La cautela di Berlusconi: c’è un passo avanti, rifletterò

Il Cav ragionerà sull’ipotesi della grazia. Il prossimo passo: non dare alibi agli avversari e andare a vedere tutte le carte

«Gianni mi ha garanti­to che l’apertura di Napolitano sarà se­ria, impegnativa e non di circo­stanza». È primo pomeriggio e già da qualche ora la politica tutta attende come sospesa l’annunciata dichiarazione del presidente della Repubbli­ca. La trattativa, ormai, è agli sgoccioli. Con Gianni Letta che da giorni fa da pontiere tra Castelporziano e Arcore, non solo telefonicamente ma an­che fisicamente. È lui - come già accaduto tante altre volte in passato- a gestire la complessa mediazione che poco prima delle otto di sera si materializ­za nella lunga nota di Giorgio Napolitano. Un testo concor­dato e che Silvio Berlusconi ha già letto in diverse stesure, fino a quella definitiva. Di qui la bat­tuta con cui dopo pranzo il Ca­valiere risponde al suo interlo­cutore: «L’apertura di Napoli­tano sarà seria, impegnativa e non di circostanza».

Certo, questo non significa che il Cavaliere abbia messo da parte dubbi e perplessità. Anzi, magari per scaramanzia, l’ex premier in privato continua a dirsi scettico sul fatto che il Col­le possa davvero garantire una soluzione. Soprattutto, si fa no­tare, il percorso politico e pure quello giudiziario hanno tempi certi mentre quello indicato dal capo dello Stato non ha né date né scadenze. Però- è il sen­so dei ragionamenti di Berlu­sconi- di alibi non ne voglio da­re a nessuno e dunque è bene andare a vedere tutte le carte. Ecco perché alla fine dà retta a Gianni Letta che insiste da gior­ni sulla necessità di trovare «una soluzione condivisa». In effetti la nota di Napolitano è piuttosto aperturista. Come ri­conosce anche Berlusconi con i suoi, infatti, il Colle mette nero su bianco il problema della co­siddetta «agibilità politica» del «leader incontrastato di una for­mazione politica di innegabile importanza». Una leadership che la nota del Quirinale non mette in discussione. Anzi, Na­politano arriva a definire «legit­time » le «riserve e i dissensi ri­spetto alle conclusioni cui è giunta la corte di Cassazione» definendo «comprensibili» i «turbamenti» e le «preoccupa­zioni » emersi nel Pdl. Una pre­sa di posizione pesante visto che arriva non solo dal capo del­lo Stato ma pure dal presidente del Csm.

Un Berlusconi, dunque, «mo­deratamente soddisfatto». Per­ché in effetti la dichiarazione di Napolitano tiene sostanzial­mente fede a quello che è l’ac­cordo siglato in queste ore. Non solo riconosce che va ga­rantita al Cavaliere la cosiddet­ta «agibilità politica» prenden­do atto della eccezionalità del­la situazione, ma apre all’ipote­si della grazia. Il punto, e pare di questo si sia discusso molto, è come e soprattutto da chi deve essere formulata la domanda che potrebbe arrivare non ne­cessariamente dal diretto inte­ressato o dai familiari più stret­ti. Ed è un’opzione che allo sta­to Berlusconi non esclude e sta valutando.

Un Cavaliere che comunque continua a tenere alta la guar­dia, consapevole che la soluzio­ne prospettata dal Colle non so­lo potrebbe non andare a buon fine ma potrebbe anche essere insufficiente. Perché anche nel caso di grazia resta il problema della decadenza da senatore, con tutto ciò che può comporta­re non avere più lo scudo del­l’immunità. «Anche l’ultima procura di periferia ti saltereb­be addosso», gli fanno notare i falchi. Senza considerare gli al­tri processi in ballo, a partire dal secondo grado di Ruby. In­somma, di problemi ne reste­rebbero comunque molti.

Commenti

mar-sil

Mer, 14/08/2013 - 09:07

Giratela come volete, la VERITA' è una sola: VI HANNO SDERENATO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Totonno58

Mer, 14/08/2013 - 09:10

Rifletti, Silvio, rifletti...che, tra non molto, di tempo te ne avanzerà tanto...ben di più di quando scaldavi la sedia da Presidente del Consiglio, ingannando il tempo fino alle cene eleganti....

