Carola con le spalle al muro: "Verificheremo contatti con gli scafisti libici"

La procura di Agrigento vuole capire le condizioni dei porti libici e l'operatività della guardia costiera libica: l'obiettivo è ricostruire eventuali rapporti tra Sea Watch e trafficanti

(Agrigento) L’impressione, durante la conferenza stampa che il procuratore Luigi Patronaggio convoca subito dopo l’interrogatorio, è che sulla vicenda Sea Watch e sulla capitana Carola Rackete la procura di Agrigento voglia vederci ancora più chiaro.

Questo martedì mattina nella città dei templi è contrassegnato da un nuovo clima di attesa, tra le decisioni del Gip Alessanda Vella sulla stessa Rackete e le possibili ulteriori novità sulle indagini. Ma sono anche ore dove quanto accaduto lunedì si mostra con maggiore chiarezza: le parole di Patronaggio, la convocazione della conferenza stampa al quinto piano del palazzo di giustizia, le frasi del sostituto Salvatore Vella, tutti elementi che spiegano al meglio l’intricata matassa sulla Sea Watch.

Ciò che gli inquirenti stanno passando ai raggi X è il momento stesso del salvataggio, non solo quello che riguarda lo speronamento della motovedetta della Guardia di Finanza da parte della nave Ong comandata da Carola Rackete.

Su quest’ultimo punto già la posizione della ragazza tedesca non appare molto semplice, con lo stesso Patronaggio che dichiara davanti ai giornalisti come la procura non ritiene vi siano gli estremi dello stato di necessità per giustificare l’azione della Rackete.

Ma quanto accaduto quindici giorni prima costituisce l’altro binario dell’inchiesta, non meno importante del primo. Anzi: l’accusa è quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per la quale Rackete sarà interrogata nuovamente dai magistrati il prossimo 8 luglio.

“Andremo a verificare se i porti della Libia possono ritenersi sicuri o meno – dichiara ieri Luigi Patronaggio – e andremo a vedere se la zona Sar libica è efficacemente presidiata dalle autorità della guardia costiera libica, andremo a verificare le concrete modalità del salvataggio”. Si vuole quindi capire se la stessa presenza della nave Ong nella zona Sar libica sia giustificata o meno.

Perché, se così non è, allora occorre capire come mai la Sea Watch si trovava lì al momento del salvataggio. Ed è in questo contesto che i magistrati agrigentini vogliono andare fino in fondo per scoprire eventuali intrecci tra Ong e trafficanti di esseri umani: la domanda che si pongono gli inquirenti, a questo punto, è se prima del salvataggio ci siano stati contatti con gli scafisti e se eventualmente è possibile configurare il reato di favoreggiamento.

Occhi puntati anche sugli aerei Colibrì e Moonbird, i due velivoli utilizzati dalle Ong per avvistare i barconi in difficoltà nelle acque libiche: è proprio il Colibrì ad aver intercettato il barcone che poi il 12 giugno scorso viene salvato dalla Sea Watch 3.

L’obiettivo è avere chiarezza e contezza della situazione in vista delle prossime fasi dell’inchiesta: dalla procura di Agrigento ci si prepara ad un vero e proprio tour de force, i magistrati vogliono capire cosa eventualmente si nasconde dietro i salvataggi e dietro le attività della Sea Watch.

L’impressione è che nulla verrà lasciato al caso anche perché, viste le premesse di queste prime settimane di bella stagione, l’estate sul fronte immigrazione in Sicilia si prevede molto lunga e bollente e non solo per le alte temperature.

Commenti

killkoms

Mar, 02/07/2019 - 11:47

appurare!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 02/07/2019 - 11:52

con le spalle al muto? per ora manco le manette!! sorriso a favore delle telecamere....domiciliari in residence confortevoli...impegni televisivi gia' prenotati.voleva fare una strage? per i perbenisti.....cosa ovvia!!

Manlio

Mar, 02/07/2019 - 11:56

Come opera Alarm Phone ? Forse rappresenta il ponte tra le ONG ed i trafficanti al fine di non avere un contatto diretto che potrebbe apparire ambiguo. I trafficanti chiamano AP e questa contatta l'ONG. Fantasia ?

leococojane2

Mar, 02/07/2019 - 12:03

....""occorre capire come mai la Sea Watch si trovava lì al momento del salvataggio.""... Ovvio, aveva dichiarato destinazione Marsiglia e lo sanno tutti che per andare a Marsiglia bisogna obbligatoriamente passare davanti alla Libia.

