Il premio Nobel Krugman: "Inferto un colpo letale al progetto europeo"

Krugman: "Queste condizioni vanno aldilà di una vendetta pura, è la completa distruzione della sovranità nazionale"

L'accordo all'Eurogruppo fa discutere per le pesantissime condizioni che l'Unione europea ha posto alla Grecia per ricevere un nuovo piano di aiuti e rimanere nell'Eurozona. Nella notte si è diffuso il trend hashtag #ThisIsACoup ("Questo è un colpo di Stato") che subito è divenuto virare sul web, anche in paesi quali Germania e Finlandia che sono risultati i paesi in prima fila per imporre condizioni così dure ad Atene.

"Il trend #ThisIsACoup è giustissimo - scrive il premio Nobel per l'Economia, Paul Krugman, nel suo blog sul New York Times - queste condizioni vanno aldilà di una vendetta pura, è la completa distruzione della sovranità nazionale e nessuna speranza di sollievo". Si tratta, ha aggiunto Krugman, di un tradimento grottesco di tutto ciò che il progetto europeo avrebbe dovuto rappresentare. "Il progetto europeo - prosegue Krugman - è un progetto che ho sempre lodato e sostenuto e gli è stato appena inferto un colpo terribile, forse fatale. E qualunque cosa tu pensi di Syriza, o della Grecia, non sono stati i greci a farlo".

Commenti

Tuthankamon

Lun, 13/07/2015 - 10:29

Su questo, concordo con Krugman.

Rossana Rossi

Lun, 13/07/2015 - 10:41

Morire per morire fuori subito da questa euro-germania usuraia e apprifittatrice........

acam

Lun, 13/07/2015 - 10:43

facit per il bene di tutti Europa a 8 + 20, tutto il marasma proveniente dalle ex repubbliche sovietiche non è convinto dell'EU ciò significa, come si è visto un ritardo alla formazione europea, si deve essere convinti e dimostrare di voler essere europei altrimenti addio sogni di gloria. credo nell'idea a rai tre è stato confermata una grande verità non esistono più politici validi nel mondo, ma non potevano asserire la verità uno c'è si chiama silvio ma uno nel mezzo di incapaci viene metabolizzato e reso innocuo. i giornalista faceva tenerezza nella difesa a spada tratta delle ragioni della sua Grecia.

torremba

Lun, 13/07/2015 - 10:53

...'distruzione delle sovranità nazionali...' Scusi Krugman, ma il progetto europeo dovrebbe essere proprio qso. fin che ci saranno governi nazionali che cercano di portare avanti i loro interessi a discapito degli altri, fin che non ci sarò una politica estera, fiscale...comune, che Europa è?? e poi, scusi, se lei avesse 300 mld di debiti con una banca, pensa di poter disporre tranquillamente dei suoi beni? di poter vivere come se nulla fosse P? di andare in vacanza 3 mesi all'anno o in pensione a 50 anni? è evidente che un ulteriore prestito alla Grecia comporti una cessione di sovranità, visto l'uso che di tale sovranità si è fatto... Qsa Europa non funziona? l'euro è stato mal concepito? certo, purtroppo il caso greco è l'unica eccezione, posto che praticamente si è federalizzato il debito e per anni, sbagliando, si è continuato a pompare soldi in un sistema pieno di sprechi, clientele..., praticamente fallito !

maxflorida

Lun, 13/07/2015 - 11:08

Non hanno inferto un colpo letale....anzi.. hanno semplicemente resa pubblica la loro idea di Europa. Sta a Noi accettarla o ribellarci, il resto solo vane parole. Saluti a tutti

buri

Lun, 13/07/2015 - 11:12

prima usciamo da questa europa, che non ha più nienta da che fare con quella voluta e sognate da De Gaspwei, Schumann e Adenauwe, meglio sarà, almeno risparmieremo qualche miliaredi regalati ogni anno ai burocrati di Bruxelles e torneremo ad essere padroni in xasa nostra senza doverci piegare alla Germania

