Schettino, Caruso e Scattone: ecco la #buonascuola di Renzi

I tre hanno avuto problemi con la giustizia e poi sono saliti in cattedra. Fa ancora discutere soprattutto Scattone che ha vinto una cattedra di psicologia

Francesco Schettino, Francesco Caruso e Giovanni Scattone. Giorgia Meloni pubblica sul suo profilo Facebook una foto con i tre personaggi che sono saliti in cattedra, pur avendo avuto problemi con la giustizia. Il titolo scelto non poteva che essere: la #buonascuola di Matteo Renzi.

Nel luglio 2014, infatti, il comandante della Costa Concordia era stato chiamato a parlare agli studenti della Sapienza che frequentavano un master in scienze criminologiche organizzato dalla cattedra di psicopatologia forense della facoltà di Medicina. L’ex leader dei no global Caruso, invece, finito sotto processo per rapina ma anche per "associazione sovversiva e cospirazione contro lo Stato", ha ottenuto di recente la cattedra in Sociologia dell’ambiente e del territorio presso l’Università Magna Grecia di Catanzaro. Da ultimo c’è Scattone, che ha scontato cinque anni di carcere per l’assassinio della studentessa Marta Russo uccisa nel 1997 nei locali dell’Università la Sapienza, ha ottenuto la cattedra in psicologia all’istituto Einaudi di Roma.

Una decisione che oggi, su Repubblica, viene definita "una grande ingiustizia" dalla madre della vittima, Aureliana Russo. "Provo rabbia. Tanta – afferma la signora - in questi anni, già altre volte questa brava persona ha avuto cattedre, come supplente, in istituti romani. Anche al Cavour, la scuola dove andava Marta: ma almeno in quell'occasione ha avuto il buon senso di lasciare l'incarico". Sebbene Scattone sia stato riabilitato da una sentenza della Cassazione che ha annullato l'interdizione, secondo Aureliana Russo "non può fare l'educatore". "Io non dico che non debba avere un lavoro - spiega - ma almeno non quello di trasmettere nozioni e valori a ragazzi. Quest'uomo in 18 anni non mi ha mai chiamato, nemmeno una volta, per chiedere scusa, perdono, a me e alla mia famiglia. Le sembra una persona riabilitata o che abbia capito il suo sbaglio? A me no. Perché oggi Marta avrebbe 40 anni. E l'ultima volta che l'ho potuta abbracciare ne aveva 22". Aureliana Russo riconosce che il Miur non può nulla dinanzi a una persona che vince un concorso ma chiede a Scattone di essere lui per primo a farsi da parte: "Un buon insegnante, moralmente, deve essere un bravo uomo. E Scattone, malgrado le sentenze che lo riabilitano, resta l'assassino di mia figlia. L'ha uccisa per un gioco, il gioco del cecchino, del tiro al bersaglio, non per un motivo".

Il padre di Marta, Donato Russo, intervistato sia dal Corriere della Sera sia dalla Stampa, concorda in pieno con la moglie: "Se ne avesse solo un briciolo, rinuncerebbe all'insegnamento: un assassino non può entrare in una classe di ragazzi e impartire lezioni su come funzionano e si gestiscono le emozioni". L’uomo parla con cognizione di causa, essendo stato anche lui un insegnante, e spiega: "Ai miei tempi per diventare di ruolo bisognava presentare il certificato del casellario giudiziario e bisognava che fosse pulito. Ma oggi a quanto pare è cambiato tutto. Oggi anche un assassino può fare l'educatore". Il Corriere e il Messaggero, invece, riportano la versione dello stesso Scattone che, pur non avendo rilasciato nessuna intervista ufficiale, avrebbe ribadito la propria innocenza parlando con amici: "Io li rispetto, - avrebbe detto riferendosi ai genitori di Marta - ma come posso chiedere perdono, se non l'ho uccisa io". Per quanta riguarda l’ipotesi di cambiare professione, Scattone si sarebbe difeso dicendo: "La verità è che un altro lavoro, diverso dall'insegnante, io lo farei volentieri. Solo che a quasi 50 anni, faccio fatica a trovarlo. Farei anche un lavoro per cui non serve la mia laurea. Però sono stufo di queste polemiche, ogni anno è la stessa storia e ormai sono 10 anni che insegno nei licei. Per 10 anni ho fatto il supplente, ho insegnato storia e filosofia e con i ragazzi mi sono trovato sempre bene, anche loro con me... Ora ho vinto questo concorso, anzi l'ho vinto tre anni fa per insegnare Filosofia e Scienze Umane e non c'entra niente la Buona Scuola, sarei entrato comunque, per la regola del turnover".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 09/09/2015 - 11:03

