Viaggio nella polizia: gli agenti stanno coi Forconi?

Stipendi bloccati a 1.300 euro e mangiati dalle tasse, straordinari non pagati e il disagio di non arrivare a fine mese. Gli agenti della mobile senza casco: "La misura è colma"

Da Torino a Genova, da Milano a Gela i Forconi hanno fermato l'Italia e obbligato la politica ad ascoltare l'urlo di dolore di milioni d'italiani strozzati dalla crisi economica e dalla recessione. Nonostante i soliti infiltrati (antagonisti per professione) abbiano dato sfogo alla propria indole violenta, non sono riusciti a zittire quella che è una protesta lecita e tutt'altro che cruenta. Protesta a cui sembrano essersi uniti anche alcuni poliziotti che, in più occasioni, hanno tolto il casco e si sono messi a marciare al fianco dei manifestanti (guarda: video 1 - video 2). "Anch’io ho tolto il casco, molto volentieri - spiega al Corriere della Sera un agente scelto del reparto mobile della polizia che ieri a Torino si è tolto il casco tra gli applausi della gente - i motivi della protesta li viviamo anche sulla nostra pelle. E se la situazione non cambia, la disobbedienza civile rischia di dilagare anche fra le forze dell’ordine".

Le immagini dei poliziotti che marciano accanti ai Forconi hanno subito fatto il giro dei media. Frame che colpiscono perché riassumono bene la ferita aperta di un Paese in ginocchio. "Il nostro gesto è stato strumentalizzato", si affretta a chiarire ai microfoni di TMNews uno dei nove poliziotti che ieri presidiava l'Agenzia delle Entrate in corso Bolzano a Torino. In nove per tenere sotto controllo oltre trecento manifestanti. "Cosa avremmo dovuto fare? Ci siamo tolti i caschi come ha ordinato il nostro superiore, come gesto distensivo verso la folla inferocita", racconta il giovane che viene da fuori Torino e che oggi è in servizio davanti a Palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale del Piemonte, dove sono venuti a manifestare operai della Fiom in cassa interazione e studenti universitari. "Ieri abbiamo lavorato tredici ore di seguito senza quasi bere o mangiare - continua - abbiamo fatto straordinari che non ci verranno pagati. Fa parte del nostro lavoro. Certo che anche noi poliziotti vediamo le cose che non vanno in questo paese, siamo lavoratori come gli altri, padri di famiglia spesso". Proprio per questo molti solidarizzano con la protesta. D'altra parte sono lavoratori come gli altri. Ieri sera, la questura di Torino ha escluso che dietro al gesto di togliersi il caso ci sia "la condivisione delle istanze dei manifestanti". Poliziotti, carabinieri e finanzieri si sarebbero tolti i caschi antisommossa solo dopo che "sono venute meno le esigenze operative che ne avevano imposto l’utilizzo". "Anche se è un gesto che qualche volta si usa fare per stemperare il clima - ribatte l'agente intervistato dal Corsera - in questo caso, quando è arrivato un ordine in questo senso, lo abbiamo fatto davvero con piacere".

Nel 1968, dopo gli scontri di Valle Giulia, Pier Paolo Pasolini aveva cantato la nobilità del lavoro dei poliziotti, "figli di poveri" che "vengono da periferie contadine o urbane". Non bisogna scomodare Pasolini, né tantomeno farci sorprendere dalle interviste che nelle ultime ore popolano i quotidiani per capire che gli agenti - poliziotti, carabinieri o finanzieri che siano - soffrono lo stesso disagio dei Forconi che nelle ultime ore riempiono le piazze d'Italia e denunciano le ferite della crisi. D'altra parte i problemi sono sempre gli stessi: la pressione fiscale che leva il fiato, gli stipendi bloccati, la crisi economica a cui sono appese milioni di famiglie famiglie e il disagio di non arrivare a fine mese. Ebbene, è questo il disagio che ha spinto alcuni poliziotti a sfilarsi il casco e andare a stringere la mano ai manifestanti. Quegli agenti sono gli stessi che, per 1.300 euro al mese, vanno a prendere sputi in faccia e bombe carta sulla schiena da No Tav e no global, pattugliano le strade per renderle più sicure, rischiano la propria vita per assicurare la nostra incolumità. "Viviamo una situazione di estrema difficoltà, quando facciamo ordine pubblico stiamo tutto il giorno in strada - racconta un agente - ci tagliano gli straordinari. La verità è che anche noi non ne possiamo più. E se la situazione non cambia, e anche piuttosto in fretta, molti vorranno legittimamente unirsi alla protesta con gesti di disobbedienza civile".

