L'allarme di Confcommercio: "Abusivismo e contraffazione una piaga da 17 miliardi"

Confcommercio: "Abusivismo e contraffazione rappresentano un danno da 17 miliardi annui". Il ministro: "Verso graduale ripresa"

"Le imprese del commercio, turismo, servizi sono stremate, da Nord a Sud. E purtroppo il 2014 non sarà certo l’anno della ripresa sostanziale". A dirlo è il presidente della Confcommercio Carlo Sangalli. Che poi aggiunge: "Non lo sarà anche per la legge di stabilità che se non verrà corretta, lascerà irrisolti i problemi strutturali della nostra economia".

Tra abusivismo e contraffazione il settore del commercio al dettaglio, bar e ristorazione si vede sottrarre complessivamente 17,2 miliardi di euro all’anno di fatturato, per una perdita di imposte dirette e contributi pari a 1,5 miliardi. È quanto emerge da
un’elaborazione dell’ufficio studi di Confcommercio presentata oggi nell’ambito della giornata di mobilitazione nazionale "Legalità, mi piace". Nel dettaglio, l’abusivismo commerciale (sede fissa e ambulante) causa perdite per 8,8 miliardi, pari al 4,9% del fatturato regolare. L’abusivismo nel turismo (bar e ristorazione) costa invece 5,2 miliardi nel 2013, poco più del 10% del volume d’affari del settore. La contraffazione costa invece 3,3 miliardi.

Secondo Confcommercio che parla "di stime per difetto", a causa dell’illegalità rischiano di sparire 43.000 negozi regolari all’anno, insieme a 79.000 lavoratori. Il dato dell’illegalità nel commercio "è molto superiore al Sud e nelle Isole rispetto al resto del paese". Riguardo al settore turistico, bar e ristoranti, nel 2013, il fatturato abusivo nel 2013 dovrebbe attestarsi a circa 5,2 miliardi, il 10% del volume d’affari del settore ( con rischio sopravvivenza per 27.000 imprese e 106.000 occupati regolari).

Illegalità che "si annida nelle professioni, nei servizi e nei trasporti per non parlare del contrabbando" a fronte della quale le imprese del commercio reclamano "tolleranza zero e una maggiore attenzione anche nelle scelte del legislatore", evidenziando come esistano "accanto a forme di illegalità più note alcune specie di concorrenze sleali più subdole ma non meno gravi che vanno contrastate con il massimo rigore". Il presidente di Confcommercio Sangalli chiede con forza "stesso mercato, stesse regole, è questo il principio su cui costruire un contesto economico e sociale realmente sano, legale e concorrenziale".

La preoccupazione della Confcommercio non è condivisa invece dal ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni: "Dopo una crisi grave e prolungata l’attività economica si sta avviando verso una graduale ripresa. Nel 2014 la dinamica del prodotto è stimata pari all’1,1%. A partire dal 2015 la crescita del Pil si porterebbe su livelli vicini al 2%".

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 11/11/2013 - 11:23

secondo Confidustria il popolo derubato dalla Stato potrebbe acquistare borse, scarpe e vestiti a 300 - 800 euro ? sarebbero comunque rimasti sugli scaffali ai commercianti.

gamma

Lun, 11/11/2013 - 11:42

In un paesino della Calabria ho visto un vecchietto con un tavolinetto piazzato davanti alla sua casa con una decina di caffettiere Moka che faceva il caffè a chi glielo chiedeva. Non chiedeva denaro ma erano gli stessi "clienti" che davano liberamente ciò che credevano. Ho assaggiato quel caffè ed era buonissimo. Migliore del caffè del bar. C'erano anche i vigili urbani che lo prendevano. E' un evasore? Per me è un santo che dimostra come per centinaia di anni gli italiani sono riusciti ad andare avanti a dispetto della gentaglia che frequenta certi postacci alto-locati e che pretende di dare lezioni di etica.

