Fiat: 2014, fuga dall'Italia. Nasce il nuovo gruppo Fca

Sede fiscale a Londra, legale ad Amsterdam, Borsa a New York. Ma la strada è già in salita: deludono i conti 2013, titolo giù del 4%

La nuova Fiat Chrysler Automobiles avrà la sede legale ad Amsterdam (Olanda) e quella fiscale a Londra (Regno Unito). Le azioni ordinarie di Fca saranno quotate a Wall Street (l'auspicio espresso da Sergio Marchionne è che la campanella possa suonare l'1 ottobre) e anche a Milano. È lo stesso percorso compiuto a suo tempo da Cnh Industrial e che il Giornale aveva anticipato, denominazione inclusa (Fca), nei giorni scorsi. Nel portare in Olanda e Gran Bretagna le sue sedi 114 anni dopo la fondazione di Fiat, il gruppo conferma allo stesso tempo le basi operative a Torino (Emea), Detroit (Stati Uniti), Belo Horizonte (Sudamerica) e Shanghai (Asia-Pacifico). Del resto, la scelta presa dal presidente John Elkann e dall'ad Marchionne è stata obbligata: in tutti questi anni, nonostante i segnali lanciati più volte, in Italia non sono state create le condizioni e il clima affinché il Lingotto evitasse di «traslocare» a Nord dell'Europa.

La giornata storica del Lingotto si è aperta ieri con il cda che ha approvato i conti dell'ultimo trimestre e quindi la riorganizzzione del gruppo dopo la salita al 100% di Chrysler. A inizio maggio, invece, Marchionne illustrerà il nuovo piano industriale di tre anni, insieme alle tappe del rilancio di Alfa Romeo («miglioramenti significativi ci saranno dal 2015»). Di tutto questo la Borsa ha puntato i fari solamente sui numeri, punendo alla fine il titolo Fiat con un -4,11% (7,23 euro).
Non sono piaciuti i conti trimestrali, sotte le attese, come l'utile operativo stimato per il 2014, pure distante dal consensus. Preoccupazioni anche per la frenata del mercato brasiliano. Positivo, invece, il giudizio sulle previsioni di un consumo di cassa moderato. «Oggi è una delle giornate più importanti della mia carriera in Fiat e Chrysler - il commento a caldo di Marchionne -: cinque anni fa abbiamo iniziato a coltivare un sogno di cooperazione industriale a livello mondiale, ma anche un grande sogno d'integrazione culturale a tutti i livelli. Abbiamo lavorato caparbiamente a questo progetto per trasformare le differenze in punti di forza e per abbattere gli steccati nazionalistici e culturali. Ora possiamo dire di essere riusciti a creare basi solide per un costruttore di auto globale con un bagaglio di esperienze e di competenze allo stesso livello della migliore concorrenza. L'adozione di una struttura di governance internazionale e le previste quotazioni, che miglioreranno l'accesso del gruppo ai mercati globali con evidenti vantaggi finanziari, completeranno questo progetto. Fca - la rassicurazione a governo e sindacati - proseguirà la propria missione, compresi naturalmente gli impianti produttivi in Italia e nel resto del mondo, e non ci sarà nessun impatto sull'occupazione». E subito un primo dato: Fiat Chrysler Automobiles investirà 8 miliardi nel 2014, mezzo milione in più dello scorso anno. Marchionne ha affermato di essere «abbastanza soddisfatto dei risultati dell'esercizio 2013», ricordando però che non tutti gli obiettivi sono stati raggiunti. Chrysler, in proposito, è rimasta «50mila auto al di sotto della guidance» a causa di un ritardo di 4 mesi nel lancio di Jeep Cherokee. Per il 2014 il gruppo punta al milione di Jeep (modelli nasceranno anche nel nuovo sito di Pernambuco, in Brasile). Fca venderà tra 4,5 e 4,6 milioni di veicoli. Sul fronte dei conti, come detto, Fiat ha registrato risultati dell'ultimo trimestre e previsioni 2014 più deboli rispetto alle stime, penalizzata dal Sudamerica che segna un calo di oltre il 40% nell'utile della gestione ordinaria 2013.