AH1A

Mer, 14/08/2013 - 09:20

Il Capo dello Stato ha semplicemente dato un'onesta e chiara lettura della situazione. La sua lettera è semplicemente una presa d'atto dei fatti e delle situazioni possibili. Tutti sanno che una grazia è impossibile per mere ragioni pratiche e di legalità. La palla ora è nel campo PDL che deve semplicemente ragionare sul fatto se rimanere un partito asservito a Berlusconi od al Paese. Nulla di più elementare.

AQUILA DELLA NOTTE

Mer, 14/08/2013 - 09:24

Caro Berlusconi, la gente di centrodestra è con Lei per l'accanimento giudiziario (specie per l'ultimo processo sentenziato in Cassazione)però anche la maggioranza dei Suoi fans non nasconde che in tutto ciò Lei ci ha messo anche del Suo. E a questo punto, dopo non essere riusciti a riformare la Giustizia non trovo dignitoso che Lei pietisca una improbabile grazia dal Quirinale (che è dalla parte dei giudici). Sconti orgogliosamente la Sua pena e guidi Forza Italia senza candidarsi e, a tempo perso, pensi anche al Milan che per gli acquisti mi sembra una vecchietta che va a ruspare nei rimasugli del mercato rionale.

lomi

Mer, 14/08/2013 - 09:26

Egr. Cav. Pregiudicato Berlusconi, è arrivata l'ora che Lei tolga il disturbo. Da uomo privo di ideologie politiche sono a dirLe che i danni che ha cagionato a questo Paese, per coprire le sue sporche e zozze vicende personali, assieme ad una nutrita schiera di cortigiani, una sinistra compiacente,sono inenarrabile e la condizione dell'Italia è tale anche e soprattutto per merito suo. Il clima di continuo scontro con tutto e tutti che non la pensano come Lei è insostenibile ed io da italiano che ama il suo Paese non per motivi di interesse economico come Lei, sono a ribadire che è giunta l'ora si tolga dalle scatole e si goda, alla Sua veneranda età, la pensione.

Klotz1960

Mer, 14/08/2013 - 09:30

Sarebbe FOLLE fidarsi. Napolitano trovera' una soluzione di mediazione, "migliorista", che comunque pregiudichera' l'agibilita' politica di SB. Bisogna solo correre a nuove elezioni, e farle DOPO quelle tedesche, anche per dare un chiaro segnale nell'UE. In Olanda, le richieste di rigore dell'UE hanno creato una ondata anti UE pari a circa il 40% della popolazione, che si manifestera' alle prossime elezioni per il Parlamento Europeo. Noi apparentemente non abbiamo ne' senso della nostra importanza e ne' orgoglio nazionale, ma per fortuna altri (GB, Olanda) si, e non a caso si tratta di Paesi con una forte identita' nazionale e tradizione democratica.

meverix

Mer, 14/08/2013 - 09:34

Fossi nei panni del Cav, mi ritirerei a vita privata, previo l'aver scontato un anno ai servizi sociali. Darebbe così il buon esempio, facendo vedere che anche lui è uguale agli altri cittadini. Concluderebbe "in bellezza" il suo ventennio con un bel gesto e poi via, a occuparsi dei nipoti e del Milan.

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 14/08/2013 - 09:37

bisogna prendere atto delle sentenze e non ci sono domande di grazia non abbiate paura con la vostra faccia di bronzo è cosa buona richiedere la grazia per un condannato definitivo per evasione non abbiate vergogna

Ritratto di caputese

caputese

Mer, 14/08/2013 - 09:39

Si può scrivere e dire ciò che si vuole, resta comunque il fatto che, anche nel caso sia data la grazia all'on. Berlusconi questo rimarrà sempre un pregiudicato. Una condanna non si dimentica, tanto più se un esponente del parlamento, nonchè primo ministro per diverse volte, è stato condannato per frode fiscale!

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 14/08/2013 - 09:43

Caro SILVIO non c’è nulla da trattare e discutere la legge parla chiaro cari signori dell’illegalità non ci sono scappatoie ne furbizie varie

BTrac

Mer, 14/08/2013 - 09:43

Passo avanti? ma quale passo avanti? l'avete letta l'intervista di violante sul corriere? Berlusconi, se non vuole essere eliminato dalla vita politica e rinchiuso in carcere non deve fidarsi di napolitano. A questo punto, accertato che la sinistra vuole eliminare Berlusconi dalla politica, l'unica soluzione è far cadere il governo e andare alle elezioni.

handy13

Mer, 14/08/2013 - 09:51

..se il PDL vuole continuare a farsi prendere in giro dalla sx tutta,..continui così,..NON si accorge che hanno in mano TUTTI i posti che contano..??..dal Capo dello Stato ai conduttori RAI x passare dalla magistratura e sindacati....ma basta con il BUONISMO!!!

