Ora l'Ocse boccia Quota 100: "Rallenta la crescita dell'Italia"

Il report per il 2019 inchioda l'Italia: "L'economia si indebolisce". E prevede la recessione. Stroncati il reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni. Ma Di Maio: "No intromissioni"

"Dopo una modesta ripresa, l'economia si sta indebolendo". Nel report sull'Italia, l'Ocse conferma le stime dell'Interim Economico Outlook, rilasciato lo scorso 6 marzo, secondo cui il pil dovrebbe registrare una contrazione dello 0,2% nel 2019 e un aumento dello 0,5% nel 2020, e intravede già la recessione. A pesare sulla ripresa, a detta degli analisti dell'istituto di Parigi, sarebbero proprio le misure messe in cantiere dal governo gialloverde, dalla riforma delle pensioni con "quota 100" al reddito di cittadinanza. "Il tenore di vita degli italiani è quasi pari a quello rilevato nel 2000 - si legge - negli ultimi decenni le grandi disparità regionali si sono ampliate".

L'Italia in recessione

L'Ocse suona l'allarme sull'economia italiana. Dalla crescita all'occupazione, tutti i numeri contenuti nel rapporto economico pubblicato oggi hanno davanti il segno meno. "L'Italia - ha annunciato il segretario generale Ocse Angel Gurrìa - è ufficialmente in uno stallo della crescita". Secondo l'istituto di Parigi, il disavanzo delle finanze pubbliche passerà dal 2,1% del pil nel 2018 al 2,5% nel 2019 e l'indebitamento crescerà al 134% del Pil nel 2019 e al 135% nel 2020. Ancora in rialzo il tasso di disoccupazione che dal 10,6% del 2018 crescerà al 12% nel 2029 e al 12,1% nel 2020. In flessione, invece, l'inflazione che rallenterà dall'1,2% del 2018 allo 0,9% nel 2019 e allo 0,8% nel 2020. E ancora: il tasso di disoccupazione crescerà al 12% dal 10,6% del 2018 e nel 2020 salirà ancora al 12,1%. "Sebbene il tasso di occupazione sia aumentato, è ancora uno dei più bassi tra quelli dei Paesi dell'Ocse", sottolineano gli analisti facendo notare che "la qualità del lavoro è bassa", che "la discrepanza tra gli impieghi e le qualifiche dei lavoratori è elevata se raffrontata su scala internazionale" e che "la crescita della produttività è stata debole o negativa negli ultimi 25 anni".

Bocciati Quota 100 e reddito

Una bocciatura su tutti i fronti, insomma, che trova ragione nelle riforme attuate dal governo Conte. Secondo l'Ocse, infatti, quota 100 farà rallentare la crescita, aumentare il debito pubblico e incrementare le disuguaglianze sociali. "L'abbassamento dell'età pensionabile a 62 anni con almeno 38 anni di contributi - si legge nel rapporto - rallenterà la crescita nel medio termine, riducendo l'occupazione tra le persone anziane e, se non applicata in modo equo sotto il profilo attuariale, accrescerà la disuguaglianza intergenerazionale e farà aumentare il debito pubblico". "E un debito elevato - ha spiegato Gurria - limita la capacità di bilancio e fa correre grandi rischi al sistema bancario". Secondo il segretario generale, solo l'agrogazione di 100 consentirebbe di liberare "ampie risorse" per "il sostegno all'occupazione" e per promuovere "equità tra le generazioni". Anche per il reddito di cittadinanza non sono mancate pesanti critiche. La misura fortemente voluta dai Cinque Stelle avrà "scarsi effetti" sulla crescita e "rischia di incoraggiare" il lavoro nero e di "creare trappole della povertà".

Un pacchetto di riforme da attuare

Nelle conclusioni del report, che è stato presentato oggi al ministero dell'Economia, l'Ocse propone "un pacchetto di riforme completo volto ad aumentare la produttività e la crescita dell'occupazione è essenziale per una crescita e un'inclusione sociale più solide". "Per affrontare le sfide strutturali dell'Italia, è necessario un pacchetto di riforme pluriennali che consenta una crescita più solida e inclusiva e ripristini la fiducia nella capacità del Paese di avviare riforme", continua l'istituto di Parigi secondo cui solo in questo modo verrebbe favorito l'aumento dell'occupazione, accresciuto il benessere e accelererata la crescita della produttività. "Entro il 2030 la crescita annuale del pil passerebbe dallo 0,6% previsto con le politiche attuali a oltre l'1,5% - conclude - se combinato con un aumento dell'avanzo primario a oltre il 2%, il pacchetto di riforme proposto contribuirebbe alla diminuzione del rapporto debito/Pil".

