Volkswagen, ora nel mirino finiscono anche gli Euro 6

Il gruppo mette le mani avanti facendo firmare ai clienti un'informativa dove si specifica che CO2 e consumi potrebbero differire da quelli indicati

«Sì, è vero. Ai clienti che acquistano un modello Volkswagen facciamo firmare una lettera informativa nel quale è spiegato che i livelli di emissione di CO e, quindi, i consumi, potrebbero differire da quelli illustrati nei depliant. A Wolfsburg sono in corso verifiche». La Casa tedesca, dunque, al centro della bufera «dieselgate», mette ora le mani avanti, e cerca di tutelarsi per evitare altre class action. A parlare sono alcuni concessionari del gruppo tedesco dopo che, il 14 novembre, una circolare diffusa dalla filiale italiana della Casa madre, ha allertato la rete sulla necessità di «informare debitamente i clienti del fatto che i livelli di emissione di CO e il consumo di carburante sono attualmente oggetto di revisione e potrebbero quindi essere leggermente superiori a quelli ufficiali descritti nel materiale pubblicitario». Il documento, firmato dall'ad Massimo Nordio, è stato accolto dai dealer come una nuova tegola, visto che i modelli interessati sono omologati Euro 6. Tant'è che la stessa associazione dei concessionari Volkswagen, in una nota indirizzata a Nordio nelle ore successive, palesava la preoccupazione della rete a causa «dell'estensione del problema a CO e consumi», intravedendo «scenari inquietanti».Dal 14 novembre a ieri, però, il nuovo allarme rosso si sarebbe trasformato in giallo, visto che una nuova circolare avrebbe escluso Audi e Seat dal problema che, invece, toccherebbe alcuni modelli specifici targati Vw e Skoda. «Quello che sta accadendo - continuano gli imprenditori - è un'operazione di trasparenza: informiamo nei dettagli che i dati su CO e consumi potrebbero essere diversi. Che cosa chiede in cambio il cliente? La trattativa commerciale c'è: ci sono promozioni interessanti, a cui il dealer può aggiungerci qualcosa di suo. Finora i clienti hanno firmato l'informativa senza problemi. E noi, una volta rassicurati su Audi e Seat, abbiamo tirato un respiro di sollievo. Si parla di modelli della serie 4Motion, quindi non numerosi, ma dobbiamo ancora capire. Anche perché gli Euro 6 sono in vendita da mesi, quindi molto prima della lettera datata 14/11». Dalla Germania, intanto, arriva la notizia, riportata da Die Welt (e non commentata dal gruppo), che «nuovi problemi di software hanno una diretta influenza sul consumo del carburante».Il cliente che sottoscrive l'informativa potrebbe comunque andare incontro a problemi nel caso, anche in Italia, la tassazione sull'auto venisse legata alla CO, responsabile dell'effetto serra. I concessionari interpellati, nel riferire «problemi ai valori di anidride carbonica», sottolineano «di attendere ulteriori istruzioni. I clienti sembrano non badarci. Da parte nostra, annotiamo il numero dei telai».A difesa del gruppo tedesco è intervenuto Gian Primo Quagliano, presidente del Centro studi Promotor: «Su Volkswagen è in corso una vera aggressione perpetrata dai media, forse da concorrenti sotto copertura e da sciacalli. Non ci sono stati morti o feriti. I limiti alle emissioni sono fissati in maniera discrezionale nei vari Paesi e non sono dati inconfutabili. Il dieselgate non sta influendo sul mercato».

Commenti

antiom

Ven, 27/11/2015 - 09:41

Anche in questa nuova denuncia, in cui è paradossale che i concessionari di questo fetido gruppo fanno firmare le carenze di costruzioni ed ammissioni alterate di caratteristiche delle loro auto: ci saranno gli invasati sostenitori che non tengono conto della superiorità di Opel e Ford della stessa Germania, ne delle geniali auto francesi, ne del nuovo corso delle Fiat che non sono più quelle dell'epoca Agnelli-Romiti!