soldellavvenire

Lun, 11/11/2013 - 11:58

toh che strano! dobbiamo pensare ad un'autodenuncia? sarebbe la prima volta che una "conf-qualcosa" ammettesse le sue colpe, che siano impazziti? bene, sarebbe ora

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 11/11/2013 - 12:04

Egregio presidente letta lei che ha le palle d'acciaio e la bocca larga ,non crede che con qualche tassa in più le PMI e l'artigianato,presi come le galline dalle uova d'oro,nel 2014 spariranno dalle partite iva?? Non crede che si possa fare un piccolo taglio agli spendaccioni di stato ed in particolare quel pozzo senza fondo dove naviga il nostro re george. Siete sempre molto veloci quando dovete tagliare ai piccoli mentre se si tratta di togliere qualche centesimo ai boiardi di stato non ce la fate nemmeno coll'ausilio dei saggi?? Il suo governo egr.letta è una testa di ponte per estromettere il Cav e basta.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 11/11/2013 - 12:08

QUOTO gamma sei molto saggio

Baloo

Lun, 11/11/2013 - 12:09

Quante risorse hanno i signori industriali sull'Unione Ban che Svizzere? 200 miliardi? Perché il governo continua a rapinare i pensionati per il cosiddetto rilancio che dovrebbe partire dalla fiscalizzazione degli oneri sociali, cd cuneo fiscale?

Baloo

Lun, 11/11/2013 - 12:12

Sangalli per caso piange il morto per fregare il vivo? Gli facciamo le possidenze immobiliari ed una bella ricostruzione della sua situazione patrimoniale ed economica in Italia ed all'estero? La crisi c'è ma non cerchino di strozzare chi non ha gli occhi per piangere Semmai fuori da questa zozza Europa che ha tradito i suoi scopi.

gneo58

Lun, 11/11/2013 - 12:17

se mai ci riprenderemo, nel senso che non schiattiamo prima di tasse, se va bene sara' intorno al 2020,...se va bene.....

Pietro_81

Lun, 11/11/2013 - 12:18

Mentre la frode fiscale ai danni dello stato deve rimanere impunita. Bravi, prendetevela con i poveracci. Anche detto: prendetevela con voi stessi.

Ritratto di balle.dacciaio..

balle.dacciaio..

Lun, 11/11/2013 - 12:18

e dal 2015 oltre al MES sarà pienamente operativo il FISCAL COMPACT, il CAPESTRO voluto e votato dal pdpdl che prevede tagli e tasse per 50 miliardi di euro all'anno per i prossimi 20 anni

gneo58

Lun, 11/11/2013 - 12:20

l'illegalia' prolifera soprattutto a fronte di uno stato (governanti) asfissiante ed ottuso che pensa solo agli interessi di pochi a scapito e danno di tanti

gian paolo cardelli

Lun, 11/11/2013 - 12:24

Dragon_lord, pensa che chi puo' guadagnare solo vendendo sia anche tanto scemo da imporre prezzi inaccessibili, cosi' non vende? In Economia ogni rapporto e' bilaterale ovvero va visto sempre da due punti differenti: quei prezzi inaccessibili NON sono colpa di chi vende, ma di chi ha tolto valore in mano a chi puo' comprare. Provi a chiedersi CHI l'ha fatto, e se trova la risposta giusta cambiera' anche il suo modo di concepire le elezioni...

electric

Lun, 11/11/2013 - 12:30

Dragon_Lord ha ragione: chi compra materiale contraffatto non comprera' mai materiale autentico, perche' non se lo puo' permettere. E chi se lo puo' permettere non comprera' mai materiale contraffatto, perche' per lui sarebbe vergognoso. Quindi le imprese non perdono nulla in questo senso. Questo comunque non significa che bisogna permettere la contraffazione. Le imprese hanno sbagliato l'individuazione del motivo della loro crisi. Bisognerebbe ricercarle nelle manovre attuate dallo stato.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 11/11/2013 - 12:44

