Il Pd alza il tiro: "Voteremo la decadenza". Il Pdl: "Se il Cav decade, Letta va a casa"

Vertice del Pdl al Senato. Matteoli: "Se decade Berlusconi, cade il governo". E Schifani mette in guardia il dem: "La crisi dipende solo da loro". Ma il Pd vuole lo scontro a tutto i costi: "È un problema loro". La Giunta per le Immunità non trova l'intesa sul calendario

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, con il vicepremier Angelino Alfano

Il voto della Giunta del Senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore torna a far tremare il governo. A rimettere in discussione la prosecuzione dell’esecutivo guidato da Enrico Letta è Renato Schifani che prima si è appellato al suo successore a Palazzo Madama perché rimuova i membri "chiacchieroni" della Giunta per le immunità e, una volta incassato il non possumus di Grasso, ha avvertito che un voto politico in Giunta renderebbe impossibile proseguire sulla strada della "convivenza" nel governo. Ai democrat si è rivolto anche il segretario del Pdl Angelino Alfano invitandoli a chiarire se ritengano valido il principio della irretroattività della legge Severino. Ma da via del Nazareno non è arrivato alcun cambio di rotta. "È possibile interrompere questa serie continua di minacce quotidiane di crisi che riempiono i giornali, preoccupano i mercati e danneggiano il peso e l’immagine dell’Italia sui tavoli internazionali?", ha chiesto il ministro per i Rapporti con il parlamento Dario Franceschini.

Il Pdl non vuole la crisi di governo, anche se è pronto ad ogni eventualità. "Dipende tutto dal Pd...", ha spiegato lo stesso Schifani al termine della assemblea dl gruppo del Pdl di Palazzo Madama che oggi pomeriggio si è riunito per mettere a tema le strategie da adottare. Al vertice non hanno partecipato né Alfano né il Cavaliere. Secondo fonti vicine a Palazzo Grazioli, infatti, Berlusconi non dovrebbe rientrare a Roma prima di domani. "Chiediamo al Pd risposte precise - ha tuonato Altero Matteoli lasciando la riunione del gruppo Pdl al Senato - se arriveranno risposte chiare il governo può andare avanti, altrimenti non possiamo più stare insieme". Ma il Pd non vuole sentire ragioni ed è pronto ad andare allo scronto. "Noi voteremo la decadenza, non barattiamo la legalità con la stabilità politica - ha avvertito Danilo Leva, responsabile Giustizia del Pd - ma il governo Letta ha ancora lavoro da fare. Se il Pdl lo fa cadere se ne assuma le responsabilità". Una vera e propria dichiarazione di guerra che nemmeno i toni distensivi di Schifani riescono a smorzare. Dagli interventi degli esponenti piddì appare chiaro che l'obiettivo è lo scontro definitivo. "Evidentemente nel Pdl sono sordi e ciechi - ha ribadito Leva - è dunque il Pdl che deve porsi il problema...". Un problema che, col passare delle ore, rischia di far cadere Letta.

Mentre la politica si divide sulla letteratura giuridica legata alla decadenza da senatore, l’ufficio di presidenza della Giunta si è riunito per stilare il calendario dei lavori. "Non si è trovato l’accordo", ha riferito Enrico Buemi al termine dell'incontro. A questo punto la giunta si riunirà lunedì alle 15. I commissari sentiranno relazione di Augello. Poi sarà un nuovo ufficio di presidenza o la Giunta stessa a decidere il calendario. Dal momento che in ufficio di presidenza non c’è stata l’unanimità, il calendario sarà deciso e votato direttamente lunedì prossimo. Negli ultimi giorni non hanno certo aiutato a distendere gli animi le parole del presidente della Giunta Dario Stefano che, giusto ieri, ha assicurato che la decadenza sarà esaminata e votata in tempi brevi, "senza scappatoie elusive". E non ha nascosto la possibile necessità che sia sostituito qualche membro della giunta. "Le continue dichiarazioni di Stefano, sia sui tempi dei lavori della Giunta che sul merito delle sue decisioni, ci preoccupano non poco", ha chiosato Schifani.

Commenti

eureka

Mer, 04/09/2013 - 14:42

Basta minacce, meglio usare i loro metodi cioè insabbiare tutto ciò che può sporcare ed interrompere la scalata al potere del Pd.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 04/09/2013 - 14:42

Franceschini, sicuro che a danneggiare il paese sia la richiesta di legalità del centrodestra e non l'integralismo giustizialista del centrosinistra???? Quanto poi alla sua carica direi che lei é abilitato al massimo a gestire i rapporti con i pollai emiliani e non qualli con il parlamento!

unosolo

Mer, 04/09/2013 - 14:51

che serietà,l'uomo che messo a capo come segretario di passaggio fece la sceneggiata di giurare sulla costituzione sorretta dal Papà. Oggi soccorre Letta , ieri il Renzi , prima il Prodi , il prossimo ? secondo me questa persona porta sfiga sono diventati tutti ex .

max.cerri.79

Mer, 04/09/2013 - 14:53

i danni per l'italia si dividono in 2 categorie: 1 i politici ( dagli assessori comunali in su) e 2 gli extracomunitari. il resto è aria fritta. P.S. fatti la barba che i tempi delle case del popolo sono finiti

gian paolo cardelli

Mer, 04/09/2013 - 15:04

Franceschini chi: quello che avrebbe dovuto essere arrestato per vilipendio alla Costituzione per aver prestato un giuramento su di essa (con una copia obsoleta, per giunta) al solo scopo di apparire "seeerio" ai sudditi pecoroni che votano PD?

