Letta e il Colle al mercato dei voti

Si cercano parlamentari pronti a tradire per il governicchio. Spunta l'ipotesi Saccomanni

Il voto come una bestemmia, le elezioni come un sacrilegio. È paradossale, ma ormai la democrazia in Italia viene trattata come un'eresia. Non solo non è più di moda, ma a pensarci troppo si fa peccato. Provate a parlare di voto al Quirinale e rischiate la scomunica. Napolitano e Letta, infatti, pur di non andare al voto sono disposti a tutto, anche a elemosinare l'appoggio del primo parlamentare che passa. Tutto questo in cambio di promesse per un futuro politico senza incertezze. Ora questa manovra di trasformismo porta un nome più elegante. Lo chiamano scouting. L'ha inventato Bersani e non gli ha portato molta fortuna. Ma Napolitano ed Enrico Letta non sono superstiziosi. Lo scouting non ha a che fare con bambini vestiti da soldatini verdi e neppure con il lavoro dei cacciatori di teste nelle grandi aziende. È invece il reclutamento di deputati, e ancora di più di senatori, pronti a immolarsi per salvare la patria, la stabilità e la legislatura, votando mercoledì per Letta. Il prezzo di tale sacrificio è non perdere la poltrona e mantenere lo stipendio. Obiettivamente c'è a chi va peggio.

Dove si è messa a fare scouting la strana coppia? Dove mirano Napolitano ed Enrico Letta? Naturalmente in casa Berlusconi. La prima speranza è che il Cavaliere perda i pezzi, giocando sull'opportunismo, che altri chiamano moderazione, dell'area cattolica e vitellina del vecchio Pdl e nei dubbi dei nuovi cattolici, meglio se con un passato radicale. È così che tentano di convincere al grande passo i Lupi, i Quagliariello, le Lorenzin o chi per loro. L'importante è imbarcare mani buone per ogni pulsante. D'altra parte tutto questo rientrava già nei progetti di Enrico Letta. Il premier in decadenza si stava muovendo per spaccare il Pdl, magari con l'idea che si creasse un partito nuovo insieme a Scelta civica e gli eterni frammenti del centro. Un partito satellite del Pd, che permetta a lui e al Pd di governare almeno fino al 2018. L'accelerazione di Berlusconi è servita anche a bloccare il piano del premier, richiamando i ministri dal governo vuole valutare anche gli uomini su cui può ancora contare. Si vedrà quanto sarà numerosa la fuga verso Enrico Letta, una cosa però è indiscutibile: finora chi ha scelto di scappare verso questo centro vuoto, dopo essere stato usato, vi ha trovato solo illusioni. Per poi magari accorgersi che la sua carriera politica era priva di voti e di sostanza. Vi ricordate Fini? E Casini? Ecco, avanti i prossimi. Finora il centro è stato solo il cimitero degli inciucisti.

Tutto questo avviene scommettendo sull'autorità morale di Napolitano e le preghiere di Enrico Letta. Il presidente della Repubblica ha fatto già sapere che prima di arrendersi allo scioglimento della Camere farà carte false e proverà tutte le strade. Se, infatti, il premier dovesse fallire la sua raccolta di voti, allora Napolitano, pur di evitare le elezioni, avrebbe già pronta la carta di riserva: un governo di scopo guidato da Saccomanni. È da vedere se ce la farà, in ogni caso sarà comunque un disastro.
Sì, perché siamo nell'area degli esperimenti. Roba in cui la democrazia si sintetizza in laboratorio o si programma a tavolino. Mettiamo quindi che le diavolerie da dottor Frankenstein della strana coppia si realizzino, che succede? Che governo sarà? Un governo di rattoppi, sotto schiaffo e ricatto dei grillini spuri, con una politica economica serva dei burocrati di Bruxelles e costretta a cercare in Parlamento ogni santo giorno l'ossigeno per la sopravvivenza. Il risultato sarà un governo zombie, un morto che cammina, incapace di fare riforme o leggi fondamentali, non in grado di tagliare la spesa pubblica, perché la sua ragione sociale sarà di non scontentare nessuno, e pronto ad andare avanti a colpi di tasse. Un governo dove gli italiani saranno costretti a impiccarsi senza neppure poter dire la loro. A questo punto finiranno per favorire lo stesso Berlusconi, che si potrà presentare alle elezioni, che prima o poi ci saranno, come un liberatore.