Anche i sindacati non hanno mancato di dare la propria solidarietà agli agenti in servizio. "Condividiamo e plaudiamo al gesto di quei poliziotti che si sono tolti i caschi in segno di solidarietà con quella parte dei manifestanti che ha pacificamente mostrato il proprio disagio per la grave crisi che attraversa l’Italia", commenta il segretario nazionale dell’Ugl Polizia di Stato, Valter Mazzetti. "Togliersi il casco - aggiunge il segretario del Siulp, Felice Romano - in segno di manifesta solidarietà e totale condivisione delle ragioni a base della protesta odierna è un atto che per quanto simbolico dimostra però che la misura è colma".

Commenti

a.zoin

Mar, 10/12/2013 - 16:11

Se la politica rimane inattiva, vedendo queste dimostrazioni, ci sarà un`escalazione totale. Questo è la fine del COMUNISMO ITALIANO. Perciò cominci il signor Napolitano a lascare le quinte,con lui tutti i ladroni che negli ultimi decenni hanno rubato agli Italiani e appoverito il belpaese.

glasnost

Mar, 10/12/2013 - 16:15

Basta coi magistrati di CC a 500.000EU, a Befera con 450.000 ai senatori a vita che sono già ricchissimi e gli diamo altri 80.000EU oltre agli incarichi supplementari, basta con le parole che non ci interessano affatto come spread o continuità del governo o luci che si vedono in fondo al tunnel ed economia che comincia a crescere. Basta, diceva bene un manifestante : Imprenditori ridotti alla miseria, non uccidetevi ma ribellatevi (uccidete chi vi riduce così).

Granpasso

Mar, 10/12/2013 - 16:16

Bravi!!! Siamo noi l'Italia... tutti noi! Urliamolo con orgoglio nel nostro paese e in europa... urliamolo a politici, burocrati e conquistatori d'oltralpe!! L'Italia s'è desta...

lamwolf

Mar, 10/12/2013 - 16:18

E' un bel segnale per la popolazione e vuol dire che la misura è colma, che la gente non ne può più di essere vessata dallo Stato e dai politici che sanno sono rimpinguare i propri conti correnti. Quante iniziative, emendamenti, leggi e riforme questo governo Letta? ZERO, anzi qualche cosa è stato fatto cambiare nome all'Imu e tartassati. Basta voglimao gente nuova e che pensi a presentare un nuovo paese e dove i nostri figli potranno avere un futuro degno. Questi vechi politicanti devono cambiare mestiere ci hanno portato alla rovina ostaggi di un'Europa vergognosa dalla quale dobbiamo uscire al più presto. Basta fare gli interessi della Germania che sta vincendo la terza guerra mondiale, questa volta quella economica. Dobbiamo quindi essere solidale e compatti per debellare questo fenomeno negativo chiamato il sistema del nulla e della rovina.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 10/12/2013 - 16:33

Una Nazione dissanguata per arricchire gli schifosi finanzieri di Wall Street e i loro servi.

Baloo

Mar, 10/12/2013 - 16:39

Attenzione però al reato militare di disobbedienza all'ordine del funzionario responsabile del servizio !

eloi

Mar, 10/12/2013 - 16:43

lamwolf. scrive che la germania stà vincendo la terza guerra mondiale, conquistando e sottomettendo economicamente l'Europa. Anche i Panzer di Hitler conquistarono Parigi, assediarono Mosca. Non si contentarono. Iniziò la loro disfatta. Se non arretra sarà per loro una nuova disfatta.

rinaldo

Mar, 10/12/2013 - 16:58

Sono con loro, forconi e polizziotti. Il limite è stato superato con abbondanza, solo a Roma non si accorgono di niente. Vergogna e vergogna anche chiudere la trasmissione QUINTA COLONNA che dava voce a noi tutti, peccato ai vertici FININVEST si sono bevuti il cervello.