Accademico

Mer, 14/08/2013 - 10:06

Caro Cavaliere, mi creda, sono molto arrabbiato forse perché Le voglio bene. Mi ascolti. Gli Italiani , le persone per bene, hanno capito che Ella non ha commesso nessun reato. In più, anche le pietre sanno che la Sua condanna è stata sentenziata dall’ esposito, la stessa persona che nel rilasciare intervista registrata al Mattino ebbe a contraddirsi in maniera spudorata sul suo stesso operato del giorno prima in Aula. Ma Ella ha ascoltato o no la registrazione di quel che sto dicendo? A questo punto, sic stantubus rebus, di che cappero di grazia stiamo parlando? Che grazia deve chiedere? Grazia di che? Dovrebbe farlo per esigenze tecniche, formali? Ma che gliene frega? Se ne strafotta altamente. Fossi in Lei non darei questa soddisfazione a Napolituano e Compagni. Paghi la cauzione e torni a tempo pieno tra noi. E non ci abbandoni!

LAMBRO

Mer, 14/08/2013 - 10:16

Siamo sicuri che chiedendo la grazia non si pregiudichi tutto il resto? ad esempio il ricorso alla Corte Europea? Siamo sicuri che chiedendola venga concessa? Siamo sicuri che la richiesta non sia il riconoscimento della validità di una sentenza CRITICABILE ( come accenna il Presidente Napolitano)? Siamo sicuri che il prosieguo del Calvario processuale di Silvio finisca con la Grazia??

Accademico

Mer, 14/08/2013 - 10:20

Anche se la richiesta di questa grazia di "niente" parrebbe utile per far quadrare tecnicamente il cerchio di questa vicenda così ridicola, fossi in Berlusconi non a avanzerei. Avrei ben poco da "guadagnare" e non vorrei che una volta in sede di ricors UE quegli ALTRI

Accademico

Mer, 14/08/2013 - 10:20

Anche se la richiesta di questa grazia di "niente" parrebbe utile per far quadrare tecnicamente il cerchio di questa vicenda così ridicola, fossi in Berlusconi non a avanzerei. Avrei ben poco da "guadagnare" e non vorrei che una volta in sede di ricors UE quegli ALTRI

ALASTOR

Mer, 14/08/2013 - 10:23

Nei confronti di Berlusconi si sta utilizzando il classico meccanismo bastone-carota.Senonchè anche la carota viene utilizzata in maniera contundente e ad ogni passaggio successivo di questa storia infinita la vediamo abilmente trasformata in bastone. Il Cavaliere è in trappola. Qualunque mossa faccia è un boomerang che gli torna in indietro. Amen.

Giorgio Rubiu

Mer, 14/08/2013 - 10:24

Dai commenti di sinistra appare evidente il timore che Berlusconi, dopo tutto, oltre al ruolo di capo e regista del PdL, che nessun magistrato o sentenza gli può togliere, possa, in meno di un anno, riavere il diritto di candidarsi. Una cosa che, a sinistra, si cerca di evitare a tutti i costi. Alcuni dei commenti di oggi, invece che essere pieni di improperi, si travestono da buoni consigli dicendo a Berlusconi di ritirarsi con grazia dall'agone politico. Questo fatto denuncia il timore di un ritorno di Berlusconi in parlamento ma dice anche come questi commentatori non abbiano capito (o fingano di non aver capito) chi è e come è Berlusconi. Timore di avere sprecato 20 anni di persecuzione giudiziaria per nulla e, a questo punto, che l'equazione Toghe Rosse = Sinistra sia stata irrimediabilmente rivelata e dimostrata. Dopo di che non rimane che l'attentato alla sua vita, vero?

pastello

Mer, 14/08/2013 - 10:27

Caro Silvio, chi è che tiene i rapporti col Quirinale? Ma per favore, ti fidi ancora dei democristiani? Di lui soprattutto? Errore esiziale.

