Manca persino il defibrillatore: il tribunale di Milano è fuorilegge

In tribunale manca un defribbillatore, matasse di fili sono aggrovigliate in Corte d'Assise, ma i costosissimi schermi inutilizzati sono ovunque

Nell'aula di Corte d’Assise del tribunale di Milano, dove si celebrano i processi più delicati, le matasse di fili elettrici scoperti e aggrovigliati sono sotto gli occhi di tutti. Eppure nessuno le vede. Nessuno fa qualcosa per rimediare. E se un avvocato o un imputato dovesse accusare un malore al terzo piano del palazzo, sarebbe costretto a fare a meno del defibrillatore, l’attrezzo salvavita obbligatorio per legge nei luoghi di lavoro. In tutti, tranne che nel tribunale: l’armadietto c’è e c’è anche la segnaletica per raggiungerlo. Ma l’attrezzo manca, da anni. Per non parlare dei fascicoli giudiziari alla mercé del primo che passa (guarda il video) che invece dovrebbero essere custoditi gelosamente; dei cantieri aperti in cui regna sovrana la scritta "vietato l’accesso", che in realtà sono accessibili a chiunque; delle discariche di mobili, sedie e vecchi pc al piano interrato; degli ascensori lentissimi e sempre fuori servizio; delle famose balaustre che ad ogni piano separano dallo strapiombo delle scale e degli androni, e che arrivano a stento al ginocchio. Sono così da sempre. Hanno già visto, in passato, due persone lanciarsi volontariamente nel vuoto, ma se qualcuno dovesse cadere a causa di un malore, di chi sarebbe la responsabilità? Chi ne risponderebbe?

Si fa presto a dire che la causa di tutto questo sia la mancanza delle risorse. "Ritengo che i soldi ci siano", ammette il presidente dell’Ordine degli avvocati di Milano, Remo Danovi, in qualità di componente della Conferenza permanente, ex Commissione di manutenzione, che riunisce rappresentati di procura, Corte d’Appello, procura generale, Comune, Soprintendenze e ministero della Giustizia, e che dovrebbe vigilare sulle condizioni del palazzo. Certo è che molti soldi negli ultimi anni sono stati spesi (come si vede nel video) per acquistare un paio di Passat blindate nuove di zecca, il red carpet di trentacinque metri apparso di recente in procura generale ma, soprattutto, gli innumerevoli schermi, piazzati ovunque nel palazzo, costati quasi tre milioni di euro, da anni perennemente accesi e inutilizzati.

Ma se i soldi ci sono, perché la situazione continua a essere questa? La causa è da ricercare nella "sottovalutazione di piccole e grandi disfunzioni che devono essere in questo momento prese in carico e rimediate". L’augurio è che accada al più presto, anche se il pronostico dello stesso presidente Danovi non fa ben sperare: "Se mi chiede un appuntamento per verificare un cambiamento, posso dire che io sarò qui ancora per due anni, fino al 2018, e non so se riuscirò a fissarlo".

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 10/04/2017 - 12:52

povera Italia meno male che vivo in Germania.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 10/04/2017 - 12:52

Vanno capiti. Troppo impegnati a dar la caccia a mister B, non dimenticandosi di Salvini.....

Mechwarrior

Lun, 10/04/2017 - 12:58

Facile rimediare: basta dare gli appalti agli amici degli amici e tutto andrà a posto (a 10 vote il costo reale)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 10/04/2017 - 13:18

@franco-a-trier_DE, proprio vero, beato te! Tutti questi enti, amministrazioni ed altri che vivono con i soldi pubblici, milioni di euro in sprechi. Tanto per dirne una, ogni 4 anni cambiono il centralino telefonico con tutti gli apparecchi, mentre un cittadino che paga, ha ancora il vecchio telefono a disco, magari per non spendere per acquistarne uno moderno e magari paga pure le tasse, perchè questi citati sopra li sostituiscono ogni, come ho detto, 4 anni. Ma sì, tanto paga pantalone.

Gianni11

Lun, 10/04/2017 - 13:19

Ecco lo Stato italiano. Uno stato che spreca soldi e che non protegge il territorio da un'invasione di dimensioni bibliche. Con uno stato cosi' che futuro hanno gl'italiani? Vogliamo svegliarci? Siamo allo sbaraglio completo.

silvano45

Lun, 10/04/2017 - 13:20

con quale coraggio potrebbero condannare un imprenditore privato trovato in eguali condizioni?

Aristide56

Lun, 10/04/2017 - 13:21

il magna magna giudiziario vale una manovra finanziaria

Ernestinho

Lun, 10/04/2017 - 13:22

E poi dicono che queste cose succedono solo al Meridione!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 10/04/2017 - 13:28

Milano??? Tutta colpa di Pisapia!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 10/04/2017 - 13:32

Lavorano troppo bisognerebbe mettere mano alle ferie.

giovinap

Lun, 10/04/2017 - 13:37

il tribunale di milano è fuorilegge per ben altro .

diesonne

Lun, 10/04/2017 - 13:38

diesonna il tribunale vuol fare giustizia in casa d'altri e dimentica quella in casa propria-guarda prima la trave che hai nel tuo occhio e poi la pagluccia nell'occhio altrui

giovinap

Lun, 10/04/2017 - 13:44

ernestinho , è stato un errore dell'impaginatore , di solito queste notizie non le pubblicano , il giornale publica cronaca nere solo proveniente dal sud( il mattino di napoli , e la gazzetta del mezzogiorno , per far credere ai patani che nel nord la cronaca e solo rosa , come piace a loro .

Ritratto di stufo

stufo

Lun, 10/04/2017 - 14:01

Defribillatore, per chi ? Il problema è solo il Berlusca, mica occorre salvarlo se gli becca un coccolone.

Tuthankamon

Lun, 10/04/2017 - 14:02

Come in altri ambiti, le mansioni "pregiate e visibili" vogliono svolgere tutti, quelle di supporto non interessano. Mancando un sistema meritocratico, gli incapaci vanno al vertice con questi risultati. Pur senza generalizzare, è singolare che avvenga a pochi metri dai giudici che condannano il cittadino per molto meno!

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 10/04/2017 - 14:13

Fosse solo il tribunale di Milano ad essere in MALORAAAA!!! È l'Italia tutta che sta andando a CATAFASCIO, ma gli Italiani ROSSI e GRILLI non se ne accorgono!!! AMEN

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 10/04/2017 - 14:16

Ve lo avevamo gia' detto..inutile queste ingiuste denunce sul nostro operato di Magistrati..stiamo seriamente lavorando con il massimo impegno per perdere la nostra autonomia, peraltro mai meritata, dopo aver perso ogni possibile credibilita' sul nostro operato..il nostro impegno e' massimo..lasciateci lavorare..

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 10/04/2017 - 17:46

@Dramer_66, no di Salvini !