Ne uccise tre ma se è matto niente galera

Il ghanese Kabobo, il "picconatore di Milano", uccise tre persone, ma invece che in galera potrebbe finire in una clinica psichiatrica. Ma chi ci garantisce che non compirà altri delitti?

Adam Kabobo. Ricordate costui? L'11 maggio dello scorso anno, una brutta mattina, a Milano uccise a picconate tre persone. Motivo? Il ragazzo ghanese era nervoso. Per sfogarsi, si accanì col piccone sul citato numero di passanti. Morti e seppelliti. L'assassino fu identificato e ovviamente arrestato. Gli inquirenti cercarono di capire quale fosse il movente che lo aveva indotto a tanta efferatezza, ma non riuscirono nel loro intento. Fatale il ricorso a una perizia psichiatrica. Risultato: Kabobo non è incapace di intendere e di volere (non lo era al momento dei delitti) benché soffra di una forma di psicosi schizofrenica.

Vero o no? Chi può dirlo? È un fatto che il pluriomicida, non pago di averne già stesi tre nel modo descritto, e senza un vero perché, poco meno di due mesi orsono tentò di strangolare un compagno di cella, avendo sentito - afferma lui - delle voci dentro di sé che lo spingevano a stringergli le mani attorno alla gola. Ciò, secondo noi, dimostra che non si tratta di un soggetto molto raccomandabile. Ma potremmo sbagliarci, non essendo noi né psicologi né psichiatri. Ora gli avvocati dell'africano, facendo il loro dovere, hanno inoltrato ricorso al tribunale del riesame, ottenendo di sottoporre il proprio assistito a una seconda perizia.

Ci sembra giusto. A nostro trascurabile parere, infatti, Kabobo non deve avere tutti i fili attaccati. Però ci domandiamo: mettiamo il caso che i luminari confermino i nostri sospetti e dichiarino che l'uomo non ha il cervello a posto, che ne sarà di lui? L'ipotesi più accreditata è che egli non possa essere giudicato in un'aula di Corte d'assise, ma affidato a un manicomio in cui i medici gli impongano delle terapie idonee a rinsavirlo. I matti, in effetti, si curano e non si condannano. Fin qui, siamo d'accordo. Ci chiediamo soltanto per quanto tempo il ghanese sarà obbligato a rimanere nella struttura psichiatrica. Cinque, sei, sette anni? Poi, quale sarà il suo destino? Tornerà libero sano, quindi innocuo, oppure la follia presto o tardi forzerà ancora la sua volontà ingiungendogli di ammazzare di nuovo in un momento d'irritazione?

Il lettore comprenderà la nostra preoccupazione. Non vorremmo che il pluriomicida, scontato qualche annetto di manicomio, ripiombasse nel consorzio civile (avendo pagato il conto con la giustizia formale) e, magari seccato per qualche avvenimento storto, ricominciasse a dare fuori di matto usando il piccone. Non sarebbe carino. Queste nostre perplessità non nascono da una pregiudiziale diffidenza nei confronti di chi ha sgarrato perché privo di qualche rotella. Ci mancherebbe. È l'esperienza a suggerirci prudenza.

Alcuni giorni fa, a un detenuto nel carcere di Genova, che in passato ne aveva accoppati tre, e al quale era stata riconosciuta l'infermità mentale, fu concesso il permesso di uscire dalla cella per fare visita alla mamma. Ma invece di rientrare in prigione, a vacanza terminata, evase suscitando il terrore che ne combinasse altre. Compiuta una rapina, il criminale fu catturato e non successe più nulla di grave. Ma il precedente fa venire i brividi.

Il quesito è semplice e drammatico: se Kabobo, riconquistata la libertà, abitasse nel vostro condominio, dormireste sonni tranquilli? Io cambierei casa, quartiere, città, forse anche regione. Voi?

