Lavoro, ora gli italiani non lo cercano neppure

Le statistiche Istat indicano che a febbraio occupati in crescita 1,3% su base annua mentre il tasso di disoccupazione scende all'11,5%

L'Istat ha registrato a febbraio un aumento su base annua del numero di occupati pari all'1,3%, relativamente a 294mila addetti.

Nel periodo dicembre-febbraio si registra una lieve crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,1%, pari a +14 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti a termine. L'aumento riguarda le donne ed è particolarmente accentuato tra gli ultracinquantenni. Sul fronte disoccupazione, il calo interessa uomini e donne ed è più accentuato tra i 15-24enni e gli over 50.

Nel solo mese di febbraio, sale il numero di lavoratori a termine, mentre calano i lavoratori a tempo indeterminato e restano stabili gli indipendenti. Il tasso di occupazione è stabile al 57,5%.

Il tasso di inattività è pari al 34,8%, in aumento di 0,1 punti percentuali su gennaio. Nel periodo dicembre-febbraio alla lieve crescita di occupati si accompagna un deciso calo dei disoccupati (-2,0%, pari a -61 mila) e un aumento degli inattivi (+0,2%, pari a +27 mila). Su base annua, la crescita degli occupati riguarda sia i dipendenti (+280 mila, di cui +178 mila a termine e +102 mila permanenti) sia gli indipendenti (+14 mila). Al netto dell'effetto della componente demografica, su base annua, cresce l'incidenza degli occupati sulla popolazione in tutte le classi di età e si conferma il ruolo predominante degli ultracinquantenni, anche per effetto dell'aumento dell'età pensionabile.

Commenti
Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 03/04/2017 - 11:56

Una disoccupazione all'11,5% è semplicemente inaccettabile. Un governo serio, di fronte a questo dato, dovrebbe immediatamente riconoscere le proprie colpe e dimettersi. Solo un governo liberale sarà in grado di garantire la ripresa in Italia. Ricordo sommessamente che, con i governi Berlusconi, la disoccupazione era al 7,5%.

cir

Lun, 03/04/2017 - 12:36

perSilvio46. il problema e' di fondo ovvero nel libero mercato.. l' italia come altri paesi avendo accettato il WTO, si sono avviati verso il loro declino. I paesi devono scambiasi solo le eccedenze e richiede cosa manca. Siamo in un clima temperato , avevamo un agricoltura piu' che decente. Ora i prodotti grazie alle multinazionali arrivano in ogni luogo provenendo da ogni parte del mondo .Abbiamo perso la fonte autonoma di sostentamento , dobbiamo fabbricare bulloni come dei forsennati in competizione con il terzo mondo per poter pagarci una testa di insalata che arriva dal bangladesch... si chiama globalizzazzione , quella parola che quando il mortadella la pronunciava chiudeva gli occhi come in un orgasmo eterno....

cgf

Lun, 03/04/2017 - 12:42

soprattutto dopo l'ultima esortazione di andare piuttosto a giocare a calcetto... i posti sono pochi ed i kompagni da sistemare molti.

Marzio00

Lun, 03/04/2017 - 13:00

E certo seguono il consiglio del ministro del lavoro: vanno a giocare a calcetto!

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 03/04/2017 - 13:06

Io non credo nei dati istat ci dicano dove sono aumentati i posti di lavoro in quale settore.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 03/04/2017 - 13:06

è quello che vuole il comunismo europeo. il lavoro serve ai miliardi di afromanzi che stiamo importando. noi dobbiamo estinguerci perchè siamo di intralcio al piano kalergi

audace

Lun, 03/04/2017 - 13:40

Alla fine ha vinto lo Stato. Quello che voleva, era convincere gli italiani a non cercare più un lavoro. Bersaglio centrato.

roseg

Lun, 03/04/2017 - 13:59

Ma che dite, oggi le ultime notizie tg, ultimamente la disoccupazione calata dello 0,0000000000001 per mille. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

COSIMODEBARI

Lun, 03/04/2017 - 15:17

@cir...è già dal 2006 che arrivano nei mercati generali dell'ortofrutta, i fagiolini dal Senegal, dove la produzione è concrentata da gennaio a marzo. E' un dato certo perchè toccato con mano, anzi con le mie mani.

antipifferaio

Lun, 03/04/2017 - 15:23

Le solite balle di stato istat...il sud nemmeno lo nominano perché è un cimitero per quanto riguarda il lavoro...ma se ne accorgeranno dopo le elezioni quando si sveglieranno tramortiti dal loro letargo dorato e ovattato dei palazzi del potere...

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Lun, 03/04/2017 - 15:31

I dati (provvisori) a febbraio rispetto al gennaio 2017: indice in calo all’11,5%. La flessione maggiore nella fascia 15-24 anni dove il tasso è al 35,2%, il più basso da quasi cinque anni. Se questi sono dati negativi, significa che il sole raffredda.

VittorioMar

Lun, 03/04/2017 - 16:31

....CHI CREDE ANCORA NEI DATI ISTAT ??...CONFRONTARLI CON I DATI INPS :LE RICHIESTE DELLE INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE SONO AUMENTATE O DIMINUITE ??

Ritratto di bergat

bergat

Lun, 03/04/2017 - 16:32

Disoccupazione all'11,5% forse; ma se consideriamo anche i male occupati (ingegneri che fanno ii venditori o medici che fanno gli infermieri o gli architetti che si accontentano di fare i promotori di enciclopedie etc) forse la disoccupazione supera l'85%.

cir

Lun, 03/04/2017 - 17:22

riflessiva , tu lo fai apposta . non si puo' nascere cosi' come te.

cir

Lun, 03/04/2017 - 17:35

verissimo cosimodebari . Ma non riesco ad accettarlo,non ce la faccio . sopratutto quando mia moglie porta a casa dei pomodori dal supermercato duri come pietre , senza sapore hanno la consistenza del calamaro e sono vuoti e privi di polpa. Le fragole in piena stagione sono come i ravanelli . rosse fuori e bianche dentro dure come una noce.tutto il resto non e' migliore.. tempo fa facevamo la passata di pomodoro , con i sanmarzano belli maturi, qualcuno aveva la muffa . Ora la muffa non la vedi neanche a piangere... miracoli della chimica della Monsanto .