"Abu Omar è un terrorista". Ma la galera la rischiano gli 007

I giudici condannano l'imam a 6 anni, però gli lasciano il risarcimento per il sequestro. Mentre a finire nei guai sono gli agenti che collaborarono con la Cia per il blitz

Milano - Se mai dovesse finire in cella a scontare la sua condanna, l'imam Abu Omar sarebbe sicuramente il detenuto più ricco del suo carcere. Perché la sentenza del giudice milanese che ieri lo ha riconosciuto colpevole di terrorismo internazionale e gli ha inflitto sei anni di carcere, non cancella il megarisarcimento che nel frattempo il medesimo Abu Omar si è visto riconoscere a carico dello Stato italiano: un milione e mezzo di euro, quale consolazione per essere stato rapito a Milano da una squadra di agenti della Cia, nel febbraio 2003. Situazione, come si vede, piuttosto paradossale. Per i giudici che hanno processato gli uomini della Cia e del Sismi, Abu Omar fu una vittima, un cittadino sottoposto a una brutale violazione della sua libertà e dei suoi diritti. Per il giudice che lo ha processato ieri, invece Abu Omar è un estremista della jihad, un fanatico che dietro il suo ruolo di predicatore organizzava e reclutava combattenti per la guerra santa contro l'Occidente. Ovviamente, l'attività terroristica di Abu Omar non giustifica i modi sbrigativi con cui venne prelevato dagli 007, imbarcato su un aereo e rispedito al Cairo, dove i suoi connazionali lo interrogarono con una certa brutalità. Ma la sentenza che sancisce il suo ruolo nella jihad getta inevitabilmente una nuova luce anche sul processo, ancora in corso, agli uomini del Sismi accusati di avere collaborato all'operazione degli americani. Il prossimo 16 dicembre, Niccolò Pollari - ex direttore del servizio segreto militare - il suo braccio destro Marco Mancini e tre agenti potrebbero infatti finire in galera proprio con l'accusa di sequestro di persona ai danni di Abu Omar. Davanti alla Cassazione è fissata l'udienza in cui dovrà venire esaminato il ricorso dei nostri 007 contro la loro condanna (Pollari a dieci anni, Mancini a nove, gli altri a cinque). Se la Cassazione confermasse le condanne, scatterebbe la cattura. Scenario possibile, a quel punto: Abu Omar latitante in Egitto, beneficiario di un risarcimento milionario da parte dello Stato nonostante la condanna; gli uomini accusati di avere aiutato gli americani a dargli la caccia, in galera.

Sulla sorte di Pollari e dei suoi collaboratori, però, potrebbe aprirsi una finestra: il prossimo 14 gennaio la Corte costituzionale emetterà la sentenza sul conflitto di attribuzioni sollevato da ben quattro governi (Prodi, Berlusconi, Monti e Letta) contro i provvedimenti con cui la magistratura ha violato il segreto di Stato imposto dalla presidenza del Consiglio su tutti i fatti «collegati o collegabili» al sequestro di Abu Omar. Di fatto, la sentenza di condanna è stata emessa utilizzando atti che per il governo facevano parte dei rapporti riservati tra servizi segreti italiani e americani, e la cui diffusione può mettere a rischio la sicurezza nazionale. Se la Consulta darà ragione ai quattro governi, l'intero processo al Sismi verrebbe spazzato via. Per questo i difensori di tutti gli imputati hanno chiesto che la Cassazione il 16 dicembre sospenda tutto, in attesa del verdetto della Corte Costituzionale. Che senso avrebbe, spedire tutti in galera per un mese?
Nel frattempo, dall'Egitto, Abu Omar commenta così la propria condanna: «È una condanna che serve solo a giustificare la grazia concessa all'agente della Cia. Dovevo essere l'unico terrorista nella vicenda». Il riferimento è a Joseph Romano, comandante della base Usa di Aviano, anche lui condannato ma graziato dal presidente Napolitano.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 07/12/2013 - 08:58

che pagliacciate si vede che i magistrati sono komunisti ed aiutano i terroristi e i satanisti maomettani. Na a voi italiani non frega nulla tanto il risarcimento lo pagate tutti voi con i vostri risparmi che lo Stato vi deruba in cambio di nulla con il nome di "Tasse"

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 07/12/2013 - 09:11

Giustizia all'italiana.??? Che parac................

Ritratto di onollov35

onollov35

Sab, 07/12/2013 - 09:37

Vestrire una divisa, difendere lo Stato da infiltrazioni di vario genere, porta a queste conseguenze. Signori magistrati, fare giustizia in questo modo, e colpire gli uomini dello Stato nel loro dovere è giusto?