di Salvatore Tramontano

Commenti

cgf

Lun, 30/09/2013 - 09:35

chi farà stampella al PD dovrebbe sapere che 'dopo' non lo vorranno più, hanno troppi caporali da accontentare e la porta sarà cmq stretta, figuriamoci se potrà tornare all'ovile a testa alta!! per ovile non intendo il partito di appartenenza quando è stato eletto, ma a casa propria, avrà il marchio dell'infamia tutta la vita.

cast49

Lun, 30/09/2013 - 11:03

si preparano agli acquisti...qualche pm dovrebbe intervenire, o sono intervenuti solo su Berlusconi?

scipione

Lun, 30/09/2013 - 11:29

Il comunista del colle sta portando l'Italia nella m...a.

Ritratto di asfodelo13

asfodelo13

Lun, 30/09/2013 - 16:54

Quel ca....ne di Letta cosa ha dichiarato??non ricordo bene.. perdiamo credibilita' agli occhi dei nostri partner europei??? Ma quando mai l'Italia e' stata credibile??Siamo considerati i voltaggana d'Europa ,scaldasedie,opportunisti ,mafiosi ,pizza e mortadella.senza un briciolo di dignita'. Ecco perche' tutti ci possono comandare a bacchetta e noi ubbidiamo,o per meglio dire, i nostri governanti che ci rappresentano Pero' abbiamo un RE che ci costa quanto una monarchia brittanica e USA messi insieme e tutti in genuflessione a prendere ordini. Italiani ma quando vi svegliate???Prendete esempio dai Brasiliani che per il solo aumento del presso del biglietto dei bus sono scesi in strada a fare vere dimostrazioni di piazza non certo come quelle organizzate dai nostri sindacati politicizzati. E noi che facciamo..ci affamano con tasse e balzelli continui ma rimaniamo rintanati nei nostri cantucci salvo poi lamentarci su giornali e web.Bravi Italiani continuate cosi'.

guidode.zolt

Lun, 30/09/2013 - 17:13

E' un tentativo di "Letta Continua"...

idleproc

Lun, 30/09/2013 - 17:24

Tardi, molto tardi ma state facendo la cosa giusta. L'unico dubbio che ho è se Berlusconi avrà il coraggio di tirare dritto visto che ci rimetterà a breve di tasca sua. Tutta la banda dell'eurogolpe e dell'esproprio dell'Italia è schierata, hanno fatto una scelta miope che nella possibile dinamica sociale ed economica gli metterà il cappio intorno al collo e avranno chiuso con la politica o peggio. Non bisogna lasciargli la possibilità di riciclarsi ancora. Certamente dovrebbe usare le sue televisioni come fanno gli altri, soltanto dicendo la verità e chiamando un po' di economisti che spieghino la truffa fatta agli Italiani con l'europa e con l'euro. Attaccando e frontalmente. In US ci prendono per il culo da quando ci hanno fatto il golpe e piazzato Monti&Goldman e per il fatto che non siamo ancora usciti dall'europa cosa che ci conveniva da anni. Non avremmo mai dovuto entrarci. Sinceramente ho forti dubbi che Berlusconi non faccia come al solito... Lasci perdere i Magistrati, non sono quelli l'origine del problema. Se c'è qualcosa da fare si dovrebbe fare con una Costituente se gli altri vogliono salvarsi dai reati costituzionali che hanno commesso.

libera66

Lun, 30/09/2013 - 17:25

egregio sig Tramontano, le volevo fare una domanda....lei crede a quello che scrive ?....... cito testuali parole " A questo punto finiranno per favorire lo stesso Berlusconi, che si potrà presentare alle elezioni, che prima o poi ci saranno, come un liberatore.".....più leggo questa frase più mi scompiscio dalle risate..... per i frequentatori di questo forum membri onorari dell' accademia della crusca tenevo a precisare che scompisciarsi è italiano.....

