Infrastrutture, la Provincia cambia idea "per campagna elettorale"

Penati e alcuni comuni di sinistra bocciano il progetto Anas sul collegamento Boffalora-tangenziale Ovest. L'assessore Cattaneo: «Confido nel Cipe»

La Provincia di Milano cambia idea. Assieme ad alcuni comuni di sinistra (Albairate, Cisliano, Cusago, Ozzero, Cassinetta di Lugagnano) e al Parco agricolo sud. Penati modifica la sua posizione sui lavori per il collegamento della superstrada Malpensa Boffalora a Magenta con la tangenziale Ovest. E lo fa esprimendo parere negativo sul progetto definitivo dell'Anas. Un colpo di scena inaspettato a cui la Regione Lombardia dà una sola spiegazione: campagna elettorale.
«La Provincia - critica l'assessore lombardo alle infrastrutture Raffaele Cattaneo - si sempre dichiarata favorevole nelle innumerevoli riunioni preparatorie lungo il 2008 e il 2009. Evidentemente la campagna elettorale fa tornare a galla una verità che è giusto che i cittadini ricordino: la sinistra è a favore delle infrastrutture solo a parole. Il partito del no torna a farsi sentire». Fatto sta che ci sono 280 milioni di euro già stanziati per risolvere i problemi viabilistici dell'ovest milanese e domani rischiano di non esserci più. Per non arenare la tabella di marcia, Cattaneo ripone le sue speranze nel Cipe, chiamato a decidere in autunno. «Spero che il Cipe - sostiene - faccia la sua parte decidendo per il meglio, superando i pareri contrari dei Comuni che peraltro, in conferenza dei servizi, non sono neanche stati motivati in modo approfondito».