Bersani non molla, ma il Pd si prepara al duello Renzi-Barca

I "frondisti": dopo due direzioni finte per non indebolire il segretario la prossima sarà quella vera. Gli uomini del sindaco: "Niente trappole"

Da Piacenza, dove è tor­nato giovedì sera colpito da un virus influenzale, Pierluigi Ber­sani fa sapere che «siamo pron­ti ad accompagnare responsa­bilmente il percorso » di Napoli­tano. Ma anche che per il Pd «l’asse»rimane quello di«un go­verno di cambiamento e una convenzione per le riforme». Ossia lo schema su cui ha difeso fino all’ultimo il proprio incari­co di governo.
Quel preincarico, ufficial­mente, nessuno glielo ha anco­ra levato, nè lui ha ufficialmen­te rinunciato, e un altro incari­cato non c’è e non è alle viste. Ma dal Quirinale, ieri, tagliava­no corto: «Con le sue dichiara­zioni di oggi Napolitano ha tira­to una riga», l’ipotesi non è più in campo. E ora, nel Pd, può aprirsi da un momento all’altro il processo al segretario. Una nuova riunione della Direzio­ne non è ancora stata fissata, ma tutti dicono che dovrà esse­re «a breve». E che «dopo due Di­rezioni finte, in cui la parola d’ordine era “non disturbiamo il manovratore”, questa sarà quella vera». Ossia quella in cui si faranno sentire le voci di chi imputa a Bersani «una ossessi­va rincorsa di Grillo che ci ha fat­to finire in un vicolo cieco e ci ha riportato indietro di anni, to­talmente schiacciati su Sel », co­me accusa un ex Ppi; una gestio­ne troppo chiusa del partito («Si fida solo di due o tre emilia­ni, non coinvolge nessun altro nelle decisioni», è il lamento dif­fuso); e soprattutto - a più di un mese dalle elezioni- «un risulta­to elettorale disastroso: erava­mo al 33% e siamo finiti al 25%, eravamo nelle condizioni idea­li per vincere e siamo riusciti a perdere», come dice un veltro­niano. Peraltro, la prossima riu­nione del parlamentino Pd coinciderà anche con l’avvio delle procedure congressuali, che a norma di statuto deve es­sere convocato entro il 24 apri­le, per tenersi (con annesse pri­marie per il leader) in ottobre. Chi si aspetta cruente deposi­zi­oni o mozioni di sfiducia al se­gretario, dunque, resterà delu­so: «la ruota girerà entro il 2013, io non sarò più segreta­rio », aveva an­nunciato Ber­sani, e così sa­rà. Certo lui si aspettava di farla girare da Palazzo Chi­gi, ma è anda­ta diversa­mente.
Di certo, nel Pd non si regi­stra­grande en­tusiasmo per la mossa di Napolitano sui «sag­gi ». «Originale, ma non è chiaro cosa possa produrre», si limita a dire Gianclaudio Bressa. Un altro franceschiniano, più mali­ziosamente, fa notare che «l’unico precedente di “assem­blea degli esperti” è nella costi­tuzione iraniana. Spero non sia stata quella l’ispirazione».Il fat­to è che, al di là del ruolo dei sag­gi, il loro perimetro politico (Pd,Pdl e montiani)indica chia­ra­mente il perimetro della mag­gioranza possibile secondo il Colle, quella che dovrebbe far partire nel prossimo futuro il go­verno del Presidente. Pochissi­mi però credono che sia fattibi­le, e anche in casa renziana ci si prepara alla possibilità di ele­zioni molto ravvicinate: «Se si vota a luglio, bisogna capire se si riescono a fare le primarie e a trovare un competitor, che a Matteo serve perché non vuole essere il candidato del­l’apparato » , spiega uno spin doctor del sindaco. Se invece si vo­ta dopo l’esta­te, Renzi do­vrà decidere se scendere nell’arena congressua­le. «L’offerta dei Giovani Turchi, tu fai il can­didato premier e Fabrizio Bar­ca fa il segretario, è una trappo­la - osserva un altro supporter del sindaco- il Pd non può esse­re su una linea diversa dal pre­mier: Matteo deve vincere lui il congresso e fare il capo del parti­to ».

Commenti

piedilucy

Dom, 31/03/2013 - 14:37

garganella va a casa tanto con i vitalizi che becchi vivi tranquillo a spese nostre per tutta la vita che speriamo sia corta

bingsdom

Lun, 01/04/2013 - 08:18

Veramente Renzi non lo capisco: cosa ci fa ancora in un partito di vecchie cariatidi mummificate e perdenti, la cui più nuova espressione sono i "giovani turchi" creati a loro immagine e somiglianza, quindi ancora perennemente perdenti? Avesse il coraggio di andarsene da solo (della serie "chi mi ama mi segua") alle prossime elezioni sarebbe un plebiscito!

