La Giordania bombarda Mosul La coazione anti-Isis si spacca

Dopo aver giustiziato la kamikaze iraniana, la Giordania ha intensificato i raid su Mosul. Ma gli Usa sono alle prese con la grana Abu Dhabi. Sostieni il reportage

Dopo l'uccisione del pilota Muadh Kassasbeh, la Giordania dichiara guerra all'Isis. Oggi Amman ha infatti giustiziato la terrorista iraniana che il Califfato voleva come contropartita per la liberazione dell'ostaggio giordano. Poi "ha bombardato Mosul, uccidendo 55 membri dell’Isis tra cui un loro leader, Abu-Obida AL-Tunisian", come riferiscono su Twitter account vicini ai Peshmerga curdi.

Al momento la notizia non è verificabile, ma altre fonti vicine ai curdi, parlano di 37 uccisi in raid condotti su "al-Kesk" una località nella zona ovest di Mosul. Poco prima, il re Abdullah aveva minacciato una "severa risposta" per l’uccisione del pilota giordano: "Li colpiremo sul loro terreno", ha detto. Un portavoce del governo di Amman, Mohammad al-Momani, aveva riferito che la Giordania "intensificherà gli sforzi per fermare l’estremismo, indebolire ed eventualmente finire l’Isis". Affermazioni che secondo responsabili Usa citati dalla Cnn vanno tradotte con la richiesta giordana di condurre più raid contro l’Isis.

Nella coalizione anti-Isis però si notano le prime crepe dopo mesi di raid aerei in Iraq e in Siria che sembrano non aver arrestato l’avanzata dei jihadisti. Gli Emirati Arabi avrebbero infatti sospeso la partecipazione ai bombardamenti a dicembre, dopo la cattura del pilota giordano arso vivo dai militanti dello stato islamico. Si tratta di un brutto colpo per il presidente americano Barack Obama, che rischia di perdere il sostegno di un alleato chiave nella lotta agli estremisti sunniti.

Per la lotta ai terroristi, infatti, da sempre la Casa Bianca cerca l'alleanza dei Paesi arabi moderati, come - appunto, gli Emirati Arabi. Già da qualche mese però Abu Dhabi aveva mostrato un certo nervosismo nei confronti di Washington, criticandola per aver permesso all’Iran di giocare un ruolo crescente nella lotta allo stato islamico. Poi è arrivato l’episodio del pilota giordano preso in ostaggio che avrebbe accresciuto il timore per i piloti dei propri caccia, oltre a mettere in discussione il ruolo degli Usa nelle operazioni di "search and rescue" (ricerca e salvataggio degli ostaggi). A lamentarsi con l’ambasciatore americano ad Abu Dhabi, Barbara Leaf, sarebbe stato lo stesso ministro degli esteri emiratino, al punto che il Pentagono avrebbe chiesto che tali operazioni partissereo dall’Iraq del nord, invece che dal Kuwait come avviene oggi per intervenire più tempestivamente.

Commenti
Ritratto di Japiro

Japiro

Mer, 04/02/2015 - 22:41

Finalmente qualcuno con le palle, re Abdullah II ha ripagato con la stessa moneta questi assassini senza Dio... L'uccisione del pilota giordano è stato un grandissimo errore, lui era arabo e mussulmano come loro, e non un semplice cristiano, noi gli facciamo i processi, loro l'impiccano, è cosi che bisogna agire...

Raoul Pontalti

Mer, 04/02/2015 - 23:09

Forse qui, sfogatisi i bananas su altri forum, si può ragionare di politica. La dissennata idea di coltivare serpi in seno con la motivazione di abbattere Assad e per sovrammercato di mettere in riga il riottoso Al Maliki in Iraq troppo vicino all'Iran (parentela sciita...) ha prodotto i risultati noti a tutti, ma anche altri risultati forse meno graditi. Ossia la constatazione che gli unici veri successi sul campo contro ISIS, i bombardamenti avendo solo provocato morti innocenti tra i civili, li hanno ottenuti nell'ordine Hezbollah libanese, Kata'ib Hezbollah (milizia sciita irakena gemella della precedente) e i Pasdaran giunti dall'Iran, ossia gli sciiti di tre diverse nazioni minacciate da certo estremismo sunnita. Un'osservazione: i nemici effettivi di ISIS sono l'Iran e gli Hezbollah e Assad che a loro volta sono osteggiati da USA, IL, GB, F e petrolmonarche del Golfo. Per la proprietà transitiva...chi sta realmente con ISIS?