SaccoMANI nel portafoglio vede la luce in fondo al tunnel di montiana memoria? Certo, lui ed il pelatpo pisano palle d'acciaio fuso Joe Condor vivono sul pianeta Marte o meglio nei giardini di Versailles (ops...del quirinale) del sovrano novantenne che li ha accuratamente selezionati. A tagliare questa gente nemmeno ci pensa. E' una vergogna che DEVE trovare una punizione. L'onda è lenta, ma arriva. E travolgerà questi minuscoli politici. Buon voto a tutti!

gian paolo cardelli

Lun, 11/11/2013 - 12:46

Si, si: strozziamo le partite IVA!, che sono solo degli sporchi evasori, tanto poi ci pensera' il "dio stato a dare lavoro e ricchezza a tutti... chi nasce suddito tale rimarra' .

MEFEL68

Lun, 11/11/2013 - 12:53

Saccomanni è uno dei tanti bugiardi o incompetenti che si sono succeduti nel tempo. Basta andare con la memoria agli anni passati o rileggere i giornali dell'epoca per scoprire che gli "esperti" assicuravano nel 2003 una ripresa per il 2004; nel 2004 erano certi la ripresa ci sarebbe stata nel 2005;....e così, di anno in anno, fino al 2012 dove prevedevano che nel 2013 ecc.; ora, nel 2013 sono sicuri che nel 2014...ma chi ci crede ancora?

meloni.bruno@ya...

Lun, 11/11/2013 - 12:58

Il costo del lavoro a superato il livello di guardia.Perchè lo stesso prodotto in Albania costa 10 volte meno che da noi? Perchè in quel paese non hanno sul groppone la grande voraggine burocratica statale insieme ai costi della casta politica!Ecco allora lo si accusano di concorrenza sleale,ma si tratta semplicemente di competere nel mondo globalizzato!

aitanhouse

Lun, 11/11/2013 - 13:05

quante cavolate gli italiani dovranno ancora sorbire da questo e da quelli? non occorre alcuna conf. del c.... per capire dove siamo finiti e dove concluderemo il nostro percorso : basta frequentare centri commerciali e supermercati o le vie della città. Saracinesche chiuse con centinaia di attività dismesse, negozi con i titolari sulle soglie aspettando qualcuno che venga dallo spazio per offrire prodotti superscontati, centri commerciali affollati solo nei corridoi o negli esercizi che offrono consumazioni a basso costo, supermercati dove la clientela compra ormai l'indispensabile. Il ministro continua a parlare di ripresa entro un anno: se non dispone di pratiche magiche, qualcuno lo accompagni un pò in giro :noi gli diciamo solo di non considerare i suoi emolumenti o quelli dei suoi conoscenti per fare previsioni così lusinghiere, giusto perchè mentre questi ultimi crescono, quelli degli italiani già a zero scenderanno sotto zero....ed allora farà un maledetto freddo per tutti.

Duka

Lun, 11/11/2013 - 13:05

Sono troppi i farlocchi sempre con la bocca aperta. Per 2 anni abbiamo ascoltato panzane del tipo" vediamo la luce in fondo al tunnel" oppure " ho salvato l'Italia già sull'orlo del baratro" e una quantità infinita di scemenze simili. Abbiamo cambiato governo ma i governanti sono gli stessi farlocchi di prima. Parlano senza nessuna cognizione di causa. Non sanno nulla o meglio dire non capiscono un caz... di economia reale.