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Mer, 04/09/2013 - 15:06

@max.cerri.79. sei vecchio dentro.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 04/09/2013 - 15:13

Smettiamola con questa fandonia del giustizialismo, che non ha alcuna verifica reale. Si faccia decadere berlusconi e in 6 mesi ce ne faremo una ragione. Nel frattempo le forze politiche preparino una campagna elettorale su proposte concrete per il lavoro e no per rimodulare la giustizia. Con la riforma della giustizia non si mangia. Se poi i vari brunetta, schifani, Franceschini, D'Alema, Bersani saranno trombati dalla gente, tanto di guadagnato.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 04/09/2013 - 15:21

Sono pienamente d'accordo con le motivazioni del pdl contro quegli schifosi della sinistra, a partire dal loro capo supremo che da troppi anni sta seduto al quirinale, che usano la giustizia per scopi politici. Sono d'accordo sulla intollerabile persecuzione ai danni del capo indiscusso del Centro-Destra italiano, ma far cadere il governo non porterebbe a niente di positivo, ne' per il Paese ne' tantomeno per il Centro-Destra stesso. Niente elezioni, ormai è chiaro a tutti, governo di sinistra, pioggia di tasse per tutti, immigrazione selvaggia sena più alcun argine, economia al disastro totale. E' questo che volete voi del pdl? Pensateci bene se vale la pena, per difendere un solo uomo, mandare al macello 60 milioni di cittadini.

cicero08

Mer, 04/09/2013 - 15:38

E' ovvio che intanto trema il solo Berlusconi anche perchè si fa sempre più netta la posizione del resto del Paese. Cade il governo solo se non decade lui da senatore...

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 04/09/2013 - 15:40

Con il governo 5 Stelle però Berlusconi non potrà più fare ricatti. Mannaggia

lepanto1571

Mer, 04/09/2013 - 15:42

Cavaliere avanti tutta...basta con la diplomazia bizantina e andiamo al voto. nec spe, nec metu.

fabio tincati

Mer, 04/09/2013 - 15:43

stanno cercando di fare la stessa porcata che hanno fatto con Craxi e non sono neanche tanto intelligenti da nasconderlo.Brutta gente i comunisti!Se non riescono ad eliminare l'avversario con i voti lo fanno con i complotti!Meglio far saltare tutto,l'unico dialogo possibile è perseguitarli!

@ollel63

Mer, 04/09/2013 - 15:44

Il solito BUE stolto che dà del cornuto all' ASINO. Colui che porta le corna (politicamente parlando) FRANCESCHUNI "minaccia" il PDL, ovvero più che minacciare 'assicura' che Berlusconi sarà assolutamente fatto fuori determinando automaticamente la caduta del governo -verrebbe a mancare la gamba su cui poggia-. Quindi Francechini, politicamente cornuto, dà del cornuto (azzoppandolo con il concorso di altri cornuti sinistrati franceschinielli) al povero asinello (sempre politicamente parlando) ossia il PDL, che non ha corna ma solo lunghe e morbide orecchie e nulla può fare per evitare la caduta del traballante isterico governo letta, tra l'altro già monco di suo.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 04/09/2013 - 15:44

L'Italia va male e si parla solo del condannato, vabbè.

minestrone

Mer, 04/09/2013 - 15:48

E piazza affari affonda!Yepppaaaaaaaaaaa e mediaset crolla yeppppaaaaaaaaaa

ritardo53

Mer, 04/09/2013 - 15:51

KUIGIPISO: In un altro post ti avevo cortesemente di illuminarmi cosa ci facessero i tuoi Letta, Prodi, passera, Monti, Motezemolo, Draghi, etc..etc.. in quel del CLUB BILDERBERG e COMMISSIONE TRILATERALE, ed a che titolo e chi ne avesse pagato i costi di tale partecipazione visto che le riunioni sono a titolo privato, dai illuminami che sono in RITARDO53 coi tempi.

Ivano66

Mer, 04/09/2013 - 16:01

luigipiso: condivido. C'è da aggiungere che solo in Italia assistiamo a una discussione... lunare. Berlusconi è un pregiudicato e solo da noi si discute se un pregiudicato condannato in via definitiva (e altre condanne lo aspettano dietro l'angolo) possa fare ancora politica...

Rooster69

Mer, 04/09/2013 - 16:03

Speriamo, due piccioni con una fava.

