Sisma, quel provvedimento ​che potrebbe ridare casa a Peppina

Il nuovo commissario alla ricostruzione, Paola De Micheli, apre alla soluzione per nonna Peppina: "Potrebbe tornare a casa"

Nonna peppina ora potrebbe avere una speranza. Dopo i suoi appelli alle istituzioni nazioni e al Papa, dopo le sue lacrime e la decisione del tribunale del Riesame di sbatterla fuori dalla sua casetta di legno (abusiva, ma di necessità), ora un'apertura arriva dal nuovo commissario per la ricostruzione, Paola De Micheli.

In una intervista al Messaggero, oggi il deputato Pd dice chiaramente che "c'è la possibilità" che Peppina torni nella sua casa a San Martino di Fiastra. Un decreto in approvazione, infatti, dovrebbe mettere al sicuro chi si è attrezzato da solo per contrastare i ritardi della burocrazia. "Se lo Stato ci mette troppo a far partire la ricostruzione o a trovare una soluzione alternativa, allora meglio far da soli", è stato il ragionamento di molti terremotati. Che si sono ritrovati però a realizzare costruzioni spesso abusive, perché senza i necessari permessi. "Il provvedimento prevede due possibilità - spiega la De Micheli - Primo, chi è organizzato con una casa mobile, la potrà tenere se rispetta tutti vincoli, paesaggistici e di edificabilità, quindi rinuncia alla casetta e al contributo di autonoma sistemazione. Una volta realizzata la ricostruzione della sua abitazione, la casa mobile sparisce". Mentre la seconda opzione "riguarda le strutture fisse per le quali è possibile chiedere una regolarizzazione rinunciando alla casette e al contributo per la ricostruzione. Ma devono sempre rispettare i criteri edilizi e paesaggistici. Non è una sanatoria, ma una riapertura dei tempi che già erano previsti nei testi di legge".

Inutile dire che le lacrime di nonna Peppina non hanno lasciato indifferenti nessuno. "Chi mi fa questo è una bestia", ha detto ieri. "Ma io prego per loro". Forse le sue orazioni sono state ascoltate, visto che il suo caso potrebbe essere vicino alla risoluzione. "La sua storia mi ha molto colpito perché fa male vedere una donna anziana costretta a lasciare la sua casa. Se la sua abitazione rispetterà i criteri stabiliti, certo che potrà rientrare a casa sua. Il Comune verificherà i criteri. Ricordo che li' c' è un provvedimento della magistratura".

Commenti
Ritratto di francesco.finali

francesco.finali

Mer, 11/10/2017 - 13:35

Fossi in nonna Peppina, manderei tutti a fanc.....Basta con tutto questo balletto. Avete rotto le palle ad una donna di 94 anni che ha perso la casa nel terremoto, e che per vostra inefficienza, non aveva una casa come promesso, bensì uno schifosissimo container. Ha costruito una casa nel suo terreno e voi l'avete sfrattata per un problema relativo al paesaggio! Cialtroni che non siete altro. Fate davvero schifo. E adesso vorreste tornare indietro?! idioti. Fossi in lei, vi risponderei così: "avete voluto sfrattarmi dalla mia casa per un problema di paesaggio, alla mia età e per una vostra inefficienza. Ora abbiate la compiacenza di lasciarmi crepare senza fare ulteriori balletti, cialtroni"

Ritratto di matteo844

matteo844

Mer, 11/10/2017 - 13:45

Loro sono la nostra storia,la nostra identita',invece di rispettare queste persone che hanno fatto grande il nostro paese coi sacrifici veri, le facciamo piangere.Scusaci nonna Peppina,scusaci per non saperti garantire quel rispetto e quella gratitudine che meriti.

giseppe48

Mer, 11/10/2017 - 13:46

La commissaria dormiva ?adesso c'è da fare bella figura provvedimento di urgenza

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 11/10/2017 - 14:02

Troppo tardiva, a mò di presa in giro.

carpa1

Mer, 11/10/2017 - 14:13

Siete PATETICI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Se non vi ci manda nonna Peppina, come suggerito da f.f. 13.35 vi ci mando anch'io, per quello che può contare, ma credo che non vene possa fregare di meno vista la vostra ignavia (ammesso e non concesso che ne conosciate il profondo significato da tanto che ne siete pervasi e, come vi pone Dante, immersi "nelle acque torbide e fangose dello Stige", cioè della fogna infernale).

carpa1

Mer, 11/10/2017 - 14:22

"Ricordo che li' c'è un provvedimento della magistratura".!!!!! Al riguardo siamo ormai in molti a non sapere se dobbiamo ridere o piangere considerando come si guarda bene dal colpire l'abusivismo, soprattutto di recente invenzione come quello "DI NECESSITA'", praticato con particolare frequenza in certe regioni.

roberto.morici

Mer, 11/10/2017 - 14:27

"Ricordo che lì c'è un provvedimento della magistratura". Nel senso che il Magistrato, in gita nelle zone terremotate, ha subito notato lo scempio della casetta in legno in contrasto paesaggistico con il resto del paese, "prontamente" ricostruito dopo il sisma.

