Toghe rosse vogliono impedirci di segnalare i migranti infetti

Il protocollo del Tribunale di Venezia sui migranti provoca la reazione di Magistratura Democratica: "Lede diritto alla riservatezza"

Il "Protocollo sezione immigrazione" emanato dal Tribunale di Venezia non sembra poi così scandaloso. Piuttosto di buonsenso. Recita esattamente così: "I difensori, ove siano a conoscenza di malattie infettive del ricorrente (ad esempio Tbc), sono tenuti a comunicare la circostanza al giudice prima dell'udienza e a richiedere al ricorrente la produzione di certificazione che attesti l'assenza di pericolo di contagio". La questione, ovviamente, riguarda soprattutto i migranti che fanno ricorso contro il diniego al diritto d'asilo. E la sinitra già si straccia le vesti.

Facciamo un passo indietro. Il sei marzo scorso il presidente del tribunale Manuela Farini e da quello dell' Ordine degli avvocati di Venezia firmano un protocollo in cui - di fatto - si chiede agli avvocati dei migranti che presentano ricorso di informare se questi sono affetti da malattie contagiose. La decisione ha scatenato - come scrive Libero - la reazione di "Magistratura Democratica, i Giuristi democratici e l'Asgi, ossia l' Associazione per gli studi giuridici sull' immigrazione".

Il presidente di Magistratura Democratica, Riccardo De Vito, ha detto senza mezzi termini che "l' obbligo da parte dell' avvocato di rivelare dati ultra sensibili relativi al suo cliente lede il diritto alla riservatezza e alla dignità. Nessuno penserebbe mai di chiedere simile certificazione medica alle parti di qualsiasi altro procedimento giudiziario, dimenticando che sono soggetti a stringenti controlli medici sia al loro arrivo che nei centri di accoglienza". E così se un migrante sarà malato di scabbia, per MD, nessuno dovrà saperlo. Rischiando magari di ammalarsi.

Commenti

routier

Mer, 21/03/2018 - 17:54

Il contagio da malattie infettive supera le barriere ideologiche. Magistratura democratica ne è consapevole?

mariod6

Mer, 21/03/2018 - 18:07

Speriamo che gli aderenti a MD ed alle altre sigle di protezione dei parassiti si ammalino di qualche morbo infettivo e che prima di accorgersene abbiano impestato tutta la famiglia.

Ritratto di emo

emo

Mer, 21/03/2018 - 18:32

In un qualsiasi paese degno di tale nome, MA sarebbe già stata messa fuori legge e tutti i suoi associati radiati in quanto impossibilitati ad operare per manifesta politicizazzione e quindi non super partes. ma purtroppo siamo in Italia quindi......

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Mer, 21/03/2018 - 18:39

Per I giuridici democratici , andateci voi a mischiarvi/ stretto contatto ( stretta di mano,bacetti,abbracci)con I migranti(fasulli)del terzo mondo!......non vi dimenticate di portarvi sul posto di lavoro qualche famigliare.

fabiano199916

Mer, 21/03/2018 - 18:41

ok, sono dati ultrasensibili, quindi se mi assento dal lavoro posso non presentare il certificato medico...ma non esistono misure di quarantena?

Ritratto di navajo

navajo

Mer, 21/03/2018 - 18:42

Ma quali stringenti controlli medici. Ne arrivano a migliaia senza che alcuno se ne accorga e non passano per i centri d'accoglienza. Leggetevi il bel libro di Annalisa Chirico: "Fino a prova contraria. Tra gogna e impunità, l'Italia della giustizia sommaria"

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 21/03/2018 - 18:57

I tre poteri fondamentali dello Stato sono: potere legislativo, potere esecutivo, potere giudiziario. Sui primi due (elettivi) i cittadini, se non soddisfatti del loro lavoro, possono intervenire con il voto popolare e modificare la loro composizione. Sul potere giudiziario non hanno alcuna possibilità di intervenire; non è elettivo ed il loro giudizio è insindacabile. Se riteniamo di subire un danno da un privato (o dall’organo legislativo o esecutivo) per ricevere giustizia ci rivolgiamo ai magistrati. Ma se come cittadini pensiamo di ricevere un danno o un'ingiustizia da parte della magistratura (o una parte di essa) a chi dobbiamo rivolgerci per avere giustizia? Alla stessa magistratura che ci procura il danno?