Ritratto di Baliano

Baliano

Lun, 30/09/2013 - 17:28

Nonò ri-comincia la fiera del bestiame, vacche e buoi dei paesi limitrofi, con tanto di rodeo finale per vedere chi resta in groppa più a lungo: Letta o Napolitano, entrambi del paese degli acchiappacitrulli-PCIpd.

Giuroma

Lun, 30/09/2013 - 17:31

Vorrei capite. Chi passa con Berlusconi (Scilipoti, Razzi, De Gregorio...) è un responsabile. Chi passa con Letta è un traditore. Ci vorrebbe più serenità di giudizio...

Giuroma

Lun, 30/09/2013 - 17:37

Vorrei anche ricordare, che già nel 94 ci fu un mercato delle vacche per far nascere il primo governo Berlusconi, ma nessuno gridò al tradimento. Non ci possono essere due pesi e due misure.

nemo72

Lun, 30/09/2013 - 17:41

a caccia di traditori...e poi tutti a montecarlo dal giuda per eccellenza..

marcosol

Lun, 30/09/2013 - 17:43

Non ricordo un articolo su questo giornale che tacciava di traditori e di opportunisti Scilipoti, Razzi e compagnia cantante quando passarono dall'opposizione al sostegno pieno a Berlusconi e al suo governo. Una delle cose più difficili è quella di sembrare coerenti. In questo Giornale sembrano aver risolto il problema: non perdono nemmeno tempo per sembrarlo

Ritratto di Y93

Y93

Lun, 30/09/2013 - 17:45

Attenzione Letta ....ricordati del tuo compagno di merende ..PRODI ..si propio Prodi che un giorno fece un in contro particolare...gli chiese Ma TU CHI SEI ? " Ma IO sono Romano PRODI....!!!! "Romano Prodi". "Ma chi?...L' ex presidente del Consiglio? L' ex residente dell' IRI? L' ex presidente della Commissione europea? L'ex democristiano? L'amico dei comunisti? Quello che ha creato la tassa “una tantum” sui conti correnti di tutti, ricchi e poveri (8x1000)? Quello che ha creato la tassa di lusso “una tantum” sulle moto dei poveri e dei ricchi (700.000 lire), Quello che ci ha spremuti per entrare nell'Europa con l’euro (con 60.000 lire a testa)? Quello che ha creato una voragine nei conti dell'IRI e che ovviamente è stata poi coperta con i soldi degli italiani? Quello che ha permesso alla Cina di invadere i mercati europei di prodotti a basso costo senza controllo…? "Ehm... si...sono proprio io, Signore"...... "Figlio mio, non hai bisogno di confessarti..... tu devi solamente ringraziare!" "Ringraziare? E chi, Signore?" "Ma i Romani, per avermi inchiodato qui..... altrimenti scendevo dalla croce e ti facevo un mazzo così". NON SIA MAI CHE QUALCUNO LO VOTI DI NUOVO …!!!

marcosol

Lun, 30/09/2013 - 17:46

Il PDL ha votato TUTTE le leggi che ora dice ingiuste: lo scalone, l'introduzione dell'IMU, l'aumento dell'IVA, la legge Severino. Troppo facile buttare il sasso e poi togliere la mano. ma gli italiani non sono stupidi, e non si faranno abbindolare da questa Pravda travestita da quotidiano liberale, dove l'unica libertà che agogna è quella del suo editore.

LAMBRO

Lun, 30/09/2013 - 17:49

E' SEMPRE MERCATO DELLE VACCHE MA L'UNICA DIFFERENZA E' CHE CHI PASSA CON BERLUSCONI E' PROCESSATO QUELLI CHE PASSANO CON LETTA NAPOLITANO SARANNO OSANNATI!!

