, 10/04/2015 - 09:40

Esattamente pupazzi!Sono tutti dei pupazzi! Una trasmissione televisiva, dopo l'altra, negli ultimi dieci anni, non ha fatto che farci assistere alla facilita', con la quale si poteva entrare in un Tribunale, prendere cio' che ci piaceva ed andarcene indisturbati! Ora, si viene a parlare di "falle nella sicurezza"! Questa Nazione e' andata via via sempre piu' giu', fin da quando e' stato sospeso il servizio militare! La crescita di giovani, senza nerbo e disciplina, soprattutto mentale, ha fatto il resto. I concorsi nelle FF.AA. e di Polizia,vengono fatti per accontentare questo e quell'altro, tra amici e familiari, di quelli, che non aspettano che la pensione per uscire dall'ambiente. Il risultato e' questo: UNO SFRACELO per la Sicurezza e la Difesa della Patria. Occorre modificare in toto, tutto! GO SALVINI, GO !!!!!!

linoalo1

Ven, 10/04/2015 - 09:45

Questa volta,il Povero Alfano non ha colpe,od,al massimo,una minima colpa!Se uno vuole,può eludere qualsiasi controllo!E,lo stesso,vale anche per l'Expo!L'alternativa sarebbe quella di fare entrare tutti nudi ,senza niente in mano(borse,borsette, ecc.)!Oppure,fare un controllo serio ad ogni persona,causando così code interminabili e tempi d'accesso inpensabili!

hectorre

Ven, 10/04/2015 - 09:46

mzee3.....resta nel tuo mondo dorato e sinistro, dove ogni giorno troviamo esempi di dignità e moralità senza eguali.....io invece credo che le cose vadano male perchè tu dai credito a personaggi che non meritano alcuna considerazione e che, dettaglio di poco conto, nessuno ha votato...loro si senza alcuna vergogna, tralasciando la dignità che hanno perso da tempo....se mai l'hanno avuta.

Holmert

Ven, 10/04/2015 - 09:48

Ricordate,(per i più maturi) quando Kappler, il boia delle Ardeatine, fuggì dall'ospedale militare del Celio ,dove era ricoverato per un tumore terminale? I comunisti piantarono una grana tale che il ministro della difesa, il DC Lattanzio, fu costretto a dimettersi, anche se non era lui che faceva il piantone davanti la stanza del ricoverato, ma due carabinieri, distratti. Invece nel caso del grave fatto di sangue al tribunale di Milano, dove un imputato è entrato indisturbato con false generalità, dalla porta dei giornalisti ed avvocati, portandosi dietro una pistola automatica, i compagni non aprono bocca nei confronti del parolaio Alfano, il cui pensiero è tutto dedito solo agli sbarchi di africani. Non deve essere il ministro degli interni ed in seconda istanza il sindaco di Milano a sorvegliare sulla sicurezza, in primis, delle istituzioni e dei cittadini? MA se lo dimettono, chi farà la stampella del governo al posto dell'homo ridens ?

mala tempora currunt

Ven, 10/04/2015 - 09:50

L'Italietta di Renzie ormai è un COLABRODO!!! un colabrodo in mano a dilettanti che pensano solo a pararsi il c... a vicenda. In un momento ad alto rischio come questo un dilettante è riuscito ad entrare con una pistola e due caricatori dentro un tribunale!!!ripeto: dentro un tribunale!E questi signori invece di vergognarsi e di dimettersi non fanno altro che cercare pretesti!!! pensate se fosse entrato un terrorista o, a questo punto, una dozzina di loro...tanto con quel controllo è chiaro che può entrare chiunque con qualunque arma....che pena vedere certi soggetti in certi posti... una pena e un rischio per tutti noi.....

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 10/04/2015 - 09:56

HalfAno, dimissioni immediate no...eh?

coccolino

Ven, 10/04/2015 - 09:57

DOPO QUELLO CHE INCREDIBILMENTE E' SUCCESSO, LE DIMISSIONI DEI MINISTRI DELLA GIUSTIZIA E DELL'INTERNO, DOVREBBERO ESSERE UN ATTO DOVUTO.....MAGARI POI SI POSSONO RIGETTARE, MA DEVONO ESSERE DATE !

Rossana Rossi

Ven, 10/04/2015 - 10:31

A parte le cretinate di mzee3 e accoliti, che al-fini sia un ministro inadeguato lo capisce anche uno scemo.........e come lui tutto questo pseudo-governo usurpatore è palesemente inadeguato......

Ritratto di itaglianomedi0

itaglianomedi0

Ven, 10/04/2015 - 10:37

povero algerino parlare di lui è come sparare sulla croce rossa...e dire che prima di totto era la migliore prima scelta del berlusca

ORCHIDEABLU

Ven, 10/04/2015 - 10:39

se la gente impazzisce non si controlla piu'e' aderisce all'isis.non a caso molti giovani anche donne lo fanno.COSA CAVOLO C'ENTRA ALFANO??!! A MILANO C'ERA LUI?? VOI COMMENTATORI MA SIETE LUCIDI OPPURE NO?? COSA C'ENTRA ALFANO SE LUI IN QUEL TRIBUNALE NON ERA PRESENTE?? IL RAZZISMO VI FA SRAGIONATE TUTTI.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Ven, 10/04/2015 - 10:46

