Turista stuprata da un romeno: "Un pugno in faccia, poi non ricordo"

Il drammatico racconto dell'australiana stuprata: "Quando mi sono ripresa, avevo dolori in più parti del corpo". Ma il romeno nega tutto

"Mi ha abbordato nel locale e poi siamo usciti...". La turista australiana aggredita, rapinata a stuprata a Roma, la notte tra il 2 e il 3 ottobre, racconta ai pm il suo incontro con Eduard Oprea, romeno di 40 anni accusato delle violenze sessuali sulla donna. "All'altezza del parco di Colle Oppio mi ha aggredito, mi ha colpito con un pugno al volto e io ho perso i sensi, non ricordo cosa sia accaduto dopo".

La vittima, una 49enne, è stata sentita nell'incidente probatorio che si è tenuto questa mattina davanti al gip del tribunale di piazzale Clodio. "Ero arrivata a Roma per trascorrere qualche giorno di vacanza - racconta la vittima - quella sera ho deciso di recarmi in un locale che si trova a poca distanza dalla stazione Termini. Ricordo di avere bevuto due drink e di essere stata avvicinata da Oprea". La turista australiana ha spiegato agli inquirenti di essersi risvegliata a terra, qualche tempo dopo aver ricevuto il pugno in faccia. "Avevo dolori in più parti del corpo - ha detto - non avevo più i soldi ne i gioielli".

Oprea è stato arrestato pochi giorni dopo i fatti. Era in possesso di circa mille dollari australiani e dei gioielli di cui la turista stuprata aveva denunciato il furto. Da allora il romeno è in cella con l'accusa di violenza sessuale e rapina. L'uomo ammette di aver conosciuto la donna e di aver passeggiato con lei nel parco vicino al Colosseo, ma nega di averla aggredita. Secondo la sua versione a colpire e stuprare la turista sarebbero stati due immigrati che si sono avvicinati a loro e dai quali lui sarebbe scappato.

Commenti
Ritratto di ..abdullàllà..

..abdullàllà..

Lun, 17/10/2016 - 15:49

romeni si nasce

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 17/10/2016 - 16:56

La delinquenza "slava" si trasferita nel nostro paese per sfruttare le leggi garantiste e i giudici che le applicano. Rischiano poco o niente. Certo che con i paesi della UE si potrebbe fare accordi per far scontare la pena nei paesi di origine.

VESPA50

Lun, 17/10/2016 - 17:23

nando49. Hai perfettamente ragione.. dovrebbero scontare la pena nel loro paese e noi prenderemmo due piccioni con una fava. Al loro paese la pena la sconterebbero per intero da noi in questo cesso che è diventata l'italia per colpa di queste leggi troppo garantistre e sempre a favore dei delinquenti il carcere sarebbe una villeggiatura

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 17/10/2016 - 17:58

Romeno? Ma va? Dov'è la novita'?

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 17/10/2016 - 18:12

ci auguriamo che il suo soggiorno in italia sia stato di suo gradimento. grazie. firmato il prete clandestino affacciato dalla finestra la domenica

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/10/2016 - 18:25

i rumeni sono difesi dalla Stato Italiano, non per niente nella contabilità dello Stato italiano ci sono dei rumeni, poi i rumeni sono esperti in matematica così mi disse un giudice, infatti chi apre i bancomat per la maggior parte dei casi sono rumeni, apriteli voi se ci riuscite...,.

Ritratto di theBLACKHAWK

theBLACKHAWK

Mar, 18/10/2016 - 09:40

su queste cose non si scherza e non si mente. esistono test del DNA specifici ed esami medici che provano se è avvenuto uno stupro.

Rossana Rossi

Mar, 18/10/2016 - 11:05

Votate si, votate pd e queste delizie continueranno anzi aumenteranno..........

IL_CORVO

Mar, 18/10/2016 - 14:29

Ma questa andando in strada alle 4 del mattino con minigonna e chiedendo un passaggio..pensava di trovare l'esercito della salvezza o gli scout a quell'ora e in quella situazione?Via..siamo obiettivi..c'e' gente che le rogne se le cerca con il lanternino....