Accademico

Mer, 14/08/2013 - 10:27

(scappano incompleti sti benedetti messaggi forse.. perchè sono troppo incazzato). Dicevo, fossi Berlusconi non chiederei sta grazia del piffero anche perchè non vorrei che in sede di ricorso UE, mi si eccepisse (da quegli ALTRI poveretti) una mia implicita ammissione di colpa, proprio per averne richesto la grazia. Presidente, questa cosa della grazia mi puzza. Non mi fido dell'apertura....

ni.napoli

Mer, 14/08/2013 - 10:32

Le sentenze si rispettano? Anche se ad emetterle è Esposito? L'aulico giudizio di Napolitano trascura volutamente quello che è un problema del quale lui stesso non può e, forse, non vuole prendere atto: la politicizzazione militante di buona parte della magistratura, unico baluardo dei partiti di sinistra ed unico potere incontrollato.

honhil

Mer, 14/08/2013 - 10:35

Della serie “Così è (se vi pare)”. All’agrigentina. Intesa non come ragazza di Agrigento, ma come pirandelliana soluzione. Però l’inquilino del Quirinale, anche se ha amato tanto l’aria di Mosca, al punto da fargli dire, nel 1956, “all’indomani dell’invasione dei carri armati sovietici a Budapest”, che con quelle macchine infernali , “in Ungheria l’Urss porta(va) la pace”, deve, gliel’impone la sua carica, il suo onore, la sua morale, e non ultimo il posto che s’è scavato nella storia, fare e far fare chiarezza, al di là e al di qua, al di sopra e al di sotto di quella che è un’ ineludibile «sentenza definitiva, e del suo obbligo di applicarla», su quel tanto amore che le toghe, per quattro lustri, hanno riversato su Berlusconi. Tuttavia, quella condanna della quale va preso atto, per l’invalicabile “ linea di divisione tra i poteri che il capo dello Stato ha tratteggiato, deve essere lo spartiacque dal quale ripartire, per una doverosa riforma della giustizia. Affinché, in futuro, un fatto analogo non possa di nuovo ripetersi. Finora, invece, il rasoio giudiziario, con un taglio netto sulla lavagna della vita, ha diviso i buoni dai cattivi, in rapporto alla loro collocazione politica. Quello che è successo a Berlusconi , non è una cosa da niente. O, al limite, una nota di colore locale, come la chiamerebbe Eugeniuccio Scalfari. E’ una cosa devastante, che magari riguardasse soltanto l’ex premier. Di cittadini condannati senza che si sia dimostrato in aula la loro colpevolezza “oltre ogni ragionevole dubbio”, le carceri sono piene. E ancora peggio va a quei cittadini che vi sono rinchiusi in attesa di giudizio. Negare che la Giustizia è malata non serve più a nessuno. E non perché in democrazia ”una situazione all’italiana” esiste soltanto in Italia, ma perché le corde fumano e non sarà una secchiata d’acqua a dare vigore alle funi. E questo non può né deve stare bene a Napolitano, anche se “da quel mondo viene”. Neppure se fosse un alieno.

ABU NAWAS

Mer, 14/08/2013 - 10:37

TENGA DURO E PRETENDA L'ANNULLAMENTO DELLA SCIAGURATA SENTENZA. SE IL QUIRINALE NICCHIASSE, RICORRERE ALLA CORTE DI STRASBURGO,CON UNA RICHIESTA DI DANNI MILIARDARIA!!! CI SARA' DA RIDERE QUANDO L'ERARIO CERCHERA' DI RECUPERARE I DANNI PAGATI DAI RESPONSABILI DI QUESTA INCRESCIOSA VICENDA , CHE TANTI DANNI STA CAUSANDO AI DISOCCUPATI, ALL'ECONOMIA E ALLA CREDIBILITA' DELL'ITALIA NEL MONDO!!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 14/08/2013 - 10:41

Caro Cavaliere, c'è poco da riflettere. Prima di tutto chiedere la grazia significa accettare le "sentenza porcata" emessa da un essere asservito alla causa comunista come Totonno Esposito. Secondo, chiederla, tra l'altro, ad un comunista "mai pentito" come Napolitano non c'è assolutamente da fidarsi. I comunisti sono esseri infami, abituati a rinnegare e tradire la parola data. E' la storia a confermarlo. Pertanto non si pieghi a nessun tipo di ricatto. Piuttosto, non molli assolutamente neanche sugli impegni presi con Lei da Enrico Letta. Se non eliminerà l'Imu sulla prima casa, come precedentemente concordato,faccia pure cadere il governo. Meglio pagare l'odiosa tassa che mantenere a bivaccare al governo un branco di farabutti traditori.