Ritratto di pensionato.stufo

pensionato.stufo

Mar, 02/07/2019 - 12:05

Ma questa nave non e' stata dissequestrata piu' volte proprio dal figus patronaggio ed i suoi sodali ?

pierk

Mar, 02/07/2019 - 12:05

una sola domanda: mi risulta che i due velivoli menzionati hanno la base in aeroporti italiani ( e se ricordo bene sono stati "sfrattati da altri paesi)...bandirli e chiudere anche gli aeroporti a questi fiancheggiatori degli scafisti?, no eh?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 02/07/2019 - 12:15

Quando partirà l'arresto vero e proprio, non ci saranno più tracce di Carola. Vi farà, marameo!!

Cocceio_Nerva

Mar, 02/07/2019 - 12:23

BANDIRE GLi AEREI !!! E BLOCCARE ALARM PHONE

Blueray

Mar, 02/07/2019 - 12:38

Aspettiamo di vedere se oggi convalida l'arresto

larsen61

Mar, 02/07/2019 - 12:39

È giusto che vadano fino in fondo una volta per tutte.

oceanicus

Mar, 02/07/2019 - 12:39

Piccolo aiuto per Patronaggio. Il codice del mare si riferisce all'intervento se il naufragio è CASUALE E DOVUTO AD EVENTI INCONTROLLABILI (tempeste, iceberg, scogli). NON A CLANDESTINI CHE FURBESCAMENTE STANNO AD ASPETTARE LE NAVI NEGRIERE E CHE FANNO QUELLA TRATTA ANCHE 10 VOLTE PERCHÈ ESPULSI IN PRECEDENZA. Spero che questo mio illuminato intervento squarci le nebbie di questa intricatissima INVESTIGAZIONE DEL PM

salvofranco

Mar, 02/07/2019 - 12:42

@ i due velivoli in questione decollano da Lampedusa. Non vanno banditi ma SEQUESTRATI come ha chiesto FdI con esposto alla Procura di Roma.

kennedy99

Mar, 02/07/2019 - 13:01

alla faccia di chi vuole beatificare questa delinquente arrogante e ipocrita. il caro patronaggio si sta svegliando dal letargo. era ora.

Ritratto di karmine56

karmine56

Mar, 02/07/2019 - 13:16

"...cosa eventualmente si nasconde dietro i salvataggi ..."?, soldi, soldi ed ancora soldi.

Ritratto di LEGIONECRISTIANA

LEGIONECRISTIANA

Mar, 02/07/2019 - 13:38

Fratelli che avete perduto l'amore, pregheremo per voi e per i vostri cari. Il Signore saprà perdonare chi è indifeso e saprà punire i malvagi che manipolano le vostre fragili menti.

acquazzurra

Mar, 02/07/2019 - 13:42

L'ariete ha sfondato il portone - anche se travestito da agnello . Occorre blindare questo dannato portone, prima che passino indisturbate tutte le mandrie...

stopbuonismopeloso

Mar, 02/07/2019 - 13:53

per me è tutta una pagliacciata di patronaggio & C., sono sicuro che alla fine la scafista crucca verrà scagionata e trattata da eroe, e verrà incriminato salvini per tutti i possibili reati del globo, inlcusa la grande estinzione del permiano a differenza di mattarella, non ho alcuna fiducia in questa magistratura, se fossero pro-italia, e pro-legalità, avrebbero sequestrato la nave negriera le volte precedenti

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 02/07/2019 - 14:22

Mi sembra il minimo, anche perché finalmente, forse, scopriranno il meccanismo

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 02/07/2019 - 14:28

Se li verifica Patronaggio annamo bbene!

salvofranco

Mar, 02/07/2019 - 14:29

Non facciamo confusione: "verifiche sulla sicurezza" dei porti libici o sulla "efficacia del presidio" della zona SAR libica? Per cosa, per alleggerire qualche responsabilità? Questo è un GRAVISSIMO ATTO CRIMINALE che deve essere perseguito comminando una PENA ESEMPLARE. Altro che espulsione! La Procura di Agrigento farebbe bene a coordinarsi con quella di Roma sull’ esposto presentato da FdI di cui ho già riferito oggi.

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Mar, 02/07/2019 - 15:21

Io dico che il fine dell'approfondita indagine di Patronaggio, la procura di Agrigento approderà alla conferma SENZA OMBRA DI DUBBIO, che Carola è innocente, che le ONG sono sante e immacolate, che la Libia non è mai sicura e nemmeno la Tunisia, e che al prossimo giro di "naufraghi" l'Italia non potrà esimersi dall'accoglienza ... Ovviamente spero di sbagliarmi, ma il lupo perde il pelo ...

salvofranco

Mar, 02/07/2019 - 15:43

Cercare contatti diretti tra Sea Watch e scafisti è un buco nell'acqua! La segnalazione alle navi ONG parte sempre dai due aerei di stanza a Lampedusa (78 missioni effettuate da gennaio a giugno 2019) che comunicano alle ONG - e NON alle autorità delle due zone SAR - le coordinate per il recupero dei clandestini. Così le navi si fiondano subito… Per questo FdI ha chiesto (con esposto alla Procura di Roma) il SEQUESTRO IMMEDIATO dei due velivoli