Quest'anno il gruppo prevede un fatturato a 93 miliardi e un'utile della gestione ordinaria a 3,6-4 miliardi (consensus a 4,15 miliardi).
I ricavi 2013 si sono attestati a 87 miliardi, la perdita della gestione ordinaria Emea si è invece ridotta a 470 milioni, mentre nell'area Nafta è calata del 9% a 2,22 miliardi e in America Latina ha segnato un -41% a 619 milioni. Chrysler ha invece archiviato il 2013 con l'utile netto di gruppo a 2,8 miliardi di dollari e ricavi a 72,14 miliardi (+10%).

Per il 2014 è previsto un fatturato a circa 80 miliardi, l'utile netto a 2,3-2,5 miliardi e quello operativo modificato a 3,7-4 miliardi, con un free cash flow a 0,5-1 miliardo. Il rosso di Fiat, escludendo Chrysler, sale nel 2013 a 911 milioni, a fronte dei 787 milioni del 2012. Al 31 dicembre scorso l'indebitamento netto industriale del gruppo Fiat è stato pari a 6,6 miliardi (8,3 miliardi al 30 settembre), grazie ai flussi di cassa positivi generati nel trimestre da Chrysler (1,4 miliardi) e da Fiat esclusa Chrysler (0,3 miliardi). Nessun dividendo è infine previsto.

Commenti
Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 30/01/2014 - 09:16

Lo dicevo io che la FIAT è americana: va a New York a farsi dare una bella tirata di borsa.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Gio, 30/01/2014 - 09:28

Avrei preferito Fiat Italian Chrysler Automobiles.

a.zoin

Gio, 30/01/2014 - 09:37

Non dobbiamo meravigliarci, se la FIAT se ne sia andata dall`Italia. Da come è stata trattata dai sindacati, e dalla instabilità del governo !!! Solamente la ELECTROLUX con i suoi stipendi da TERZO MONDO, potrebbe avere un avvenire nel belpaese. Questo è ciò che vogliono i nostri parlamentari, SCHIAVISMO !!! Quali MULTINAZIONALI,seguiranno la sorte della FIAT "GRAZIE AGLI AIUTI CHE IL GOVERNO E LE BANCHE elargiscono ???

glasnost

Gio, 30/01/2014 - 09:51

SINDACATI e MAGISTRATURA, grazie. Adesso almeno non avremo più tanti operai ed impiegati a lavorare. Potremo però vivere meglio grazie all'arrivo di nuovi immigrati(disoccupati) e grazie alla droga libera.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 30/01/2014 - 09:54

Ubidoc - Anch'io, anch'io!

gamma

Gio, 30/01/2014 - 09:57

Ieri Letta con la notevole faccia di tolla che si ritrova ha cercato di indorare l'amara pillola della fuga della più grande azienda italiana dal nostro paese. La realtà è che da ieri Fiat è una azienda straniera che ha ancora ma non si sa per quanto, dei centri produttivi in Italia. Anzi il marchio Fiat non esiste proprio più. FCA pagherà le tasse agli inglesi i quali hanno semplificato le loro normative sulle società e ne hanno alleggerito di molto il prelievo fiscale. In Italia Fiat da ora in poi pagherà solo le tasse sul venduto italiano. Una perdita netta per il fisco italiano notevole. Ma il peggio deve ancora venire perchè invitabilmente anche il settore ricerca della ex Fiat tenderà a spostarsi all'estero. Insomma un vero e proprio disastro causato dall'insipienza politica e sindacale oltre che da una magistratura del lavoro che farebbe fuggire anche le carmelitane scalze.