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mer, 14/08/2013 - 10:46

...iomi le sue demenzialità le vada a scrivere sul l'unità o sul fatto quotidiano....l'Italia senza di lei si che starebbe bene

angelomaria

Mer, 14/08/2013 - 10:52

grazia !la dia ad esposito!!!

fabiou

Mer, 14/08/2013 - 10:54

silvio ti vogliono fregare facendo melina. svegliati. butta giu il governo e andiamo a elezioni. è impossibile fare un altro governo senza il PDL. elezioni subito. alleati con putin e abbandona i traditori anglosassoni servi delle banche

benny.manocchia

Mer, 14/08/2013 - 10:54

Si sta scoprendo che Esposito e' nemico dichiarato di Silvio Berlusconi.I comunisti non ne parlano,cercano di confondere la situazione. Non esiste la possibilita' che la causa venga affidata ad un altro giudice di cassazione mandando in carcere (lui si',perdio)Esposito? Si accetta la condanna di un comunista che odia il cavaliere... Evviva l'Italia. Un italiano in usa

pinux3

Mer, 14/08/2013 - 10:55

Ricorso alla Corte Europea? Ma pensate VERAMENTE che l'Europa la prenderebbe sul serio?

simone_ve

Mer, 14/08/2013 - 11:00

@caputese " Una condanna non si dimentica" ... ho paura che non sarà così ... forse troppi dimenticano che negli anni 90 S.B. è stato condannato per falsa testimonianza poi cancellata da un'amnistia.

cesaresg

Mer, 14/08/2013 - 11:04

Signor Presidente Berlusconi non chieda la grazia visto che non ha fatto niente.Lo sanno tutti questo e allora quale grazia deve chiedere? Perché non ha fatto niente? La grazia la chiedono gli assassini, ladri, specialmente quelli di sinistra, compagni di PD. La chiedono i brigatisti rossi e a quelli Napolitano gliela concede volentieri perché erano "compagni che sbagliavano".

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 14/08/2013 - 11:06

e alla fine la sinistra l'ha fregato. Vi tocca fare la fila da D'Alema che è l'unico in grado di inciuciare anche sull'impossibile. Con umiltà, mi raccomando...

Libertà75

Mer, 14/08/2013 - 11:10

@lomi, stia tranquillo che con la sinistra al governo le tasse aumenteranno a dismisura con le scuse che lei stesso trova (E' tutta colpa di Berlusconi, anche il defalut di MPS perché non ha controllato...). Faccia un'analisi dei danni e per ogni punto elenchi elementi a favore e a sfavore (sa purtroppo quando si fa un bilancio si va a misurare sia gli effetti negativi e positivi, anche se involontari si creano sempre gli uni e gli altri). Grazie e a presto

marcus57

Mer, 14/08/2013 - 11:12

Se Berlusconi chiederà la grazia, a prescindere dalla sua concessione o meno, dovrà ritirarsi definitivamente dalla vita politica. Se egli si ritiene innocente, la grazia non la si chiede. Si faccio un anno agli arresti domiciliari. Meglio assumere la veste della vittima sacrificale e guadagnare così dal punto di vista elettorale. Se chiederà la grazia comunicherà che pensa solo a se stesso, e i suoi oppositori politici avranno facile gioco, e l'Italia sarà fottuta per sempre.

pinux3

Mer, 14/08/2013 - 11:19

@benny.manocchia...Esposito comunista? Ma sai almeno di cosa stai parlando?

Ritratto di CesareAugusto

CesareAugusto

Mer, 14/08/2013 - 11:28

Silvio, non calare le braghe davanti al komunista Napolitano. Gli italiani sono con te. Alle urne e poi vediamo chi ride bene.

epesce098

Mer, 14/08/2013 - 11:36

Caro Silvio, convinto della tua innocenza, ti esorto a non chiedere la grazia. Sarebbe come ammettere la tua colpevolezza. Il tuo popolo saprà difenderti ad ogni costo.

magiconic

Mer, 14/08/2013 - 11:41

#ACCADEMICO# Sottoscrivo in TOTO la Sua tesi!