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 21/03/2018 - 18:58

Forse non ci rendiamo conto della situazione paradossale che inficia l’intero sistema democratico ed il rapporto fra i poteri dello Stato. Se riteniamo che una parte della magistratura usi il proprio potere per fini politici (ed abbiamo buoni motivi per crederlo) come possiamo difenderci? Non esiste un “Quarto potere” che ci tuteli dagli errori, dagli abusi o da una gestione “politicizzata” della giustizia. E’ come aver messo le volpi a guardia del pollaio e precluderci anche la possibilità di accusare le volpi di non svolgere il loro dovere. Se divorano le galline, invece che difenderle, a chi ci rivolgiamo per avere giustizia; alle volpi?

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 21/03/2018 - 19:02

Poi hanno ancora il coraggio di parlare di antifascismo!!!! Ormai Voi li in Italia non ve ne accorgete, ma siete SOTTO DITTATURA. La dittatura dei GIUDICI!!! AMEN.

venco

Mer, 21/03/2018 - 19:10

Leggevo tempo fa su l'Espresso che i migranti sono più sani e vaccinati di noi, quanto son falsi.

honhil

Mer, 21/03/2018 - 19:16

La solita barzelletta all’italiana. E’ chiarissimo che il problema è di portata nazionale. Ma il cordone di sanità viene ristretto soltanto attorno al tribunale di Venezia. Eppure sono centinaia di migliaia i cosiddetti profughi che girano per le città italiane. Liberi di trasmettere a chiunque, extracomunitari compresi, le loro malattie invettive. Con l’applauso di tutte le istituzioni e la connivenza del ministro della salute. Così, guai a parlare di quarantena. Dato che difendere la salute degli italiani è diventato sinonimo di razzismo.

Divoll

Mer, 21/03/2018 - 19:30

Bisogna eliminare il sistema del ricorso. Lo fa la Germania, lo possiamo e lo dobbiamo fare anche noi. Anzi, bisogna che le richieste di asilo si possano fare SOLO dal paese di provenienza e chi arriva in Italia da clandestino venga automaticamente espulso sui due piedi. E' l'unico modo per combattere la tratta di umani.

gigetto50

Mer, 21/03/2018 - 19:54

......purtroppo e ovviamente, prevedo aumento a razzo delle infezioni da HIV...purtroppo...

cecco61

Mer, 21/03/2018 - 20:02

MD e i suoi accoliti andrebbero arrestati tutti. Per determinate malattie infettive c'è infatti l'obbligo di denuncia non potendo far finta di nulla e curarsi a casa propria. Il Tribunale è stato fin troppo buono in quanto avrebbe dovuto prevedere pure una sanzione per la mancata denuncia ai competenti organi sanitari. Se magari morisse di TBC un figlio di questi pagliacci forse cambierebbero idea.

colomparo

Mer, 21/03/2018 - 20:19

È molto semplice: Il diritto alla salute dei cittadini sta al di sopra al diritto alla privacy del singolo individuo !! Ma dove l'hanno preso la laurea questi magistrati strafottendi MD e i difensori dei "ricorrenti" ????

sparviero51

Mer, 21/03/2018 - 20:50

QUESTE MARIONETTE ROSSE VESTITE DI NERO DOVREBBERO ESSERE MESSI FUORI LEGGE SOLO LEGGENDO IL LORO STATUTO . QUESTO ACCADREBBE IN UNO STATO DI DIRITTO ,MA PURTROPPO SIAMO IN ITALIA !!!

Tarantasio

Mer, 21/03/2018 - 20:52

appena cambia il vento torneranno nere...