Commenti
Ritratto di gianni2

gianni2

Sab, 04/01/2014 - 10:32

Grazie alla nostra magistratura in stile indiano, più uno è delinquente più viene tutelato. Più è innocente e più viene calpestato.

killkoms

Sab, 04/01/2014 - 12:36

in Italia le persone oneste debbono temere la magistratura di più di chi onesto non è!kabob ohe ha aggredito alle spalle un anziano,un ragazzo con le cuffie e un disabile,ma che subito ha alzato le mani davanti ai carabinieri armati,tutto è tranne che scemo!

disalvod

Sab, 04/01/2014 - 14:17

NON HO PAROLE.COSA SAREBBE SUCCESSO SE FOSSE ACCADUTO IN UN'ALTRO PAESE?

unosolo

Sab, 04/01/2014 - 14:24

con tanti provetti legislatori possibile una legge piccola piccola con quattro righe che chi commette reati nella nostra nazione una volta condannati li consegniamo al loro paese natio anche se in quel paese vige la pena di morte ? no noi li manteniamo anche se dopo ripetono i reati , siamo in Europa ma solo noi li trattiamo bene , anche se loro si lamentano , rimandarli nel loro paese potrebbe essere un deterrente per i criminali incalliti.

Il giusto

Sab, 04/01/2014 - 14:29

Poi se si pretendono pene più severe si viene chiamati giustizialisti da questo giornale!Pazzo o no,uno cosi'non dovrebbe più uscire dal carcere!

DIAPASON

Sab, 04/01/2014 - 14:31

leggi criminali, giudici criminali istituzioni criminali. Soltanto gli ITALIANI possono mettere in galera questo criminale, con azioni non con le proteste.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 04/01/2014 - 14:38

poi condannano Berlusconi con accuse ridicole. Siete in un regime pericoloso attenti italiani, pensate ai vostri figli.... il prossimo picconato potresti essere proprio tu, imparate a difendervi e chiedete il porto d'arma meglio affrontare un processo che perdere la vita propria e dei familiari. Siete soli allo Stato importa solo estorcervi denaro con le tasse e obbedire ai massoni tedeschi.

sale.nero

Sab, 04/01/2014 - 14:46

Quindi per saper se uno è matto deve prima ammazzare. Poi la fa franca perchè chi ammazza ormai, per merito di difesa, è SEMPRE matto.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/01/2014 - 14:48

Rispedirlo al suo paese(che se ne prenderà cura come crede,e a sue spese),non ci pensa nessuno?

Ritratto di Morris1950

Morris1950

Sab, 04/01/2014 - 15:04

se si chiamasse Cabolli e fosse nato alla Bovisa, avrebbe ricevuto già una condanna in via definitiva all'Ergastolo....vero Kyenge-Boldrini ???

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 04/01/2014 - 15:07

Ma fatemi il piacere !!!!!

Ritratto di Baliano

Baliano

Sab, 04/01/2014 - 15:17

Era "nervoso e sentiva le voci": Basta usare la carota, niente bastone. Via, questo si redime, gli daranno presto 10 in condotta e si reinserirà in un baleno nella Società: Magari come primo giardiniere in casa della ministra. - Noi siamo Civili, accoglienti e tanto buonisti, i più mejo dell'Occidente. - Viva Noi, meglio se radicalscikke, ancora meglio se vetero-komunistoidi. Viva noi, siamo sempre over the top.

maan

Sab, 04/01/2014 - 15:23

L' importante e' commemorare i negri uccisi a Fienze. Siamo ei pazzi incoscienti a farci guidare da criminali simili.

ENRICOCARLO

Sab, 04/01/2014 - 15:23

B A S T A I T A L I A !!!

redarrow

Sab, 04/01/2014 - 15:38

Ma perche' noi Italiani dobbiamo sempre farci carico di questa feccia? Ma chi li paga i suoi avvocati? D'accordo con Zagovian, rispedirlo al suo paesello e che giudichino loro se e' piu' o meno matto!

mariolino50

Sab, 04/01/2014 - 15:44

Per chi crede che il manicomio criminale sia meglio della galera consiglio un vecchio film, Qualcuno volò sul nido del cuculo, quelle cose non sono fantascienza, e se dicono che non sei guarito puoi restarci tutta la vita, anche se ti danno dieci anni. La Galera normale è molto meglio, quando finisci la pena esci.

