Non solo Sharon Stone Tanti vip da Bocelli per raccogliere fondi

Tutti a Palazzo Vecchio per la beneficenza. Sharon Stone, Reba McEntire, Zubin Metha, Agnese Renzi e anche mr Bee

nostro inviato a Firenze

Eccoli, arrivano pian piano uno dopo l'altro a Palazzo Vecchio davanti al solito muro di flash. Sharon Stone. Reba McEntire. Zubin Metha. Agnese Renzi, molto alta ed elegante in nero. Arriva persino mr Bee. che è qui sorridente alla Celebrity Fight Night invece che in tribuna a San Siro a soffrire per il derby.

Dopotutto questo nel favoloso Salone dei Cinquecento è un evento che gli stilisti Ermanno Scervino e Stefano Ricci organizzano con la Fondazione Andrea Bocelli e il Parkinson Center di Muhammad Ali per raccogliere fondi. Tanti fondi. L'altra sera a Forte dei Marmi, nella cena rituale, il tenore e la moglie Veronica hanno raccolto donazioni per 3,4 milioni di dollari. Una cifra già importante che però il milionario Steward Rahr ha quasi raddoppiato: 6,8 milioni. E ieri sera, quando sono arrivati sul red carpet a Palazzo Vecchio, Veronica ed Andrea Bocelli speravano di raggiungere un totale di dieci milioni con l'asta benefica che sarebbe partita da lì a poco. Si tratta, parliamo della «gara tra celebrità», di un'usanza che gli americani adorano e che ha consentito di raccogliere, finora, oltre cento milioni di dollari per la ricerca. «Non è tanto faticosa la serata - ha spiegato Bocelli - quanto l'organizzazione di un evento del genere». Lui, bisogna ammetterlo, si è concesso fino in fondo, cantando in sala accompagnato dai maestri del Maggio Fiorentino diretti da Metha. È stata la prima uscita ufficiale di un Bocelli destinato a essere protagonista quest'autunno con uno dei dischi più attesi, il suo Cinema (nel quale interpreta colonne sonore famose, un regalo del belcanto).