Grave una donna azzannata da 3 cani sfuggiti a coppia di rom

Assalita da un rottweiler e due pitbull sfuggiti a due rom, mentre cerca di portare il cagnolino a fare una passeggiata. E ora, G.R., una donna 46enne, è in ospedale per lesioni e contusioni a spalla e braccio destro. La reazione dei romeni? Scovati e denunciati dai carabinieri, hanno querelato l’accalappiacani perché uno degli animali si è strangolato tentando di sfuggire al cappio con cui era stato catturato. Mentre il maggiore dei carabinieri Giuliano Gerbo vuole sottolinearlo «La donna è stata fortunatissima. Perché un branco così avrebbe potuto tranquillamente sbranarla».
L’incubo inizia verso le 6.30 quando la vittima esce dalla sua abitazione di via Quasimodo a San Giuliano per portare il suo cagnolino a fare la solita passeggiata mattutina. Non fa a tempo a fare dieci passi nel cortile condominiale che viene circondata dai molossi che si avventano sul suo cagnolino. Terrorizzata, lei lascia il guinzaglio e lo fa scappare. È qui che uno dei cani, molto probabilmente un pitbull, la aggredisce azzannandola al braccio, subito imitato dagli altri due. Poi l’animale, che viene identificato dagli esperti come il capobranco, molla la presa e anche gli altri due si allontanano.
Diversi coinquilini allertano il 112. Arriva anche l’accalappiacani che trova il pitbull all’esterno del condominio mentre gli altri due si aggirano ancora in cortile. Il cane per strada viene preso per primo con un cappio al collo e si strangola cercando di scappare. L'autorità veterinaria ne ha disposto l’autopsia, per cercare di capire se fosse malato di rabbia o di altre patologie contagiose. Gli altri due si fanno catturare. E vengono portati al canile il Mulino di Pantigliate. Erano regolarmente tatuati e muniti di microchip, il che ha permesso ai carabinieri di risalire a una rom di 25 anni di San Zenone al Lambro che, insieme al suo compagno, un connazionale di 37 anni, è stata denunciata per malgoverno di animali e omessa custodia, solitamente tenuti alla cascina Monticello di San Donato Milanese, da dove sarebbero scappati. I due cani, ora, dovranno rimanere per dieci giorni nel canile. Poi le decisioni veterinarie. La donna intanto viene tenuta sotto stretta osservazione.