Zetax

Mer, 04/02/2015 - 23:28

LA GIORDANIA STA FACENDO BENISSIMO ALTRO CHE USA DOPO AVER VISTO LA BRUTTA FINE DEL PROPRIO PILOTA GIORDANO CI CREDO!! RIEMPE DI RABBIA NON SO PERCHE OBAMA NON ATTACCA, comunque la giordania andrá avanti! ONORE STA NAZIONE.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 04/02/2015 - 23:43

La Giordania dovrebbe bombardarli ogni giorno e ogni notte quegli abominevoli assassini islamici. Nel giro di un mese verrebbe risolto il problema dell'ISIS.

Gaby

Mer, 04/02/2015 - 23:52

Ricordatevi che I Giordani conoscono bene I loro vicini e sanno come trattarli. Fu re Hussein a buttare fuori a pedate dal suo regno quell pezzente di Arafat e I suoi palestinesi.

Esculoapio

Gio, 05/02/2015 - 00:33

odio e violenza crescono con la vendetta, ci sino gia' state due guerre mondiali, morte e distruzione ovunque, evidentemente la stupidita' prevale sempre

angelomaria

Gio, 05/02/2015 - 00:36

UN'INCUBO CHE PER ORA NON VEDE FINE!!!

claudio63

Gio, 05/02/2015 - 05:40

RP,adesso che mi sono passati i capricci da bananas,posso rammentare che proprio da destra si critica chi lodava la primavera araba senza chiedersi il perche delle conseguenze a tanta anarchia?Erano gli intellettualoni di sinistra che hanno criticato l'operato dei vari Sarkozy in Libia?Chi ha dato del buffone al Berlusconi perche'ha criticato l'attacco di Francia,UK,USA,Germania in Libia?La sinistra non ha appoggiato la politica puerile delle sanzioni alla Russia?Qui mi sa che le banane possono fare bene anche a te,a volte aprono gli occhi...

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Gio, 05/02/2015 - 05:53

volevo segnalare che per la prima volta (sottolineo prima) sono d'accordo con Raoul Pontalti, andro' a farmi visitare dal dottore.

Albius50

Gio, 05/02/2015 - 08:08

Le bombe ed i missili e la manutenzione degli F16 hanno alti costi finanziari quindi la Giordania per poter essere credibile contro l'Isis ha bisogno che gli Usa la finanzi oppure se vuole continuare è meglio che si rivolga a Putin che sicuramente in questo momento è meglio degli Usa che vigliaccamente hanno creato l'Isis x colpire la Siria; e la stessa cosa stanno facendo in Ucraina.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Gio, 05/02/2015 - 08:16

Ottima iniziativa della Giordania. Ottima l'unilateralità. Si spera nella continuità dei bombardamenti da operare senza discriminazione tra gli obiettivi (la zona dove si annidano le canaglie è nota e non esistono danni collaterali).

ben39

Gio, 05/02/2015 - 09:04

Ci vogliono le truppe di terra! Ricordiamoci che se gli americani e gli altri alleati, durante la seconda guerra mondiale, non avessero deciso di intervenire sul terreno europeo, oggi saremmo tutti sotto il regime nazista e gli abrei sarebbro stati sterminati del tutto. L'Islam non è differente dal nazismo e per certi aspetti crudeli è peggio ancora ( vedi video pilota). Forse è troppo tardi però e purtroppo per noi sembra essere così.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 05/02/2015 - 09:39

Raulk non rompere più le scatole coi tuoi copia incolla.

Ritratto di Manieri

Manieri

Gio, 05/02/2015 - 09:40

@Pontalti. "i bombardamenti avendo solo provocato morti innocenti tra i civili", mi sembra di sentir parlare Bergoglio, la Boldrini o Gino Strada. Lei è un "mistico fascista" dei miei stivali Pontalti, tronfio di nozioni ostentate che mescola in bocca come fanno i medici quando vogliono darti la medicina per cui prendono la mazzeta. L'islam è violento per natura, Pontalti, e i suoi ridicoli distinguo che pretendono di identificare l'islam "cattivo" con qualche Paese occidentale che lo avrebbe originato sono o demenziali o interessati.

Ritratto di frank.

frank.

Gio, 05/02/2015 - 09:41

A corollario del post di Raul Pontalti, volevo far notare ai bananas seguaci del detto Magdiano "tutti i musulmani sono tagliagole seguaci dell'isis" che il 95% dei Giordani sono musulmani!! Così, tanto per chiarire...

