Enrico Letta, il giovane Dc che deve far da paciere tra Pd e Pdl

Cresciuto sotto l'ala protettiva di Beniamino Andreatta, ex segretario dei giovani democristiani europei, ministro a soli 32 anni, Enrico Letta vanta una lunghissima esperienza politica

Di Enrico Letta si può dire tutto tranne che non abbia esperienza. Nato nel 1966, diventa ministro a soli 32 anni, con D'Alema a Palazzo Chigi. Gli vengono affidate le Politiche comunitarie, un settore che per gli studi fatti gli va a genio (laurea in Scienze politiche, indirizzo politico-internazionale, perfezionamento in Diritto delle comunità europee alla Scuola superiore Sant'Anna di Pisa). Il secondo incarico di governo lo vede ministro dell'Industria, sempre con D'Alema capo del governo, a cui poi subentra Amato. Consolida la propria "scalata" con la nomina a sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nell'esecutivo di Romano Prodi (2006-2008).

Il suo trampolino di lancio è stato l'Arel (Agenzia di Ricerche e Legislazione), fondata nel 1976 dal suo mentore Beniamino Andreatta. A 27 anni Enrico ne diventa segretario generale. Contemporaneamente fa strada tra i giovani Dc, diventando presidente dei giovani del Partito popolare europeo (incarico che ricoprirà dal 1991 al 1995). Segue Andreatta nel governo Ciampi (1993), andando a guidare la sua segreteria alla Farnesina e consolidando la sua vocazione per la politica estera. Dal 1996 al 1997 si sposta al ministero del Tesoro, dove diventa segretario del Comitato per l'Euro.

Dal gennaio 1997 al novembre 1998 è vicesegretario del Partito popolare italiano, nato dalle ceneri della Dc nel 1994 e, salvo l'iniziale collocazione "indipendente", schieratosi poi con il centrosinistra. Con già due esperienze di governo sulle spalle, diventa deputato nel 2001 e nel 2004 viene eletto al Parlamento europeo, sempre sotto le bandiere della Margherita (nato dalla convergenza di Ppi, Rinnovamento italiano, Pri e altre formazioni minori). Nel 2007 si candida alla segreteria del neonato Partito democratico: alle primarie ottiene l’11% circa dei consensi e si colloca al terzo posto, dietro Veltroni (75&) e Rosy Bindi (12,93%)

Il record di ministro più giovane della storia della Repubblica (32 anni) gli è stato "rubato" da Giorgia Meloni (31 anni). Come presidente del Consiglio più giovane, invece, si colloca al terzo posto, dietro a Giovanni Goria (43 anni) e ad Amintore Fanfani (44 anni).

Ma cosa ha fatto nella vita Enrico Letta oltre ad occuparsi di politica fin da ragazzo? Ha insegnato: professore a contratto alla Libera Università Cattaneo (2001-2003), la Scuola superiore S. Anna di Pisa (2003) e l’Haute école de commerce di Parigi (2004 e 2005). Dal 2004 è vicepresidente dell’ASPEN Institute Italia.

Sposato con la giornalista Gianna Fregonara, ha tre figli: Giacomo, Lorenzo e Francesco. Nella biografia pubblicata sul suo sito internet Enrico Letta ricorda di essere un lettore onnivoro e di amare soprattutto i libri degli scrittori italiani dell’ultima generazione, come Santo Piazzese, Marcello Fois, Gianrico Carofiglio. Appassionato lettore del fumetto Dylan Dog, tifa Milan e gioca (ancora oggi) a Subbuteo (il calcio in miniatura).

Su Internet è documentata anche la sua partecipazione alla Commissione Trilaterale, un gruppo di studi non governativo fondato da David Rockfeller nel 1973, di cui fanno parte uomini d'affari, politici e intellettuali (in tutto circa 300 persone) provenienti da Nord America, Europa e Giappone. Nel 2012 Enrico Letta ha partecipato alla riunione del Gruppo Bilderberg a Chantilly, Virginia (Usa). La Trilaterale, come il Bilderberg, sono al centro di molte teorie del complotto. Sarà inevitabile, per il presidente del Consiglio Letta, dover fronteggiare, tra le altre, anche a queste accuse.

Commenti

Angel59

Mer, 24/04/2013 - 13:19

Bah! Comunque è meno indigesto del sorcio. Ci voleva una figura super partes...speriamo bene e staremo a vedere, non sono ottimista e credo che in autunno riandremo al voto, questi zombie per come la loro natura ordina, intonano canti funebri alla nostra moribonda cara Italia. Alla fine il popolo spinto dalla disperazione prenderà finalmente forconi e falci per ripulire il parlamento da tutta l'erbaccia che lo ha invaso...purtroppo non c'è altra soluzione.

joecaferros

Mer, 24/04/2013 - 13:22

Può darsi che su Internet ci siano notizie non sempre attendibili , però il pizzino inviato a Monti l'abbiamo visto tutti.