Il giusto

Lun, 11/11/2013 - 13:07

Magari fosse vero...ma temo che un decennio di malgoverno non si risolva in 2/3 anni di crisi!Anche perché finora non si sono visti passi importanti verso la riconquista di posti di lavoro!Ricordo che solo il lavoro ci farà uscire dalla crisi,i tagli alle spese,la lotta alla corruzzione etc etc sono importanti ma non centrali al problema!!!

mitmar

Lun, 11/11/2013 - 13:11

MA quale abusivismo e contraffazione. Confcommercio e tutte le associazioni di categoria come sempre cercano un bersaglio per distogliere dalla realtà. La distruzione sistematica del commercio è cominciata con l'aggressione fiscale ad un popolo che non può per definizione fare fronte comune e da sempre millantato come "evasore". Prima gli scontrini, poi lo studio di settore, che doveva sostituire gli scontrini ed invece si è aggiunto così da avere più facilità di errore. Poi il ricorso fiscale impossibile (sebbene la corte riconoscesse lo stato in errore nel 53% dei casi), poi il 30% di sanzione anticipata solo per poter fare ricorso e scoprire dopo anni di avere ragione e non rivedere più il tuo 30% anticipato. Infine il redditometro. E il registro corrispettivi, e la memoria del registratore, e la conservazione dei rotolini, e la 626, e le ASL, e l'annonaria, ed il suolo pubblico, e la tassa sull'insegna al comune, poi anche alla provincia, poi anche alla Regione perché si vede da tre diverse strade. Ciliegine: l'aumento IVA (che se lo stanno pagando TUTTO i commercianti perché già non vendono così, figurati ad aumentare i prezzi) e tutte le tassazioni locali da cerebrolesi. Ed ancora trattati a sputi dai clienti perché sei tu il colpevole, brutto evasore! Il tutto mentre le associazioni di categoria cianciano e, sotto sotto, cercano poltrone per i dirigenti. Il 27 novembre c'è la prima serrata nazionale. Contro Governo, Parlamento ma anche contro le associazioni di categoria. Ne parla solo Il Giornale! Passate parola!

CONDOR

Lun, 11/11/2013 - 13:27

Sono d'accordo. Non ci sarà nessuna ripresa se non per poche aziende che andranno al traino del resto d'Europa. E tolte le briciole che potranno arrivare dagli altri, qui non si vede nulla che possa far pensare ad una ripresa. Stanno alzando ancora le tasse, e continueranno così. Io lavoro nel settore dell'auto dove non sanno più cosa tassare, tanto da aver distrutto l'intero settore. per il mio capannone (in leasing) pagavo 2500 euro di ICI nel 2011, per passare a 3500 nel 2012, 4.000 nel 2013 e parlano già di un ulteriore aumento del 12%-15% in media per il 2014, cioè arriverò a 4500. I contributi minimi INPS per socio sono passati in 3 anni da 2900 euro all'anno a circa 3400. E' aumentata anche la percentuale INPS sul reddito, le addizionali regionali, bolli, accise, cazzi e mazzi vari.Persino il caxxo di contributo CONAI aumenta!! Il tutto in un momento in cui il fatturato è sceso del 50%. Questo significa uccidere un paese. Vedessi un'inversione di tendenza da parte di questi dementi, allora potrei anche essere ottimista e tornare a sperare di vedere ripartire l'economia. Ma questi stanno continuando sulla strada di Tremonti e Monti. Stanno ammazzando il paese, come scriveva MARCELLO FOA sul suo sito..con il metodo HALAL.

gian paolo cardelli

Lun, 11/11/2013 - 13:32

Ilgiusto: e quel lavoro salvatore del Paese da dove dovrebbe saltar fuori? sentiamo un po'...