piantagrassa

Mar, 10/12/2013 - 17:05

BRAVO glasnost!!!! BRAVI le forze dell'ordine che si sono tolti il casco!!!!!! BASTA con questi politici che vivono a mangiano di politica e si comprano pure le mutande con i nostri soldi, BASTA con regioni e province e tutti quegli enti inutili fatti x mangiare soldi, BASTA con gli impiegati statali che timbrano e poi escono a farsi i cavoli loro, BASTA con le parole vogliamo i FATTI!!!! Siamo un Paese triste e impoverito per colpa di tanti politici delinquenti, Napolitano avrebbe dovuto essere il primo a tagliare le spese del quirinale e invece..........è 60 anni che mangia!!!!!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 10/12/2013 - 17:06

La Germania è sempre stata il nemico naturale delle restanti nazioni europee. Ce lo insegna la storia.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 10/12/2013 - 17:10

L'europa è stata creata per evitare i futuri conflitti fa le nazioni europee con un solo mezzo, Il calabraghismo di fronte alla Germania e alla sua voglia di superiorità teutonica.

comase

Mar, 10/12/2013 - 17:11

Questo' il segnale stiano attenti i politici le forze di polizia potrebbero rivoltarsi contro di loro! MAGARI!!!

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 10/12/2013 - 17:14

Le belle notizie finalmente arrivano, speriamo si continui così. Dovremmo ribellarci tutti, a parte gli idioti trinarciuti che ragliano solo come e quando vuole il partito. Non c'è Berlusconi al governo? Chissenefrega della crisi, tutti a casa e muti, niente proteste.

Doc71

Mar, 10/12/2013 - 17:25

La gente e'unita, le forze dell'ordine sono con la gente e Voi politici e Lei Presidente???? Forza che si balla!!! .... Qualunque porcheria, lasciate che succeda e dite non e' colpa mia .... Sorridete! Gli spari sopra sono per Voi!!!!

ilbarzo

Mar, 10/12/2013 - 18:04

Quando la misura e' colma e inizia a straripare come sta' avvenendo adesso,sara' bene che i politici inizino a darsi una regolata e comincino veramente a governare per il bene della nazione e dei cittadini tutti,e non pensare soltanto a rubare e riempirsi le tasche di denari,magari prendendoci pure per i fondelli,come stanno facendo adesso.Basta un nonnulla per far esplodere un gran casino.

TruthWarrior1

Mar, 10/12/2013 - 18:05

Per i poliziotti che scavalcheranno i cordoni e si associeranno ai manifestanti, i poteri forti hanno già pensato a sostitiurli con drones e robot che sono programmati ad obbedire ogni comando. Esattamente come sta avenendo in campo militare: meno soldati e più robot. James Cameron regista dei film 'Terminator' volevo propio avvertirci di questo futuro inquietante.

davide1

Mar, 10/12/2013 - 18:17

...e se si girano gli eserciti, e spariscono gli eroi se la guerra poi adesso cominciamo a farla noi non sorridete, gli spari sopra.... Peccato che ci siano sempre i soliti che ci appioppano una bandierina sopra contro tutte le altre bandierine: il principio della disfatta di ogni rivoluzione popolare. Vero a.zion? A casa tutti, TUTTI!!!!

ginomari

Mar, 10/12/2013 - 18:20

Condivido la protesta genuina dei "Forconi", altresì l'atteggiamento degli agenti di polizia, deprecabile invece l'insano gesto di chi si suicida a causa della gravissima situazione politica, economica e sociale. l'insano gesto, se proprio ritenuto ineluttabile, dovrebbe essere meglio finalizzato : ovvero si dovrebbero scegliere dei compagni di viaggio (questi si meritevoli) da portare con sè all'altro mondo, ove possano trovare una giusta ed equa collocazione. Così facendo, l'insano e deprecabile gesto diventerebbe un atto di eroismo e nei secoli ricordato con somma gratitudine !!

Mobius

Mar, 10/12/2013 - 18:21

Approvo che i poliziotti stiano coi forconi e contro i porconi.

ilbarzo

Mar, 10/12/2013 - 18:23

La politica in Italia ha sempre rubato fin dal 1948,quando dal fascismo si e' passati alla Repubblica . Rubare fa parte del loro mestiere ed e' per i politici come una droga, non ne possono fare a meno.Pure ai tempi della DC, rubavano di brutto,pero' una cosa gli andava riconosciuta:Facevano stare bene anche il popolo,mentre i politici attuali ,pensano solo a loro stessi ed alle loro tasche. Credo che qualcosa di brutto stia per succedere.

ex d.c.