Libertà75

Mer, 04/09/2013 - 16:08

Che volete che succeda? dichiarano decaduto SB, cade Letta e si fa un PD-PDL bis prendendo un altro leader di centrosinistra... ma chi? chi meglio del pontiere Franceschini pronto a servire Bersani, Letta e ora Renzi? Ai tempi di Andreotti si cercava di disinnescare le bombe anche a costo di sporcarsi le mani. Oggi si fanno saltare le bombe per non sporcarsi le mani.

Ritratto di ventavog

ventavog

Mer, 04/09/2013 - 16:09

da elettore di destra mi chiedo: e se anche cade il governo? Otterremo la decadenza di Berlusconi e la rabbia della gente. Meglio il supremo sacrificio, meglio che prendano il potere e dimostrino di non saperlo gestire. Poi sarà il oro, definitivo turno: chi di "legalità" ferisce, di legalità perirà.

Il giusto

Mer, 04/09/2013 - 16:10

Tipico dei pregiudicati fare ricatti!Comunque sia lui si tolga dai maroni,poi vedremo se i suoi politici lo seguiranno

moichiodi

Mer, 04/09/2013 - 16:10

che sfiga! ora che l'italia aveva un governo che poteva risolvere i problema di berlusconi..cade. peccato!

moichiodi

Mer, 04/09/2013 - 16:11

che sfiga! ora che l'italia aveva un governo che poteva risolvere i problemi di berlusconi..cade. peccato!

ilbarzo

Mer, 04/09/2013 - 16:16

Berlusconi,dovrebbe farla finita un volta per tutte e mandare a casa questo governo di fannulloni.Qualora dovesse il pd,votare per la sua decadenza da Senatore,potrebbe prendere in esame la possibilita' di far candidare sua figlia Marina.Cosi facendo quelli del pd ed i giornaliti loro amici impazzirebbero ancor piu' di quello che lo sono adesso,poiche' per il PD ed i comunisti sarebbe la fine e questo gia' lo sanno da molto tempo.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 04/09/2013 - 16:18

STACCARE LA CORRENTE ADESSO - ANCHE PRIMA CHE LETTA POSSA RECARSI AL G20 di San Pietroburgo. E CHE FRANCESCHINI PENSI UN PO' AGLI AFFARI DI CASA SUA (del suo PC-PD che gli da da mangiare)non si permetta di "dare un calmata a noi o di indicarci come falchi". Noi siamo più esseri umani e cristiani di Lui.

fibonacci

Mer, 04/09/2013 - 16:20

In "altri tempi", passare da uno schieramento all'altro, era detto "compravendita", cosa riprovevole e quant'altro (Scilipoti, ecc.) ora, poiché riguarda l'altra parrocchia, è cosa buona e giusta. Ma per favore!

Cosi_la_penso

Mer, 04/09/2013 - 16:25

e allora svegliatevi voi del pdl minacciate solo e non avete il coraggio !!! Letta !!! cerca di cadere al piu presto e non farti logorare dal delinquente !! Ne abbiamo piene ....le teste di questi balletti .

gianni59

Mer, 04/09/2013 - 16:25

l'aveva appoggiato sperando che un governo 50-50 lo potesse salvare...ma quando si è svegliato nella triste realtà, via la maschera...

gianni59

Mer, 04/09/2013 - 16:27

l'aveva appoggiato sperando che un governo 50-50 lo potesse salvare...ma quando si è svegliato nella triste realtà, via la maschera...

BlackMen

Mer, 04/09/2013 - 16:30

Se decade andate tutti a casa

eso71

Mer, 04/09/2013 - 16:38

E Berlusconi continua a tenere il paese fermo per problemi personali. Spero un giorno possa ingerire almeno una dose di buonsenso.

Atlantico

Mer, 04/09/2013 - 16:48

Le borse vanno giù e portano via anche i falchi.

gcbarbone

Mer, 04/09/2013 - 16:48

Siamo ben sicuri che se il PdL si sfila dal Governo va a casa? che alle minacce di Schifani segua questo scenario? A mio avviso - purtroppo - c'è poca lungimiranza e la spada che si brandisce non è affilata. Ci saranno invece Senatori che si venderanno per sottosegretariati (perché la libertà di mandato vale solo da destra verso sinistra), strapuntini o stipendi ed un nuovo governo (g minuscola) che ridurrà definitivamente alla fame il ceto medio, il popolo delle partite IVA e tutti coloro che in Berlusconi si riconoscono. Siamo sicuri che il Governo debba cadere ?