marcosol

Lun, 30/09/2013 - 17:49

Attenzione alla perla! "Il voto come una bestemmia, le elezioni come un sacrilegio. È paradossale, ma ormai la democrazia in Italia viene trattata come un'eresia." Quando due settimane fa Berlusconi in un comunicato disse che non poteva far cadere il governo, per senso di responsabilità nei confronti del paese che ha bisogno come non mai di un governo, tutti su queste pagine a descriverlo come un uomo con elevato senso delle istituzioni, a cui interessa solo il paese e non se stesso. ma son passate due settimane.... ora il paese sta meglio... e si può andare a NUOVE ELEZIONI

marcosol

Lun, 30/09/2013 - 17:54

il mercato delle vacche c'è da quando è nata la nostra Repubblica

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Lun, 30/09/2013 - 17:56

Dal " vù cumprà " al più democratico " vù fatti comprà? "

moshe

Lun, 30/09/2013 - 17:57

scipione, non è vero che il comunista del colle sta portando l'Italia nella m...a, CE L'HA PORTATA GIA' DA TANTO TEMPO E ADESSO VUOLE ANCHE FARCELA AFFOGARE!

moshe

Lun, 30/09/2013 - 17:59

Ci sarà qualche magistrato che accuserà il pd per l'acquisto di qualche vacca?

marcosol

Lun, 30/09/2013 - 18:00

Scilipoti e Razzi passarono dall'IdV (partito che ha costruito il proprio programma politico sull'antiberlusconismo), al pdl. Quagliarello & co passerebbero dal sostegno al governo Letta al.... sostegno al governo Letta. Secondo me c'è una bella differenza fra i due casi.

moshe

Lun, 30/09/2013 - 18:02

Questa volta cosa si inventerà per menare per il naso gli italiani e mantenere il SUO pd sul cadreghino?

cast49

Lun, 30/09/2013 - 18:40

La stabilità di governo è un bene se si nutre di due cose: un governo capace di lavorare bene e una maggioranza unita sulle cose da fare e fondata sul rispetto reciproco. Invece nelle ultime settimane abbiamo avuto un governo capace solo di rinviare, di proporre il blocco dell'Iva aumentando altre tasse, di tagliare l'Imu solo a metà per ricattare il Pdl e costringerlo a stare al governo, un governo prono rispetto ai diktat dei burocrati dell'Unione europea. Abbiamo avuto il nostro maggior alleato, il PD, che si vergogna di stare in un governo "contro natura" e che per bocca di tutti i suoi esponenti di vertice annuncia l'intenzione di buttare fuori dal Parlamento il leader del partito alleato, violando la Costituzione. In questo modo assecondano gli istinti della loro base, nutrita da venti anni nell'odio contro di me e pensano di chiudere una partita che dura dal 1994. Abbiamo pazientemente offerto soluzioni a ogni livello istituzionale per evitare di fare precipitare la situazione. Non ci hanno voluto ascoltare. Per questo ho deciso di chiedere ai ministri PDL di dare le proprie dimissioni. So bene che è una scelta dura e impopolare. Ho previsto tutte le accuse che mi stanno rovesciando addosso in queste ore e anche lo sconcerto di parte del nostro elettorato, preoccupato giustamente della situazione economica e sociale. A loro dico di non credere a coloro che da vent'anni hanno bloccato le nostre riforme per cercare di eliminarmi dalla scena politica. Sono gli stessi che oggi mi dicono di non anteporre me stesso al bene dell'Italia. Ciò non è mai stato in discussione per me e per la mia forza politica, in tutti questi anni. Noi siamo quelli che negli anni Novanta hanno salvato i governi della sinistra quando non avevano maggioranza sulla politica estera. Noi siamo quelli che hanno voluto Monti, Bonino, Prodi in posizioni di vertice in Europa, perché italiani. Noi siamo quelli che non abbiamo mai lavorato all'estero contro il governo italiano quando eravamo all'opposizione. Noi siamo quelli che due anni fa hanno votato contro l'arresto di un senatore del PD, nello stesso giorno in cui loro votavano per far arrestare un nostro deputato, che fu peraltro scarcerato dopo alcune settimane. Noi siamo quelli che hanno voluto il governo Monti e il governo Letta, sperando potesse essere un governo di riforme e di pacificazione. So e sappiamo distinguere il reale interesse dei cittadini. Per questo motivo, se il governo proporrà una legge di stabilità realmente utile all'Italia, noi la voteremo. Se bloccheranno l'aumento dell'Iva senza aumentare altre tasse noi lo voteremo. Se, come si sono impegnati a fare, taglieranno anche la seconda rata Imu, noi voteremo favorevolmente. Noi ci siamo e ci saremo su tutte le altre misure utili, come il rifinanziamento della cassa integrazione, delle missioni internazionali, il taglio del cuneo fiscale. A chi mi chiede di farmi da parte e accettare con cristiana rassegnazione la mia sorte giudiziaria, presente e futura, dico con la mia consueta chiarezza che lo farei senza esitazione, se ciò fosse utile al Paese, se il mio sacrificio significasse una svolta positiva nei rapporti tra politica e "giustizia". Invece per come si sono messe le cose darei semplicemente il mio avallo a una situazione di democrazia dimezzata, dove non il popolo ma i magistrati politicizzati decidono chi deve governare, dove i governi sono fatti dai giornali-partito e dalle gazzette delle procure e le leggi riscritte a colpi di sentenze. Non sono sceso in campo per questo; non ho messo a repentaglio una vita di lavoro, di successi e di sacrifici per lasciare in queste condizioni il mio Paese. Per questo ritengo mio dovere continuare a restare in campo, per offrire una alternativa ai poteri non democratici - perchè non eletti dal popolo - che loro sì irresponsabilmente vogliono mettere in ginocchio il nostro Paese. S.B.

