L'apertura del governo: "Contributo di equità sulle pensioni più alte"

Beretta apre alla proposta dell'Inps di chiedere un contributo ai pensionati più ricchi per aiutare i disoccupati

Pensionati in attesa in un ufficio dell'Inps

"La trasparenza è uno strumento di democrazia e consente di avere gli elementi per andare a correggere eventuali storture. Bisogna farsi carico delle conseguenze, questo è fuori discussione". In un'intervista al Quotidiano nazionale, il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, accoglie con favore l'operazione trasparenza lanciata dal nuovo presidente dell’Inps Tito Boeri e apre alla proposta di chiedere un "contributo di equità" ai pensionati che ricevono pensioni alte.

Per Beretta l’applicazione del contributo di equità proposta da Boeri dipende dalle soglie. "Vanno tutelate le pensioni medio-basse - spiega - bisogna intervenire non a tabula rasa ma solo in quelle situazioni in cui sono state percepite pensioni con un valore superiore ai contributi versati. Questo è un criterio molto corretto e di equità. L’operazione è buona ma bisogna poi vedere come applicarla". Sulla soglia oltre la quale applicare il contributo di equità il sottosegretario invita a fare "una discussione con una responsabilità collettiva sia delle istituzioni sia del governo".

Dopo la cura Fornero, il governo sta studiano altre "medicine" per mettere in ordine il sistema pensioni. Lo stesso Beretta, nell'intervista a Qn, fa notare che, sebbene la struttura di fondo regga, servono ancora "degli aggiustamenti, come la flessibilità in uscita". Per Beretta il governo deve "consentire cioè ai lavoratori di non essere inchiodati all’asticella fissata dalla Fornero, che ormai è tra i 66 e i 67 anni, ma di poter uscire qualche anno prima con un assegno ridotto".

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Sab, 04/04/2015 - 11:21

Perché non lo chiede ai maiali della politica e del sindacalismo corrotto e deleterio???

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 04/04/2015 - 11:40

Attenzione, chi tocca muore. Non si può chiedere oltre a chi la pensione l'ha pagata versando contributi veri, cioè soldi veri ogni mese, ai quali per altro viene restituito un elemosina. Bisogna toccare tutti quelli che non hanno versato nulla e per legge si ritrovano pensioni mai da loro versate, ma rubate, con la scusa della solidarietà, a quelli che hanno versato.

Anonimo (non verificato)

peterparker

Sab, 04/04/2015 - 12:15

Toccare i diritti acquisti e' incostituzionale caro boero. Per i sinistri le pensioni alte sono quelle dai 2mila lordi in su. Come al solito le pensioni d oro, i super vitalizi dei politici non verranno toccati. Volete risparmiare ? Usate per il Paese tutti i soldi che vi mangiate con la finta solidarieta' agli extracomunitari.

Ritratto di drazen

Anonimo (non verificato)

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Sab, 04/04/2015 - 12:47

giusto contributo di solidarietà, per coloro che NON hanno versato contributi corrispondenti (vedi politici e accozzaglia regionele e affini e collaterali) e primo fra tutti quella testa di cavolo di Capanna

Giovanmario

Sab, 04/04/2015 - 12:54

chissà cosa ne penserebbe ciampi.. che dichiara circa ottocentomila euro l'anno di pensioni varie

Fradi

Sab, 04/04/2015 - 12:54

Toccate la pensione di chi ha versato contributi tutta la vita e scoppia la rivoluzione.

VittorioMar

Sab, 04/04/2015 - 12:58

Prima di terrorizzare il Paese debole,riducete gli stipendi ai dirigenti pubblici,ai manager,ai politici nazionali,regionali,comunali,riducete gli sprechi ,enti inutili ecc. date il buon esempio il popolo apprezza.Non trinceratevi dietro ai diritti acquisiti,alle sentenze.

agosvac

Sab, 04/04/2015 - 13:14

A parte che essendo io un pensionato tra quelli medio/bassi, più bassi che medio, qualsiasi risoluzione non mi potrebbe colpire, mi domando come mai si pensi alle pensioni alte quando ci sono stipendi di lavoratori altissimi!!!!!!! Per non parlare dei politici sempre pronti a non rinunciare a niente dei loro più che lauti stipendi!!! Caro Renzi, capisco perché non vuole andare alle elezioni: nessuno tranne i poveri dementi, voterebbe più per lei!!!

Ritratto di caviste

caviste

Sab, 04/04/2015 - 14:53

Ma in che mondo vive Boeri!!! Considera che una pensione di Euro 2000,-- lorda è elevata ma chi vuole prendere in giro.

Ritratto di romy

romy

Sab, 04/04/2015 - 17:52

Caro Sottosegretario Baretta,adesso si potrebbe giocare con la corrente a 3000 Volts,non sono noccioline adesso,non si parla di semplici Imu o Tasi dove è andata ancora bene,ma di sangue e carne di milioni di famiglie Italiane che si trovano sull'orlo di una crisi di nervi e che vivono una vita di stenti mentre assistano ai baccanali delle caste e super-caste,studiatevi bene la faccenda adesso,meditateci bene,che poi sarà difficile far dietro-front,senza danni o ancora peggio per tutti.

Paggero

Dom, 05/04/2015 - 12:32

Secondo l'articolo 3 della costituzione la legge dovrebbe essere uguale per tutti senza distinzione di condizioni personali e sociali e non differente tra ricchi e poveri come poi descritto nell'articolo 53 (contrario evidentemente al 3) dove il sistema tributario è informato a criteri di progressività. I "meno poveri" già pagherebbero di più anche con aliquota unica (art. 3)- Esempio al 30% fisso. Pensione € 1.000 tassa € 300 - pensione € 4.000 tassa € 1.200 - O NO!!!