Marzio00

Gio, 05/02/2015 - 09:46

Condivido l'analisi di Pontalti anche perché non si capisce come un gruppo di ribelli in pochi mesi sia riuscito a conquistare territori e creare un vero e proprio stato!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/02/2015 - 10:00

Forse agli antislamici in servizio permanente attivo sarà bene ricordare che re Abdullah di Giordania appartiene al lignaggio dei "Banu Hachim". Ovvero lo stesso del Santo Profeta Muhammad!

Ritratto di Manieri

Manieri

Gio, 05/02/2015 - 10:27

USA, F, GB non "stanno con l'ISIS", anche se hanno stupidamente contribuito a generarlo. L'ISIS è un Golem che si sta rivoltando contro chi lo ha creato, attingendo energia vitale dal risveglio di quello spirito d'odio e conquista che ha sempre caratterizzato l'islam nella sua versione più vera ed originale.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/02/2015 - 10:39

Ovviamente l'analisi politica di Pontalti è perfettamente corretta.

Ritratto di Manieri

Manieri

Gio, 05/02/2015 - 10:42

MarzioOO e Omar El Mukhtar, certo, anche la mafia ha varie cosche in lotta fra di loro e più o meno sanguinarie. Ma sempre mafia è.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/02/2015 - 11:30

Manieri: allora stai dicendo che anche Abdullah di Giordania sarebbe un terrorista? Mentre gli USA che bombardano a destra e a sinistra (con la complicità anche degli italiani) sarebbero degli angioletti? E allora perché non andate a bombardare anche la Giordania. Quello non è un obiettivo "sfuggente".

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/02/2015 - 11:56

e poi, egregio Manieri, anche le Patrie sono cosche. Che per millenni sono state in lotta tra loro. Ad esempio una cosca chiamata "Francia" contro una cosca chiamata "Germania".

claudio63

Gio, 05/02/2015 - 12:51

Omar, e'inutile difendere opportunisticamente,a sinistra avete fatto la classica pipi fuori dal vaso,e non e'la prima volta.La Giordania ha tutto il rispetto del pensiero liberale di destra anche in funzione di certe prese di posizione del precedente Re Hussein (vedi Settembre nero). Gli USA hanno creato questo mostro anche grazie alla complicita' di Francia,Germania Uk,con la sudditanza tipica della politica arrogante ed autocelebrativa che e'quella di sinistra oggi,e non ha nulla a che fare con i grandi movimenti di massa del primo novecento, ma e' solo un accozzaglia di intellettualoidi burocrati che campano a spese della comunita' attiva che lavora e rischia di proprio ( vedi classe media e piccoli imprenditori) nel medio oriente si dovevano lasciare risolvere le grane ai propri capi ed alle proprie genti senza intervenire, sin dai tempi della sconda guerra nel golfo.piu' neoconservatori di cosi....

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/02/2015 - 13:20

claudio63: mi sembra che a fare la pipi fuori dall'orinale sei tu. Perché mai pensi che io abbia qualcosa a che vedere con la "sinistra" attuale? Ovvero io difenderei "opportunisticamente" chi?

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 05/02/2015 - 19:10

Gli USA fino ad ora , han solo finto di volere combattere questi terroristi che in effetti fan loro comodo sia perchè permettono il collaudo di nuovi armamenti, sia perché consentono vendita di armi a destra ed a manca: dobbiamo quindi cominciare a chiederci chi sono i terroristi dato che quelli che operano con l' ISIS non agiscono da soli e ricevono troppi soldi da capi terroristio al loro pari

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 05/02/2015 - 23:16

# Omar El Mukhtar 13:20 Lei sta difendendo la sua abissale ignoranza.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 06/02/2015 - 13:25

Ecco ora ho anche pubblicato la mia foto. E nessuno potrà più dire che non mi si può riconoscere.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 06/02/2015 - 23:16

# Omar El Mukhtar 13:25 Con questa baggianata della foto cosa crede di risolvere? Era meglio se pubblicava quella vera. Quella con la maschera nera di tutti i farabutti dell'ISIS, MAGARI ANCHE CON LA LORO BANDIERA IN MANO.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 08/02/2015 - 17:52

Runasimi la foto È QUELLA VERA! Mica sono un vigliaccone come te!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 05/04/2015 - 22:15

Tanto va la gatta al lardo ... Ormai il latte è versato e chi ha pagato il lattaio si ritrova con il secchiello vuoto e ammaccato. Chissà perché gli Emirati si sono arrabbiati con gli americani ... a sollevare polvere è facile rimanere accecati.