CARLINOB

Mer, 24/04/2013 - 13:22

Io sono di destra però il fatto che l'incarico sia stato dato ad Erico Letta mi fa piacere : è giovane ma con una grossa esperienza e soprattutto sembra molto equilibrato e sembra pure che tutti gli anni che ha passato all'interno del Politburo non lo abbiano intaccato ! è sicuramente più Leader dello sciocco Bersani e si è fatto sicuramente il pelo sullo stomaco a contatto con i terribili del partitone. Speriamo che in una posizione così importante faccia acrescere le sue qualità e possa dimostrare oltre che equilibrio una sobbria capacità di convincere , decidere velocemente e fare. Il fatto di essere arrivato guidando la Multipla sarà una quisquiglia ma il mondo sta in piedi anche facendo soprattutto funzionare le piccole cose e questa è una di quelle , in senso positivo.

Ritratto di £a.Kasta

£a.Kasta

Mer, 24/04/2013 - 13:30

è giusto far da paciere, in fondo il piddi meno elle sta così bene col piddi più elle, sono due amanti perfetti, di lungo corso, dopo anni di litigi sempre seguiti da puntuali riappacificazioni spartitorie è giusto celebrare il loro matrimonio finalmente alla luce del sole

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 24/04/2013 - 14:14

non si tratta di far da pacere tra pd e pdl ma di far da pacere nel PD

paolo82

Mer, 24/04/2013 - 14:15

pd e pdl sono una coppia perfetta, non c'è bisogno di nessun paciere

pansave

Mer, 24/04/2013 - 14:39

Non è "deve far da paciere" ma: DEVE FARE CON FORZA ED UNITA'. I nemici sono i comici prezzolati, gli attizzatori di odio psicolabili e gli innumerevoli interessi esteri, sempre in agguato.

Accademico

Mer, 24/04/2013 - 14:45

Non è certo di quelli che "passano il video"... ma è certamente più accettabile di quell'odioso elemento di Amato.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 24/04/2013 - 15:34

pacere o paciere?? questo è il dilemma di tutti i pidiessini e dei suoi alleati di sinistra: i nobili buci!

curatola

Mer, 24/04/2013 - 15:54

letta è solo un democristiano rossastro opportunista della specie delle anguille. Da lui non verranno né idee, né decisioni : lui segue i venti che gli convengono di più. L'uomo delle mezze convinzioni, avrebbe fatto bene a fare il diplomatico, il ministro degli esteri nulla di più. In economia è un autentico profano anche se in realtà non si intende di nulla come il politico classico di una volta. L'unico pregio è di essere meglio del borseggiatore amato che avrei visto meglio come bibliotecario che come politico.

curatola

Mer, 24/04/2013 - 15:55

ma la semprevergine rosy non aveva detto no a letta?

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 24/04/2013 - 16:00

l'Aldo Moro del terzo millennio

Luigi Farinelli

Mer, 24/04/2013 - 16:13

Enrico Letta, oltrechè frequentatore di Bilderberg e Trilaterale (come Monti, Prodi, Draghi, Bonino e molti altri) è anche adepto del Grande Oriente d'Italia (come Monti, Prodi, Draghi, Bonino e DeBenedetti). A parte la situazione contingente che vuole un impegno immediato per rimettere in moto le macchine di un'Italia lasciata alla deriva delle correnti speculative e mercantiliste internazionali, i massoni continueranno comunque a minare la stabilità degli Stati nazionali favorendo la perdita della loro indipendenza economica e politica per spingere sul processo di globalizzazione forzata a guida (autoeletta)dei benchieri, speculatori, filantropi ed altri "illuminati" in grembiulino, aventi tutti, come denominatore comune, proprio l'appartenenza alle logge massoniche.

handy13

Mer, 24/04/2013 - 16:23

...ci voleva uno con più GRINTA....disposto a battagliare con la Merkel e andare contro anche al suo partito se c'era bisogno.....questo Letta NOn alza mai la voce..!!!

linoalo1

Mer, 24/04/2013 - 16:29

Povero Letta!Come farà a tenere a bada il suo partito?Tutti,nuovi e vecchi,sono stati obbligati a fare il vaccino Anti-Berlusconi!E quindi,cosa possiamo aspettarci?Ogni minuto che passa è un minuto in meno per le elezioni!Non che io sia d'accordo!Ma,se non c'è altra strada,perchè no?Lino.