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 27/11/2015 - 10:17

Sono cliente VW da tantissimi anni e questa specie di liberatoria che i concessionari fanno firmare ai clienti italiani è un altro atto di banditismo allo stato puro che ti fa capire che razza di gente lavora nella casa automobilistica tedesca che in vista di superare in vendite la Toyota, ormai non guarda più in faccia a nessuno. I tedeschi della VW vivono ormai con quest'ossessione e tutto il resto diventa per loro relativo, leggi comprese. Non comprerò più un auto di questo gruppo che truffandoti, ti vende le vetture a prezzo maggiorato rispetto alla concorrenza senza alcuna giustificazione!

antipifferaio

Ven, 27/11/2015 - 10:30

Hanno sempre associato la "qualità" e la "serietà" del marchio VW al successo commerciale della germania. Vale a dire che il modello organizzativo della casa ricalca in pieno quello dello stato tedesco...Beh, visti anche i risultati in europa verrebbe da dire...INFATTI!!!!...

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 27/11/2015 - 10:48

Vedendo l`andazzo riguardo questo scandalo , MI CHIEDO PERCHÈ, """De Benedetti e Vendola, non vengano per diretta incriminati"""? L`amico di Napoletano, De Benedetti, è causa di fallimenti su fallimente, mentre sulla centrale in Liguria, ci sono anche morti per l`inquinamento. Vendola, con l`ILVA, ne hà fatti di tutti i colori, gli operai ESPOSTI A NUDO CON LA DIOSSINA e tutt`intorno alla fabbrica, c`è una forte moria di CANCRO!!! """per questi due e molti altri, FARLAMENTARI E MAGISTRATURA, METTONO TUTTO A TACERE E GUAI A CHI NE PARLA PERCHÈ ??? UNO ,È NEL TOP "3" NELLA LISTA DEL COMUNISMO ITALIANO, QUELLO DEI FALSI DEMOCRISTIANI, MENTRE L`ALTRO È AMICO DELLA Boldrini E APPOGGIA PER PROPRI INTERESSI IL PARTITO REGGENTE"""!!! MI CHIEDO, QUANDO ARRIVERÀ LA RESA DEI CONTI ???

linoalo1

Ven, 27/11/2015 - 11:20

Mi sembra di rivedere la Campagna contro Berlusconi!!!!La domanda che mi pongo,anche oggi,è:quanto c'è di vero,in percentuale????

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 27/11/2015 - 12:28

Beh, se VW mi trasferisce un rischio, quello di vedermi svalutata l'auto nel momento in cui si accertasse che le emissioni "di legge" sono superiori a quelle che mi aveva fatto credere, allora cali conseguentemente il prezzo. Io sto epnsando di prendere un'auto del gruppo VW ma credo dovranno calare parecchio sul listino se pensano di farmi firmare una letterina e poi stare tranquilli..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 27/11/2015 - 13:14

andate a vedere cosa fa la Wolkswagen e altre auto tedesche in Borsa prima di parlare e guardate la Ferrari Fiat e altre poi potrete commentare.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 27/11/2015 - 13:14

andate a vedere cosa fa la Wolkswagen e altre auto tedesche in Borsa prima di parlare e guardate la Ferrari Fiat e altre poi potrete commentare...

agosvac

Ven, 27/11/2015 - 13:14

Separare Audi e Seat da Volkswagen e Skoda è una vera corbelleria visto che da moltissimi anni hanno gli stessi motori.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 27/11/2015 - 13:16

dbell56 ,dimmi come si fa a truffare in Borsa come fa la Wolkswagen.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 27/11/2015 - 13:17

dbell56 ,dimmi come si fa a truffare in Borsa come fa la Wolkswagen.,.,

Ritratto di eieiebrazo

eieiebrazo

Dom, 29/11/2015 - 11:56

Ma insomma volete scriverla per bene??Una cosa è la CO(monossido di carbonio)che sparisce con la marmitta catalitica,un'altra è la CO2(biossido o anidride carbonica) che i motori emettono in proporzione con i consumi.E' questo il gas incriminato,più il motore consuma,più ne emette.Questo a causa dei test di omologazione troppo blandi e riguarda tutti i costruttori.Nell'articolo parlate prima di CO,poi di CO2..che confusione..