VermeSantoro

Sab, 04/01/2014 - 15:57

Considerate le leggi di merda che abbiamo a tutela dei Pazzi, se proprio non deve stare in galera rispediamolo sul primo aereo per il Ghana biglietto di solo andata, magari nella giungla puo dare ampio sfogo alle sue follie !

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 04/01/2014 - 17:05

a casa della boldrini o dei clericali accoglienti. E a loro spese.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 04/01/2014 - 17:06

queste sono le risorse. Non dimenticatelo, sudditi

Ritratto di filatelico

filatelico

Sab, 04/01/2014 - 17:14

In clinica psichiatrica manderei i giudici che hanno deciso ciò , quell'assassino di KABOBO lo affiderei alla giustizia cinese veloce ed efficace vedi caso della bambina cinese uccisa a Roma

leserin

Sab, 04/01/2014 - 17:20

Il punto è che la clinica psichiatrica o il carcere non dovrebbero essere quelli italiani, ma del suo paese d'origine. Tutto qui.

leserin

Sab, 04/01/2014 - 17:25

Non è questo il punto. Basterebbe che la detenzione o il ricovero fossero disposti nel suo paese e non in Italia. O anche gli omicidi, per pazzia o perché sono dei criminali sono RISORSE di cui abbiamo disperatamente bisogno?

bruco52

Sab, 04/01/2014 - 17:28

Rimandatelo in Ghana....lì uno stregone locale gli toglierà dalla testa delle pietruzze, invisibili ai comuni mortali, e di colpo rinsavirà....se ciò non accadesse gli daranno una botta in testa e lo manderanno al creatore, che saprà cosa farne...

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 04/01/2014 - 17:31

In quale Paese che abbia senno e una classe dirigente con le palle, si verifica che un clandestino, per di più assassino di tre innocenti, che si spaccia per matto per prendere in giro la magistratura, ma che matto non è altrimenti non avrebbe ricorso contro la sua espulsione avvenuta appena sbarcato, lo si deve nutrire, essere sottoposto a visite mediche specialistiche, ed essere trattato coi guanti? L'unico Paese in cui gli stranieri, i clandestini, i criminali abbiano gioco forza nei confronti delle autorità, è l'Italia, un povero paese di p**la!

Angel7827

Sab, 04/01/2014 - 17:31

Questo è il tipico articolo che soddisfa il palato degli idioti. L' africano è stato giudicato sano di mente, ora la difesa ha chiesto una seconda perizia per infermità mentale, tutto il testo si basa su supposizioni di quello che potrebbe accadere, ma ripeto, agli idioti va bene così.

mila

Sab, 04/01/2014 - 17:49

@ VermeSantoro -Le nostre leggi impediscono anche questo.

Cacciari_forpre...

Sab, 04/01/2014 - 18:05

Caro Feltri invece di preoccuparsi di un delinquente in galera si preoccupi del fatto che un pregiudicato condannato in cassazione gira tranquillamente con la scorta pagata da noi, recluta giovani, fa trattative con il governo...Io se questo signore tornasse a comandare questo paese non dormirei sonni tranquilli..le no??

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 04/01/2014 - 18:08

scassa Sabato4 gennaio 2014 E' molto semplice ,si fa arruolare volontario nei corpi speciali insieme a un collega che ne ha combinato delle grosse ,poi si contatta l'India e si fa uno scambio con i nostri due Maro' ! La vendono teste al posto di elicotteri ,così il conto torna felicemente per tutti !!!dimenticavo che non avendo noi un ministro degli esteri ,dobbiamo ricordarci di mettere un cerotto sulla bocca della Boldrini ,della kienge e della cancellieri,per evitare interferenze . Il cambio mi sembra equo .