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 21/03/2018 - 20:56

Per i militari e appartenenti alle forze dell'ordine è fatto divieto di appartenere ad associazioni varie. Per i magistrati non vale? Che schifo di paese! Mao Li Ce Linyi Shandong China

uberalles

Mer, 21/03/2018 - 21:40

Ok, concordo con Divoli al 100%

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Mer, 21/03/2018 - 21:52

Prendiamo tutti quelli di magistratura democratica, compresi familiari, e mettiamoli in quarantena nei centri di accoglienza insieme ai migranti, se ne escono sani, vuol dire che non c'è pericolo. Ma, mi, fate il piacere ,come diceva Totò. Solo menate di sinistra sempre nel sedere del popolo.

Ritratto di Terenzio-Plauto

Terenzio-Plauto

Gio, 22/03/2018 - 00:33

Giano : sempre profondo con i ragionamenti .Siamo in un mondo di pazzi .

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 22/03/2018 - 01:16

Ma non salvaguarda i ldiritto di difendersi da pericolose infezioni. Ma dove le vanno a studiare queste toghe rosse? E' sempreuna contraddizione.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 22/03/2018 - 01:29

zucche piene di segatura tarlata.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 22/03/2018 - 03:07

Magggistratura [3 "g"] Democratica dixit : "sono soggetti a stringenti controlli medici sia al loro arrivo che nei centri di accoglienza". - "stringenti controlli medici" ? - Mi chiedo se certuni siano così babbei per motivi ereditari o se abbiano frequentato corsi serali accelerati.

mariolino50

Gio, 22/03/2018 - 08:23

Io ero donatore di sangue, la mia privacy era di carta straccia, visto che potevo trasmettere di tutto, se avevi viaggiato in paesi tropicali analisi a tappeto e sospensione. Se non sbaglio quando arrivarono sospetti malati di ebola furono rinchiusi in celle sigillate a prova d'aria e di microbo, tipo carcere speciale, e questi si lamentano per le informazioni, baci alla francese col tubercoloso dovrebbero fare.

routier

Gio, 22/03/2018 - 08:39

E' la "magistratocrazia" (una delle peggiori dittature) che avanza a sinistri passi.

billyjane

Gio, 22/03/2018 - 08:46

Obbligo di 10 vaccini per i bambini, ma emigranti liberi di spargugliare le loro malattie su tutto il territorio.

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Gio, 22/03/2018 - 08:49

Forse desiderano dividano il male con altri per altruismo.

piazzapulita52

Gio, 22/03/2018 - 09:08

CHE SCHIFO!!!

@ollel63

Gio, 22/03/2018 - 09:38

ancora le infami putride cancerose "toghe rosse" che infestano questa nostra nazione.

Cheyenne

Gio, 22/03/2018 - 09:43

bisogna usare il DDT contro le toghe rosse. Hanno superato ogni limite di decenza.

buri

Gio, 22/03/2018 - 09:54

la legge impone il bacino obbligatorio per i bambini per evitare la diffusione di malattie infettive, tutto sommato mi sembra giusto, ne va della salute pubblica, ma se arriva un immigrato affetto di TBC O DI SCABBIA O ALTRE COSE CONTAGGIOSE, non si deve sapere alla faccia della salute dei cittadini che rischiano il conteggio, bravi i magistrati democratici...

Paolorux

Gio, 22/03/2018 - 09:57

Vale anche per la MALATTIA MENTALE??? Nel caso certi giudici fossero affetti da un qualche disturbo che ne comprometta l'equità di giudizio e l'imparzialità? Una sentenza di un giudice mentalmente disturbato ha valore legale? E se invece di UN giudice fossero molti di piu'??? Questi idioti dovrebbero continuare a cagare sentenze "nel nome e nell'interesse del popolo Italiano"??

steacanessa

Gio, 22/03/2018 - 10:07

Sempre più folli.

venco

Gio, 22/03/2018 - 10:12

I rossi sono figli dell'anarchia, cioè dell'antistato e dell'immoralità.

Raoul Pontalti

Gio, 22/03/2018 - 10:40

Se il protocollo è vero siamo al cospetto di magistrati somari che ignorano il diritto e scambiano per buon senso le proprie fisime dovute a crassa ignoranza anche dell'epidemiologia. Già è un abominio trasformare gli avvocati in delatori, poi è un reato la violazione dei dati sanitari personali, infine la denuncia di malattie infettive e diffusive si fa esclusivamente all'autorità sanitaria e non a quella giudiziaria.