giottin

Lun, 30/09/2013 - 19:08

Attenti con la compra-vendita perché dopo potreste essere indagati, ah già è vero, da destra a sinistra si può.

lamwolf

Lun, 30/09/2013 - 19:19

Quanto ancora aspettare perché la gente non si ribella a questi incapaci che ci stanno rovinando la vita e a quelle delle prossime generazioni???

guidode.zolt

Lun, 30/09/2013 - 19:30

Il mercato delle vacche va bene, ma, per la par condicio, anche quello dei tori...non son mica tutte malefemmine ...!

Massimo Bocci

Lun, 30/09/2013 - 19:58

Regime di criminali comunisti, Golpisti ROSSI, vera feccia dell'umanità!!!!!

ilfatto

Lun, 30/09/2013 - 20:02

tramontano mi saluti la nipotina di Mubarak...capisco l'infimo livello di logica di molti dei suoi lettori ma la sua dignità tramontano NON dovrebbe avere prezzo anche se da quello che so gliela la pagano bene, mi creda io, anche con queste cifre avrei serissimi problemi nel guardarmi allo specchio ogni mattina e lei come fa? non ha problemi credo visto che straparla di compravendita quando non mosse ciglio per un certo razzi, scilipoti, de gregorio ahhh ma quelli erano "responsabili"...tramontano ma NON si vergogna neanche un po'? ahh no di sicuro anche perché stamattina ha superato se stesso alla 7...affermando e sostenendo la barzelletta del governo che cadeva per colpa dell'IVA!! ahahaha tramontano...ma quanto vogliamo scendere ancora? prima o poi si tocca il fondo anche se si raschia!

acam

Lun, 30/09/2013 - 20:05

non capisco come il duo napletta non abbia preso in considerazione il comportamento del loro partito negli ultimi otto anni. io mi rendo conto che una cifra a dodici zeri sia troppo grande per le loro misere meningi, al momento che con i loro sproloqui non si rendevano conto dei danni pecuniari che stavano procurando ai loro elettori e al resto della popolazione. sparlavano di un uomo che aveva messo in piedi un contribuente da più di sei miliardi annui, nonostante tutto si diceva qualsiasi cifra per farlo decadere, non ricordate. ora hanno il coraggio di rimproverargli il benessere del paese, che loro stessi hanno contribuito a distruggere ( più di un terzo se non sbaglio, bastava le loro ciabatte fossero rimaste allacciate), ma no con la loro retorica e dialettica di m... ci vorrebbero anche far passare per delinquenti. quando io ero in germania le detrazioni complessive dallo stipendio erano di circa il 38%, poi venne il geniale kohl e arrivarono a pi del 45%, in italia erano sotto il 30% ora sono sopra il 46%, con la differenza che la hanno dimestichezza e pudore con le cifre a dodici zeri e rispetto degli elettori e da noi abbiamo gente come il duo napletta che disdetta, qualsiasi condizione pur che vadano a casa.