Ritratto di ashton68

ashton68

Mer, 04/09/2013 - 16:52

Ormai la divisione è netta tra l'Italia che ancora lavora e produce (che sta con il Presidente Berlusconi) e l'Italia che non lavora (o lo fa in modo più o meno parassitario, pagato dalle tasse degli altri) che mira solo a mantenere lo status quo e la propria rendita politica di posizione, sussidi, contributi e stipendi pubblici difesi dalla sinistra e dal suo organo militare (rappresentato dai magistrati politicanti) in quanto formidabile bacino di voti. Non ci possiamo mischiare oltre con questa Italia truffaldina e mediocre. Si vada a votare subito.

monitor

Mer, 04/09/2013 - 16:54

Il professore Dino Cofrancesco fino al giorno in cui nomino' i quattro senatori a vita aveva la massima stima per Napolitano . Oggi, non più. Facile indovinare il perché . Caro direttore lasci in evidenza, almeno per un mese, l'articolo di Cofrancesco, forse qualcuno non comunista e in buonafede capirà che la decadenza di Berlusconi non è proprio un affare che riguardi il Cav. e suoi elettori, ma gli italiani tutti. Sappiamo che il nostro Presidente non gradirebbe, ma non è un gran male.

wotan58

Mer, 04/09/2013 - 16:55

ribadisco l'assoluta insensatezza di una giunta che deve votare per sulla decadenza di un senatore e che decide per meri criteri politici e di opportunità. L'ennesimo vulnus di una pseudodemocrazia in cui il popolo conta 0 e tutto fanno e disfano gli oligarchi delle segreterie dei partiti.

fisis

Mer, 04/09/2013 - 17:05

Bisogna mandare subito a casa questa governo di sinistra e di comunisti che hanno ormai occupato tutti i posti istituzionali: Predidenza del Consiglio (Letta), Presidenza della Camera (Boldrini), Presidenza del Senato (Grasso), ministri vari (del "calibro" della Kienge), e dulcis, in fundo, il vecchio comunista appollaiato al Quirinale. Basta con questo regime opprimente.

Holmert

Mer, 04/09/2013 - 17:12

Questi si coprono la faccia con i soliti slogan: "le sentenze vanno rispettate", anche quelle evidentemente ingiuste. Su Rai 3, a prima pagina, c'era un giornalista di Repubblica, il quotidiano che ad inventarlo non potrebbe essere più antiberlusconiano, bé forse il Fatto, non faceva altro che ripetere che Helmut Kohl, il cancelliere tedesco, investito dallo scandalo dei finanziamenti al suo partito , si era subito dimesso. A parte il fatto che nel 1999 Kohl era politicamente finito e non era più cancelliere, dimenticava di ricordare che Sarkozy e lo stesso Chirac, in Francia, per motivi affini ,sono stati giudicati solo a fine mandato, da giudici veramente super partes e senza castronerie legali, come il non poteva non sapere, come se fosse il mago di Napoli. Ed ora costoro lo vorrebbero eliminare alla maniera della storica inquisizione e con infamia. Nonostante ci sia il parere di eminenti studiosi di diritto, che la legge Severino non è retroattiva e quindi non concerne Berlusconi, di fatto. Ma costoro sono di antico conio comunista e si sa quale sia la loro indole vendicativa.

angelomaria

Mer, 04/09/2013 - 17:20

cosa dicevo????hum hum!

Fracescodel

Mer, 04/09/2013 - 17:30

PDL non fa cadere il governo Letta non perche' questo non sia vergognoso e lesivo, ma piuttosto perche' oggi il partito M5S prenderebbe troppi voti, ed il PDL non e' ancora assestato per andare all'elezioni....il PD adesso o dopo, comunque sara' quasi spazzato via; e se il malcontento e' esteso anche a sinistra, per fin troppe ragioni, basta una parola: KYENGE!

zagor

Mer, 04/09/2013 - 17:33

Se Letta va a casa a casa ci vanno anche i ricattatori del Bel Paese cioè anche il partito della VERGOGNA e tutto questo succederà perchè lui ha i soldi perchè se questo povero tapino non avesse tutti quei soldi lo avreste già rinnegato VERGOGNATEVI

pinux3

Mer, 04/09/2013 - 17:34

Matteoli chiede al PD "risposte precise"...Mi pae che, almeno per una volta, le "risposte" siano arrivate...Allora cos'è questa ipocrisia? Fanno finta di non sentire?

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 04/09/2013 - 17:35

SIAMO STUFI, NON POSSIAMO MICA ANCORA LEGGERE "BARZELLETTE FINO A LUNEDI'" BUTTIAMO GIU' QUESTO GOVERNO DALLA TORRE DI PISA ED ANDIAMO A DIFENDERE LA NOSTRA DIGNITA' - CI SIAMO TROPPO UMILIATI COME SE CHIEDESSIMO L'ELEMOSINA SIAL AL PRESIDENTE NAPOLITANO CHE AL PRIMO MINISTRO. BASTA SIAMO STUFI ...... V I A, V I A TUTTI

chiara63

Mer, 04/09/2013 - 17:42

fisis meglio questo regime come lo chiama lei che il regime di Berlusconi. Ex forza italia della prima ora

pastrito

Mer, 04/09/2013 - 17:43

"il Pd vuole lo scontro a tutto i costi"?? "Toni distensivi" da parte del PDL?? ma che droghe passano per Il Giornale? Ma veramente credete a quello che scrivete? E se non dovesse passare la decadenza come la mettiamo con un Senatore della Repubblica pregiudicato? Facciamo tornare Cesare Battisti e diamogli la Presidenza della Repubblica, già che ci stiamo...