Le resistenze del governo

Il report ha trovato forti resistenze all'interno del governo gialloverde. Mentre Giovanni Tria ha ammesso di essere consapevole che bisognerà "fare molto di più", Luigi Di Maio ha invitato l'Ocse a no intromettersi più e a smetterla di "sparare contro l'Italia". "Qualcuno seduto su una scrivania lontano migliaia di chilometri crede che l'Italia per ripartire debba attuare politiche di austerity - ha commentato il vicepremier grillino - le facessero a casa loro". Quindi ha annunciato i prossimi passi del governo: l'abbassamento del carico fiscale alle imprese e gli aiuti alle famiglie.

Commenti

HappyFuture

Lun, 01/04/2019 - 15:10

FINITELA. che è ORA.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 01/04/2019 - 15:22

per questi servi DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, LE PERSONE SONO MERCE, SECONDO LORO LA GENTE DOVREBBE LAVORARE FINO A 70 ANNI E POI MORIRE. PROTEGGETEVI DA COSTORO, VOTATE ED AIUTATE I POPULISTI E SOVRANISTI, SPEGNETE LE TV E NON USATE I MEDIA CONTROLLATI

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 01/04/2019 - 15:27

Facevate prima a dire chi è favorevole a quota 100 (solo il governo). L'Ocse è un'altra congrega di grembiulini: lo sanno anche i sassi (oltre quelli di Matera).

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 01/04/2019 - 15:29

La quota cento non blocca la crescita. Sarò pure noioso nelle mie considerazioni ma la crescita (specie quella industriale o meglio quello della grande industria che dà vera occupazione, cioè crea lavoro produttivo, non di servizi che pesano sull'erario) dipende dai costi di produzione elevati dovuti al costo della materia energia, che è il costo principale dal quale dipendono gli altri come quella dei lavoratori. Cioè se si vuole rimanere competitivi con un costo elevato di materia energia bisogna ridurre quello di manodopera, il che è quasi impossibile se non impossibile del tutto perché la paga di un lavoratore sotto turno sarebbe di circa sette-ottecento euro mensili. Ribadisco quindi la necessità di produzione di energia nucleare messa al bando troppo in fretta per mere questioni di potere da parte di falsi ambientalisti ed i soliti sinistroidi oggi atteggiati a paladini del rilancio dopo averci distrutto.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Lun, 01/04/2019 - 15:29

Gentile dottor Sergio, gentile signor direttore, ma quanti padroni ha l'Italia? Vediamo trasformare ogni stormir di fronda in tempesta burrascosa! Perché mai succede questo? Che, Domine Iddio non voglia, i giornali in lingua italiana hanno padroni che ignorano del tutto la lingua di Dante e con essa gli interessi degli Italiani? Se cassassimo i cinque miliardi e più spesi per i non italiani la vostra Ocse starebbe serena? Perché mai voi non ne fate cenno

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Lun, 01/04/2019 - 15:29

Gentile dottor Sergio, gentile signor direttore, ma quanti padroni ha l'Italia? Vediamo trasformare ogni stormir di fronda in tempesta burrascosa! Perché mai succede questo? Che, Domine Iddio non voglia, i giornali in lingua italiana hanno padroni che ignorano del tutto la lingua di Dante e con essa gli interessi degli Italiani? Se cassassimo i cinque miliardi e più spesi per i non italiani la vostra Ocse starebbe serena? Perché mai voi non ne fate cenno

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 01/04/2019 - 15:31

Dott. Rame, con tutto il rispetto, il disco suona sempre lo stesso brano: faceva prima a dire chi è favorevole a quota 100 (solo il governo). L'Ocse è un'altra congrega di grembiulini: lo sanno anche i sassi (oltre quelli di Matera).

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 01/04/2019 - 15:32

La quota cento non blocca la crescita. Sarò pure noioso nelle mie considerazioni ma la crescita (specie quella industriale o meglio quello della grande industria che dà vera occupazione, cioè crea lavoro produttivo, non di servizi che pesano sull'erario) dipende dai costi di produzione elevati dovuti al costo della materia energia, che è il costo principale dal quale dipendono gli altri come quella dei lavoratori. Cioè se si vuole rimanere competitivi con un costo elevato di materia energia bisogna ridurre quello di manodopera, il che è quasi impossibile se non impossibile del tutto perché la paga di un lavoratore sotto turno sarebbe di circa sette-ottecento euro mensili. Ribadisco quindi la necessità di produzione di energia nucleare messa al bando troppo in fretta per mere questioni di potere da parte di falsi ambientalisti ed i soliti sinistroidi oggi atteggiati a paladini del rilancio dopo averci distrutto..