forbot

Mer, 24/04/2013 - 16:31

Dico qualcosa in base a quello che lor signori hanno la bontà di farci conoscere, non è molto e principalmente non è mai la realtà. In base alle nostre povere conoscenze, il Presidente Napolitano ha fatto la scelta migliore che poteva fare. Avrei visto più volentieri Renzi a quel posto, ma se il Presidente ha scelto Letta è stato sicuramente per il bene dell'Italia, perchè ormai il nostro Presidente nè avrà anche Lui piene le scatole. Vorrà venirne fuori lasciando le cose nel miglior dei modi. Speriamo, come Lui stesso ha richiesto, che ognuno faccia bene il proprio dovere e che la smettano una volta per tutte di rompersi le legna addosso. Tanto si è bello è visto: Perfetto non è nessuno e continuare a litigare fra membri della stessa famiglia, cioè fra noi italiani, c'è rischio di fare più gli interessi di qualche potenza straniera e allora sì che saremo sistemati per le feste.- Adesso lasciamoli lavorare e facciamogli un grande: In bocca al lupo - Crepi il lupo! Ah, dimenticavo, Sono lieto che Amato sia partito per le Maldive. Buone vacanze.Resti lì.-

gi45gi

Mer, 24/04/2013 - 16:31

Avevo sperato e pronosticato Renzi, ma forse non è male. Speriamo che riesca a seguire le esigenze dell'Italia e non quella dei partiti (PDL compreso). Berlusconi, concorda solo un programma preciso e i tempi di esecuzione. Se poi alla realizzazione di questi, c'è il ministro Francesco o il ministro Pasquale, la cosa ci deve interessare di meno.

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Mer, 24/04/2013 - 16:33

Letta in questo momento è semplicemente il male minore, dati i precedenti. In più se guardiamo agli aspetti positivi, è giovane, colto, spendibile all'estero, ha una gran voglia di fare la pace e speriamo anche le riforme. In quanto alla vergine Rosy ora tocca a Renzi e agli altri giovani cambiare la sinistra se vogliono un futuro.

maurizio.fiorelli

Mer, 24/04/2013 - 16:58

Tanti e sinceri auguri di riuscire a trovare una soluzione condivisa non fosse che sui problemi più urgenti.Se dopo si andrà al voto poco male.Ch'egli venga di la o di quà non importa,è la serietà della persona che interessa poi se non sarà tradito dai suoi le rose fioriranno.Buon lavoro

angelomaria

Mer, 24/04/2013 - 17:05

insomm TUTTO STO CASINO PER FINIRE CON UN PRIMO MINISTRO DEI LORO ANCORA NO POSSO CREDECI SICURAMENTE LO ZAMPINO dEL NAPOLITano come credo sappiate il mio cervello part time a volte non aiuta;troppe E VI CHIEDO CHI SIa al momento la maggioranza aiutatemi voi io smarrito e non credo diaver una chiara visione della cose e non so'se 'ia un problema solo mio ptobsbilmente si smarrito vi daluto ogio suggerimrnto e'benvenuto

angelomaria

Mer, 24/04/2013 - 17:08

sara'anche che non ho il minimo di fiducia di quelli che untempo erano un"PARTITO"!!!

GilbertoVR

Mer, 24/04/2013 - 17:25

Come farà Letta a comunicare che in Italia ci sono oltre un milione di pubblici dipendenti in più del necessario e che costano troppo?

mifra77

Mer, 24/04/2013 - 18:25

Se questo è il top, siamo messi proprio male. Non mi fidavo dei democratici cristiani(che di cristiani non avevano proprio niente!) ed ancor meno mi fido di un comunista travestito. Presto scopriremo che aver dato quella fiducia di responsabilità non ha portato bene a nessuno se non al PD che da lupo, può solo cambiare il pelo o travestirsi da nonna di cappuccetto rosso. I pizzini inviati a Monti devono fare diffidare del personaggio che non è diverso dai suoi compari franchitiratori e non sono per niente convinto che, sotto la spinta della necessità, Letta non colga l'occasione per fare il furbo. Occhi aperti,Alfano! non farti convincere dalle proposte oscene che ti verranno presentate e ricordati che un governo forte non può essere tecnico e tantomeno, solo composto da esponenti PD e Montiani

Ritratto di Maurizio Da Lio

Maurizio Da Lio

Mer, 24/04/2013 - 19:08

Non è il mio modello in quanto elettore di DX, ma convengo che avendo il PD ottenuto la seppur risicata maggioranza elettorale, debba tentare il tutto per tutto per la formazione di un governo. Va detto inoltre che basta con le contrapposizioni estreme, si al confronto, e senza pregiudizi scardinare i vecchi meccanismi che non sono più al passo con i tempi per rilanciare il 'sistema Italia'. Siamo in una situazione difficile dove le divisioni portano acqua al molino degli altri. Buona fortuna Letta!

