Gioia Tauro, 33enne ucciso in centro

Dai primi accertamenti compiuti dai carabinieri risulta che l’uomo fosse incensurato.
Carmine Cedro è stato ucciso mentre si trovava a bordo della propria auto, una Land Rover, nel centro di Gioia Tauro. Lavorava nel settore dei videopoker elettronici<br />

Reggio Calabria - Si chiamava Carmine Cedro e aveva 33 anni l’uomo ucciso questa mattina in pieno centro cittadino. Era a bordo del suo Land Rover quando i killer - almeno due, secondo gli inquirenti - gli hanno scaricato addosso vari colpi di pistola.

Morto sul colpo Colpito al torace ed alla testa il giovane è morto sul colpo. Secondo quanto hanno confermato gli inquirenti Cedro apparterrebbe a una famiglia che gestisce in Calabria la commercializzazione dei giochi elettronici dei video poker.

Incensurato La vittima non aveva precedenti penali. Forse non era da solo sulla sua autovettura, ma su questo ancora gli inquirenti mantengono il massimo riserbo. Le indagini condotte dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria vanno avanti a 360 gradi. Gli investigatori stanno passando al setaccio la posizione di alcuni pregiudicati della zona.