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 11/11/2013 - 13:33

L,italia, non potrá mai risalire la China, se non si faranno le riforme necessarie al paese, Adesso viene presentato il conto al paese che ha detto sempre di no a tutte le riforme presentate dal PDL e Berlusconi, Se in Germania una riforma é utile al paese allora questa viene fatta ed é uguale chi é che la vuole fare, In Italia invece non conta Cosa si vuole fare ma chi! é che vuole fare le riforme, questo modo di pensare ha portato il nostro paese alla rovina é il responsabile principale é il PDPCI! che con l,appoggio della Consulta ha bocciato ben 41 riforme presentate da Berlusconi é il pdl!.Se, molti balordi votano un partito come il PDPCI che vuole lo Status Quo delle riforme in Italia, questo non é colpa di Berlusconi, ma di persone che Hanno voluto rovinare l,Italia, Se solo noi pensiamo che in 3 anni grazie alla politica komunista Italiana piu di 1,6 milioni di posti di lavoro sono andati oltre frontiera, Allora non dobbiamo meravigliarci se il nostro paese é arrivato a questo punto, Chi ha appoggiato i giudici e magistrati a distruggere il tessuto Industriale Italiano é stato il PDPCI! É NON BERLUSCONI! MA IL PARTITO KOMUNISTA PDPCI!, chi dice di no alla tav, ai termoval,alle centrali nucleari, al Ponte di Messina é ad ogni riforma, non si deve meravigliare se alla fine lui fará la fame!; CHE COSA INTERESSA AI GIUDICI E MAGISTRATI INSIEME AL PDPCI SE CON I LORO VETI; COSTRINGONO GLI IMPRENDITORI AD ANDARSENE DALL;ITALIA?; SIA IL PDPCI CHE I GIUDICI SE NÉ FREGANO SE SOLO NEL 2012 50,000 GIOVANI ITALIANI HANNO DOVUTO EMIGRARE NELLA SOLA GERMANIA PER TROVARE LAVORO É PANE! SE OLTRE FRONTIERA LA CARINZIA; LA SLOVENIA; FRANCIA; SVIZZERA; OFFRONO SGRAVI FISCALI ALLE DITTE ITALIANE; QUESTE SONO ANDATE VIA DALL;ITALIA CON UN BEL SALUTO! ADESSO CHE SE LA VEDANO GLI ITALIANI RIMASTI COME DEVONO SBARCARE IL LUNARIO! GRAZIE PDPCI! E UN GRAZIE AI GIUDICI E MAGISTRATI! VOI AVETE FATTO UN BUON LAVORO!.

angelomaria

Lun, 11/11/2013 - 13:39

il saccomani ora predige anche il futoro ODDIO troopo parlamento lo sata'trasformando nella MARCHI

Ritratto di balle.dacciaio..

balle.dacciaio..

Lun, 11/11/2013 - 13:41

all'interno della neurozona molte aziende italiane si trovano in diretta competizione con aziende tedesche con produttività ed efficienza superiori, minore costo del lavoro, minore tassazione, miglior rapporto qualità prezzo...col cambio bloccato grazie al neuro è impossibile competere e molti prodotti vengono importati dalla Germania piuttosto che esportati, inoltre la politica del neuro forte ci rende difficile anche esportare ed essere competitivi col resto del mondo...le aziende italiane più deboli spesso a conduzione familiare senza più credito in questo contesto devono scegliere se sopravvivere

angelomaria

Lun, 11/11/2013 - 13:43

non capisco tutta questa agitazione sono riusciti per dire nel mettere ha parte e con conseguenze di cui ora piangonol'unico che poteva aiutare tutti non i pochi ed ora piangete vela'siete voluta ora vorrei saper DI CHI SIA LA COLPA!!!!!

Rossil

Lun, 11/11/2013 - 13:47

Mi spiace per Confindustria ma qui l'unico ad essere lungimirante è Er Saccomanni che con una barzeLetta ci tira fuori dalla crisi nel 2014....

a.zoin

Lun, 11/11/2013 - 14:04

Se non avremmo alcuna ripresa, DOBBIAMO RINGRAZZIARE IL PARTITO DEMOCRATICO, che con il suo odio verso Berlusconi e con la banda di falsi ladroni di cui è composta, sono decenni che stà imponendo alla popolazione Italiana, NON una Democrazia, ma UNA Dittatura. Parlando di riforme, le fanno solamente per il loro portafogli e il loro conto bancario,per il resto se ne fregano.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 11/11/2013 - 14:05