Rossana Rossi

Gio, 30/01/2014 - 10:22

Grazie alla nostra malapolitica le aziende se ne vanno. Mi sapete dire come si creano posti di lavoro in questo modo? Buffoni..........

silvio50

Gio, 30/01/2014 - 10:25

tranquilli gente, le sedi si all'estero, ma state tranquilli che la cassa integrazione resta e come in italia, non sono mica scemi, il paese delle banane è quiii.

luca 1972

Gio, 30/01/2014 - 10:33

quando cgil cisl e uil e compagnia sinistroide anni fa chiesero a fiat di investire da noi.. ora si, possiamo dirlo con certezza: erano in malafede. eppure qua a torino il centro sinistra prende sempre il 60 % dei voti (da vent'anni). che tristezza. dopo le olimpiadi il nulla. bandierà rossa trionfera': bella schifezza.

luca 1972

Gio, 30/01/2014 - 10:35

FIAT acronimo :Forse Investiamo Anche A Torino. O FORSE NO.

canaletto

Gio, 30/01/2014 - 10:57

SINDACATI GRAZIE PER QUELLO CHE AVETE FATTO. NON AVETE CAPITO NULLA E SOPRATTUTTO CON I VOSTRI FACILI RICATTI DA COMUNISTI IN ERBA AVETE MANDATO VIA LA FIAT E PIANO PIANO ALTRI OLA SEGUIRANNO. AVETE FALLITO. BASTA COL FAR CHIUDERE AZIENDE PER RICATTI SINDACALI. E INTANTO SIETE IMPOTENTI SUL CASO ELECTROLUX SIETE IMPOTENTI ANZI VE LA STATE FACENDO ADDOSSO E NON PROTEGGETE I LAVORATORI. ANDATE A CASA

cecco61

Gio, 30/01/2014 - 11:20

Quante altre aziende dovranno trasferirsi all'estero prima che venga fatta una riforma fiscale degna di questo nome? Quando si abbasseranno le tasse riducendo la spesa pubblica? Da adesso in poi tutte le tasse del gruppo Fiat finiranno all'estero (tranne quelle prodotte in Italia che saranno pari a zero), minor gettito fiscale e nuovo aumento delle tasse. Complimenti ai nostri governi: anche un infante saprebbe fare meglio.

Ritratto di drazen

drazen

Gio, 30/01/2014 - 11:22

Com'è che loro possono pagare le tasse all'estero e altri no? Da FIAT a FiCA! Un brutto logo. Per anni hanno incassato i nostri soldi col ricatto (che regolarmente Agnelli nascondeva all'estero) e adesso salutano tutti e se ne vanno!

Ritratto di bassfox

bassfox

Gio, 30/01/2014 - 11:29

la solita sfilata di idiozie: certo la Fiat ha abbandonato l'Italia per colpa della Fiom.. anche la Ferrero ha la sede in Lussemburgo per colpa della Fiom??? come se fosse colpa della legge se Battisti è fuggito in Brasile o Craxi in Tunisia... allocchi!

elalca

Gio, 30/01/2014 - 11:42

#gamma: bel post, concordo appieno.

maxaureli

Gio, 30/01/2014 - 11:56

Ubidoc... approvo anche io!!! LOL

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 30/01/2014 - 11:57

Bisognava tenere Bettino, se c'era lui la fiat sarebbe rimasta in Italia. Tangentopoli è stato il più grande e grave errore della storia italiana! @a.zoin, glasnost, gamma, silvio50, canaletto e cecco61, di che vi lamentate? Avete voluto che Craxi se ne andasse via e che morissime? Bene, ora pappatevi Landini, Saccomanni e Zanonato.

biricc

Gio, 30/01/2014 - 11:57

FCA? Solo per risparmiare una I.

buri

Gio, 30/01/2014 - 11:59

sto cercando di scoprire una buona ragione che potrebbe convincere la FIAT a restare in Italia ma non la trovo, una burocrazia asfissiante, un fisco vampiresco, sindacati aggressivi e vendite in calo, percjhé da una parte si pretende che l'azienda faccia lavprare gli impianti a pieno ritmo, ma si compra macche coreane, giapponesi, tedescje, francesi ecc. servirebbe un minimo di coerenza

Mechwarrior

Gio, 30/01/2014 - 12:01

Bene bene, piu' imprese se ne vanno all'estero, piu' gente emigra meno tasse incassano e cosi' alzeranno le aliquote o si inventeranno nuove imuiciigeiva35%ilorirpefetcetc per spennare i fessi che restano.