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 14/08/2013 - 11:43

Vedo con piacere che tutti i sinistrioti che qui scrivono hanno il terrore e la frustrazione che il Cavaliere li freghi ancora una volta ! Si evince dai loro rabbiosi scritti disperati.E ne hanno ben donde ! L'avevano già visto ingabbiato e adesso rischiano di rivederselo più baldanzoso e incazzato di prima. Miei cari sinistrioti dovete imparare e capire che il potere si prende con il CONSENSO DEL POPOLO. E non cercando di eliminare per altre vie l'avversario politico. Questo E' E RIMARRA' IL VOSTRO TARLO MENTALE. Quando sarete capaci di capire questo, forse ( e dico forse ) comincerete ad avere una visione democratica della politica e della vita sociale. Ma fino ad allora sarete sempre dei poveri vagabondi. Ad maiora !!

Analista

Mer, 14/08/2013 - 11:53

Fidarsi? Senza garanzie certe? Dopo tutte le dimostrazioni di perfidia ed infidia infernali regalateci dai comunisti stessi?

gamma

Mer, 14/08/2013 - 11:57

Parliamoci chiaro. Napolitano è stato da vecchio comunista qual'è e da vecchio marpione della politica, talmente vago che in confronto lo spazio extraterrestre lo si può definire denso di materia e di ossigeno. Presidente Berlusconi, un modo per metterli alle strette c'è: chieda al PD l'immediato inzio della riforma della giustizia con tre provvedimenti immediati da approvare entro la fine di Settembre: 1) Separazione delle carriere 2) Primo grado di giudizio con giuria popolare all'americana invece che monocratico come è adesso, 3) Abolizione del CSM con un organismo più democratico e sindacabile. Se non accettano o peggio fanno melina, abbandoni il governo Letta e qualora cercassero di fare alleanze spurie basterebbe che tutti i senatori e deputati del PDL rassegnassero le dimissioni irrevocabili e immediate per costringere Napolitano a sciogliere il Parlamento. E poi metta in preallarme sua figlia Marina: è assolutamente vincente anche nei confronti di Renzi.

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 14/08/2013 - 11:58

Si Berlusconi libero e venga dichiarato immune dai processi giudiziari presenti e futuri direttamente dal presidente della repubblica. In cambio Berlusconi esca dalla scena politica diretta e il suo posto venga preso dalla figlia Marina. In cambio Silvio accetta la carica di presidente della repubblica e padre della patria, titolo conferito direttamente da Napolitano, che rassegnerà il suo mandato a favore di Silvio Berlusconi.

cgf

Mer, 14/08/2013 - 12:01

Chiedere la grazia e ammissione di colpa, poi come si andrà davanti alla corte internazionale? BTW come fa Napolitano concedere la grazia se ancora non sono note le motivazioni? È reato non sapere? Quale tribunale NON italiano ammetterà simil colpa? No.... È sicuramente una fregatura, puzza di trabocchetto lontano un miglio

niklaus

Mer, 14/08/2013 - 12:01

Se si crede innocente non dovrebbe umiliarsi a chiedere la grazia, ma anche accettare il martirio in questa societa' di cialtroni lascia il tempo che trova. E poi di processi farsa contro il Cav i nostro solerti pm ne hanno pieni i cassetti .. e mica si puo' continuare a chiedere grazie.

benny.manocchia

Mer, 14/08/2013 - 12:03

Ponux 3 -io si', e tu??? Un italiano in usa

Triatec

Mer, 14/08/2013 - 12:07

L'offerta TRAPPOLA. Napolitano apre uno spiraglio a Berlusconi per il solo motivo che ha paura di nuove elezioni . Non è non il bene del Paese che lo trattiene, ma la certezza di portare il PD alla frantumazione. Le dimissioni di massa dei parlamentare del PDL , potrebbero far cadere il governo. Napolitano farebbe un tentativo per far nascere un nuovo governo. Con quali alleanze? Il PD ha bisogno di tempo, deve organizzarsi oggi è spaccato, non è pronto non ha un candidato premier, oggi con chi si presenterebbe? Epifani, Renzi, Bersani, Zanda, Civitati o chi altri? Ammesso di riuscire a comporre una nuova maggioranza, con chi? da chi sarebbe guidata? quanto durerebbe? In ogni caso le elezioni sarebbero dietro l'angolo. Sul fronte PDL, Berlusconi potrebbe guidare la nuova campagna elettorale e l'evidenza della condanna esclusivamente politica farebbe recuperare una buona parte di quei 6 milioni di voti persi nell'ultima tornata elettorale, e stravincere ancora una volta. Per questo motivo Napolitano benedice il governo delle larghe intese, almeno fino a quando il PD non si sarà riorganizzato e come avversario avrà un condannato e "graziato" per il buon cuore del presidente. Vittoria del PD a mani basse.