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Sab, 04/01/2014 - 18:11

No a facili strumentalizzazioni a sfondo razzista. Se al momento del delitto non era in sé è giusto che resti libero. O lo vogliamo in galera solo perché negro?

angelomaria

Sab, 04/01/2014 - 18:14

altra sorpresa dei nostri magistrati e'mattono va in galera?dove?scusate da qaudo in qua swmalato di mente fuori libero di commettere nefandezze delgenere che perlomeno mettano in galera chi lo doveva tenere chiuso se si sapeva ch'era matto le istituzioni come i parenti sono colpevoli se i figi/e minori commettono un'atto opiu'criminali l'ospedsle o lospichiatra che l'aveva/no in cura sono colpevoli alla stess amaniera personoe sono morta e nessuno che ne risponda ha quelli che ora soffrono le perdite della vite umane per la sinistra valgono solo se sono dei loro partiti o protestanti vedi g8 genova ecc...

angelomaria

Sab, 04/01/2014 - 18:16

ora sapete volete vendicarvi di qualcuno fatelo senza problema poi dite che siete matti e senza nessuna verifica vi credreanno questa si e' roba da MATYTI!!!

angelomaria

Sab, 04/01/2014 - 18:17

3te sei piuu'crebile matto plus!!!

colian

Sab, 04/01/2014 - 18:31

Sono uno psicologo, ho 59 anni. dato che si parla di psicologi e psichiatri dico la mia. La cosa più probabile è che queste forme di schizofrenia siano croniche, in pratica: inguaribili. Potranno essere gestite, alleviate, ma niente e nessuno escluderà mai possibili ricadute. Nessuna scienza medica o psicologica può vantare certezze nel campo della malattia mentale. Pertanto la cosa più saggia è: ergastolo, magari con supporto clinico, farmacologico, sedativo, e magari psicoterapico (consiglio però al terapeuta di stare fuori dalle sbarre e a debita distanza). Dato il precedente episodio verso il compagno di cella, e il tentativo di omicidio nei suoi confronti, sarebbe anche saggio tenere il sig. Kabobo in cella singola.

Franco60 Ferrara

Sab, 04/01/2014 - 18:31

una siringa di......!! , sarà indolore neanche se ne accorge.

swiller

Sab, 04/01/2014 - 18:32

Veramente uno schifo la giustizia in Italia e una vergogna infinita.

blackbird

Sab, 04/01/2014 - 19:24

La legge Basaglia abolì i mancomi. Giusto togliere le persone scomode alle famiglie dai lagher di Stato. Meno corretto abolire i luoghi di cura e confinamento per le (ancorchè poche) persone potenzialmente pericolose. Oggi, in ossequio ai diritti degli ammalati, si sta pensando di abolire anche i "manicomi" criminali. Chissà dove finirà il buon Kabobo?

mifra77

Sab, 04/01/2014 - 19:30

Se questo signore è pazzo,lo mandiamo a curarsi a casa sua; se però pensiamo alle vittime oltre che al suo compagno di cella scampato alla morte per un nonnulla, qualche provvedimento bisognerebbe prenderlo. Si potrebbe per esempio affidarlo alle cure dirette dei parenti più intimi delle vittime; oppure metterlo in cella con qualcuno peggio di lui e se poi ne rimane uno, almeno sarà uno in meno e magari nel gioco della spartizione delle sorti, non ne rimane nessuno dei due! Purtroppo questo individuo sarà assegnato in cura ad una struttura psichiatrica e presto sarà libero anche di sentire ancora la voce che lo vuole giustizialista omicida. Unica speranza che la prossima volta che sentirà la voce se la prenda con l'avvocato che lo sta difendendo, pur sapendolo indifendibile e con il giudice che di fatto lo sta assolvendo.

Coffiscioppo

Sab, 04/01/2014 - 20:27

Facciamolo Ministro per la Sanità (per l'integrazione siamo già a posto).