cecco61

Gio, 30/01/2014 - 12:05

bassfox, visto che tu, a quanto pare, allocco non sei, vai a vedere com'è il regime fiscale inglese e lussemburghese. Già che ci sei ti consiglio di dare pure un'occhiata al mercato del lavoro all'estero dove esiste un'elasticità, più o meno elevata, che comunque fa a pugni con la rigidità del mercato italiano e questo grazie ai nostri sindacati e sinistre varie che hanno ancora concezioni di un secolo fa. Ti consiglio pure di leggere la lettera scritta da Modigliani al Governo D'Alema nel '99, ormai deceduto, nobel per l'economia, keynesiano, anti berlusconiano doc, laddove dice chiaramente di ridurre le tasse e liberalizzare il mercato del lavoro. Purtroppo fu lettera morta in quanto sinistre e sindacati perderebbero l'arma migliore per i loro ricatti quotidiani.

STEFANOT1960

Gio, 30/01/2014 - 12:05

Tranquilli, ci pensa Saccodanni,esperienza,carisma,voglia di fare non gli mancano. Con questa azione F(i)CA apre un portone, vedrete altre aziende faranno la stessa cosa. Questi farabutti di governanti non hanno capito che le aziende non vogliono ridurre lo stipendio agli operai, ma lo stipendio allo stato e sindacalisti gravato su ogni busta paga.Troppo tardi per rimediare.

informagarbugli

Gio, 30/01/2014 - 12:16

Come si fa a pronunciare FCA ? Che razza di comunicatori sono Marchionne ed Elkann....nella pratica si finirà per dire FICA ? Ma sono proprio ammattiti ?

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 30/01/2014 - 12:16

Ah! Dimenticavo. Speriamo che i fratellini Elkan (o come si chiamano), restituiscano tutti i soldi che la loro famiglia ha avuto in tutti questi anni dallo stato.

PRIMAVERA

Gio, 30/01/2014 - 12:19

ADESSO che la FIAT se n'è andata, si cerca di criticare e scandalizzarsi.....povera ITALIA. PREVENIRE è MEGLIO CHE CURARE...I nostri politici questo lo ignorano.

Pazz84

Gio, 30/01/2014 - 12:28

@gamma quale settore ricerca?!? Perchè la FIAT ha ancora un settore ricerca?!? E' già da anni che non ne fa più. Non ha manco un motore ibrido, per non parlare di motori elettrici. La FIAT è indietro anni luce rispetto agli altri produttori esteri. Dove sono i nuovi modelli?!? Mentre le altre case produttrici, per superare la crisi presentano nuovi modelli la FIAT cosa fa? si sposta e prende aiuti di stato da Obama. Però la colpa è dei sindacalisti vero? L'espatrio era già programmato da quando lo stato ha smesso di incentivare l'auto. Perchè credete ia stato scelto Marchionne come ad?!?

roliboni258

Gio, 30/01/2014 - 12:30

un grazie ai sindacati e alla magistratura,tasse all'estero e la cassa integrazione in Italia,che Italia di merda

roliboni258

Gio, 30/01/2014 - 12:36

il guru Saccomani cosa dice,aumentiamo le tasse,? il prossimo Nobel dell'economia,che testa!!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 30/01/2014 - 12:36