Night

Sab, 07/12/2013 - 09:46

Voglio solo ricordare, sopratutto a signori come "Dragon Lord" e l'articolista che anche se il sig. Omar risultasse veramente colpevole in via definitiva che: IN OGNI CASO è proibito rapire, estradare, far torturare anche il più bieco dei terroristi. Secondo LA LEGGE, ad eseguire l'arresto devono essere le forze dell'ordine e da qui procedere entro i limiti delle norme di legge e costituzionali. Ovvero: chi lo ha rapito ha commesso UN REATO e anche piuttosto grave, e come tale dev'essere trattato. Voglio inoltre ricordare che uno degli 007 americani è stato graziato "Motu Proprio" da Napolitano. Probabilmente sotto la minaccia che, se fosse stato arrestato, avrebbe cominciato a cantare. Per riassumere: il fuorilegge qui non è solo il Sig. Omar

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 07/12/2013 - 09:48

Aho! Ma si parla di sicurezzza, della nostra sicurezza, della nostra cultura. Sti magistrati, se non si sentono italiani, ma che se ne vadano nel paese dei loro protetti. Se un domani dovesse esserci la caccia al musulmano, la responsabilità sarà unicamente la loro, e tutto andrà a scapito di quanti, musulmani operosi, rispettosi delle leggi e perfettamente integrati,suubiranno le conseguenze di "tutta un'erba un fascio ".

LAMBRO

Sab, 07/12/2013 - 10:00

E' CONDANNATO PER TERRORISMO MA....LO RISARCISCONO .... PER COSA? NON DOVREMMO ESSERE NOI A CHIEDERE DI ESSERE RISARCITI? SE AVESSO TOCCATO LE LORO FAMIGLIE AVREBBERO CERTAMENTE SENTENZIATO DIVERSAMENTE. SAI QUANTI NE ARRIVANO ADESSO CHE SANNO DI PRENDERE DEI SOLDI FACENDO TERRORISMO? MA IL POPOLO COMINCIA A CAPIRE E IL 9 SAREMO IN TANTI....

secchione

Sab, 07/12/2013 - 10:11

Mi spiace per alcuni commentatori, ma in tutti i Paesi civili funziona così. E' questo che permette a essi di auto-definirsi "civili", vale a dire rispettosi di determinati principi, "senza se e senza ma", secondo un'espressione infantile e abusata. Per cui, anche se costui è un criminale inveterato, per cui GIUSTAMENTE è stato condannato, ciò non gli fa perdere determinati diritti, come quello di non essere rapito senza garanzie e di non essere torturato. Se questo è avvenuto, GIUSTAMENTE saranno condannati i responsabili, che in questo caso sono dipendenti pubblici; in quanto contribuente, esigo che si muovano secondo le leggi, e non secondo il loro personale giudizio. Se - per la loro (presunta) efficacia - vi piacciono questi sistemi, potete sempre andare in un Paese arabo a casaccio. Io preferisco l'Europa.

blackbird

Sab, 07/12/2013 - 10:27

Cosa c'è di nuovo? Non sono forse sotto processo i poliziotti che arrestarono Riina e Provenzano? Guai a togliere i riflettori dai magistrati che conducono l'inchieste! Hanno voluto proteggere la popolazione, ma hanno tolto il "giocattolo" alla casta, ora rischiano la galera: ben gli sta! Dopotutto decenni di bombe e di stragi in Italia non ditemi che "non si potevano evitare". in altri Paesi dopo il primo attentato si sono attuate misure di prevenzione, ma in Italia nessuna cautela è mai stata presa per tutelare i cittadini. Di ritorno dalla GB, ho "assistito" una coppia di ragazzi finiti sotto i controlli della sicurezza nell'aeroporto inglese. Eppure, pur trasportando le stesse cose (liquidi) non avevano avuto nessun problema nell'aeroporto italiano di partenza: la sicurezza è un'optional in Italia!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Sab, 07/12/2013 - 10:31

Perché non togliamo la scorta alla maggior parte dei magistrati?

comase

Sab, 07/12/2013 - 10:56

In galera e a vita ci devono andare quei criminali di magistrati che hanno arrestato gli 007 Questi non devono uscire mai piu'

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 07/12/2013 - 10:59

E poi se siamo la barzelletta del mondo sarebbe colpa di Berlusconi ??? Magistratura vergognosa e criminale.