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 04/09/2013 - 17:46

Ivano66- Pregiudicato da chi ? stai parlando della condanna stabilita dai tuoi com-pari parass-statali imbucati nei cosiddetti palazzi di giustizia dalla cigl-pci-pds-pd , ma non farmi ridere .gzorzi - prodotto interno lordo 1800 miliardi di euro l'anno , 800 se ne vanno per mantenere l'apparato statale e pensioni i restanti 800 se ne vanno per pagare gli interessi del mastodontico debito pubblico .... l'Africa che sta arrivando qui ... L'ITALIA E' GIÀ' FALLITA.

scipione

Mer, 04/09/2013 - 17:54

luigipiso...." fandonia del giustizialismo " ?....Ma dove hai vissuto negli ultimi venti anni ? E sicuramente non hai letto le vicende recenti di " don Antonio ",le testimonianze ,documentate, di un giornalista,di un imprenditore e di un attore famoso sui pregiudizi politico-giudiziari del detto " don Antonio",non hai letto la sentenza del tribunale svizzero relativa al processo contro Agrama e che scagiona chi in Italia e' stato condannato in modo infame. Altro che " fandonia del giustizialismo".Ti auguro che tu non capiti nelle grinfie di certi magistrati.Dimenticavo : a te non capitera' mai : sei un comunista.

scipione

Mer, 04/09/2013 - 17:56

Abbiamo gia' perso troppo tempo.Dei comunisti non c'e'da fidarsi MAI,quindi TUTTI A CASA E ANDIAMO A VOTARE.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 04/09/2013 - 17:57

SI DICE E SI LEGGE IN ALTRE COMUNICAZIONI CHE CI SIA STATA " sul caso Berlusconi, la telefonata di fuoco di Napolitano a Gianni Letta il quale avrebbe detto: "Scordatevi la grazia totale". CHE SIGNIFICATO E' QUESTO !! CONFERMATELA PER FAVORE SE E' VERA - SAREBBE ASSURDO - non esiste una grazia parziale o una totale -

unosolo

Mer, 04/09/2013 - 17:58

di fregature ne abbiamo prese moltissime , da anni il CSX vuole cambiare la legge elettorale e con quella scusa si sono impossessati della Nazione, noi cretini che ascoltiamo e basta. La sx da anni non ha un leader ma solo tanti ex leader , non sarà certo un Renzi comandato dai veterani politici ex PCI che risolve il problema nel loro partito , per questo agendo tramite i loro ben collaudati canali vogliono a tutti i costi buttare fuori dai giochi il Berlusconi , unico LEADER ventennale quasi trentennale l'odio portato nella politica dopo la morte di due grandi che avevano capito il lordume e la modifica del 41 bis la dice tutta. é il caso di uscire subito dal governo e combattere questi pseudo salvatori della patria che vogliono solo regalare soldi a chi non produce ricchezza ma se la mangia.

hotmilk73

Mer, 04/09/2013 - 17:59

markos,rassegnati...3 gradi di giudizio,fior d avvocati che io e te ci possiam solo sognare.....è finita,prendine atto,bambascione

birillo67

Mer, 04/09/2013 - 18:02

E' inutile che tiriate a scaricare il barile. Se salta il Governo è evidente che la grave responsabilità è della DESTRA. Più la mescolano e più puzza. Se poi ci troveremo senza governo e una tensione internazionale alle stelle, peggio ancora. Bella dimostrazione d'amore per l'Italia! Voi servite solo Silvio e Silvio serve solo se stesso!

pbellofi

Mer, 04/09/2013 - 18:03

Cavaliere lasci perdere. Non c'è niente da fare. Le vere leve del potere sono, e continueranno ad essere per lungo tempo in mano ad altri i quali, di conseguenza, sono invincibili. E' stato sorprendente il fatto che Lei li abbia contrastati con una certa efficacia per 20 anni. Ora siamo al capolinea. Prossimi passaggi: rimpasto del governo-nuova legge elettorale rigorosamente proporzionale- nuove elezioni. E l'Italia va....dove non si sa.....

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 04/09/2013 - 18:08

@ritardo53 ti avevo risposto. Già è noiosissimo leggere alcuni di voi, se poi dobbiamo ripetere sempre le stesse cose. Potrebbe spiegartelo lo zio di Letta, consulente finanziario della Goldman Sachs in Italia. Quelli da te nominati non sono miei, i miei sono Ferrero e Ingroia, quindi io mi illumino d'immenso, tu illuminati da solo, se ne sei in grado. E poi non è colpa mia se la Bilbenberg considera berlusconi un intruso non qualificato,in pratica incapace finanziere. In sintesi non è nè un Robin Hood nè un bravo finanziere speculatore, tranne per il proprio orticello. Oh santa pazienza, continuo a rispondere al gregge...!!!