Dall,Italia, non sé ne andata solo la Fiat, ma in 3 anni 1,6 milioni di posti di lavoro sono andati oltre frontiera nei Paesi confinanti con l,Italia, É questo perche in Italia con la mentalitá che Hanno i komunistronzi é i loro sindacati é impossibile condurre oppure fondare un,azienda; é basta leggere i commenti dei komunistronzi su questo Blog per rendersi conto di Cosa io parlo,é avere l,arroganza di pretendere di comandare nelle fabbriche come vogliono la Cgil-Fiom é una Cosa pazzesca, gli imprenditori investono capitali enormi per creare lavoro é comprono macchinari per costruire Auto o beni di consumo rischiando i loro capitali, é devono vedere come dei sindacalisti oppure giudici che non capiscono un cazzo di come deve essere condotta un,azienda?! PER POI SENTIRSI DIRE TU! DEVI FARE QUELLO CHE NOI VOGLIAMO! É INGHIOTTIRE VERDETTI COME QUELLO DI POMIGLIANO D;ARCO DOVE 3 SABOTATORI AVEVANO BLOCCATO LE CATENE DI MONTAGGIO?! PER POI ESSERE ASSOLTI DA GIUDICI KOMUNISTI CHE NON SANNO UNA MINKIA DI COME FUNZIONA UNA FABBRICA?! MA CHI CAZZO SI CREDONO DI ESSERE I LANDINI E CAMUSSO? DA DECIDERE SUI CAPITALI CHE GLI INVESTITORI METTONO A DISPOSIZIONE DELLA FIAT?! VEDIAMO SE IO VADO A CASA DI UN KOMUNISTRONZO E GLI DICO CHE VOGLIO COMANDARE IO! COME LUI DEVE SPENDERE I SUOI SOLDI! É IMMISCHIARMI IN TUTTO LUI COSA MI DIRÁ???!.

migrante

Gio, 30/01/2014 - 12:47

Exor e Newholland chi so ?...sono anni che Fiat "non" e` in Italia !!! Finiamola di prenderci per i fondelli, grandi gruppi industriali che paghino "veramente" le tasse in Italia si posso contare con le dita di una mano !...e finiamola pure con le bischerate contro Landini e Camusso che sono si anacronistici e mangiapane a sbafo, ma non sono certo loro la principale "causa" di certe fughe !!! Inoltre leggo molti parlare di regimi fiscali agevolati, quindi vi chiedo...vi pare che le "imposizioni" UE vadano in tal senso ? non mi pare proprio !!! svegliamoci !...si sta facendo un gioco molto sporco sulla nostra pelle !!!

migrante

Gio, 30/01/2014 - 13:01

concordo con informagarbugli, questo nuovo marchio e` "devastante"...vi rendete conto delle risate che suscitera` quel poveraccio che si trovera` a dire " ho comprato una F(i)ca nuova" ?...tra le altre cose non e` neanche "gay friendly" !!!

galberio

Gio, 30/01/2014 - 13:23

sede legale in Olanda, sede fiscale in Inghilterra, e, come dice Lapo Elkann, valige pronte per Gerusalemme. E i soldi che lo stato Italiano, gli Italiani, ci hanno messo? Faccioamo finta di niente? E i giornaloni di casa (casa Agnelli, logico- Stampa e RCS) benedicono la creazione del nuovo forte gruppo? Complimenti al Sig. Bonora che ha avuto la correttezza di usare il termine appropriato: "fuga dall'Italia"

carlopriori

Gio, 30/01/2014 - 13:24

Visto che dallo stato non beccava più niente negli ultimi 15 anni, ha capito che non c'era più trippa per gatti e ha pensato bene che un cambiamento di "area" potesse giovarle. Gli agnelli hanno sempre fatto gli imprenditori con i soldi degli italiani dimenticando però di restituire parte degli utili nelle poche volte che li hanno avuti.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 30/01/2014 - 13:33