Spartacus59

Mer, 14/08/2013 - 12:14

E perchè mai ci si dovrebbe fidare di un comunista? Uno che di fatto ha congelato la democrazia in funzione dei diktat della troika europea? Mica ha detto che la grazia è dovuta; ha detto che le sentenze (aggiungo: ingiuste) possono essere criticate, ma non revocate. Anche se sono in palese contrasto con la certezza del diritto (spesso forzatamente identificata con la certezza della pena, invocata a gran voce dall'emiciclo sinistro!). Eppoi, scusate, perchè B. dovrebbe richiedere la grazia?. Sottoporre siffatta instanza al PdR equivarrebbe ad ammettere la colpa che invece, sino ad ora, è stata respinta. Sarebbe un alzare "bandiera bianca" e pagare in futuro un vincolante pegno per debito di riconoscenza. Se questa è una guerra (e per chi non lo avesse capito: siamo in piena guerra economico-finanziaria non dichiarata dalla Germania e dalla finanza internazionale!!) bisogna combatterla fino in fondo. Per la Patria e per gli Italiani!!!!

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 14/08/2013 - 12:17

Si Silvio ammetti di essere stato troppo buono, e di aver accettato che la magistratura congiurasse contro di te. Passa ai lavori sociali. Dichiara di accettare di fare il presidente del consiglio e destituisci gli oppositori come fa il KGB tramite i servizi segreti. Ricorda Silvio che la guera è guera come dicono a Roma. Sii più crudo di Robespierre.

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 14/08/2013 - 12:33

Hai ragione Pinux3 l'Eropa non la prenderebbe sul serio, perché l'Europa di fatto non esiste

agosvac

Mer, 14/08/2013 - 12:58

Chiedere una qualsivoglia grazia, sarebbe un grave errore. Chiede la grazia chi riconosce di essere colpevole non chi è stato ingiustamente processato ed altrettanto ingiustamente condannato. La strada da percorrere è quella di squalificare il Presidente della sezione feriale della Corte di Cassazione che già ci ha messo di suo ad essere squalificato. Un magistrato che ha espresso la sua forte antipatia per l'imputato non può assolutamente presiedere il tribunale che lo giudica. Questa sentenza deve essere annullata per vizi di forma e per palese coinvolgimento negativo di un alto magistrato nei confronti dell'imputato. La palla a questo punto dovrebbe passare agli avvocati, non al Capo dello Stato anche perchè un'eventuale grazia non fermerebbe gli altri processi in corso mentre il riconoscimento della persecuzione giudiziaria che è palese e provato lo potrebbe fare. Berlusconi dovrebbe "accettare" questa sentenza farlocca in attesa della cancellazione della stessa. Dovrebbe anche dimettersi da senatore perchè essere o no senatore non inficierebbe la sua possibilità di continuare a fare poltica alla faccia dei vari esponenti del Pd e dei grilletti. Si dimetta da senatore, caro Presidente Berlusconi, i suoi continueranno a votare lo stesso non per lei direttamente ma per il centro destra di cui lei continuerebbe ad essere leader indiscussso. Ormai questa magistratura si è troppo sporcificata, ha i giorni contati, resti in politica al di fuori dal Parlamento e faccia dall'esterno quel che non è riuscito a fare dall'interno , quello che lo stesso Napolitano ha ritenuto ormai essenziale: una seria e totale riforma, non della Giustizia, della magistratura! Stia tranquillo: gli italiani seri che sono la maggioranza del paese continueranno a seguirla.

Marco 99S99.