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Mer, 04/09/2013 - 18:09

Forse coloro che invitano Silvio ad agire e far cadere il governo non hanno capito che a Berlusconi non interessa tanto la carica di Senatore, visto anche l'oltre 90% di assenze ma i privilegi che essa rappresenta, immunità dall'arresto e quant'altro, pertanto far cadere il governo una volta decaduto lui è solo una rappresaglia, in vista anche delle altre indagini che lo riguardano. In sostanza, se divento un cittadino comune, e potrei anche essere arrestato, vedi procura di Napoli, muoia Sansone con i filistei, fra i quali anche coloro che lo esortano ad agire. Contenti voi di morire.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 04/09/2013 - 18:12

L'UNICA AZIONE CHE NAPOLITANO PUO' FARE (se esistesse un Governo anche poco sicuro) avanzerebbe le sue dimissioni in modo che le elezioni - dopo - possano al limite avvenire con una scadenza elettorale in avanzata primavera. PERO' SE IL PDL SI DIMETTE ORA - GLI INTENTI DI QUESTI SIGNORI SONO LIMPIDI E NEGATIVI VERSO IL PDL - IL GUARDIANO DELLA COSTITUZIONE NON PUO' FARE DIVERSAMENTE. SE STARA' MALE DI SALUTE, LO SOSTITUIRA' GRASSO - PERO' LE ELEZIONI DEVONO PROCEDERE SENZA NOMINA DI NUOVO PRESIDENTE. ALTRIMENTI VOI REGALATE UN VAMTAGGIO ALL'AVVERSARIO POLITICO CHE NOMINERA' UN PRESIDENTE "di loro piacimento ed esattamente un loro Ex Compagno o Compagna".

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 04/09/2013 - 18:14

..questi articoli NON si possono commentare,..!!!..un giorno dite "Se il Cav decade, Letta va a casa" il giorno dopo dite che va avanti,...insomma decidetevi .....

hotmilk73

Mer, 04/09/2013 - 18:26

ma,l esercito di silvio,dov è??...ahahahahahh...poracci

hotmilk73

Mer, 04/09/2013 - 18:41

condoglianze al fu PDL...AHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

LAMBRO

Mer, 04/09/2013 - 19:37

NON SI TRATTA DI ULTIMATUM è LEGALITA' , TANTO INVOCATA dalla SINISTRA!!! E' ORAMAI ACCLARATO che LA LEGGE SEVERINO è INAPPLICABILE e INCOSTITUZIONALE !!! ALLORA chi è il RICATTATORE? FRANCESCHINI -BERSANI e C o il PDL che RECLAMA il DIRITTO di DIFESA? DIMENTICAVO : SIAMO alle SOLITE LORO POSSONO NON SAPERE gli ALTRI NO!! MA per QUALE RAGIONE ?? PER IGNORANZA??SAREBBE GRAVISSIMO e PERICOLOSO!!!

LAMBRO

Mer, 04/09/2013 - 19:41

TUTTI I GIORNI e PIU' VOLTE AL GIORNO QUESTI MINACCIANO, INTIMIDISCONO, PROVOCANO....!! POI SONO GLI ALTRI CHE RICATTANO!! MA CI PRENDETE TUTTI PER FESSI?? SE BERSANI CI HA BLOCCATO PER 60GG POSSIAMO SOPPORTARNE ALTRI 60 DI CAMPAGNA ELETTORALE!!!! ADESSO BASTA COLTELLATE ALLE SPALLE!!! SE NAPOLITANO VUOLE LA PACIFICAZIONE SA COSA FARE !!!!

Gaetano Immè

Mer, 04/09/2013 - 19:45

L'ottusità della sinistra che ignobilmente si batte affinché due diritti costituzionali, previsti dagli articoli 24 e 26 della Costituzione, non si applichino a favore di un certo cittadino italiano. Noi invece difendiamo la Costituzione e vogliamo che tutti i cittadini italiani, anche Berlusconi, abbiano quei diritti inalienabili. Ma quale ricatto, noi difendiamo tutti i cittadini per ché siano tutti uguali davanti alla legge. La nostra è una battaglia di progresso sociale e politico, la loro una squallida protezione di alcuni inguardabili privilegi. Non vedo motivo quindi per continuare l'alleanza politica con chi conduce una battaglia classista, razzista, anticostituzionale, illiberale ed antidemocratica. Perciò per il bene superiore del Paese diamo loro la vergogna che si meritano, via da questo Governo. Disse Tortora: io sono innocente. Spero che lo siate anche voi. A buon intenditor poche parole. E che la parola sia data al popolo sovrano. Gaetano Immè

pinux3

Mer, 04/09/2013 - 20:12

@Ignazio Picardi...Se Grasso "subentra" a Napolitano non avrebbe certamente il potere di sciogliere le Camere. Solo un PdR ELETTO può farlo. Vedi di studiare la Costituzione...