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 11/10/2017 - 14:48

La giustizia ha fatto inesorabilmente il suo corso.. implacabile, incorruttibile e inflessibile, ha finalmente punito una pericolosa "criminale" che attentava al paesaggio delle zone terremotate..peccato che QUESTA giustizia cambi faccia, alla velocita' della luce, con politici "amici", imprenditori "amici" e amministratori "amici",che, tutti assieme appassionatamente, hanno permesso la costruzione di case fuori norma che sono crollate.Di quelli non sapremo mai niente..come sempre e' successo...e Mattarella che fa?...rimprovera i giudici di andare in TV.!!

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 11/10/2017 - 14:56

Ma è così difficile prendere una decisione unilaterale?

veromario

Mer, 11/10/2017 - 15:02

queste sono le persone che hanno fatto L'italia non gli imigrati clandestini che ci stanno distruggendo il paese,ma le nostre istituzioni inclini a tutti gli inciuci possibili fanno i duri e gli irreprensibili co una signora di 95 anni,a cui dovrebbero inchinarsi per la dignita dimostrata,per i l clandestini in alberghi e servizi stabili inagibili diventano idonei in un giorno,ma per lei no ,da roma in giu meta Italia è abusiva,vergognatevi.

Mr Blonde

Mer, 11/10/2017 - 15:22

inutile moriremo di burocrazia; poi sullo slancio emotivo il prossimo provvedimento per sanare abusi, che nel caso della nonnina d'italia non sono tali, servirà anche per le case costruite con lo sputo o in riva alle spiagge più belle, salvo poi piangere alle scosse del 3% come a ischia.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 11/10/2017 - 15:27

Assassini e delinquenti, sono più rispettati che gli anziani che hanno perso tutti i loro averi nel terremoto del centro Italia!!! Se veramente c`è un DIO che si ricordi della falsità del PONTEFICE e di quei MISERABILI che portano il paese alla distruzione!!! """SIGNORA Peppina, CON TUTTO CUORE MI AUGURO CHE IL SUO DESIDERIO SIA ESAUDITO E NON DEVE RINGRAZZIARE NESSUNO PER COME È STATA TRATTATA"""!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 11/10/2017 - 15:42

É!FINO A QUANDO DOVRÁ ASPETTARE NONNA PEPPINA PER RIAVERE LA SUA CASA?!.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 11/10/2017 - 16:20

Nonna Peppina, se non ti fanno entrare in casa Tua, unisciti ai migranti che sono entrati ad occupare la cattedrale di Foggia!!! AMEN.

angelovf

Mer, 11/10/2017 - 16:25

Speriamo che si risolva questa odiosa situazione, con tutti gli abusi edilizi che ci sono in Italia, addirittura sulle spiagge, sui monti e nei posti più belli del creato, solo per la nonna Peppina sono stati rigidi. La nonna Peppina ha scritto anche al papa senza aere nessuna risposta, questo è normale, perché lei non è islamica, ormai il nostro papa interessano solo i musulmani, è l’unico papa della storia della chiesa.

VittorioMar

Mer, 11/10/2017 - 16:42

...QUANTA OTTUSITA' !!....QUANTI DISAGI INUTILI !!!.....QUANTA CATTIVERIA GRATUITA..!!...GLI UOMINI SONO PIU' STUPIDI DELLE NORME E REGOLAMENTI BUROCRATICI !!

giovanni PERINCIOLO

Mer, 11/10/2017 - 17:05

Branco di buffoni buoni a nulla e, oltretutto, sono gli stessi che criticavano Bertolaso per l'Aquila. Andate a nascondervi con errani in testa!

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mer, 11/10/2017 - 17:41

Mi ha molto colpito perchè la signora è stata, seppure inerme,la cartina al tornasole che ha evidenziato il marcio diffuso, il cinismo e la schifosa viltà ben diffusa e ben radicata nelle nostre figure istituzionali.