Mer, 14/08/2013 - 13:10

Quelle che si leggono sopra sono i pensieri degli italiani di destra e di sinistra........ Il frutto di decenni di propaganda.... Parlare del fumo anziché cercare la causa dell'incendio.... Siamo messi maluccio, spero di avere la possibilità di poter crescere i miei figli all'estero, di quello che era l'Italia, ormai non resta neanche l'ombra.... Mi vergogno di essere nato in una nazione di smidollati

Atlantico

Mer, 14/08/2013 - 13:36

I veri perdenti sono i falchi a cui sono state tagliate le unghie. Le elezioni sono diventate impossibili e, quando ci saranno, Berlusconi sarà incandidabile. I guai veri però devono ancora arrivare e sono costituiti dalle sentenze del processo Ruby ( c'è già la condanna in primo grado ) e soprattutto il processo per la compravendita di senatori a Napoli dove addirittura c'è già la confessione. Quando arriveranno queste sentenze non ci sarà Napolitano o altro che tenga.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 14/08/2013 - 13:41

Allora il passo in avanti e' nel vuoto più' totale,e non credo che B. Sarà' così' ingenuo da cascarci.Piuttosto il PdR non ha nessun arma da utilizzare per aiutarlo,qualsiasi atto compresa la clemenza dovrebbe essere controfirmata dal governo e votata dalle camere in quanto atto politico,e come noto il DR non ha responsabilità' politica per gli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni per cui necessità di controfirme.Al netto di ciò' qualsiasi domanda del genere sarebbe una esplicita dichiarazione di sconfitta e di ammissione di colpa,ovvero 20anni di propaganda che crollano con buona pace dei tifosi

Cristiano2

Mer, 14/08/2013 - 14:10

Non mi pare una grande apertura. Attento Cavaliere, il Grande Manovratore (ex)comunista ha solo allargato il cappio già sospeso da altri: chiedere la grazia equivale ad accettare la correttezza della condanna, e quindi legittima i lazzaroni che l'hanno confermata. Mi pare che la strada giusta sia la Corte di Giustizia Internazionale Europea per l'annullamento per giusta causa!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mer, 14/08/2013 - 14:51

Spettabile pregiudicato Berlusconi, l'unica decisione che deve prendere e' di dar fede alle promesse fatte prima della sentenza del 1. agosto e andare davvero in galera!

opinione-critica

Mer, 14/08/2013 - 15:46

Bravi "sinistri" Siete riusciti a incastrare Berlusconi! Siete stati costretti al cambiamento, da Occhetto, (subito fatto fuori), dopo la caduta del muro di berlino e dalla mancanza di finaziamenti del pcus. Avete scoperto il "gioco" democratico ma non avete abbandonato la vostra meschinità e i vostri metodi capziosi e faziosi oltre che immorali e disonesti. Potete ancora contare su qualche catto-comunista ma non sulle persone che hanno un minimo di razionalità. Potete scrivere su questo sito, così si evidenzia la vostra pochezza. Ma oltre alla vostra falsa-coscienza esiste la vostra coscienza: che vi dice che la condanna di Berlusconi è pilotata e faziosa, mirata a eliminare un'avversario, che non potete assassinare per la risonanza negativa che avrebbe anche nei partiti a voi affini. I vostri metodi sono gli stessi di un tempo cambiano solo i mezzi. In una parola fate schifo.

Gioa

Mer, 14/08/2013 - 22:34

SE IL PD IL PCI E VIA SCRIVENDO SONO TUTTI SANTI ALLORA TU SILVIO CHIEDI LA GRAZIA...LA STRADA E' APERTA..IMPORTANTE IN QUESTO MOMENTO CHE DEL PD E PCI: MORTADELLA, D'ALEMA, BERSANI ETC..TROVARE DOCUMENTI O ALTRO CHE ATTESTANO QUANDO SONO SANTI O CONSACRATI...PER SCRIVERE CHE DI SANTO LOR SIGNORI NIENTE...OBIETTIVO VERO!!!

m.nanni

Mer, 14/08/2013 - 23:10

Gianni chi? Lasci perdere che la stanno portando sull'orlo del precipizio!

sordo

Ven, 16/08/2013 - 03:20

"VI HANNO SDERENATO" Hai pienamente ragione, solo che tu pensi(sei ingenuo) che hanno sderenato Silvio ed il centrodestra,quando ti sveglierai dal terpore in cui vivi(non è detto che la cosa accada), ti renderai conto che questa sentenza mina per primo la magistratura. Solo qualche sinistrato può ancora credere che Silvio sia il più grande criminale del mondo! Noto che da giorni alcuni si divertono a scrivere "Pregiudicato", si riempiono la bocca di questi suoni e godono.Poveracci ,godono delle disgrazie altrui,e poi diciamola tutta Silvio è pregiudicato come Grillo, anzi Grillo lo è un po di piu, l omicidio è ancora piu grave di una banale evasione fiscale.Grillo è un pregidicato,boh non so cosa si provi a scriverlo .....