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Sab, 04/01/2014 - 20:32

...Venga disposto il suo trasferimento a Roma...!

retnimare

Sab, 04/01/2014 - 21:26

perche' il mio messaggio non viene pubblicato????

manolito

Sab, 04/01/2014 - 21:51

ABBIAMO UN(a)MINISTRO CONGOLESE CHE NESSUNO VUOLE DIAMO UNA POLTRONA DI SOTTOSEGRETARIO A QUESTO POVERO INDIFESO CHE NE ABBIAMO UN GRAN BISOGNO---ALMENO IN PARLAMENTO FARA QUELLO CHE SA FARE MEGLIO ..............BUM--

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Sab, 04/01/2014 - 21:57

Caro Feltri, altro che cambiare casa-quartiere-città-regione perché dai Kabobo e potenziali tali siamo circondati e presto verremo invasi e soggiogati. E' ora che la smettiamo di togliere i crocefissi dalle scuole, dagli ospedali, da ogni luogo pubblico; non possiamo più fare presepi e le recite di Natale (Don Bonzani ha addirittura proibito di farsi il segno della croce a una "preghiera intercoffessionale" da lui organizzata a Genova!), non possiamo cucinare ciò che vogliamo, non possiamo evitare di avere sempre più "individui" che girano col volto completamente coperto ("individui" perché potrebbero essere donne, uomini, terroristi, criminali...), dobbiamo costruirgli le moschee e fargli aprire "associazioni culturali islamiche" che usano per coercire-indottrinare-fare il lavaggio del cervello ai nostri giovani e asservirli al terrorismo-integralismo (ricordate Giuliano "Ibrahim" Delnevo morto in Siria tra le fila dei jihadisti di al-qaeda? Era solo uno delle decine di "convertiti"...). Dobbiamo stare attenti a ogni singola parola altrimenti si offendono e ti ritrovi appiccicata una "fatwa" mortale che ti seguirà ovunque vai e per sempre. Dobbiamo istruirgli e allevargli maree di figli che sfornano a ripetizione sicuri che saremo così idioti da accettare in silenzio uno "ius soli" così come abbiamo accettato in silenzio una ex clandestina congolese come Ministro della Repubblica Italiana che ci ringrazia studiandone una ogni giorno per agevolare l'invasione e l'assoggettamento della nostra Nazione da parte di maree di clandestini. Dobbiamo pagare la nostra flotta che ormai li va a raccogliere nelle acque territoriali nordafricane, pagare i CIE, le onlus, le forze dell'ordine, gli avvocati d'ufficio, i magistrati, ecc... che si dedicano per vocazione o per forza alle "preziose risorse". Presto le nostre donne non potranno più essere assunte per lavori che potrebbero rivolgersi anche a musulmani (già quest'anno a Jesolo, Renato Cattai -presidente di Federconsorzi, associazione che raggruppa i gestori dell’arenile jesolano- ha vietato l'impiego di donne per i servizi di spiaggia -sicurezza compresa-) che verrebbero "disturbati" dal dover interagire con questi (per loro) esseri inferiori. E' vicino il giorno che a ogni impiegato pubblico verrà vietato di portare persino la catenella con la croce al collo. Kabobo ha compiuto un massacro un anno e otto mesi fa e ancora i nostri "sinceri democratici" magistrati sono attanagliati dal dubbio "se ci è o ci fa". Poverino, "sente le voci"... di certo i familiari, gli amici, i colleghi delle persone che ha trucidato non sentiranno mai più le loro voci! Bene, mettiamola così (tanto per essere chiari): a me non interessa se è pazzo o no. A me interessa solo che venga chiuso a vita in galera. Gli atti di questi criminali, così come di tanti altri (killer seriali, terroristi, rapinatori assassini, ecc..) mi fanno rimpiangere che non ci sia la pena di morte in Italia... e nell'affermare questo, non provo per niente il disagio che pensavo avrei provato. I due "soldati di Allah" che hanno decapitato il soldato 25enne a Londra e quasi ammazzato altre due persone a colpi di machete (che si sono dichiarati innocenti e, anche loro, hanno cominciato a dire che "sentivano le voci") lo scorso Maggio, dopo 6mesi sono stati dichiarati (dopo meno di due ore di delibera) colpevoli di omicidio e a Gennaio è certo che verranno condannati all'ergastolo senza possibilità di riduzioni di pena. Alla sua domanda, Feltri, "Ma chi ci garantisce che non compirà altri delitti?" c'è solo una risposta... NESSUNO! E ognuno di noi dovrebbe pensare che la prossima vittima del buonismo imperante e delle "sviste democratiche" dei nostri magistrati, potrebbe essere uno dei nostri figli, genitori, parenti, amici, colleghi. Prego Dio che non succeda mai niente alle persone a me care, per mano di qualcuno dei mille "graziati" (domiciliari, permessi premio, ecc..) dopo un niente dai nostri esimi magistrati; non mi è permesso dire cosa farei... farei esattamente ciò che state pensando tutti voi Italiani perbene che mi state leggendo. Mi raccomando, continuate a votare a sinistra! Altrimenti si rischia di rovinare il paradiso che ci hanno costruito, e stanno pensando di migliorare ancora di più, nel quale ci stanno costringendo a vivere senza scampo.