Anonimo (non verificato)

leopard73

Mer, 11/10/2017 - 18:08

BRANCO DI BUFFONI SENZA Dignità E SENZA LA COSCIENZA BUROCRATI!!!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 11/10/2017 - 18:13

boldrini DOVe cxxxo stai ?????????????????se fosse stata tua nonna avresti fatto una immane tragedia politica, peccato che non abbia la tessera del PD, sarebbe stato tutto facile, chiedere al compagno ERRANI

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Mer, 11/10/2017 - 18:14

La De Micheli faccia pure con calma, tanto nonna Peppina ha tutta la vita davanti... Che schifo di paese, che politici di m...a!

rosalba cioli

Mer, 11/10/2017 - 18:18

tutto programmato per far dire:"vedi che brava la De Micheli"! ma io dico perché non si è spesa subito per la soluzione del problema senza attendere il tira-molla ed infine lo sfratto? Queste soluzioni mi fanno .....................

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Mer, 11/10/2017 - 18:20

Tra promesse, smentite, parole rimangiate, abbiamo assistito ancora una volta allo squallore spietato di questa Italia, ma ora risolve tutto la De Micheli! Con calma però, tanto nonna Peppina ha tutta la vita davanti...

onurb

Mer, 11/10/2017 - 18:23

Intorno al Vesuvio ci sono decine di migliaia di case abusive. Ma proprio con questa signora se la devono prendere. La nostra burocrazia è fatta di buffoni; tutta l'Italia è piena di buffoni.

gigetto50

Mer, 11/10/2017 - 18:31

...il partito cattocomunista la suona e la canta....e certo....le elezioni si avvicinano....

pasquinomaicontento

Mer, 11/10/2017 - 18:33

Le lacrime de sta nonnina non hanno lasciato indifferenti nessuno."Chi mi fa questo è una bestia"..."ma io prego per loro".E invece no, je dovresti sputà in faccia, perchè nun è gente normale,e sadica, come nun è normale fatte uscì da que la baracca de legno chiamata pomposamente casa.La De Michelis detta le regole, come se il terremoto prima de lavorà abbia chiesto il permesso a madre natura, tutto da ride,"Se si rispettano tutti i vincoli paesaggistici e blà blà blà...infatti er teremoto prima de buttaje giù casa,pare jabbia chiesto er permesso... "pronto chi parla? nonna Peppina?Senta cara, fra 'n'oretta te buttamo giu casa,cerca de sarvatte-...Certe volte me pija lo schiribizzo d'annà a Montecitorio, aspettà er primo che esce e...sputaje in faccia.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 11/10/2017 - 18:44

Che poi, in fin dei conti, quella elegante casetta il legno abbellisce, e di gran lunga, il paesaggio. Sono forse belle quelle orribili e inguardabili pale eoliche dove tra intrallazzi e tangenti ci mangiano tutti ? Siamo un paese in putrefazione morale.

evuggio

Mer, 11/10/2017 - 18:54

nel nostro paese per politici, burocrati, pubblici amministratori & Co. non ci sono limiti alla spudoratezza; comunque anche i familiari non ci stanno facendo una bella figura: possibile che nessuno di loro abbia la possibilità di "ritagliarle" un angolino di casa?

evuggio

Mer, 11/10/2017 - 19:50

bravo signor oldpeterjazz, mi piace moltissimo il concetto del male che affligge il mondo che Lei ha stigmatizzato come "putrefazione morale"

Ritratto di asfodelo13

Anonimo (non verificato)

Valia49

Mer, 11/10/2017 - 21:03

x pasquinomaicontento.Dimmi quando ci vai ,perchè sarò li con te.

Ritratto di franco.brezzi

Anonimo (non verificato)

luigiB3

Gio, 12/10/2017 - 01:25

Dico io, ma le macerie non sono mica tanto paesaggistiche..? Allora perche' sono ancora li'..?? Non mi abbasso con insulti vari scrivendoli ma col pensiero lo faccio. Ho una zia della sua eta' e capisco cosa prova loa nonna Peppina. Non doveva nascere in italia che tiene abusivi in edifici senza permessi. Solito due pesi e due misure... Sti funzionari cosa non s'inventano... eh..? Col pensiero... altro che preghiere.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 12/10/2017 - 07:27

"Chi mi fa questo è una bestia", ha detto ieri. "Ma io prego per loro". In queste parole c'è tutta l'umanità - fra risentimento e perdòno - di una donna di quasi cent'anni che ha conosciuto, sul suo viale del tramonto, certa inusitata insensibilità umana. Spero vivamente che possa trascorrere il resto della sua vita in quella casetta che ha fatto costruire nelle more di una esasperante lentezza burocratica, di un governo che a chiacchiere in questa dolorosa faccenda (e non solo) è stato imbattile e che oggi cerca di mettere una pezza, coprendosi ugualmente di ridicolo. Auguri nonna Peppina: ho avuto una bisnonna ultra centenaria e so quanto voi siete importanti con i vostri insegnamenti per noi nipoti.