Ritratto di Y93

Y93

Lun, 01/04/2013 - 10:11

RENZI FATTI sentire...ROTTAMALI TUTTI ...

apostata

Lun, 01/04/2013 - 10:12

Napolitano è fuori delle realtà, non percepisce l’abissale differenza tra quando si affidò a monti e il momento attuale. Monti poté avere il sostegno cieco perché si era al culmine di una campagna di diffamazione e delegittimazione che aveva fatto presa su gran parte dell’elettorato e il pdl era alle corde ormai fuori gioco. L’esprienza monti e stata la più deleteria per la pochezza dell’uomo, per la sua mancanza di capacità tecnica e politica, per l’orribile combutta con fini e casini e nessuno vuole ripeterla. La situazione è profondamente mutata. Il gioco è passato inutilmente per le mani di bersani che avrebbe potuto fare l’unica mossa possibile che però richiedeva palle e capacità di proposta all’elettorato trinariciuto, attributi che all’uomo di bettola, abile pettinatore di bamboline, mancano. Sperare che la stessa accoglienza che fu riservata al monti, dopo la delusione monti, possa essere estesa ai dieci badanti scelti come si scelgono i papi al conclave è mera utopia. L’unica via di uscita per il paese è in un patto tra pdl e pd per un periodo sufficiente per le riforme urgenti e per avviare un sistema che porti alla governabilità, per il pd nella capacità di dimenticare nei tempi più brevi bersani, vendola, bindi, franceschini, letta e ammennicoli vari ad essi collegati e affidarsi a renzi.

mnemone44

Lun, 01/04/2013 - 10:47

Quest'uomo e la congrega di cui è espressione hanno preferito,per inossidabile ideologia e ottusa presunzione,ridursi ad essere telecomandati piuttosto che operare da protagonisti collaboratori nella risoluzione dei problemi del paese.E a noi ranocchi è toccato l'ennesimo re travicello piovuto dal "dio"di turno.Speriamo bene:

etabeta1949

Lun, 01/04/2013 - 11:18

BERSANI; visto il suo squallido fallimento, dovuto sopratutto alla sua invidia viscerale nei confronti di Berlusconi, abbia per lo meno il coraggio di dare le dimissioni da segretario del Partito...Si renda conto che con il suo assurdo ostruzionismo ha contribuito non poco a rovinare l' Italia. Se al suo posto ci fosse stato Renzi, non solo il PD avrebbe stravinto, portando via molti voti sia al M5S che al PDL , ma avrebbe portato quella ventata di " nuovo" che l' Italia aspettava. Con la sua sicumera, con il voler a tutti i costi rimanere attaccato allo scranno, Lei non solo ha bloccato l' economia che, con le misure che tutte le forze politiche volevano, avrebbe ripreso fiato, ma ha fatto crescere la sfiducia che i cittadini italiani hanno per il "vecchio", per quelli come Lei che non hanno mai lavorato in vita propria e si sono mantenuti ed arricchiti facendo solo i politicanti. Abbia un pò di umiltà e di coscienza : SI DIMETTA e sparisca dalla scena politica...Non contribuisca più a rovinare le nostre vite..

LAMBRO

Lun, 01/04/2013 - 11:20

BERSANI : SUICIDIO POLITICO IN DIRETTA TV!! MA SE CHI LO CONOSCE BENE NON GLI DA FIDUCIA COME SI FA A CHIEDERLA AGLI ITALIANI? SVEGLIA POLITBUREA!!!PENSATE CHE GLI ITALIANI PER IL 66% SIANO PIRLA? CON DEI RAPPRESENTANTI COME VENDOLA , BINDI, PENATI,BERSANI, FRANCESCHINI, OCCHETTO NON VINCERETE MAI!

Ritratto di maurocnd

maurocnd

Lun, 01/04/2013 - 12:09

Ma nessuno si chiede come mai Bersani e la dirigenza del PD si ostinano su questa linea suicida? Non credo siano tanto ottusi da non sapere la caxxata che stanno facendo ma, il Partito innanzi tutto! Non può lasciare la segreteria a Renzi. Sono troppe le cose, gli intrecci, le lobby, le operazioni finanziarie non proprio trasparenti in essa custodite per lasciarle a qualcuno che potrebbe renderle pubbliche con conseguenze catastrofiche per il 'partito dei lavoratori'.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Lun, 01/04/2013 - 12:12

concordo con i precedenti post. aggiungo solo : che schifo!

Ritratto di gianni1950

gianni1950

Lun, 01/04/2013 - 12:43

Bersani è cotto e da buttare al macero, sesi potrà andarae alvoto ntr fine Giugnonnon credo he iol PD potrà avere il tempo di fare le primarie con Renzi. Se cosi non sara il favorito sara Berlusconi del PDL, questa volta farà piazza pulita del PD e snche di Grillo che ormai ha finito di crescere e credo scenderà in modo importante nella perdita di consensi. Gli italiani hanno compreso che dovranno contare su due partiti uno di destra l'altro di sinistra il resto sara minoritario.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 01/04/2013 - 12:54

Il Pd si conferma un partito eterodiretto: da dove viene questo Barca, un topo di ministero che non si occupa di politica da decenni, che viene proposto come segretario senza avere neanche la tessera del partito? Chi lo vuole, anzi lo impone? Bella domanda, eh?

MEFEL68

Lun, 01/04/2013 - 19:18

Povero Bersani, aveva già comprato alcune bottiglie di sangiovese per brindare il giorno del suo insediamento. Per nostra fortuna, però, San Giovese non l'ha aiutato.