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 04/09/2013 - 20:43

Non basta "essere pronti", bisogna attuarlo questo "strappo" da troppissimo tempo rimandato! Ed eccoci qua, tutti noi, a cadere ancora nel solito tranello rosso con cui ci abbindolano e ci incapacitano da decenni. Nella nostra foga di difendere l'unico vero baluardo allo strapotere violento, distruttivo e dittatoriale delle sinistre (che dal '94 si è personalmente esposto e -unico- è, fortunatamente, attualmente ancora disponibile per combatterle), non ci rendiamo conto che per l'ennesima volta la "gioiosa macchina da guerra" di turno costringe il Popolo a dibattere e concentrarsi su singoli fatti, atteggiamenti, "individui" e singole parole, "anomalie", interpretazioni.... in modo da scongiurare il rischio enorme (per loro) di milioni di Italiani concentrati con gli occhi bene aperti su una "valutazione d'insieme" del macello da loro pianificato e attuato a nostre spese e alle nostre spalle. Ci trasformano di volta in volta in un esercito di avvocati, giudici, commercialisti, costituzionalisti, consulenti del lavoro, medici, poliziotti, ecc... e noi ci sforziamo di sostenere (inventandoci simil-competenti e quasi-specialisti) tesi contorte almeno quanto i loro piani per schiavizzarci, irregimentarci, inquadrarci e sfruttarci. Allontaniamoci dal microscopio e dalla lente d'ingrandimento a cui ci vogliono inchiodati; proviamo finalmente a guardare la nostra Italia da un po' più lontano, da una posizione che ci permetta di avere una visione d'insieme, di renderci conto che i sassolini che ci portano davanti al naso sono solo il margine dell'immane frana che ci sta seppellendo. Per capire che i fili di fumo e la puzza di bruciato che sentiamo, provengono da un gigantesco incendio che sta bruciando tutta la nostra Nazione, le nostre vite, il nostro lavoro, i nostri risparmi, il nostro futuro. Siamo assolutamente autorizzati (noi che paghiamo direttamente con la nostra pelle) a condannare l'intero meccanismo rosso, che ci ha rovinato e pretende di continuare a farlo, senza bisogno di portare professionali motivazioni "a norma di legge" o in ossequio alla Costituzione o ai regolamenti parlamentari. Non c'è bisogno di leggere le ennesime "motivazioni" o di venire a conoscenza dell'avversione (pubblicamente e ripetutamente espressa con parole e fatti) della maggior parte dei magistrati verso qualsiasi ostacolo all'infernale meccanismo rosso (Berlusconi in primis, ma non solo lui). Dovrebbe essere (ed E'!) evidente a tutti dove ci hanno portato decenni di infiltrazioni rosse in ogni anfratto del nostro tessuto sociale; non dobbiamo fare "deduzioni astruse", "ipotesi da equilibristi", "conclusioni conformi", per poter dichiarare che la politica in generale (ma quella rossa in particolare e principalmente) ha sperperato un'indegna montagna di denaro nostro, che il fisco ci spreme fino alla morte per dissanguamento-asfissia, che ogni attività-impresa-impiego-lavoro vengono impastoiati-paralizzati-disincentivati da un mortale intreccio tra sindacati, burocrazia, sistema finanziario-bancario e cieche politiche bolsceviche. Che veniamo invasi da immigrazioni bibliche di "preziose risorse" che ci cancelleranno ma che purtroppo sono l' "assicurazione-voto" per consentire agli equi-solidali-democratici-indecenti rossi di rimanere aggrappati al potere che fino ad oggi gli ha permesso di mantenere un immenso apparato improduttivo a spese di chi davvero lavora (pubblica amministrazione in primis, anche se ci sono ovviamente delle eccezioni...). Che ogni ordine e istituzione è al suo interno rigidamente controllata e diretta da veri e propri "apparat" pazientemente e proditoriamente costruiti allo scopo di servire l'ideale comunista all'italiana (pugno chiuso e rossissimi... purché si lavori poco e si mangi tanto a spese degli altri), che tale rimane (incurante di chi ci sia al Governo) anche se gli hanno elusivamente cambiato nome e "apparenze" mille volte. Smettiamola di fare i "saccenti", facciamo i padri di famiglia, facciamo le persone oneste davvero, facciamo i patrioti veri, facciamo... che dobbiamo staccargli la spina una volta per tutte e liberarci (naturalmente "in modo democratico", per l'amor di Dio...) degli Esposito, delle Boccassini, dei Napolitano, Epifani, Bersani, Fassina, Vendola, Boldrini, Kyenge, D'Alema, giù fino ai Renzi, alle Serracchiani alle Camusso, ai Landini e alle aberrazioni tipo Monti, Di Pietro e Grillo-Casaleggio. O lo capiamo e lo facciamo adesso o sarà troppo tardi... E' GIA' TROPPO-TROPPO TARDI!

m.nanni

Mer, 04/09/2013 - 20:59

Anche stasera Epifani ha sentenziato che non c'è niente da fare per Berlusconi per cui dovrà decadere da senatore, ed ha ricordato che la legge è uguale per tutti. Però caro comunista, ricordati che la legge non è uguale per tutti perchè non mi risulta che tutti i casi pendenti in Italia davanti alle sezioni della cassazione o di qualsiasi tribunale, abbiano visto sfilare l'iter dei processi e gli stessi magistrati alla velocità della luce, come per condannare Berlusconi. Poi tu che czz c'entri con la decisione che dovrà assumere la giunta senatoriale? Non ti crederai davvero Stalin che decideva per tutti?