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 13/07/2015 - 11:14

Ci sono le regole e ci sono le regole...percepite. Ve l'ho sempre detto: la sinistra ha inventato l'aggettivo "percepito/a/e/i"(in Sicilia anche u) che appioppa a tutto quello che le dà fastidio. Per esempio, temperatura e temperatura percepita: il termometro segna trentasei gradi. Se la sinistra vuole far capire che c'è più caldo, dirà che la temperatura "percepita" è di quarantadue gradi. Se qualche poveretto si lamenta per il troppo caldo, gli dirà che la temperatura "percepita" è di ventisette gradi. Se a lamentarsi è un riccone, pezzo grosso, che non ne vuole sapere di coglionate, farà coincidere la temperatura reale con quella "percepita". Così che "percepito" e "paraculo" diventano sinonimi.

marygio

Lun, 13/07/2015 - 11:38

accordo favoloso. mette la ue nelle condizioni di rivedere i soldi dati ai greci per la prima volta. è una svolta epocale. oggi i portatori di sfiga si mangiano le palle

fiducioso

Lun, 13/07/2015 - 11:57

Hitler voleva conquistare l'Europa con i panzer. Merkel la vuole conquistare con il danè. L'unica differenza tra i due, è questa.

marygio

Lun, 13/07/2015 - 11:57

btp a 3 anni collocati allo 0,48%......una tragedia.....ahhhhhhhhhhhhh

Vintage

Lun, 13/07/2015 - 12:03

"IL BENE DELL'EUROPA"...Sono una persona semplice e pur applaudendo ai sommi ideali penso che io e tutti i cittadini viviamo una sola vita x cui mi chiedo quanto sia giusto viverla in assoluta sofferenza in nome di alti concetti astratti e in nome di una Finanza che se ne sta ben lontana dall'economia reale

Blueray

Lun, 13/07/2015 - 12:04

Probabilmente stanotte è morta l'eurozona a 19. Non l'Ue però, e forse va bene così. Se c'è ancora spazio per un briciolo di resipiscenza, i capi di Stato e di governo e i loro ministri devono capire che quando l'unione diventa una gabbia non la vuole più nessuno. Meglio allora affrontare il rischio di un'uscita e di un euro più debole ma più libero. E se l'euro dovesse collassare si ritorni alle monete nazionali, tanto l'Ue può funzionare ugualmente e gli Stati ne guadagneranno in libertà, richezza e autonomia. Le durissime scelte del terzo millennio, economiche, geopolitiche, migratorie, non si possono risolvere schiavizzando i popoli, e siccome nessuno vuole un'unione politica e un governo dell'Unione bisogna fermarsi: la formula è liberi tutti, e si ritorni alla CEE.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 13/07/2015 - 12:25

Ma di quale "progetto europeo" stiamo parlando? Quello di germania, francia, olanda, lussemburgo e finlandia... o quello di tutti gli altri? Se parliamo dei paesi "forti" direi che questo è il compimento perfetto del "loro" progetto, perché è questo che volevano fin dall'inizio. Se invece parliamo delle illusioni e degli inganni che i governi di tutti gli altri paesi hanno propinato ai loro popoli, beh, si può solo dire: "beato chi ci ha creduto". Personalmente non ho mai creduto a una sola parola su una possibile unità politica e fiscale della ue e credo che questa europa sia una delle più colossali truffe di tutti i tempi.

abocca55

Lun, 13/07/2015 - 12:40

Se non vi sarà la completa distruzione delle sovranità nazionali, non vi sarà l'EUROPA. Bisogna solo scegliere quello che veramente si vuole.

abocca55

Lun, 13/07/2015 - 12:47

L'ostacolo ad una Europa sovranazionale, lo vediamo anche dai lettori, che qui commentano. Mi riferisco agli anarcoidi che gridano contro Germania ed Europa. Unire i tanti paesi egoisti e riottosi occorre fermezza e regole. gli anarcoidi di "bella ciao", che sono veramente tanti, devono essere messi a tacere, e principalmente per il loro bene, perché la loro ignoranza è devastante. Essi sono stati messi a tacere, nonostante avessero vinto il referendum in Grecia, perché i cretini al mondo sono in maggioranza, appunto di ben oltre il 60%.

