Moody's minaccia già il governo: "La manovra si rifletterà sul rating"

Il capo economista attacca il governo: "Questa finanziaria è un errore". E minaccia il downgrade: "Si rifletterà tutto sul rating dell'Italia"

L'agenzia di rating Moody's

"Questa finanziaria è un errore". Dalle colonne della stampa parte la prima minaccia delle agenzie di rating al governo gialloverde. In una lunga intervista Mark Zandi, capo economista di Moody's Analytics, non solo critica la manovra economica ma fa intendere che il declassamento del sistema Italia potrebbe essere alle porte. "È logico aspettarsi che le preoccupazioni sull'Italia manifestate in questi giorni dai mercati - spiega - si rifletteranno anche nelle prossime valutazioni delle agenzie di rating".

Nell'intervista alla Stampa Zandi non anticipa il giudizio che la stessa Moody's darà alla fine del mese, ma avverte tratteggia un quadro a tinte fosche che fa presagire l'avvicinarsi di una tempesta perfetta contro il governo Conte. "Certamente quello che sentiamo non è un plus per l'outlook fiscale dell'Italia - spiega l'economista - il giudizio dei mercati come quello delle agenzie di rating, non si basa sulla politica ma sui numeri, che sono dati oggettivi e uguali per tutti". Dichiarazioni che contrastano fortemente con quanto credono Lega e Cinque Stelle. "Dietro questa impennata c'è una manovra finanziaria di speculatori alla vecchia maniera, come 25 anni fa con George Soros, per comprarsi in saldo le aziende italiane - ha spiegato nei giorni scorsi Matteo Salvini - chi pensa di speculare perde tempo, a nome del governo dico che non torneremo indietro". Per Zandi la realtà è un'altra: "Gli investitori, che per la maggior parte sono persone come noi, mettono i loro risparmi nei titoli emessi dall'Italia e vogliono essere ripagati. Oggi temono che non rivedranno i loro soldi, almeno in un tempo ragionevole, e quindi chiedono maggiori compensazioni per questo rischio. È naturale - continua il capo economista di Moody's Analytics - se prendi rischi, vuoi avere ritorni più alti per correrli".

Standard & Poor's, che al momento assegna al Paese un "BBB" con outlook stabile, dirà la sua il prossimo 26 ottobre. Ed entro la fine del mese ci si attende anche il pronunciamento di Moody's per cui il giudizio è al momento "Baa2" con outlook negativo, in linea con la proroga del periodo di osservazione cui l'Italia è sottoposta annunciata ad agosto e motivata proprio con la necessità di avere "maggiore chiarezza sul percorso discale del Paese e sull'agenda delle riforme". Lo spauracchio è, appunto, quello di un downgrade, che metterebbe ulteriormente sotto pressione lo spread. Se poi i titoli del debito italiano scendessero addirittura al di sotto del livello investment grade (andando sul junk che però dista al momento due gradini) si andrebbero a restringere anche le future possibilità di intervento da parte della Bce. "Se le preoccupazioni del mercato sulle politiche di bilancio dovessero riemergere c'è un rischio di riaccensione in Italia del legame titoli di stato-banche per effetto dei titoli di stato in portafoglio delle banche italiane e per effetto della loro esposizione all'economia domestica - scriveva ieri il Fondo monetario internazionale (Fmi) - in tale scenario le tensioni del mercato possono allargarsi ad altri mercati dei titoli sovrani in europa come accaduto durante la crisi del debito sovrano in europa e, in modo limitato, già nel maggio scorso".

Commenti

flip

Mer, 10/10/2018 - 10:15

vi scoccia che non ci sia un governo komunista come l'ultimo che ha distrutto l' Italia?

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 10/10/2018 - 10:16

Bene! Della vostra opinione a noi non ce ne può fregar di meno!E state attenti a parlare perchè più parlate e .........Maggio 2019 è vicino!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 10/10/2018 - 10:38

In poche parole, IL GOVERNO CHE GLI ITALIANI HANNO SCELTO NON PIACE A LOR SIGNORI...

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 10/10/2018 - 10:40

Potremmo scegliere il DEFAULT... CI PENSINO SU...