Dai, commenti dei komunistronzi su questo tema si capisce perche la Fiat é andata via dall,Italia, ma questi cretini patentati non fanno mai un autocritica di quello che Hanno fatto i Sindacati Italiani?,É io che lavoro da 44 anni nell,industria Automobilistica Tedesca só di Cosa parlo é se la Camusso e Landini sarebbero in Germania per loro neppure un posto per pulire i cessi ci sarebbe qui per loro!, qui in Germania i Sindacati non fanno politica contro i datori di lavoro immischiandosi in Cose che loro non sono competenti!.Quando, Marchionne 10 anni fá e diventato AD della Fiat questa impresa era gia morta tecnicamente parlando, lui l,ha salvata dalla rovina come ha salvato dalla rovina la Crysler é ha avuto Dagli USA Miliardi di dollari in prestito per salvare la Crysler, adesso dopo 5 o 6 anni la Crysler vá a gonfie vele é Marchionne viene festeggiato come Salvatore della Crysler, solo in Italia abbiamo degli idioti komunistronzi che disprezzano Marchionne per quello che lui ha fatto per la Fiat é per la Crysler! E SI! GLI AMERICANI SONO TUTTI DEGLI STRONZI CHE ACCLAMANO MARCHIONNE COME UN SUPERMANAGER; MENTRE NOI ABBIAMO TANTI GENI KOMUNISTI IN ITALIA CHE HANNO PORTATO IL NOSTRO PAESE NEL BARATRO!; INFATTI NOI VEDIAMO OGNI GIORNO COME IL NOSTRO PAESE CON IL SOLDELLAVVENIRE É L;IDEOLOGIA KOMUNISTA; STÁ ALL;AVANGUARDIA NEL MONDO! É VIENE RISPETTATO DA TUTTI É SPECIALEMENTE DALL;INDIA!.

petra

Gio, 30/01/2014 - 13:52

La gestione Elkann/Marchionne non ha avuto nessun aiuto di Stato e ha preso in mano un'azienda praticamente fallita che l'AD ha saputo far risorgere e che, con l'aiuto massiccio di Landini, ora sta trasferendo altrove, come del resto aveva fatto presente all'epoca del caso Pomigliano.

petra

Gio, 30/01/2014 - 13:56

pasquale esposito, se non fosse per tutti gli accenti in piu' che metti, sarei d'accordo al cento per cento con te.

poglimage

Gio, 30/01/2014 - 14:00

hanno fatto proprio una F(i)CA(ta) !

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 30/01/2014 - 14:12

#Petra. Cara, Petra io mi scuso degli accenti di troppo, ma non é la grammatica che conta nei commenti, ma quello che si vuole dire, io non sono un Professore di grammatica é non voglio esserlo, ma se alla RAI nel Videotext fanno dei sbagli di grammatica madornali; perche qualche sbaglio di grammatica non lo posso fare pure io?!.

migrante

Gio, 30/01/2014 - 14:18

veramente vi bevete la favoletta del maglioncino grande pensatore venuto dal Canada che prende un appuntamento con l'abbronzato, si fa dare qualche miliardo, ci compra una casa automobilistica americana, sposta sedi legali, fiscali, armeggia, conquista...fa e disfa...che fenomeno !!..bravo, evviva evviva !!!...e landini puzzone...e i governanti incapaci...solo il maglioncino e` intelligente e soprattutto bravo !!!...ma fatela finita ! questo che vedete altro non e` che il frutto degli anni passati sulle poltroncine trilaterali... quelle poltroncine da dove tutto si decide, tutto si fa e si disfa senza chenessuno abbia delegato questo potere e senza che nessun popolo venga informato !!!

m.m.f

Gio, 30/01/2014 - 14:28

Hanno fatto benissimo,non bene benissimo che serva di lezione a tutte le altre di aziende,che ancora ci stanno a pensare su.Qui l'unica vera e forte risposta che si può dare alla casta ladra e corrotta,al partito delle tasse e del fisco,e chiudere i battenti!Delocalizzare tutti e tutto al estero.

m.m.f

Gio, 30/01/2014 - 14:29

Complimenti al pd,ai sindacati ,nel 2014 ne vedremo di aziende ancora andarsene paese marcio da cima a fondo e morto.E anche turisticamente inizia a fare schifo.

petra

Gio, 30/01/2014 - 14:49

migrante. Che fantasia!

Ettore41

Gio, 30/01/2014 - 14:52

@bassfox, Oltre a supportare quanto scritto CECCO91 ti consiglio inoltre di andare a vedere perche' il PIL del Regno Unito e' aumentato quest'anno del 1,9% e come mai nel solo mese di Dicembre 2013 sono stati create 300.000 nuovi posti di lavoro. Scoprirai che qui i sindacati hanno potere politico = a zero e che i Pretori del Lavoro ( ho usato una frasologia italiana cosi' capisci) raramente impongono la riassunzione al lavoro specie se trattasi di ladri e scansafatiche. PS: Le riprese CCTV hanno valore di prova (ogni riferimento all'aeroporto di Milano e' casuale.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Gio, 30/01/2014 - 15:01

Ma che razza di marchio hanno trovato si scrive FCA ma si legge FiCA...povera FIAT e povera Italia!