Invece tra i politicanti, tutti lindi e puliti.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mer, 09/09/2015 - 11:09

NO. Contesto questo accostamento. Caruso è un rivoltoso caratteriale. Schettino va allontanato e basta, e condannati in sua vece quanti lo hanno portato a quel livello occupazionale per patente incompatibilità neuronale. Scattone è stato colpito, nel massimo della sua attribuita responsabilità, da quel gioco della imbecillità che spesso può coinvolgere giovani imprudenti e sprovveduti, ma che certissimamente, una volta rimosso, non causa ricadute. Comunque, ha pagato salato. E ne è uscito arricchito. Io lo salvo. -riproduzione riservata- 11,07 - 9.9.2015

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 11:13

Questa è pora follia! Uno stato che protegge i delinquenti, gli assassini, e non tutela le loro vittime ed il loro ricordo è anch'esso complice dei delinquenti stessi!

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 11:16

Un insegnante è, soprattutto, un educatore. Che razza di educazione possono dare costoro senza pensare sempre ai loro misfatti!

Ritratto di Sig. A

Sig. A

Mer, 09/09/2015 - 11:16

I titoli "gridati" paiono essere una prerogativa, pessima prerogativa, del giornalismo di oggi. Scattone ha ucciso Marta Russo? E' stato condannato, perchè riconosciuto colpevole di omicidio colposo. La dinamica dei fatti lascerebbe intendere qualcosa di più grave, ma tant'è... Il fatto è che la Cassazione ha cancellato la sanzione accessoria dell'interdizione dei pubblici uffici, perchè in presenza di un omicidio colposo. Tutto qui. Comprfensibili dolore e sdegno dei genitori della povera ragazza, ma utilizzarli per fini politici è sciacallesco. In altri termini: la buona scuola di Renzi non c'entra niente con l'assunzione di Scattone, che ha partecipato con pari diritti rispetto agli altri. Chi scrive è tutt'altro che renziano, assicuro, ma un amante del giornalismo vero, quello dei Montanelli, ad esempio.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 09/09/2015 - 11:18

Queste sono le conseguenze di uno stato che finanzia la delinquenza parlamentare, le mafie e asseconda gli assassini. Uno stato CHE SI FA CHIAMARE Democratico, MA NON È STATO VOTATO DALLA POPOLAZIONE ED È COMPOSTO DA INDIVIDUI CHE PROVENGONO DAL FASCISMO, DAL NAZZISMO E DAL COMUNISMO, PARTITI BANDITI DOPO LA SECONDA GUERRA , MA INRADICATI NEL GOVERNO NEGLI ATENEI E NELLE UNIVERSITÀ !!!

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 11:28

Io, questi tre, ed altri similari, non li manderei in un uficio pubblico neanche a fare le pulizie!

Ritratto di .nottiTaglia.

.nottiTaglia.

Mer, 09/09/2015 - 11:32

candidati nel Partito Delinquenziale brucerebbero di sicuro tutte le tappe, col tempo ed arricchendo il già brillante curriculum potrebbero ambire una poltrona ministeriale

soldellavvenire

Mer, 09/09/2015 - 11:35

del resto la buona politica vede un salvini europarlamentare!

i-taglianibravagente

Mer, 09/09/2015 - 11:38

Ah certo....Caruso l'avevo rimosso......la cosa che mi rattrista di piu' di questa gente, e' che figliano.....e pensare che un bambino possa essere costgretto ad avere come riferimento dei personaggi simili....mi rattrista parecchi. Dio abbia in gloria quei bambini...e ci metto anche i padri....siamo tutti sulla stessa barca...vediamo di "portare a casa" (tutti) almeno la salvezza dell'anima.

canaletto

Mer, 09/09/2015 - 11:40

non è una novità: il PD ha tutti pregiudicati nei posti di comando (regioni, comuni, parlamento e senato), avere dei pregiudicati insegnanti serve a formare i giovani a delinquere meglio protetti dalla giustizia no????

gian paolo cardelli

Mer, 09/09/2015 - 11:45

La "classe politica" fa solo quello che gli garantisce voti, non il "bene del Paese" come tanti imbecilli vogliono illudersi che facciano, ed anche un nome scandaloso che però garantisce un serbatoio di voti diventa così accettabile. LA colpa è solo degli imbecilli suddetti, non dei "politici".

gneo58

Mer, 09/09/2015 - 11:48

con tanta gente retta ed onesta che ha bisogno di lavorare...... allora è proprio vero che più sei delinquente più fai strada.