QuebecAlfa

Mer, 10/10/2018 - 10:47

Il destino dello stato della repubblica italiana lo decidono Moody's, Fitch e Standards & Poor's. Non il governo, nè il presidente della repubblica o gli elettori. Se la finanza internazionale "chiederà i rubinetti" allo stato della repubblica italiana, portandolo al collasso economico e alla dissoluzione, sarà a seguito delle decisioni delle agenzie di rating.

elpaso21

Mer, 10/10/2018 - 10:49

"Standard & Poor's al momento assegna al Paese un "BBB" con outlook stabile": e chissene frega.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 10/10/2018 - 10:50

Anche io che non sono Moody's riesco a capire che il castello non e' credibile.

Divoll

Mer, 10/10/2018 - 11:14

E chi e' Moody's? Nient'altro che un'agenzia di rating PRIVATA che puo' fare e dire quel che vuole, a seconda di quel che vogliono le elite finanziarie. Andrebbero mese fuori legge. In ogni caso, ignorate.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 10/10/2018 - 11:16

mamma che paura! si è mosso anche moody's, ci manca solo il parere dell'onu, della nato, e di zia carmela!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 10/10/2018 - 11:35

@ Redazione : noto una strana censura a molti miei post, evidentemente scrivo cose e concetti piuttosto SCOMODI... 3zo tent : Davvero eroici Salvini, DiMaio, Conte, Savona, LEGA e M5*, neanche Fort Apache era stato sotto un attacco simile, da più parti (e piuttosto importanti quali FMI, BIS, BCE, UE) ma non solo, perchè gli attacchi vengono anche dall'interno del Paese, a vari livelli dell'opinione pubblica Italiana, dalla base fino a livelli alti... Sembra davvero una lotta impari, l'unica vera fondatezza è che la risoluzione del GOVERNO proviene dalla CONSAPEVOLEZZA di avere "dietro" molti milioni di CITTADINI ELETTORI ITALIANI, se l'ITALIA è ancora uno STATO SOVRANO DEGNO DI TAL NOME, beh, questo è il momento della Verità.

Mefisto

Mer, 10/10/2018 - 11:40

Se anzichè quella troiata pazzesca del reddito di cittadinanza, ci fosse la flat-tax, saremmo in una botte di ferro.

moichiodi

Mer, 10/10/2018 - 11:52

Minaccia il governo? Fa le sue valutazioni. Non minaccia nessuno. Ma al giornale piace così. Per pelare i commenti.

VittorioMar

Mer, 10/10/2018 - 11:56

....SE TUTTI SONO CONTRO VUOL DIRE CHE LA STRADA E' QUELLA GIUSTA...PER GLI ITALIANI...avanti con questo DEF....!!!

rokko

Mer, 10/10/2018 - 12:38

QuebecAlfa, il destino dell'Italia non lo decide Moody's, lo decidiamo noi, che abbiamo consapevolmente (o inconsapevolmente, chi lo sa) deciso di metterci in mano a Moody's e alle altre agenzie di rating.

rokko

Mer, 10/10/2018 - 12:39

VittorioMar, se tutti sono contro vuol dire che la strada è giusta, esattamente quello che dice sempre chi entra contro mano in autostrada.

agosvac

Mer, 10/10/2018 - 12:43

Che una semplice agenzia di rating possa arrivare a "minacciare" il Governo di uno Stato non si era mai visto!!!

jaguar

Mer, 10/10/2018 - 12:48

Le agenzie di rating sono solamente dei pagliacci, alcuni anni fa avevano garantito la solidità delle banche americane, e sappiamo tutti come è finita.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 10/10/2018 - 12:50

Mefisto, ci si accorge subito che del reddito di cittadinanza non hai capito una beata mazza! Non è come pensi tu e tutti coloro che hanno il cervello ottenebrato dalla mala informazione, regalare soldi a tutti! Se pensi questo sei un vero idiota!

abschied

Mer, 10/10/2018 - 13:26

Ciò che sembra sfuggire a molti dei commentatori di questo articolo è la natura delle società di rating. Si tratta di uffici studi privati che forniscono valutazioni macroeconomiche ad uso degli investitori istituzionali i quali hanno il solo e leggittimo scopo di massimizzare i profitti dei lori clienti minimizzando i rischi. Questo scopo è alla base della società capitalista della quale l'Italia fa parte. Se si contestano i meccanismi attraverso i quali tale scopo è perseguito, si contesta in toto la società capitalista. E' un'opzione offerta alla volontà popolare. Dubito però che coloro che, in nome della volontà popolare, si dichiarano pronti a "mangiarsi lo spread a colazione" come dichiara Salvini siano anche pronti ad rifutare la società capitalista. Avere la botte piena e la moglie ubriaca rimane ancora sinonimo di cosa impossibile.