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 07/12/2013 - 11:28

Forse è arrivata l'ora di disconoscere le sentenze di queste magistrature assurde. Iniziare la guerra fra le istituzioni, oltre le schermaglie: disconoscere la sentenza della Corte sul Porcellum, disconoscere le sentenze assurde, di cui queste relative alla vicenda Abu Omar, convincere chi deve far rispettare le sentenze che è meglio lasciar perdere. Inizia la guerra e le forze politiche che ci stanno si coalizzino.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 07/12/2013 - 12:14

Night 09:46 e secchione 10:11 - - - Mettiamola così : Avete ragione; quello da voi descritto è la regola, ma le regole hanno le eccezioni (che confermano la regola) soprattutto quando si tratta di terrorismo e sicurezza nazionale e soprattutto ancora quando l'individuo in questione si è rivelato in realtà per quello che è. Oppure, rimpiazziamo i ns agenti segreti con altrettanti chierichetti.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 07/12/2013 - 12:27

Io ai difensori moralisti e costituzionalisti che postano e accusano gli 007 auguro solo che un giorno un porco del genere piazzi una bomba e gli stermini la famiglia.

erpiotta

Sab, 07/12/2013 - 13:14

é sbagliato anche questo? Abu Omar è stato giudicato terrorista semmai adesso, ma prima era da considerarsi innocente se ancora non processato, invece è stato prelevato contro la legge italiana. Siamo sempre li la legge si applica e dovrebbe essere uguale per tutti.

SteveCanelli

Sab, 07/12/2013 - 14:08

Bel modo di combattere il terrorismo. Poi ci stupiamo se gli alleati non si fidano di noi; con i giudici che ci ritroviamo, chi si fiderebbe ?

agosvac

Sab, 07/12/2013 - 14:14

Evidentemente nella magistratura italiana c'è qualcosa che non funziona: si condannano delle persone perchè hanno catturato un estremista pericoloso, ma si condanna l'estremista perchè pericoloso!!! Le cose sono due: o l'estremista è realmente pericoloso ed allora chi lo ha "catturato" ha fatto un bene alla comunità oppure l'estremista non è estremista pericoloso e non si capisce perchè lo hanno condannato!!! Forse sarebbe bene per il funzionamento adeguato della Giustizia sottoporre molti magistrati a visita medica psichiatrica obbligatoria!!!!!!!

agosvac

Sab, 07/12/2013 - 14:27

Egregio night, lei è strano assai! Quì non si tratta di una persona qualunque, si tratta di un terrorista che se non messo immediatamente in grado di non nuocere può fare danni incalcolabili! Lei ha dei figli? Le piacerebbe se uno dei suoi figli venisse coinvolto in un atto terrosistico magari quando è in un supermercato a fare spese o in una discoteca a divertirsi??? O lei è cretino oppure è un illuso! I terroristi non aspettano che la legge li prenda nei modi consueti, loro agiscono senza se e senza ma: colpiscono indiscriminatamente e quando colpiscono fanno il più possibile di danni senza pensare a nient'altro che a distruggere. Io non vorrei il male per nessuno, amici o nemici, ma certe volte mi auguro che alcuni perbenisti siano coinvolti direttamente, solo così riuscirebbero a capire!!!!!!!!

yulbrynner

Sab, 07/12/2013 - 15:02

abu omar un omaccioneeeee con la barbetta da sparvierooo...questo terrosta dovrebbe guadagnarsi il pane spaccando pietre altro che risarcimenti del piffero, ma quale buon senso ..mahh cose da pazzi!

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Sab, 07/12/2013 - 15:16

@agosvac ha ragione . pensi al sequestro di gente che lavora all'estero , pensiamo ai nostri marò . ma in questo caso tutti zitti . ma che razza di magistratura aABBIAMO che ci impega 11 anni a fare il suo dovere , cioè difenderci dai terroristi .cosa aspettano le magistrate che prima ci ammazzino con le bombe o camion carichi di dinamite ? mi spiace per quei signori che parlano di rapimento , dovevamo avvertirlo ? lui e i suoi accoliti hanno distrutto una civiltà , la nostra , predicando l'odio nelle moschee che alcuni italiani solo di nome e non di fatto , hanno lasciato che costruissero ? facciamo , veramente la magistratura lo fa , schifo .

gyxo

Sab, 07/12/2013 - 15:21

Ma cosa pretendete da questa Stronza all'ennesima potenza di magistratura?Dovrebbero tanti magistrati essere mandati in galera e destinati ai lavori forzati per crimini contro l'umanità .Brutti faziosi coscientemente ingiusti e pertanto doppiamente colpevoli.Poi si dichiarano paladini della legalità,benintesa come legalità di stalin.Vergogna fasciocomunisti legalizzati.Prepotenti,ingiusti,vergogna d'Italia.Bonjour Tristesse.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Sab, 07/12/2013 - 15:22

Ci siamo ritrovati dalla "CULLA del diritto" alla "BARA del diritto"!