Ritratto di sailor61

sailor61

Mer, 09/09/2015 - 11:55

scusate ma perchè dare la colpa alla buona scuola? da sempre I compagni hanno avuto accdesso all'insegnamento, a cominciare da Curcio, passando per Sofri e company. Tony Negri lo vogliamo dimenticare? La colpa è di quei giudici che non hanno applicator la pena accessoria dell'interdizione dall'insegnamento o meglio dai pubblici uffici. Ricordo a tutti che abbiamo sempre un Corona condannato a 13 anni per ricatto e Scattone a 5 per omicidio!!!!! Questo dovrebbe far si che il Presidente del CSM si adoperasse per capire come sia possibile, come altrettanto incredibili le motivazioni della sentenza di Perugia: cosi si aspetta a rimuovere e sanzionare tutti quelli che hanno lavorato al caso e che sono stati chiaramente censurati dalla Suprema Corte???? Altro che riforme del Senato e legge elettorale, BONIFICARE LA MAGISTRATURA

Ritratto di hermes29

hermes29

Mer, 09/09/2015 - 12:02

Non voglio fare nomi, troppo lunga la lista, però prima di loro altri con carcerazioni lunghe, oggi coprono posti " privilegiati" In comune hanno soltanto: "la delinquenza ideologia"

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 12:06

X l'esimio sig. A. Spero che lei e/o i suoi familiari non siano vittime in futuro di qualche delinquente. La sua opinione cambierebbe radicalmente!

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 09/09/2015 - 12:23

Piuttosto che avere un prof come Caruso, meglio essere analfabeti.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 09/09/2015 - 12:24

Brava la Meloni. Bravo il dr Curridori ad aver fatto un articolo. E ricordiamoci sempre il saggio detto: "Pari piglia pari". Ricordiamoci sempre di tutto ciò quando andiamo a votare. Ogni goccia del nostro voto fa galleggiare qualcosa di buono o di cattivo. Peggio ancora, di malvagio. Ancora oggi, che si ritiene non più tempo delle ideologie, è importante tenerle in considerazione. Leggere l'articolo di Sallusti.

ziobeppe1951

Mer, 09/09/2015 - 13:06

Hanno dimenticato di aggiungere a' carogna. Del resto cosa pretendete queste sono le risorse che l'itaglia offre

cgf

Mer, 09/09/2015 - 13:19

Credetemi, è il male minore quando ci sono "esperti" come Adriano Sofri che vanno nelle sQuole. Che dire poi delle lezioni gender? Ecco spiegato il boom delle sCuole private, dove gli stessi "kompagni" mandano i propri figli, vedi ad esempio sant'Oro... mi raccomando il francese!! ma non è l'unico, l'elenco è lungo e meno male ci sono loro perché altrimenti altri kompagni le avrebbero fatte già chiudere da un pezzo, bisogna salvaguardare il lavoro degl'insegnanti del pubblico prima ancora della 'sostanza'.

cgf

Mer, 09/09/2015 - 13:20

beh.. dopo aver avuto Di Coccio come magistrato.... ancora mi domando come abbia fatto!!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 09/09/2015 - 13:42

Caruso non ha morti sulla coscienza, né lauree in Albania e mai ha chiesto secessione con i carri armati.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 09/09/2015 - 14:00

Un articolo che non mi piace. Su Caruso non so, non ho seguito il suo caso ma su Scattone sono convinto della sua innocenza, l'hanno voluto condannare, sia lui che Ferraro, tanto per avere un colpevole. Ha ragione nel dire che non deve chiedere perdono a nessuno, visto che è innocnete, così come il fatto che abbia un lavoro non si vede perchè mai non sia adatto, visto che ha vinto il concorso. Su Schettino ancora mancano due processi per dichiararlo colpevole. Anche su lui sono convinto della sua innocenza. I fatti non furono colpa sua ma dei suoi ufficiali di plancia, idem le responsbailità sui morti, così come il suo forzato abbandono nave. Rimanere a bordo non sarebbe stato utile a nessuno, visto che non poteva fare niente per i suoi passeggeri che erano sull'altra fiancata irrangiungibile. Morire per morire era inutile, non avrebbe salvato nessuno, erano tutti fuori portata dalle sue possibilità.