MMARTILA

Mer, 24/04/2013 - 19:43

Già il fatto che non si stato incaricato il "tarpone" Amato è una cosa buona...per il resto vedremo cosa sarà in grado di fare.

giuliana

Mer, 24/04/2013 - 20:46

Diffidare dagli europeisti, perchè è proprio l'appartenenza forzata a quest'europa la causa prima di ogni nostro male. Questo inciucio ha solo portato ad un Monti-bis che agirà forse con più prudenza, ma sempre nella stessa direzione. ABBASSO l'europa e l'euro ammazzapopoli!!!!!!!!!Riprendiamoci lòa nostra sovranità!!!!!Condivido ogni parola del commento del signor Luigi Farinelli delle 16,13

renee

Mer, 24/04/2013 - 23:00

Aiuto, che il cielo ce la mandi buona! Non ce lo vedo proprio alle prese con i gravi problemi che ci stanno seppellendo. Cosa ha fatto di produttivo nella sua vita? Il suo curriculum parla solo della laurea in scienze politiche, con specializzazione in diritto delle comunità europee, e della sua carriera politica. Cioè ben che vada si tratta dell'ennesimo teorico, senza alcuna esperienza pratica, che si avvarrà della consulenza di tecnici (il top dei top sarebbe Monti & c., di cui conosciamo l'incapacità). Spero i fatti mi diano prestissimo torto!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 24/04/2013 - 23:16

Ormai nessuno in Europa o USA diventa premier senza una investitura al Gruppo Bilderberg nell'anno precedente. Da Blair a Clinton. Ora Letta.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 24/04/2013 - 23:31

Non c'è nessun complotto: ormai non c'è più un premier che non sia un frequentatore del Bilderberg. E normalmente vengono eletti quelli che sono stati alla riunione dell'anno prima. Le coincidenze a catena non sono coincidenze

Fruskolo

Mer, 24/04/2013 - 23:39

Auguri da un non appartenute la Sua parte politica ma spero che Lei faccia veramente il governo per il popolo italiano.....Ma si faccia sentire in Italia ma molto di più' all'Estero e si guardi le spalle dal fuoco amico e democratico(?)

Fruskolo

Mer, 24/04/2013 - 23:40

Auguri da un non appartenute la Sua parte politica ma spero che Lei faccia veramente il governo per il popolo italiano.....Ma si faccia sentire in Italia ma molto di più' all'Estero e si guardi le spalle dal fuoco amico e democratico(?)

Silviovimangiatutti

Gio, 25/04/2013 - 07:41

Non va bene ! Non va bene ! Spero di sbagliarmi ma non vedete che è semplicemente una versione più giovane di Monti ? Basta con gli intellettuali tutta immagine e niente esperienza reale nel mondo del lavoro ! La teoria senza la pratica non conta nulla in tutti in settori degli uomini.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 25/04/2013 - 08:42

Via col vento .Se non ora quando? Datosi che questa crisi l´ ha determinata il napoletano del colle, che tutti i ciechi ancora vedono come un grandissimo presidente , e non capiscono che sta solo portando acqua al suo mulino , si rivadi a nuove elezioni.I giovani e i vecchi disoccupati non possono ridursi alla fame.

rancarani.giacinto

Gio, 25/04/2013 - 08:56

Forza LETTA, l'ITALIA ha bisogno di un governo che governi, senza dar retta a gargamella e magamagò. Tira fuori gli zebedei e datti da fare. Un elettore di centro destra. P.S. fregatene anche della base del tuo partito.Cordialità

vittoriomazzucato

Gio, 25/04/2013 - 09:06

Sono Luca. E' un cattocomunista. E' un ex DC che in campagna elettorale per far voti si dichiarava anticomunista e il giorno dopo le elezioni si chiudeva nelle stanze dei bottoni con il PCI e si accordava. "Zio giorgio" obbidisce al PD e lo incarica di fare il governo. BERLUSCONI applaude alla elezione del presidente della Repubblica, ma sa benissimo che ha scelto il male minore. Non credo che "zio giorgio " ce la faccia per altri sette anni quindi siamo in un periodo di transizione, spero. GRAZIE.