SpellStone

Mer, 10/10/2018 - 14:18

ma non e' quella che dava A2 a Lehman quando e' fallita?

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Mer, 10/10/2018 - 14:37

Dopo inchieste giornalistiche molto serie sulle agenzie di rating, e sulle loro cantonate storiche, non credo che qualunque investitore dotato di un minimo di raziocinio possa prendere seriamente in considerazione le loro valutazioni.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 10/10/2018 - 15:39

Abbiamo una casa a pezzi e non vorrebbero che usassimo i soldi del conto che poi sono quelli dei risparmiatori per sistemare il tetto, con il pericolo che alla fine perdiamo tutta la casa e ci costerebbe il doppio per ricostruirla. cero che ilredditodi cittadinanza è una boiata pazzesca.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 10/10/2018 - 16:09

Aorlansky60 - «l'unica vera fondatezza è che la risoluzione del GOVERNO proviene dalla CONSAPEVOLEZZA di avere "dietro" molti milioni di CITTADINI ELETTORI ITALIANI, se l'ITALIA è ancora uno STATO SOVRANO DEGNO DI TAL NOME, beh, questo è il momento della Verità.» Sottoscrivo con una riserva: le prove di forza nei limiti del possibile è meglio evitarle. Questo lo dico soprattutto a chi insiste nel difendere certo "status quo di certo deep state" che oggi non risulta essere gradito. Questi di ora possono come tutti gli umani fare errori, ma tacitarli ancor prima di portare in parlamento una legge che potrà essere discussa e mi auguro migliorata, è sul serio un atto di prepotenza meschino, da abiurare.

flip

Mer, 10/10/2018 - 17:11

le agenzie di rating, sono al soldo degli speculatori e non sono autonome.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mer, 10/10/2018 - 17:43

Chissenefrega! Lo Stato torni a offrire il debito pubblico ai soli Italiani.

HARIES

Mer, 10/10/2018 - 19:37

Moby-Dick minaccia l'Italia. Subito un pool di esperti magistrati che indaghino e incastrino per truffa e speculazione quei signori che si permettono di alzare la voce. E contemporaneamente colpire anche chi in Italia fiancheggia questi criminali! Per l'occasione rivedere la possibilità di costruire un super carcere a Gaeta.

5stardust

Mer, 10/10/2018 - 19:46

la soluzione è molto semplice la valutazione la chiedono gli stati quindi basta non chiedere più alle agenzie di rating e tutto è risolto ma rimane un piccolo problema chi ci darà i soldi per pagare gli interessi del debito e la spesa corrente stipendi dei servizi pubblici , reddito di cittadinanza,pensioni etc etc alcuni come salvini lo chiederà oppure li prenderà dai risparmi degli italiani con tasse , patrimoniali etc etc ecco la flat tax al 70-80% che però pochi pageranno visto che ci saranno poche imprse e poco lavoro MA SAREMO UNO STATO SOVRANO, UNA REPUBBLICA DELLE BANANE SENZA NEPPURE LE BANANE ci sono circa 4000 md di risparmio in italia li mangiamo tutti poi venderemo monumenti , palazzi ed opere d'arte

moichiodi

Mer, 10/10/2018 - 19:56

Minaccia.... E il giornale fa a gogò

moichiodi

Mer, 10/10/2018 - 20:03

@carlorovelli. Me ne frego! Come si maio e salvini. Poi penso, i treni, le scuole, gli ospedali, esercito, polizia, i comuni le regioni . questa montagna di soldi ce li hanno i soli italiani stranieri-cittadini italiani compreso?

Ritratto di capcap

capcap

Gio, 11/10/2018 - 10:18

Smettiamola col vittimismo! Sappiate che le società di rating e quelle di revisione INFRANGONO TUTTE L'ART. 640 del Codice Penale...... TRUFFA!