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Lun, 01/04/2019 - 15:33

Gentile dottor Sergio, gentile signor direttore, ma quanti padroni ha l'Italia? Vediamo trasformare ogni stormir di fronda in tempesta burrascosa! Perché mai succede questo? Che, Domine Iddio non voglia, i giornali in lingua italiana hanno padroni che ignorano del tutto la lingua di Dante e con essa gli interessi degli Italiani? Se cassassimo i cinque miliardi e più spesi per i non italiani la vostra Ocse starebbe serena? Perché mai voi non ne fate cenno?

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 01/04/2019 - 15:36

La crescita è stata rallentata dall’austerita’ voluta ue osce fmi bce e applicata dal pd.

Jon

Lun, 01/04/2019 - 15:39

Le fake news di un ente assolutamente inutile, a guida anglo-francese... Mai parlano dei danni economici provocati dalle assurde regole della UE..!! Dobbiamo importare il 50% del latte perche' la UE non vuole che lo si produca in Italia, favorendo l'Olanda..per esempio..a seguire l'olio, le arance..etc..etc..Il PIL cala??? Tutti burocrati ipervenduti che noi paghiamo di tasca nostra..!!

Libertà75

Lun, 01/04/2019 - 15:44

abbiamo vissuto 7 anni di vacche grasse sotto il PD, questa è la sintesi... peccato che nessuno se ne sia accorto

Manlio

Lun, 01/04/2019 - 15:56

Vorrei sinceramente conoscere per nome e cognome chi sono i soloni che hanno attribuito a quota 100 il motivo che rallenta la crescita dell'Italia. Se qualcuno di loro per caso insegna in qualche università Europea, allora che Iddio ci scampi dai loro studenti, potranno solo far danno. Spero solo che non sia qualcosa di costruito dai giornalisti estraendo una sillaba da un contesto.

Marguerite

Lun, 01/04/2019 - 16:01

Ma cxxxo, vi sorprende? Ma perché un paese con i debiti che ha l’Italia la gente dovrebbe lavorare MOLTO meno che i paesi che non hanno debiti e che prestano soldi a ll’Italia per assistere i FANNULLONI !!! QUesto si può fare DOLO SE I SOLDI NON SO O PRESTATI ALL’ITALIA....ma NO con i soldi degli altri !!!!!!!! Quando l’Itala non avrà più debiti potrà anche mettere la pensione.....a 30 anni !!!

steluc

Lun, 01/04/2019 - 16:05

Ocse sostiene che il nostro tenore di vita è fermo al 2000. Così, a caso, che è successo allora, forse una nuova moneta?.....Magari , all Ocse sarebbero più contenti se togliessimo il welfare ai non italiani, di sicuro la curva del debito cambierebbe verso...

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Lun, 01/04/2019 - 16:10

@stenos ... abbelloooooo guarda che non c'è più il PD al governo, svegliaaaaaa ... "Dopo una modesta ripresa (leggi PD) l'economia si sta indebolendo (leggi LEGA / 5S)"

nerinaneri

Lun, 01/04/2019 - 16:12

...semplicemente:col 50% di pensionati in meno, si riprende a far andare il carrozzone...

nerinaneri

Lun, 01/04/2019 - 16:15

p.s: i vostri risparmi sono in pericolo, ma voi siete dei pensionati/spiantati...

rokko

Lun, 01/04/2019 - 16:16

In pratica, l'1.5 di Gentiloni ma anche lo 0.8 di Renzi (che faceva schifo) sono un miraggio .. Il risultato di questo governo è che ciò che prima dava la sensazione delle briciole ora può assurgere a pagnotta bella grassa.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 01/04/2019 - 16:18