@gamma - dipende da che lato guardi la medaglia: il vecchietto in questione è in pensione con regime retributivo e quindi a spese dei contribuenti italiani e nell'abbondante tempo libero che caratterizza la sua giornata si mette a fare caffè in strada per diletto e per arrotondare, questa volta a spese del probabile unico bar del paese che sui caffè che vende invece le tasse le paga eccome. Comunque... santo subito !!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 11/11/2013 - 14:05

Questi politici sono dei grandi geni quando parlano nel futuro, mentre nel presente sono delle vere teste di legno.

vaigfrido

Lun, 11/11/2013 - 14:15

Caro Sangalli lei parle di abusivismo commerciale (giusto) ma che dire dell'abisivismo fiscale che le associazione da lei presiedute hanno fatto fino ad ora ? E i miliardi che sono finiti illegalmente in Svizzera sono forse stati portati dai pensionati INPS ?Prima di guardare l apagliuzza negli occhi degli altri pensi alla bora (= tronco) che sta nei suoi !

aitanhouse

Lun, 11/11/2013 - 14:40

"abusivismo e contraffazione" fanno perdere 17 miliardi e centinaia di migliaia di posti di lavoro...... Qualcuno comincerà pure a chiedersi da chi e perchè si praticano tranquillamente queste due anomale attività....e ci vuole una bella faccia tosta a denunciare il fatto senza alludere minimamente agli autori.Le città sono state invase da banchetti di extracomunitari clandestini che vendono di tutto (mancano per il momento solo i salumi): è un fenomeno di proporzioni che la conf oggi tira in ballo: non c'è angolo in italia che non sia occupato da abusivi , da dove proviene la merce in vendita? qual'è il monte iva che viene evaso? quali danni si provocano ai commercianti regolari tartassati fino alla morte? Le autorità comunali e di polizia fingono di non vedere, del resto privare questi nostri amici della loro attività produrrebbe solo altri danni: cosa farebbero per vivere? le sottoattività criminali ormai sono col personale al completo ed è inutile cercare lavoro altrove. Una grossa percentuale di clandestini che sbarca è destinata a praticare l'abusivismo, ma chi se ne frega? I buonisti che siedono in parlamento e poltrone ministeriali? allora i 17 miliardi non sono che l'inizio della più fiorente attività, esentasse , esente da contributi , esente da ogni spesa accessoria.

ltani

Lun, 11/11/2013 - 14:46

L'unica ripresa nel nostro paese e' quella degli sbarchi dei clandestini

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 11/11/2013 - 15:44

Saccomanni, l'unica cosa che cresce è la tua pappagorgia.

linoalo1

Lun, 11/11/2013 - 16:10

Come si può credere al Ragionier Saccomà?Ogni giorno ne spara una diversa e noi,ingenui,a crederci!Chissà che,prima o poi,ne indovini una giusta!Poveri noi,in che mani!!Lino.

Ritratto di lohengrin08

lohengrin08

Lun, 11/11/2013 - 16:32

Se Saccomanni dice che che ci sarà ripresa, vuol dire che al massimo restiamo così come siamo.Burocrate da strapazzo.

gedeone@libero.it

Lun, 11/11/2013 - 16:49

Beh, una ripresa c'è: quella della miseria, alla grande!!!

Ritratto di babbone

babbone

Lun, 11/11/2013 - 17:23

le unghie crescono sempre, al contrario dell'economia Italiana, sembra che ha preso una martellata....è cascata e nunricrescepiù

Ritratto di unLuca

unLuca

Lun, 11/11/2013 - 17:44

L'anno prossimo ci sarà la ripresa !!!!!! DI ANNO PROSSIMO C'E' N'E' UNO TUTTI GLI ANNI.........

LAMBRO

Lun, 11/11/2013 - 17:44

DI QUESTO PASSO CI SARA' CERTAMENTE LA RIPRESA Sì.......DELLA MISERIA E DELLA DISOCCUPAZIONE!!! VOTATELI.... VOTATELI........