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 14:06

Certo che tra unioni "civili" ed insegnanti del genere in Italia c'è poco da star allegri!!!

Duka

Mer, 09/09/2015 - 14:16

Ma lasciate perdere il Renzi è solo un gran ganassa.

Ritratto di kopenscott47

kopenscott47

Mer, 09/09/2015 - 14:45

Mi riferisco ai genitori di Marta.Essi hanno preso per oro colato(molto spesso è ottone)la sentenza di condanna e lamentano che Scattone non abbia mai avuto un attimo di pentimento.Non hanno dubbi è colpevole perché l'hanno condannato.Se c'è una cosa certa in Italia è che non è necessario essere colpevoli per essere condannati e tanti colpevoli neanche sfiorati da un tribunale chiedono col megafono la certezza della pena.Scattone per lavorare in santa pace e magari con più profitto doveva aprire una cooperativa per l'inserimento dei migranti?

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 14:56

Noto che in questo "forum" c'è qualche allegro "buonista"! Tanto a loro cosa importa, mica sono stati toccati direttamente dalle disgrazie! Le vittime, peggio per loro (pensano costoro)! Che poi i responsabili vadano pure ad insegnare cosa importa loro?

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Mer, 09/09/2015 - 15:25

Soltanto un idiota andrebbe a prendere lezioni da quelli..

scarface

Mer, 09/09/2015 - 15:34

Ulteriore conferma: se vuoi un lavoro in Italia è preferibile disporre del titolo di pregiudicato.

Ritratto di BrightMan

BrightMan

Mer, 09/09/2015 - 15:48

Scusate, lettori del Giornale (e giornalisti del Giornale) vi ricordo che all'epoca dei fatti giustamente) eravate accaniti innocentisti, con Feltri che scrisse pure la prefazione del libro di Ferraro. Ora avete cambiato idea per dare addosso a Renzi? Un po' di coerenza su...

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 09/09/2015 - 16:27

Ernestinho, cosa vuo dire: "non sono statitoccati dalle disgrazie?" Secondo lei basta essere stati toccati da una disgrazia per avere diritto di condannare chi capita capita? Il disgraziato di turno si becchi la condanna penale e morale anche se è innocente,lasua condanna serva come sfogatoio ai parenti della vittima? Si vada a far rifare la convergenza dei neuroni, ne ha bisogno.

Ritratto di randagio41

randagio41

Mer, 09/09/2015 - 16:29

I SINISTROIDI SI INDIGNANO PERCHE' A PORTA PORTA SONO ANDATI I CASAMONICA MA NON SI INDIGNANO DI QUESTI 3 DELINQUENTI PERCHE' SONO TRE DELINQUENTI A CUI E' STATO AFFIDATO IL COMPITO DI EDUCARE I RAGAZZI. RAZZA DI SCHIFOSI SINISTROIDI VERGOGNATEVI FATE LETTERALMENTE SCHIFO.

Rossana Rossi

Mer, 09/09/2015 - 16:30

Questa è la povera vergognosa italietta targata pd, che ha come educatori delinquenti e assassini........se fossero stati di destra...........

Ernestinho

Mer, 09/09/2015 - 16:52

X stocco47. I miei neuroni funzionano perfettamente! Sono i suoi che non lo sono! Si metta piuttosto nei panni dei parenti delle vittime di assassini e colpevoli riconosciuti, non presi per caso!

Ritratto di Sig. A

Sig. A

Mer, 09/09/2015 - 18:15

#Ernestinho - Di grazia, mi dice quale è la mia opinione? Non ne ho espresse: mi sono limitato a dire che, stando così le cose (mi ripeto: cancellazione della pena accessoria da parte della Cassazione) nulla ostava, nè poteva ostare, all'assunzione di Scattone. Renzi non ha proprio alcuna responsabilità. Leggere capendo ciò che si ha sotto gli occhi non è difficile.