MA BASTA! BASTAAA!!! Non è possibile che la gente per bene che lavora e mantiene questo esercito di burocrati/ideologizzati/asserviti-ai-padroni della finanza internazionale e ai fautori del Nuovo Ordine Mondiale, sia continuamente minacciata con la "mancata crescita". Chiunque debba confrontarsi con la vita reale di tutti i giorni e, ancora meglio, abbia mai dovuto gestire qualsiasi tipo di impresa/attività/professione, sa benissimo che è inevitabilmente altalenante (e in buona parte imprevedibile) l'andamento "produttivo". Ci sono anni di boom, anni di forte contrazione e anni di mantenimento della posizione... succede a tutti i tipo di "impresa"! Uno Stato altro non è che una grande impresa dove ci sono comparti che comprano, altri che vendono, comparti produttivi e amministrativi, c'è chi è incaricato di investire, chi di "spendere" in modo intelligente e chi di monitorare tutti i comparti e bilanciare la gestione. 1 DI 3 SEGUE

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 01/04/2019 - 16:20

...Se tutte le attività/imprese/professioni che un anno hanno "fatturato" meno dell'anno precedente dovessero chiudere o dichiarare bancarotta, non esisterebbe più nessuna attività! Ma chi l'ha detto che BISOGNA SEMPRE CRESCERE? Certo, se chi gestisce l'impresa pensa solo a come retribuire di più gli "amministrativi" a scapito dei "produttivi", se impone ogni giorno un nuovo impedimento burocratico, se si inventa di dare un "reddito di nullafacenza" a chi non vuole lavorare (se non in nero), se richiama eserciti di incapaci (e magari anche criminali e illegali/clandestini non-integrabili) immigrati, se finanzia a pioggia un mare di ong, se privilegia l'assistenzialismo alla meritocrazia, se evita di punire in modo esemplare chi commette veri crimini,... 2 DI 3 SEGUE

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Lun, 01/04/2019 - 16:22

...se è pronto a piegarsi a qualunque ricatto/manipolazione proveniente da "concorrenti" o da centri di potere avversi alla tua impresa per i più disparati motivi, se rende il posto di lavoro estremamente pericoloso, se blocca qualsiasi piano pluriennale infrastrutturale, se continua a cambiare (senza in realtà cambiare niente) il "management", se non cerca e ottiene il supporto DI TUTTA la "parte sana" dell'azienda, se si assoggetta a (o controlla in modo partigiano) chi dovrebbe amministrare la "giustizia" inter-aziendale, se, se... è certo che prima o poi finisca male! Beh, noi siamo da molto tempo nel "POI" eppure ancora non riusciamo a capire che di "gestori" di quel tipo dobbiamo liberarci e anche molto-molto alla svelta... pena la bancarotta, la liquidazione coatta al più forte offerente e... l'estinzione! 3 DI 3 FINE

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 01/04/2019 - 16:24

Ma ce lo dicono come fare, secondo loro, ad aumentare l'occupazione? Mandare in pensione un po' di gente stanca e che non ha più niente da dare e costa molto non è, secondo questi geni della finanza, un fatto positivo? non crea nuovi posti di lavoro' No? E allora ditelo voi cosa dobbiamo fare! Aumentare le tasse? Aumentare il costo del lavoro, così tutti andranno a produrre in cina e nei paesi dell'est? vendere anche quel po' che resta delle nostre imprese ai francesi? Alle urne, a fine maggio, ci ricorderemo anche di questo, cari "amici" europei!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 01/04/2019 - 16:26

Marcello.508 Perché, lei no? Evidentemente non è interessato in prima persona a "quota 100" Neanch'io lo sono, a dir la verità, però penso sia una cosa profondamente giusta.

lappola

Lun, 01/04/2019 - 16:28

Certo che Di Maio non vuole intromissioni; ha appena iniziato il suo processo di demolizione e non lascerebbe il lavoro incompiuto. Finché resterà in piedi un solo mattone, lui non accetterà intromissioni. Poi, contento di aver demolito tutto - proprio tutto - si farà da parte. Questo è il suo programma salvo che qualcuno lo metta da parte prima. Speriamo.

MelalavoDomenica

Lun, 01/04/2019 - 16:38

OCSE ovvero la voce dei massoni / lavoro fino a 90 anni e pensione se si hanno i genitori a carico

Ritratto di teseiTeseo

teseiTeseo

Lun, 01/04/2019 - 16:56

Se PRIMA in Europa si cresceva del 2-4-4% e l'Italia veniva trascinata allo zerovirgola- ORA che l'Europa cresce dello 0-1% Va da sè che noi andiamo in recessione. Si è festeggiato tropppo in anticipo una fine della crisi che non c'è mai stata, s'è trattato solo di un rimbalzo sul fondo. E non mi risulta che in Europa governino i gialloverdi.

kennedy99

Lun, 01/04/2019 - 17:04

ma smettetela una volte per tutte. se non ci fossino le interferenze di questi signori l'italia starebbe molto meglio.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 01/04/2019 - 17:06

un altro ente inutile (che ci costa decine di milioni all'anno) da cui uscire subito

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 01/04/2019 - 17:25

La crescita si SBLOCCA DIMINUENDO le TASSE! (e non mi riferisco ai graziosi mustelidi).