Pazz84

Gio, 30/01/2014 - 15:01

ma cosa centrano sindacati e pd... la FIAT ha scelto Marchionne proprio quando lo stato ha smesso di incentivare l'automobile. Era chiaro fin da subito che l'obiettivo era andarsene dall'Italia. Infatti sono andati ad elemosinare da Obama. Qual'è il rilancio della FIAT? Dove sono i nuovi modelli?!? Dove sono i motori innovativi? Dov'è il motore ibrido, o elettrico?!? Spacciare un modello Crysler (la freemont) come modello nuovo se permettete è una presa per i fondelli.

petra

Gio, 30/01/2014 - 15:04

Ma sì dai Pasquale, "melius abundare quam deficere".

carlo5

Gio, 30/01/2014 - 15:17

La Fiat se ne va. Nasce la FCA: quale nome piu' appropriaro per rimarcare la stupidita' di un sindacato da rifondare? Pensavano di essere alla contestazione di quarant'anni fa dove il Berlinguer, poi santificato, incitava allo sfascio dai cancelli bloccati. E chi non ricorda il giovine Fassino, secco e allampanato come ora, che incitava allo sciopero? Oggi e' sindaco di quella citta' simbolo; sindaco di macerie. Segno del non cambiamento, segno che non si e' ancora capito il dramma avvenuto. La FCA se ne va e di chi la colpa se non di mariti, ( operai e sindacati), che non hanno avuto gli attributi per tenersela?

nino47

Gio, 30/01/2014 - 15:24

non prendetevela con la fiat se poco alla volta trasloca...e' gia' tanto che lo faccia lentamente e non in una notte come ad altri e' toccato fare. E dico 'TOCCATO" perche' in uno stato come il nostro sordo e cieco nei confronti del lavoro dal quale continua a trarre sopravvivenza anziche' rivolgere le proprie idrovore laddove davvero dovrebbe non c'e' altro da fare se si vuole sopravvivere. Ogni altro discorso politico sociale o morale, lascia il tempo che trova! Noi continuiamo pure a farci menare per il naso coi matrimoni gay, le ruby,lo ius soli e le boutades dei magistrati o leggi elettorali, per un popolo che cosi' diviso non oitterra'mai governabilita' per vie costituzionali...e le cose continueranno come inevitabilmente devono andare

Ritratto di robertoguli

robertoguli

Gio, 30/01/2014 - 15:28

Concordo con "informagarbugli". Distinti saluti. Roby

Delfi95

Gio, 30/01/2014 - 15:55

Che fanno ora, dopo che i cassaintegrati della fiat sono stati sorretti dallo stato italiano (cioè tutti noi)ora li pagheranno in sterline?

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Gio, 30/01/2014 - 16:03

#pasquale,il tuo ultimo commento concordo pienamente anche con accenti più o meno per come riferiva#petra!;-) confermo anche quello che hai scritto per quanto riguarda i sindacati tedeschi. Adesso aggiungo come esperto e PROGETTISTA AUTOMOTIVE oltre 25 anni, in Italia la meritocrazia,valorizzazione e stima non viene considerata per niente. Mi spiego perchè: Prima di arrivare Marchionne c´era una persona che si chiama Walter de Silva (disegnatore delle ALFA 156,147) che doveva essere AD della FIAT (cosi ho sentito raccontare) ma non lo hanno messo in quella posizione(il motivo non lo so), allora cosa a fatto e andato nel 2001 alla Seat e dopo nel 2007 alla AUDI/VW. Ricapitolare tutto ciò non penso che sia necessario, per come va L´AUDI,Seat e VW mi sembra ovvio che tutti lo sappiamo. Questi Marchi da me citati e inoltre con i bellissimi modelli che hanno tirato fuori e solo merito di Walter de Silva, anche la BMW/Rolls Royce è rimasta stupita e senza fiato per come ha cambiato l´AUDI la linea di stile. Cocludo, se i sindacalisti lasciavano lavorare l`Amministratore delegato (AD) e dirigenti in pace e i lavoratori/collaboratori svolgevano le loro mansione per come "dio" camanda, oggi non sarebbe stato necessario parlane perchè la FIAT va via di qua o chiude stabilimenti di la.Marchionne ha fatto solo la cosa giusta per la Azienda.ciao a tutti.