Tony Capo

Sab, 04/01/2014 - 22:01

Caro Direttore, Lei ha perfettamente ragione di preoccuparsi, come lo sono anch'io , sicuramente anch'io come Lei cambierei condominio città , etc, ma pensiamo a qui poveracci che non possono farlo, che ne sarà di loro? La magistratura se le pone queste domande? Io penso di no, a loro interessa solo il potere a tutti i costi, e se qualcuno gli crea dei fastidi, bisogna eliminarli ( mi auguro non fisicamente) io penso che questi criminali dovrebbero marcire in carcere, e smettiamola con la favole delle carceri sovraffollate, perché non parliamo di carceri che sono stati costruiti e mai aperti, o servivano solo per fregare un po' di solti?.......Povera Italia in mano a questa gentaglia . Auguri di buon Anno

rmoimas

Sab, 04/01/2014 - 22:16

altri delitti??? feltri, sei stupido o ci fai??

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 04/01/2014 - 23:37

Pensate se un leghista avesse sfondato il cranio a tre negri. Si beccava 300 ergastoli e non usciva più.

Michele1955

Sab, 04/01/2014 - 23:42

dategli in pocconata al centro della testa e chiidiamo questa partita, ma possibile che dobbiamo combattere con sta gente ammazzatelo srnza pieta, lui forse ne hs avuta? fatto fuoti un pensiero in meno e con il motto di Floris ale'.

Magicoilgiornale

Dom, 05/01/2014 - 00:15

Alcune volte rinchiuderei i magistrati con esseri simili, poi aspetterei che riflettessero

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 05/01/2014 - 00:24

Un po' di mesi fa scrivevo questo: "Ruby bis, condannati Fede, Mora e la Minetti - 5 mesi 2 settimane fa Mentre a Kabobo daranno l'infermità mentale!!!!! bo? Gli assassini fuori quelli che stanno sugli zebedei dentro! bo? Italia sottosopra! stop!"

Ritratto di Riky65

Riky65

Dom, 05/01/2014 - 00:33

in germania farebbe la fine di Ulrike Meinhof!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 05/01/2014 - 00:44

Tra psichiatri e avvocati inebetiti dalla demagogia dei trinariciuti ci ritroveremo questo seguace di Al Qaida ancora tra i piedi ad assassinare gente. LE VOCI CHE DICE DI "SENTIRE" SON QUELLE DEI FONDAMENTALISTI ISLAMICI. I SUGGERITORI DI AL QUAIDA.