Mar, 10/12/2013 - 18:26

Rischiano di finire all'ospedale, senza che i colpevoli vengano puniti o in carcere, qualora siano loro a colpire per difendersi. Giusto che si uniscano ad una manifestazione pacifica e condivisa dagli italiani che sono a fianco delle forze dell'ordine

giottin

Mar, 10/12/2013 - 18:46

Ma sì dai, fate che prendere anche voi il forcone e andate dall'altra parte, ormai se non faranno quello che vogliamo noi "sovrani" la protesta non potrà che degenerare.

tetricus

Mar, 10/12/2013 - 18:52

Quando i poliziotti non risponderanno più agli ordini dei superiori li sostituiranno con i contractors. Non crediate che tutto si possa risolvere così facilmente... Chi detiene il potere sovranazionale non lo mollerà così facilmente.

micdipi

Mar, 10/12/2013 - 19:00

Questo è il momento di buttare giu

Angel7827

Mar, 10/12/2013 - 19:01

quando i poliziotti scioperarono, tempo fà, il ministro la russa disse che secondo lui erano dei figuranti...

ninoinc

Mar, 10/12/2013 - 19:03

E questo è solo l'inizio. Un consiglio ai ns politicanti da "QUATTRO SOLDI": scappate finchè siete ancora in tempo. Ci avete trascinato nel baratro, senza lavoro e con il Paese in mano alla DELINQUENZA. E questa Politica sporca continua a difendere solo i delinquenti senza nessun rispetto per la Gente Onesta. Ormai nelle strade c'è il Far West: si esce alla mattina e non si sa se si rientra sani alla sera, con la speranza che nel frattempo non ti abbiano svuotato anche la casa. L'importante è favorire l'immigrazione clandestina; chi se ne frega se la gente ormai ha perso il posto di lavoro e non riesce più a tirare avanti. Però la Presidentessa della Camera e la Ministra per l'immigrazione non hanno tempo per pensare a queste cose. Il Signore del Colle intanto "sforna" inutili senatori a vita e il Sig. Letta ha promesso che forse nel 2018 comincerà a ridurre i soldi pubblici ai comitati d'affari che si fanno chiamare Partiti. Intanto i cretini come noi continuano a strozzarsi con le IMU, TARES, IUC, TASI e vaff....lo vari. E con questa bella situazione qualcuno pensa che fili tutto liscio ancora per un pezzo !!!????

micdipi

Mar, 10/12/2013 - 19:04

Questo è il momento di buttare giù il palazzo. Rivolta Civile di popolo contro i potenti affamatori senza sigle politiche.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mar, 10/12/2013 - 19:22

la marea monta..........

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 10/12/2013 - 19:55

Oggi nel primo pomeriggio seguendo una trasmissione su SKY, dove partecipava il leader di un sindacato di polizia della Siulp, ho sentito la demagogia alla massima espressione, basta vedere il sito e l'immagine della tessera 2014 parla chiaro, http://www.siulp.it/. Cosa devo ancora aggiungere che da oggi come cittadino i sento meno tutelato verso nella sicurezza.

michetta

Mar, 10/12/2013 - 20:54

C'avete paura e'! Vi state cagando sotto, e'! Questo e' quello che succede nei Paesi illiberali e pieni di politici che fanno i porci comodi loro, fregandosene dei poveri Italiani, che intanto muoiono di fame. Avete promesso e sempre mai mantenuto! Non fate altro che fregarvene del Popolo, che vi ha anche eletto in quei posti che occupate ed ora, quello stesso Popolo, si ribella e vuole la vostra testa! VE NE DOVETE ANDARE DAL PARLAMENTO! Non vogliamo essere piu' diretti da gente come voi! Perfino una trasmissione televisiva che si interessava dei nostri problemi come Quinta Colonna Il Quotidiano di Del Debbio, ci e' stata tolta! Chi e' stato? Come si sono permessi di togliere la voce del Popolo che parlava attraverso essa nelle piazze? Vigliacchi! L'avevamo preannunciato, adesso siamo pronti!

vince50

Mar, 10/12/2013 - 21:58

I poliziotti sono poveri cristi come il resto degli italiani,campano come possono quando e se possono.Arriverà il momento in cui si uniranno anch'essi al resto degli oppressi,allora forse sarà la volta buona.

buri

Mer, 11/12/2013 - 10:40

Alfano può lanciare proclami e minacce, ma se le forze dell'ordine fraternizzano con i manifestanti è la fine del governo e della classe politica, ma anche dello stato come lo conosciamo, il guai è che non sappiamo cosa lo sostituirà