Night

Sab, 07/12/2013 - 15:36

x agosvac. "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.". Ora: se c'è effettivamente un sospetto terrorista lo si attenziona, lo si pedina, lo si intercetta e nel caso si fa irruzione con i Corpi Speciali nel covo e si spara anche. Ma la LEGGE deve essere rispettata, perché è l'UNICA cosa che ci distingue da tutti i fanatici ed integralisti e fascisti di destra e sinistra. E lo sa qual'è la cosa divertente? E' che facendolo espatriare per torturarlo ora sarà una grana incredibile per riaverlo affinché una eventuale condanna diventi operativa. Infine per ribattere ai suoi "Auguri" di finire spappolato da una bomba, le ricordo che il terrorismo NON si sconfigge con questi metodi. Anzi: se solo si degnasse di leggere una ANSA ogni tanto, scoprirebbe che questi maledetti hanno il vizio legarsela al dito e di vendicarsi. Non solo! Sistemi repressivi e disumani da che mondo e mondo ingrossano le fila di questi Bastardi, causando ancora più danno. Forse in quel momento, prendendo lui e torturandolo salvo me e i miei figli, ma i prossimi due che vogliono vendicarlo, magari ammazzino lei e i suoi, di figli.

Raoul Pontalti

Sab, 07/12/2013 - 16:08

Mi fa piacere che su questo forum non mi trovo isolato a sostenere determinate tesi. Sottoscrivo quanto commentato da Night e secchione. Aggiungo, a beneficio di agosvac, che un pericoloso terrorista lo si arresta sulla base della legislazione italiana e non lo si regala allo straniero che poi lo mette in libertà (perché allo straniero interessavano solo le questioni sue, non quelle italiane). Il regalo allo straniero ha comportato: a) l'interruzione delle indagini della magistratura milanese su Abu Omar con conseguenti ritardi nella definizione del caso; b) la manifestazione coram populo di essere affidati per quanto riguarda la sicurezza interna e internazionale a dei fessacchiotti nostrani o alleati che per rapire un disgraziato si comportano da cadetti del film "Scuola di Polizia" lasciando tracce ovunque; c)nel corso delle indagini sul caso Abu Omar emersero e l'illegale archivio di via Nazionale gestito da Pio Pompa e gli illeciti arruolamenti di spioni tra i giornalisti (che in realtà più che fornire notizie ai servizi le ricevevano dai servizi stessi e le giravano ai giornali per cui lavoravano eseguendo un'operazione di intossicazione dell'opinione pubblica finalizzata ad enfatizzare il pericolo del terrorismo islamico in realtà da noi inesistente) ivi compreso quell'agente Betulla difeso come patriota da questo Giornale fino a che non lo mise in quel posto anche a Sallusti e fu quindi scaricato. Proprio la vicenda dell'agente Betulla che causò con un'ennesima sua panzana la condanna del Direttore Sallusti dovrebbe far riflettere: questo spione che veniva pagato dai servizi per scrivere cazzate sul terrorismo islamico (dato sempre come pronto a ghermire la povera Italia ma per fortuna i solerti servizi vigilavano e sventavano attentati e stragi: ve la ricordate la bufala degli sventati attentati alle nostre sedi diplomatche in Medio Oriente?) purtroppo è stato creduto anche da molti commentatori di questi forum che, pur avendolo bollato come infame dopo lo scherzo a Sallusti, mantengono il ricordo delle bufale da costui propalate e inconsciamente le ritengono vere e le ripetono come i commenti mostrano. Per gli anticomunisti a prescindere (e a comunismo morto naturalmente) ricordo qui che il pagatore del vostro beniamino Betulla (alias Renato Farina) lo spione del SISMI Pio Pompa era sindacalista CGIL e militante del PCI: traetene le conclusioni...

secchione

Sab, 07/12/2013 - 19:34

Mi spiace, non si tratta affatto di buonismo, moralismo costituzionalismo: 3 aggettivi-slogan in cui non mi riconosco. Si tratta invece di una scelta di chiarezza logica: la nostra "civiltà" è tale perché frutto della creazione e dell'applicazione di principi e regole che li traducono. Orbene, non possiamo tutelare i valori della nostra "civiltà" con strumenti che li tradiscono. Paradossalmente, credendo in quanto scritto sopra, difendo i valori della cultura europea molto più di tanti sceriffi da bar.

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 25/01/2015 - 08:43

i nostri giudici?? fan solo ridere anche i polli e pisciare le oche oramai divertite all' inverosimile

jeanlage

Sab, 05/03/2016 - 09:32

Nessun confronto: Reggeni ah avuto il buon gusto di levarsi di torno.