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 01/04/2019 - 17:50

@Jiusmel: quello che dici è molto importante. Non sono sicuro che la via del nucleare sia quella migliore (per me è ok, ma non so se questa energia sarà ancora competitiva tra una decina di anni, i tempi per ripartire), ma almeno la tua è una proposta concreta. In ogni caso non basta lavorare solo sull'energia, questo è solo uno dei tanti tasselli.

rokko

Lun, 01/04/2019 - 17:53

Qualcuno si chiede pure perchè quota 100 rallenterà la crescita ... E' incredibile.

VittorioMar

Lun, 01/04/2019 - 17:57

..l'OCSE "BOCCIA"...FMI "BOCCIA".....UE "BOCCIA"...tutti BOCCIANO...ma LA BORSA SALE....come lo spiegate ??...MISTERO GLORIOSO !!!!

necken

Lun, 01/04/2019 - 17:58

se la CINA decidesse di comprare un po' del ns debito contribuendo a far diminuire lo spread sugli interessi poi con i soldi risparmiati sugli inetressi si potrebbe ripianare il maggior costo per erogare le pensioni a quota 100, senza contare i nuovi posti di lavoro ricavati con i il cambio generazionale ed evitando magari anche il contributo di solidarietà chiesto ai pensionati che guadagnano oltre 1500 euro lorde mese

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 01/04/2019 - 18:10

tutto fa pensare che salvini e di maio hanno pasticciato con i conti, forse per avere piu fondi per sostenere una politica miope e strabica. tipo come renzi.....

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 01/04/2019 - 18:22

@Vittoriomar 17.57: provo a spiegarlo io. Il rallentamento della crescita non colpisce uniformemente tutte le aziende, colpisce soprattutto quello più deboli, le PMI. Quelle grandi, ovvero quelle quotate, hanno le spalle larghe, lavorano in ambito internazionale e sono in grado di resistere e, spesso, incrementare i guadagni, soprattutto adesso che il denaro costa poco.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 01/04/2019 - 18:41

@necken: se la Cina (o qualsiasi altra entità) comprasse un po' del nostro debito le cose andrebbero meglio per un po', vero, potremmo pagare meno di interessi. Però alla fine i debiti bisogna restituirli. Prima di parlare di riduzione di tasse e di altre soluzioni bisogna ridurre il vecchio debito (o almeno non aumentarlo).

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 01/04/2019 - 19:21

@angelolibeto70.......abbello la finanziaria è dell’altro ieri, questo è conseguenza delle politiche ue applicate dal pd per 7 anni che ci hanno sfasciato. E poi abbelllo, fa schifo tutta europa.....

vincentvalentster

Lun, 01/04/2019 - 19:30

Di fronte ad una bocciatura così netta e larga da parte di un organismo internazionale dell'importanza dell'OCSE, il silenzio assoluto sarebbe oro colato. Ma da noi le critiche non vengono mai accettate, siamo troppo bravi !!!!

HARIES

Lun, 01/04/2019 - 19:35

La quota 100 boccia tutti i mangiatori a sbafo! Anzi, mi correggo: la quota 100 manderà sul lastrico i truffatori e quelli che hanno affamato il popolo. Come? Semplice... Chi avrà i vantaggi della quota 100 alle prossime elezioni voterà coloro che hanno permesso tali vantaggi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 01/04/2019 - 19:42

Noi che non siamo spendaccioni, abbiamo la casa piena zeppa di masserizia anche ereditata da parenti e genitori, no po+enso che anche in altre molte case la situazione sia diversa, visto che quando viene amancare qualcuno devono darla via per non avere dei doppioni. Allora cosa dobbiamo produrre di più? Cosa dobbiamo acquistare di più che la maggiiorparte di quello che ci serve non viene fatta in Italia. Ma non vedete che arriva tutta dalla Cina? Dispense dei supermercati con prodotti alimentari della comunità europea,perchè vogliono cos', non perche non ne abbiamo.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 01/04/2019 - 19:50

wilegio - 16:26 Non mi pare di aver denigrato quota 100: ho detto che questo governo l'ha proposta e realizzata contro il parere del resto del mondo economico. A parte che io sono in pensione dall'anno precedente la legge Fornero, mi preme sottolineare di come l'Ocse, nel 2017 elogiò quota 100, oggi è bastian contrario. E' per questo che immagino che sotto ci sia la soffice manina dei grembiulini (bance, assicurazioni), di chi vuole comunque trovare uno spunto per guadagnarci.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 01/04/2019 - 19:57

Bene ilsaturato: commento estremamente condivisibile.