Il giusto

Gio, 30/01/2014 - 16:23

Ha-ha-ha...incolpare i sindacati o gli operai è tipico del silviota!Era tutto deciso da un decennio:non hanno più fatto modelli nuovi,in questo modo dimostrano con i numeri che non conviene rimanere in Italia!O credete veramente che 3 scioperi in 10 anni possano bloccare una multinazionale seria?Camusso e Landini capaci di bloccare una multinazionale...se lo pensate siete senza speranza!!!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 30/01/2014 - 16:44

PASQUALE ESPOSITO OK1 ce ne fossero come te. Ma, temo, presto andrà ancora peggio come le avvisaglie in parlamento lasciano presagire.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 30/01/2014 - 16:50

ALLeXpert. Io, lo conosco bene Walter da Silva, perche io ho letto parecchi articoli su di lui nei giornali Tedeschi come DIE WELT; e DIE ZEIT e altri periodici Tedeschi, e lui é stato descritto in Germania come un manager che ha fatto risparmiare con il suo Concetto decine di miliardi di marchi alla VW,e portato questo marchio a produrre miliardi di euro di profitti per il marchio VW/AUDI! matu sai che una politica manageriale seria con i sindacati italiani é impossibile perche questi sono intrisi della ideologia komunista, é mentre in Germania i sindacalisti vanno a spese dei datori di lavoro a partecipare ai seminari dove si studia la SOZIALMARKTWIRTSCHAFT! che armonizza gli interessi dei lavoratori con quelli dei datori di lavoro, e questa maturitá non cé in italia, perche con i dementi come Camusso e Landini tu non potrai mai ragionare di fare gli interessi dei lavoratori e quelli degli imprenditori, questa gente capisce solo la lotta contro il capitalismo che a detta loro deve essere schiavo dei sindacati e operai!. Ma, io ti voglio raccontare una storia su Epifani l,ex capo della Cgil -Fiom che ad un congresso dei Sindacati Europei ha detto al microfono; NOI! COMBATTEREMO CON OGNI MEZZO I DATORI DI LAVORO ITALIANI E LI COSTRINGEREMO A FARE QUELLO CHE VOGLIAMO NOI! allora il capo del DGB Sommer che doveva parlare a sua volta ai microfoni sentendo le parole di Epifani si é rifiutato di parlare al microfono dicendo ai delegati del DGB NOI! POSSIAMO STARE TRANQUILI E RASSICURARE I LAVORATORI TEDESCHI! PERCHE IL LORO POSTO DI LAVORO E SICURO!QUESTI SONO I SINDACALISTI ITALIANI! IGNORANTI COME I SOMARI E STUPIDI É ARROGANTI PIENI DI BORIA! QUESTA STORIA E VENUTA FUORI PERCHE LA ZDF HA INTERCETTATO IL TAVOLO DI SOMMER CON I MICROFONI DIREZIONALI; É TU TI PUOI FIGURARE COSA HA DETTO POI SOMMER AI GIORNALISTI DELLA ZDF!.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Gio, 30/01/2014 - 17:04

#il giusto,3 scioperi in 10 anni? mi scusi se si sente offeso,io ho vissuto per 3,5 anni a Torino ogni giorno che passavo davanti la Bertone (non voglio esagerare) ma tutti giorni erano davanti il portone a sventolare bandiere!e adesso dovè la Bertone?mi dica lei?