agosvac

Lun, 13/07/2015 - 12:48

Krugman ha perfettamente ragione, dopo tutto sembra che il nobel se lo sia meritato al contrario di altri!!! Questa condanna di morte contro la Grecia dimostra che l'UE non esiste! Infatti è nata per proteggere l'Europa e gli Stati membri mentre invece è diventata un'appendice di cruccolandia e delle sue mire espansionistiche. Quel che non riesco a capire è con che coraggio nazioni che pur sono in difficoltà economiche stiano decretando la morte economica e nazionale della Grecia senza rendersi conto che stanno decretando la loro stessa morte. E' incredibile che non capiscano che stanno dando via libera a cruccolandia d'impossessarsi di tutta l'UE.

agosvac

Lun, 13/07/2015 - 13:00

Egregio torremba, qui non si tratta di giudicare la Grecia perché ha speso di più di quel che aveva, si tratta di capire il motivo. La Germania ha costretto la Grecia ad acquistare centinaia di milioni di euro di carri armati Leopard di loro costruzione ma ormai obsoleti con la promessa di aiuti finanziari. Cosa che poi non c'è stata: il debito è rimasto, gli aiuti non sono più arrivati. Senza questi debiti, la Grecia sarebbe stata in grado di riprendersi, non dimentichiamo che è una nazione che con il solo turismo potrebbe pagare un bel po' di debiti. Ora sempre la Germania impone alla Grecia un aumento dell'IVA sul turismo, come a dire: dimenticatevi del turismo!!!!!! La rovina dell'UE non è la Grecia è la Germania!!!

agosvac

Lun, 13/07/2015 - 13:08

Egregio blueray, lei dice cose giustissime. Dimentica, però, che questo euro è stato imposto da cruccolandia che è l'unica nazione che, con "questo" euro, è riuscita ad arricchirsi. In pratica per avere un'UE più equilibrata bisognerebbe che l'UE si liberasse della Germania. Solo così l'UE potrebbe funzionare per come era stata concepita a suo tempo, quando la Germania era ancora una nazione seria e non quella che è adesso con i vari merkel, schaeuble e Weidmann!!!!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 13/07/2015 - 13:26

Dopotutto questa Europa e l'Euro furono disegnati per distruggere le sovranità nazionali. Non ce lo scordiamo... andatevi a vedere quando 'diritto' ci rimane a tutela nostra dopo tutti i pacchetti e i trattati varati dall'Europa. Zero, perché a parte Regno Unito e Germania (che hanno i loro protocollini esentivi) il resto d'Europa deve ubbidire sempre (e zitto).

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 13/07/2015 - 14:08

Tsipras ed il suo governo di ciarlatani sono passati dalla Padella alla Brace. Voglio proprio vedere come farà a convincere lo stesso Popolo invitato a votare NO al Referendum ad accettare, invece, l'accordo raggiunto dopo la maratona notturna a Bruxelles ancora più pesante ed invadente del precedente.

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 13/07/2015 - 14:10

scassa lunedì 13 luglio 2015 Cosa ci vuole per capire che gli europei non potranno mai formare gli Stati Uniti d'Europa ,come e invece avvenuto per gli Americani ? Loro hanno un passato che inizia nel 1600 e spiccioli ,noi ,in Europa ci combattevamo l'un l'altro dagli albori della storia e ,ancora oggi ,non è finita ,vedi l'arroganza di tanti stati,cresciuti sotto il tacco e le leggi di Roma ! La Grecia si è piegata ? Ben gli sta ,così insegneranno anche agli altri ,come si fa a non finire schiavi di burocrati con il " mal di superiorità " !!!!!!!!!!scassa.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Lun, 13/07/2015 - 14:36

IN QUESTA E, U, FUNESTA, IN UN TEMPO PROSSIMO, NON CI SARANNO PIU' SOVRANITA' DEI STATI MA SOLO SOVRANITA' ASSOLUTA ED INDISCUSSA DELLA GERMANIA !

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 13/07/2015 - 18:53

abocca55 i suoi discorsi mi ricordano tanto quelli di un certo caporale austriaco negli anni 30.

marygio

Mar, 14/07/2015 - 12:32

certo che certe uscite detto da parte di un guru americano dopo lo scandalo derivati-usa fa ridere. ci vuole una bella faccia tosta