NON RASSEGNATO

Dom, 05/01/2014 - 08:39

E' un caro ospite, ha diritto a un trattamento di favore, bisogna comprendere che era stressato, forse uno dei pochi a cui avevano rifiutato il sostentamento a vita.E ,poi, cerchiamo di non essere razzisti, se sente le voci è un chiaro sintomo di possessione demoniaca, un bell'esorcismo e chiudiamola qui. C'è sempre la possibilità che le prossime voci lo indirizzino verso chi lo rimetterà in libertà

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Dom, 05/01/2014 - 09:00

Caro Feltri, altro che cambiare casa-quartiere-città-regione perché dai Kabobo e potenziali tali siamo circondati e presto verremo invasi e soggiogati. E' ora che la smettiamo di togliere i crocefissi dalle scuole, dagli ospedali, da ogni luogo pubblico; non possiamo più fare presepi e le recite di Natale (Don Bonzani ha addirittura proibito di farsi il segno della croce a una "preghiera intercoffessionale" da lui organizzata a Genova!), non possiamo cucinare ciò che vogliamo, non possiamo evitare di avere sempre più "individui" che girano col volto completamente coperto ("individui" perché potrebbero essere donne, uomini, terroristi, criminali...), dobbiamo costruirgli le moschee e fargli aprire "associazioni culturali islamiche" che usano per coercire-indottrinare-fare il lavaggio del cervello ai nostri giovani e asservirli al terrorismo-integralismo (ricordate Giuliano "Ibrahim" Delnevo morto in Siria tra le fila dei jihadisti di al-qaeda? Era solo uno delle decine di "convertiti"...). Dobbiamo stare attenti a ogni singola parola altrimenti si offendono e ti ritrovi appiccicata una "fatwa" mortale che ti seguirà ovunque vai e per sempre. Dobbiamo istruirgli e allevargli maree di figli che sfornano a ripetizione sicuri che saremo così idioti da accettare in silenzio uno "ius soli" così come abbiamo accettato in silenzio una ex clandestina congolese come Ministro della Repubblica Italiana che ci ringrazia studiandone una ogni giorno per agevolare l'invasione e l'assoggettamento della nostra Nazione da parte di maree di clandestini. Dobbiamo pagare la nostra flotta che ormai li va a raccogliere nelle acque territoriali nordafricane, pagare i CIE, le onlus, le forze dell'ordine, gli avvocati d'ufficio, i magistrati, ecc... che si dedicano per vocazione o per forza alle "preziose risorse". Presto le nostre donne non potranno più essere assunte per lavori che potrebbero rivolgersi anche a musulmani (già quest'anno a Jesolo, Renato Cattai -presidente di Federconsorzi, associazione che raggruppa i gestori dell’arenile jesolano- ha vietato l'impiego di donne per i servizi di spiaggia -sicurezza compresa-) che verrebbero "disturbati" dal dover interagire con questi (per loro) esseri inferiori. E' vicino il giorno che a ogni impiegato pubblico verrà vietato di portare persino la catenella con la croce al collo. Kabobo ha compiuto un massacro un anno e otto mesi fa e ancora i nostri "sinceri democratici" magistrati sono attanagliati dal dubbio "se ci è o ci fa". Poverino, "sente le voci"... di certo i familiari, gli amici, i colleghi delle persone che ha trucidato non sentiranno mai più le loro voci! Bene, mettiamola così (tanto per essere chiari): a me non interessa se è pazzo o no. A me interessa solo che venga chiuso a vita in galera. Gli atti di questi criminali, così come di tanti altri (killer seriali, terroristi, rapinatori assassini, ecc..) mi fanno rimpiangere che non ci sia la pena di morte in Italia... e nell'affermare questo, non provo per niente il disagio che pensavo avrei provato. I due nigeriani "soldati di Allah" che hanno decapitato il soldato 25enne a Londra e quasi ammazzato altre due persone a colpi di machete (che si sono dichiarati innocenti e, anche loro, hanno cominciato a dire che "sentivano le voci") lo scorso Maggio, dopo 6mesi sono stati dichiarati (in meno di due ore di delibera) colpevoli di omicidio e a Gennaio è certo che verranno condannati all'ergastolo senza possibilità di riduzioni di pena. Alla sua domanda, Feltri, "Ma chi ci garantisce che non compirà altri delitti?" c'è solo una risposta... NESSUNO! E ognuno di noi dovrebbe pensare che la prossima vittima del buonismo imperante e delle "sviste democratiche" dei nostri magistrati, potrebbe essere uno dei nostri figli, genitori, parenti, amici, colleghi. Prego che non succeda mai niente alle persone a me care, per mano di qualcuno dei mille "graziati" (domiciliari, permessi premio, ecc..) dopo un niente dai nostri esimi magistrati; non mi è permesso dire cosa farei... farei esattamente ciò che state pensando tutti voi Italiani perbene che mi state leggendo. Mi raccomando, continuate a votare a sinistra! Altrimenti si rischia di rovinare il paradiso che ci hanno costruito con impegno dal dopoguerra, e che stanno pensando di "migliorare" ancora di più, nel quale siamo costretti a sopravvivere senza scampo.

