Lo stalking su Whatsapp non è reato

Il caso fa riferimento alla denuncia di una donna che ha segnalato molestie da parte di un uomo su Whatsapp

Vi ha chiesto l'amicizia, poi il numero Whatsapp. Da quel momento è un continuo ricevere messaggi e pressioni. Fate attenzione, la legge non può difendervi.

Su Whatsapp non esiste stalking

Se un qualcuno vi molesta utilizzando la celebre chat di Whatsapp non può scattare l'ammonimento da parte del questore, come riferisce lo Studio Cataldi. Infatti quest'ultimo può intervenire solo in caso di vere molestie nei confronti della persona che denuncia. Lo afferma la sezione del Tar Lombardia, sede staccata di Brescia, con la sentenza n. 147/2016. Così facendo annulla il il verbale di ammonimento emanato nei confronti di un uomo, denunciato da una donna a seguito di messaggi sempre più insistenti su Whatsapp e via sms.

Lo Studio Cataldi spiega che "il provvedimento del questore, così come ogni altro provvedimento amministrativo deve essere emanato a seguito di un'adeguata istruttoria e motivato in modo conseguente". Nel caso specifico dell'ammonimento che invitava l'uomo a smettere di tormentare la donna era stato emesso a "inaudita altera parte". Cioé senza che l'interessato fosse stato convocato per esporre le proprie ragioni. Dalla motivazioni rilasciate dall'uomo, in seguito al richiamo, non risulatavano comunque minacce. Solo lamentele in cui illustrava come la donna lo avesse usato solo per arrivare a frequentare un altro. Così facendo il provvedimento è stato annulato.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 22/06/2016 - 19:53

COMUNQUE è COMODO TUTTI IGIORNI TELEFONO IL MEXICO UNA MEZZORA SENZA SPENDERE UN EURO.