Kino

Mar, 02/07/2019 - 15:53

Che paura ! Carola con le spalle al muro dalla procura d'agrigento, ma chi ci crede ?

agosvac

Mar, 02/07/2019 - 16:37

Ma guarda un po'! Finalmente il PM di Agrigento si accorge che c'è del marcio nell'operato delle ong scafiste! Ci sarebbe da dire: meglio tardi che mai.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 02/07/2019 - 17:20

Beh, se ascoltate i contatti che hann oavuto con gl iscafisti, buttereste la chiave della cella. Sarebbe curioso sentirli. COmunque i comunisti, falsi come sono, negherebbero pure, anche davanti all'evidenza. Che gentaglia.

FlorianGayer

Mar, 02/07/2019 - 17:30

Le condizioni dei porti llbici sono note, basta vedere che ne dice l'attuale ministro degli esteri. Sui contatti delle ONG con gli scafisti ci sono state indagini flop, Patronaggio lo ha detto ma voi ve ne siete dimenticati. Poi ogni inchiesta è un caso a sé e si indaga, ma la conclusione è prevedibile

FlorianGayer

Mar, 02/07/2019 - 17:31

Le condizioni dei porti llbici sono note, basta vedere che ne dice l'attuale ministro degli esteri. Sui contatti delle ONG con gli scafisti ci sono state indagini flop, Patronaggio lo ha detto ma voi ve ne siete dimenticati. Poi ogni inchiesta è un caso a sé e si indaga, ma la conclusione è prevedibile

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 02/07/2019 - 17:58

Mai dimostrato alcun contatto tra scafisti e ONG semplicemente perché non esiste alcun contatto. Logico, no?

HARIES

Mar, 02/07/2019 - 21:07

Non si capisce come mai viene messa in libertà, mentre si prospetta una indagine per capire se è connessa con i trafficanti e scafisti. Tutto torbido, e la sinistra ci sguazza.

Ritratto di drazen

drazen

Mar, 02/07/2019 - 21:35

Pagliacci!

Giorgio Mandozzi

Mar, 02/07/2019 - 21:42

Tutto fumo! Non hanno indagato su alcunché e la soluzione era già scontata dall'inizio. Se il paese deve governarlo la magistratura (corrotti e carriere automatiche) perché andiamo a votare? Qual'é il potere degli organi (parlamento e governo) espressioni del voto popolare? Mi pare sia ora di finirla con queste manfrine! Nemmeno ammanettata, chiedendo se per favore voleva seguire i finanzieri, domiciliari etc. Ma non aveva violato leggi del "fu" stato italiano?

ilcapitano1954

Mar, 02/07/2019 - 21:49

Come pensate che vada a finire? Avete pensato bene.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 02/07/2019 - 21:55

Non c'e' bisogno di attendere oltre i risultati gia' scritti di un' indagine dall'esito annunciato. Bisogna guardare avanti e colpire gli ambienti che queste assurdita' permettono. Cambiare, in primis, il vertice della Difesa, riorganizzare silenziosamente i servizi segreti miitari ed i reparti speciali, sottraendoli al controllo delll'opposizione. Sara' cosi' possibile gestire senza interferenze operazioni sotto copertura anche complesse, e farle ricadere sotto la giurisdizione della Magistratura Militare. Col tempo e l'inarrestabile cambiamento dell'orientamento politico della maggioranza sara' alla fine possibile riprendere il controllo anche della magistratura ordinaria, ma ci vorra' TROPPO TEMPO rispetto alle reali sfide portate dentro e fuori al nostro Paese.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 02/07/2019 - 21:59

Le azioni fatte contrariando il "senso comune degli Italiani" rimangono scritte nella pietra, e, accumulandosi, finiranno per determinare una risposta corale da parte della popolazione, in mancanza di adeguati correttivi istituzionali.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 02/07/2019 - 22:07

Quando si vuol cucinare in 50, il risultato non puo' essere che UNA SCHIFEZZA. Che cosa deva entrarci la magistratura in un atto di PALESE VIOLAZIONE DEI CONFINI, NON LO CAPISCO E SOPRATTUTTO NON LO VOGLIO CAPIRE. SI PREOCCUPINO PIUTTOSTO DI TOGLIERE LE MELE MARCE AL PROPRIO INTERNO E DI DARE AL PAESE L'IDEA DI STAR VERAMENTE AD APPLICARE LE LEGGI ITALIANE IN NOME ED IN FAVORE DEL POPOLO ITALIANO.