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 04/09/2013 - 21:53

Non basta "essere pronti", bisogna attuarlo questo "strappo" da troppissimo tempo rimandato! Ed eccoci qua, tutti noi, a cadere ancora nel solito tranello rosso con cui ci abbindolano e ci incapacitano da decenni. Nella nostra foga di difendere l'unico vero baluardo allo strapotere violento, distruttivo e dittatoriale delle sinistre (che dal '94 si è personalmente esposto e -unico- è, fortunatamente, attualmente ancora disponibile per combatterle), non ci rendiamo conto che per l'ennesima volta la "gioiosa macchina da guerra" di turno costringe il Popolo a dibattere e concentrarsi su singoli fatti, atteggiamenti, "individui" e singole parole, "anomalie", interpretazioni.... in modo da scongiurare il rischio enorme (per loro) di milioni di Italiani concentrati con gli occhi bene aperti su una "valutazione d'insieme" del macello da loro pianificato e attuato a nostre spese e alle nostre spalle. Ci trasformano di volta in volta in un esercito di avvocati, giudici, commercialisti, costituzionalisti, consulenti del lavoro, medici, poliziotti, ecc... e noi ci sforziamo di sostenere (inventandoci simil-competenti e quasi-specialisti) tesi contorte almeno quanto i loro piani per schiavizzarci, irregimentarci, inquadrarci e sfruttarci. Allontaniamoci dal microscopio e dalla lente d'ingrandimento a cui ci vogliono inchiodati; proviamo finalmente a guardare la nostra Italia da un po' più lontano, da una posizione che ci permetta di avere una visione d'insieme, di renderci conto che i sassolini che ci portano davanti al naso sono solo il margine dell'immane frana che ci sta seppellendo. Per capire che i fili di fumo e la puzza di bruciato che sentiamo, provengono da un gigantesco incendio che sta bruciando tutta la nostra Nazione, le nostre vite, il nostro lavoro, i nostri risparmi, il nostro futuro. Siamo assolutamente autorizzati (noi che paghiamo direttamente con la nostra pelle) a condannare l'intero meccanismo rosso, che ci ha rovinato e pretende di continuare a farlo, senza bisogno di portare professionali motivazioni "a norma di legge" o in ossequio alla Costituzione o ai regolamenti parlamentari. Non c'è bisogno di leggere le ennesime "motivazioni" o di venire a conoscenza dell'avversione (pubblicamente e ripetutamente espressa con parole e fatti) della maggior parte dei magistrati verso qualsiasi ostacolo all'infernale meccanismo rosso (Berlusconi in primis, ma non solo lui). Dovrebbe essere (ed E'!) evidente a tutti dove ci hanno portato decenni di infiltrazioni rosse in ogni anfratto del nostro tessuto sociale; non dobbiamo fare "deduzioni astruse", "ipotesi da equilibristi", "conclusioni conformi", per poter dichiarare che la politica in generale (ma quella rossa in particolare e principalmente) ha sperperato un'indegna montagna di denaro nostro, che il fisco ci spreme fino alla morte per dissanguamento-asfissia, che ogni attività-impresa-impiego-lavoro vengono impastoiati-paralizzati-disincentivati da un mortale intreccio tra sindacati, burocrazia, sistema finanziario-bancario e cieche politiche bolsceviche. Che veniamo invasi da immigrazioni bibliche di "preziose risorse" che ci cancelleranno ma che purtroppo sono l' "assicurazione-voto" per consentire agli equi-solidali-democratici-indecenti rossi di rimanere aggrappati al potere che fino ad oggi gli ha permesso di mantenere un immenso apparato improduttivo a spese di chi davvero lavora (pubblica amministrazione in primis, anche se ci sono ovviamente delle eccezioni...). Che ogni ordine e istituzione è al suo interno rigidamente controllata e diretta da veri e propri "apparat" pazientemente e proditoriamente costruiti allo scopo di servire l'ideale comunista all'italiana (pugno chiuso e rossissimi... purché si lavori poco e si mangi tanto a spese degli altri), che tale rimane (incurante di chi ci sia al Governo) anche se gli hanno elusivamente cambiato nome e "apparenze" mille volte. Smettiamola di fare i "saccenti", facciamo i padri di famiglia, facciamo le persone oneste davvero, facciamo i patrioti veri, facciamo... che dobbiamo staccargli la spina una volta per tutte e liberarci (naturalmente "in modo democratico", per l'amor di Dio...) degli Esposito, delle Boccassini, dei Napolitano, Epifani, Bersani, Fassina, Vendola, Boldrini, Kyenge, D'Alema, giù fino ai Renzi, alle Serracchiani alle Camusso, ai Landini e alle aberrazioni tipo Monti, Di Pietro e Grillo-Casaleggio. O lo capiamo e lo facciamo adesso o sarà troppo tardi... E' GIA' TROPPO-TROPPO TARDI!

Ivano66

Gio, 05/09/2013 - 02:51

Markos: piccola lezone di italiano: pregiudicato è chi ha subito una condanna in via definitiva. Berlusconi l'ha subita? Bene, è un pregiudicato.