eramob

Dom, 05/01/2014 - 09:02

Dragon_Lord..frode fiscale non mi sembra un'accusa ridicola!!!!e poi..la magistratura applica la legge, se prevede l'infermità mentale è quella che si applica, altrimenti va cambiata la legge!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 05/01/2014 - 12:40

@ilsaturato,sono d'accordo con lei,ma questa "destra",cosa ha fatto,cosa fa per contrastare queste schifezze?Qui sta il punto!

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Dom, 05/01/2014 - 16:22

@Zagovian. Bella domanda la sua! Non ho difficoltà a concordare sulla "fumosità" delle varie configurazioni di centrodestra passate e, purtroppo, attuali ma di una cosa sono sicuro: niente e nessuna compagine/ideologia politica è riuscita ad essere così perniciosa, depressiva, dissanguante, illiberale e priva di costrutto come quella sinistra, che prepotentemente-scientemente-cinicamente ha portato tutti noi e tutto il "sistema Italia" al collasso. Certo, sarebbe bello e auspicabile che una nuova opzione "anti-rosso" si facesse avanti tra la melma politica che ci governa da decenni, ma purtroppo per adesso non se ne vede traccia. Ecco il motivo per cui occorre sostenere l'unica opzione che, per adesso, ha nell'immediato le maggiori possibilità e "mezzi" per almeno arginare la definitiva e totale presa di potere dei "diversamente affossatori". Che piaccia o no, per ora è ancora e soltanto Berlusconi e qualsiasi "cosa" pensi di portare avanti, l'unica via di scampo. La conferma di questa valutazione è da anni confermata dall'accanimento cieco con cui il la metastasi tentacolare rossa lo perseguita e lo bracca dal '94. Le sinistre hanno saldamente in mano tutto ciò che serve ad impedire a QUALSIASI nuova compagine politica antagonista a loro e hanno permesso a quella "roba" che è il M5S di crescere unicamente perché sanno benissimo che la stragrande maggioranza di chi lo sostiene potrà essere facilmente essere fatta rientrare all'ovile rosso quando lo riterranno opportuno. Inoltre hanno capito benissimo che, intanto, le sceneggiate e le sparate del comico sono riuscite a sottrarre alcuni voti al centrodestra; voti di gente inferocita, disperata, nauseata che non voterebbe mai a sinistra ma è stata facilmente invasata dalla demagogia del vuoto cosmico ben urlato da Grillo e compagni. Non possiamo concederci il lusso di aspettare, dobbiamo dare la massima forza possibile a chi ADESSO può almeno tentare di smantellare-indebolire il molok rosso; che può imbrigliare-limitare lo strapotere intoccabile della magistratura, che può supportare alternative all'attuale "informazione" completamente allineata o soggiogata a sinistra, che può tentare l'uscita dal nefasto Euro o almeno (con questa minaccia) rinegoziare con l'Europa una lunga serie di regole-trattati-leggi che quando non sono germano-centriche sono assurde-depressive e idiote; che può provare a mettere un argine vero all'invasione di immigrati illegali che stiamo subendo e che con le sinistre è destinata a diventare inarrestabile e immensa. Che può infine evitare nell'immediato il totale e irreversibile default dell'Italia! Poi, ci sarà tempo e modo per far nascere qualcosa di nuovo-positivo e pro-Italia... adesso dobbiamo e possiamo soltanto pensare a non morire definitivamente! Buona giornata e Buon Anno.