Le "falle" le avete voi nel cervello, renzi ed alfano. Chiedetevi PERCHE' LA GENTE STA SPARANDO. Andate per strada a sentire come reagisce la gente all'uccisione diun magistrato. SVEGLIA!

beowulfagate

Ven, 10/04/2015 - 11:00

mzee3.Mi sembra di ricordare che Moro,Falcone e Borsellino avessero tutti la scorta.Non gli servì a molto.E non tollero di sentir dire che manco di dignità nazionale da uno che sarebbe stato disposto a vendere l'Italia (e ancora lo sarebbe) a qualsivoglia cialtrone proveniente dai più remoti angoli del pianeta purchè di sx.Vergogna.

giorgiandr

Ven, 10/04/2015 - 11:03

Io invece vorrei tanto sapere come mai, negli uffici di giustizia, non ci sono i classici tornelli, azionati da un badge magnetico, per far entrare il personale che ci lavora, compresi giudici ed avvocati. In questo caso quel tizio non sarebbe mai potuto entrare, se non passando attraverso il varco dedicato al pubblico, quello cioè con il metal detector. Ah, già, ora mi ricordo, furono i giudici a non volerli, perché erano visti come una limitazione della libertà dei giudici stessi.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 10/04/2015 - 11:24

Vista l'assoluta mancanza di sicutezza italica a tutti i livelli ha convinto l' isis a cambiare strategia, non verranno direttamente loro come combattenti adulti ma manderanno i bambini, la consegna è : in vece di addestrarvi qua che ci costate pure ,andate ad addestrarvi in Italia e tanto che ci siete vedete di conquistare quella massa di cxxxxxxi italici, cercate di arrangiarvi e non veniteci a chiedere aiuto, noi grandi abbiamo da fare cose più impegnative qua e non abbiamo tempo per minchiate.

Teodorani Pietro

Ven, 10/04/2015 - 12:07

Inutile alfano, ma cosa ti serve per farti capire la tua incompetenza, incapacità ed arroganza? Il tuo disperato attaccamento alla poltrona è vomitevole.

squalotigre

Ven, 10/04/2015 - 12:45

baldo1 - sono stati delegittimati anche gli avvocati? Mi risulta che è stato assassinato anche un avvocato, o non conta alcunché? Le disposizioni sulla sicurezza all'interno del Tribunale sono responsabilità esclusiva del Procuratore Generale e forse ci si dovrebbe chiedere se non è proprio l'alterigia e la supponenza dei magistrati che si sentono una spanna sopra gli altri cittadini e che quindi non devono essere sottoposti ai controlli come gli altri cittadini, ad avere causato la tragedia. Mattarella commemora il giudice assassinato e fa bene. Mi sarebbe piaciuto avesse speso qualche parola per gli altri deceduti che non appartengono alla casta, ma questo sarebbe chiedere troppo. Per la serie io sono Giudice, Presidente, Magistrato, Deputato e tu cittadino non sei un cxxxo.

michetta

Ven, 10/04/2015 - 13:07

x ORCHIDEABLU (tuttomaiuscolo!).....Alfano cosa c'entra? C'entra, c'entra, c'entra! Sbaglio, o e' lui che dirige il Ministero dell'Interno? E secondo ORCHIDEABLU (tuttomaiuscolo), chi emana i concorsi per l'assunzione del personale necessario, PERFINO, a presidiare i Tribunali, aeroporti, Ministeri ecc.ecc.? E vogliamo parlare delle scelte di questo cosiddetto personale di presidio? Parliamone. Praticamente sono tutti, o figli, nipoti ed amanti del personale vecchio che sta per andare in pensione, oppure figli e parenti, di AMICI politici del suddetto ministro, dei sottosegretari, dei capi vari di polizia e carabinieri, ecc.ecc. Adesso, dopo questa spiegazione, ORCHIDEABLU (tuttomaiuscolo) fai ammenda e....piangi! GO SALVINI, GO !!!!

Holmert

Ven, 10/04/2015 - 14:57

Appunto Orchideablu, cosa c'entrava Lattanzio con Kappler che fuggì dal Celio? A guardia di Kappler, mica c'era lui? Va da sè che secondo il suo metodo, i ministri non c'entrano mai niente. il suo relativismo può valere per tutti. Alfano però, come ministro degli interni e cioè delle forze di polizia, deve disporre insieme agli alti comandi, misure adeguate di sicurezza ovunque, specie nelle sedi istituzionali come i tribunali. E lui,visti i risultati non lo ha fatto. Chiaro stu fatto?

Ritratto di mambo

mambo

Sab, 11/04/2015 - 01:04

l'incredibile Alfano che in TV promette di punire il responsabile di questa tragedia. Il bello è che Renzi lo sostiene! Che coppia!

Ritratto di mambo

mambo

Sab, 11/04/2015 - 01:23

I magistrati, quando tocca al popolo di essere ucciso a picconate o sfracellato in casa da delinquenti rumeni od albanesi, sono magnanimi con questi assassini (vedi Kabobo) che alla fine la scampano migliorando molto spesso la loro situazione. Ora che è toccato ad uno della loro casta gridano allo scandalo per il clima pesante contro di loro per il discredito che si sono guadagnato nel tempo.

Holmert

Sab, 11/04/2015 - 09:49

Bravo Mambo, quoto appieno il suo commento, fotografia perfetta della realtà.