SpellStone

Lun, 01/04/2019 - 20:38

A parte che per molto ovvie ragioni non è credibile... Ma cosa vogliono da noi. Chi gli ha chiesto qualcosa...

killkoms

Lun, 01/04/2019 - 22:07

oscccc,altri azzeccatutto (e non perché mi piacciano i grullini di governo)!

HappyFuture

Lun, 01/04/2019 - 22:13

Io vorrei chiedere, visto che debbo subire la notizia: Ma è la quota cento che gli dà fastidio? I soldi di quota cento non si debbono spendere proprio? Creano debito! Oppure loro ci suggeriscono di spendere i soldi che vanno a quota cento in altro modo? In modo che non creino debito! E come? I giornalisti allarmano solo, nessuno gliel'ha chiesto! SI FACESSERO I FATTI LORO! NO?

carlottacharlie

Lun, 01/04/2019 - 22:27

Ciumbia, questi Eu non hanno il senso della vergogna, danno lezione dopo aver brigato anni ad affossarci. Ci meravigliamo che ci siano ancora dei bolsi ad ascoltarli e volerne ancor di più di schiaffi europei invece di risponder loro: Avete rotto le scatole, non siamo usi ad esser servi. C’è ne andiamo, arrangiatevi tra voi criminali.-

Alessandro.Pisan

Lun, 01/04/2019 - 22:45

Paghiamo milioni di euro e pensioni d'oro ai manager dell'Ocse per sentirci dire che le pensioni rallentano la crescita... cominciamo a tagliare le spese più inutili come lo stipendificio ocse ;) Stranamente nessuno all'Ocse si accorge che l'Italia versa 4 miliardi di euro netti (cioè in più di quanto riceve quindi senza nulla in cambio) all'Ue, ma che distrattini che sono sti supergenialoidi, eh? 'conomisti delle mie ciabatte che invece dei numeri danno ordini di politica al servizio di potenze nemiche, e noi gli paghiamo pure lo stipendio per raccontarci il contrario di quello che c'è sui libri di macroeconomia.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 01/04/2019 - 22:57

@ANGELOLIBERO 70 - a bamboccio, no nc'entra niente il PD? E chi ci ha portato qui con questo debito? Ritorna al centro sociale, e fuma meno.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 01/04/2019 - 22:57

@il saturato - commento giusto. Bravo.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Lun, 01/04/2019 - 23:12

Non si esprimono compiutamente. Devono dire : " quota 100 aumenta la decrescita." La "crescita" in italia sono decenni che non esiste, anche se ce l'hanno raccontata diversamente. Se un paese cresce del 7% l'anno ed un altro cresce lo 0,7% l'anno, il secondo è in decrescita rispetto al primo. Cioè, si impoverisce. Fatta , ovviamente, la dovuta tara di falsificazione dei numeri e delle statistiche per entrambi.

apostrofo

Mar, 02/04/2019 - 00:44

TUTTI HANNO DA DIRE QUALCOSA SULL'ITALIA, PERCHE' QUALCUNO L'HA MESSA AI PIEDI DI TUTTO IL MONDO. E IL MONDO CI PASSA SOPRA

INGVDI

Mar, 02/04/2019 - 08:32

Grazie, Salvini.

Mborsa

Mar, 02/04/2019 - 09:17

Le affermazioni del prof. Gurria sono arroganti e presuntuose: il governo italiano conosce meglio dell'OCSE il rischio di indurre al lavoro nero; il governo italiano sa meglio dell'OCSE che l'aumento degli occupati non dipende da quota 100, ma dall'aumento del PIL; il governo italiano sa meglio dell'OCSE che per favorire gli investimenti occorre la disponibilità di bilancio, ma sa anche che non può aumentare le tasse, non può tagliare significativamente i servizi e non può portare la disoccupazione al 25-30% come hanno fatto in Spagna e Irlanda. Certi commenti a ruota libera come fossimo tutti deficienti in Italia non possono essere consentiti! Spero che Conte glielo dica chiaramente.