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 11/11/2013 - 18:29

...Le preoccupazioni della Confcommercio, sfortunatamente non sono solo preoccupazioni ma un dato di fatto che ha inciso fortemente se non determinato la crisi nel settore. Non so spiegarmi le ragioni che portano il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, a non condividere quanto fortemente denunciato dalla Confcommercio. Il nostro è un Paese che, commercialmente parlando, vive nella più completa illegalità; I regolari non godono di alcuna protezione da parte degli organismi che dovrebbero mantenere l'ordine nel settore per cui, non di rado si notano ambulanti abusivi che si fermano e sostano con le loro mercanzie innanzi ai negozi, analogo è il problema dei produttori a causa delle contraffazioni. Ministro si svegli, è già troppo tardi.

clamajo

Lun, 11/11/2013 - 18:37

@soldellavvenire. Fatti una partita iva e vediamo come te la cavi...quanto mi piacerebbe vederti dall' altra parte, sono sicuro che il tuo cervello farebbe tramontare il "sol dell' avvenire" in un paio di giornate.

Massimo Bocci

Lun, 11/11/2013 - 18:40

Torneranno a crescere???? Nel REGIME, tasse, balzelli EURO, miseria, disoccupazione, disperazione, fame,immigrazione selvaggia, e soprattutto gli AGI dei SERVI cooptati del regime LADRI47, i costituenti sodali di MAFIA per la TRUFFA47 ed Euro, cioè tutto come da norme COSTITUZIONALI, per gli schiavi Italiani e pensare che nel 99 potevamo DEMOCRATICAMENTE appenderli per i piedi.....in piazzale Loreto.

Ritratto di GOTTAPA

GOTTAPA

Lun, 11/11/2013 - 18:43

SACCOMANNI stà raccondando una SACCOVALANGA di BALLE, tutti i parametri e gl'indicatori di settore dicono la triste verità che è questa,anche per il 2014 non ci sarà ripresa in italia a causa di leggi e tasse che costringeranno le piccole e medie imprese a diminuere le esportazioni e le vendite sui mercati nazionali ed esteri, così di conseguenza si ridurranno ancira i consumi e i posti di lavoro diminuiranno. BUFFONE.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 11/11/2013 - 18:44

Abusivismo e contraffazione, eh? Ma non sono una specialità degli immigrati clandestini? Ogni giorno, evidentemente, qualcuno scopre l'acqua calda.

unosolo

Lun, 11/11/2013 - 20:11

non bastano gli aumenti della IVA e delle accise se non si vende qualcosa che incide moltissimo sul bilancio , abbiamo sulle spalle milioni di persone " parassiti" che sosteniamo con le tasse e l'IRPEF , senza le aziende e senza lavoro no potremo affrontare quelle spese , i parassiti sono e lo sappiamo , politici , sindacalisti e tutti gli appartenenti alla PA ovviamente il personale eccedente e dirigenti con stipendi altissimi , comunque non nella norma , le istituzioni che sprecano miliardi , e il mantenimento dei vitalizi oltre al doppione dei vari uffici e distaccamenti con eccesso di personale dirigente , insomma lo spreco sia istituzionale che politico . Senza tagli non si elimina il debito e si crea disoccupazione.

zen39

Lun, 11/11/2013 - 20:18

Tornerà a crescere la nostra incazzatura ! Ormai non vi crede più nessuno servitori della Merkel. Voleva dire "continuerà a crescere la Germania " grazie alla cretinaggine dei politici italiani.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 11/11/2013 - 20:39

PER FORZA TUTTI GLI EXTRA CHE ENTRANO PORTANO DEGRADO CONTRAFFAZIONE DELINQUENZA VENDITE IN NERO ABUSIVISMO...TUTTE COSE CHE FANNO GOLA AI COMUNISTI, PIU' C'E' CASINO E PIU' LORO GODONO. ABBIAMO LE CITTA' CHE ORMAI SONO DIVENTATE DELLE PATTUMIERE E DELLE DISCARICHE...MARCIAPIEDI SPORCHI, NEGOZI SPORCHI, VIA E PIAZZE DECADENTI PIENE DI GENTE CLANDESTINA, UN ESEMPIO E' LA PIAZZA DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO E DINTORNI...

gentlemen

Lun, 11/11/2013 - 20:45

Saccomanni, ci spieghi con chiarezza COME e PERCHE' dovrebbe riprendere la crescita,e sia molto chiaro perché sembra che solo Lei sia detentore di questo segreto.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 11/11/2013 - 22:05

...Saccomanno! Faccia il suo dovere! Si impegni per far ripulire, in sinergia con il collega degli interni, l'Italia da questa marmaglia di commercianti abusivi, falsificatori, contraffattori, truffatori o autori di delitti di natura economica ai danni della pubblica amministrazione con particolare attenzione ai politici; Se sarete capaci di raggiungere questo obbiettivo, a salvare il nostro Paese dalla crisi, ci penseranno i tanti onesti e laboriosi cittadini; Caso contrario, le sue previsioni di crescita del 2014 e 2015 saranno irrealizzabili. Si sa già che non sarete capaci di realizzare quanto proposto, perché non siete in grado di governare, come si converrebbe che, un Ministro capace, governasse. Diciamocelo pure, tirate a campare come tutti, per portare il pane a casa.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Lun, 11/11/2013 - 22:35

pagliacci

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 12/11/2013 - 00:27

Chissà perché questi ciarlatani di governo sentono il bisogno di rassicurarci come facevano un tempo i comunisti con le loro PECORE TRINARICIUTE, ALLE QUALI RACCONTAVANO LA STORIA DEL SOL DELL'AVVENIRE. Oggi il sol dell'avvenire è diventato un LUMICINO IN FONDO A UN TUNNEL, del quale però non ci specificano la lunghezza.

Baloo

Mar, 12/11/2013 - 05:32

Saccomanni è pronto per essere disilluso. L'Italia con Letta e con lui è destinata al disastro. Non vedo segni di raddrizzamento della "Concordia " europea. W l'Italia libera! (non lager della Germania !)

mares57

Mar, 12/11/2013 - 07:39

Totalmente al di fuori del mondo reale.In piemontese c'è un detto:"A coeiu le busche e a lasu scape' i trau." Non lo capirà quasi nessuno, ma tant'è non lo capirebbe quasi nessuno nemmeno tradotto in italiano!

millycarlino

Mar, 12/11/2013 - 08:05

Ai tempi dell'impero fascista era di moda una canzone, buona anche per l'impero attuale del PD "Aspetta e spera che già l'ora si avvicina......." Finiranno di fare promesse quando qualcuno entrerà alla Camera con piche e forconi e allora ritornerà di moda la canzone della rivoluzione francese. Milly Carlino

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 15/11/2013 - 13:07

Inutile parlare sempre delle stesse cose. Mi trovavo due anni fa in Russia e già sapevano che il Sindaco di Prato credeva di aumentare il lavoro dando la possibilità ai Cinesi di impossessarsi delle strutture per la lavorazione del pellame. Ma il deficiente di Sindaco, non ha pensato che i Cinesi a Prato mandano nel loro paese circa DODICI MILIARDI di Euro ogni anno i quali non vengono investiti e contribuiscono con gli altri circa DIECI MILIARDI esportati dagli exstracomunitari, ad impoverire l'Italia. Questo a chi governa non fa un BAFFO e poi reclamano che non hanno soldi, ma pagano pensioni a persone che sono nel mondo che non sanno nemmeno do'vè l'Italia,a exstracomunitari e parenti. Siamo un POPOLO di MERDA e nella MERDA AFFOGHEREMO, perchè se vogliamo un giorno sopravvivere, dobbiamo inchinarci allo STRANIERO.