Di Pietro apre la cassa: pago di più, voglio più seggi

Tonino è il primo finanziatore e piazza il suo "cerchio magico". Fuori la Mura

Il leader Idv Antonio Di Pietro

Roma - Pago, pretendo. La massa che affolla il simbolo «Rivoluzione civile» di Antonio Ingroia più che il Quarto stato di Pellizza da Volpedo è l'esercito di politici che preme per un posto utile nelle liste del pm. Nella lotta tra i capi dei partitini che compongono l'associazione dietro la lista, ovvero l'Idv, i Verdi, i Comunisti italiani, Rifondazione comunista, Federazione della sinistra, il Movimento arancione di Luigi De Magistris e la Rete 2018 di Orlando, chi ha la golden share è Antonio Di Pietro. «Golden» in senso letterale, perché parliamo di soldi. L'Idv di Di Pietro, che ha in cassa la bellezza di 31 milioni di euro e rispetto agli altri partitini della lista - e non solo a loro - è un milionario, sta coprendo buona parte (si dice la metà) delle spese elettorali per la lista Ingroia, e questo sacrificio economico è compensato da una posizione di forza al tavolo delle trattative sui posti in lista. Se tutti i leader si stanno piazzando in ottime posizioni, come il capo del Pdci Oliviero Diliberto capolista al Senato nella rossa Emilia-Romagna, il rifondatore comunista Paolo Ferrero al numero tre nel Piemonte dei No Tav e il verde Angelo Bonelli terzo in lista nella Puglia dell'Ilva, Di Pietro non si è soltanto assicurato per sé il terzo posto blindato in Lombardia (scavalcando e facendo infuriare il movimentista anti-G8 Vittorio Agnoletto), ma sta piazzando tutto il suo «cerchio magico» dentro le liste, forte dello status di finanziatore di Ingroia. Con conseguenti tensioni e scontri con chi invece voleva la rivoluzione della società civile a partire dai nomi dei candidati, che non dovevano essere i parlamentari Idv in cerca di rielezione. Così, la rivoluzione civile è già diventata una mezza guerra civile all'interno della lista, con uno scontro, all'ultima riunione, tra Di Pietro e lo stesso De Magistris, contrario al riciclo di deputati, senatori e consiglieri dell'Idv, al punto - racconta chi c'era - da minacciare di mollare tutto, come ha già fatto Salvatore Borsellino («Che delusione Ingroia»), seguito dagli esponenti del Popolo viola e dai movimentisti di «Cambiare si può», usciti dal progetto. Molti di questi sono targati Di Pietro, fedelissimi dell'Ufficio di presidenza, con l'esclusione finora solo della deputata e tesoriera Silvana Mura, perché indagata (ma lei combatte con le unghie per il suo posto: «Sono stata già interrogata, chiedo di essere candidata»). Assicurati in ottime posizioni ci sarebbero invece diversi onorevoli e dirigenti nazionali Idv, dal responsabile organizzativo onorevole Ivan Rota (parente di Di Pietro), al coordinatore e deputato Carlo Costantini, dall'onorevole Maurizio Zipponi anche lui membro dell'Ufficio di presidenza, all'onorevole Antonio Palagiano (medico della famiglia Di Pietro), dai deputati Antonio Borghesi, Pierfelice Zazzera, ai senatori fedelissimi come Luigi Li Gotti (capolista al Senato in Sicilia) e Fabio Giambrone, fino al senatore Aniello Di Nardo, ex democristiano poi Ccd, poi Udc, poi Udeur, poi Idv ora Lista Ingroia. L'arrivo di Di Nardo, capolista in Basilicata, ha avuto un contraccolpo pesante: si è infatti tirato indietro Gildo Claps, fratello di Elisa Claps, chiamato dallo stesso Ingroia («Lo ringrazio, ma in lista volevo nomi nuovi»). Anche gli altri segretari avrebbero chiesto posti certi per i loro fedelissimi (tre a Rifondazione, tre ai Comunisti Italiani, due ai Verdi), meno dell'Idv. È giusto: pago meno, pretendo meno.

Commenti

conversano

Sab, 19/01/2013 - 09:14

TOTO' qui siamo oltre la mentalita' mafiosa.

Mareia2012

Sab, 19/01/2013 - 09:42

Ma dei 31milioni che ha in cassa Di Pietro potrebbe mica evolverne qualcuno ai terremotati dell'Aquila ?In fondo sono anche soldi loro

Mareia2012

Sab, 19/01/2013 - 09:42

Ma dei 31milioni che ha in cassa Di Pietro potrebbe mica evolverne qualcuno ai terremotati dell'Aquila ?In fondo sono anche soldi loro

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 19/01/2013 - 10:11

poveraccio............che pena.

vittoriomazzucato

Sab, 19/01/2013 - 10:14

Sono Luca. Ingroia come Di Pietro. Messi alle stratte si esprimono con occhi da "matto". Ieri sera dalla Annunziata Ingoria attaccato da Sallusti alla fine viene inquadrata e i suoi occhi sono da "pazzo". Brutta gente. GRAZIE.

Ritratto di Donino

Donino

Sab, 19/01/2013 - 10:27

zi,zi, bago duddo io, basta ghe bingo però

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 19/01/2013 - 10:33

Ma non era lui quello che si scandalizzava accusando Berlusconi di comprare seggi ???

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Sab, 19/01/2013 - 10:51

Mi sa che anche questo personaggio oltre che a pagare i suoi comportamenti ds PM , Politici , comportamentali e immediati arricchimenti, farà la stessa fine di "fini".-

Ritratto di Bartuldin

Bartuldin

Sab, 19/01/2013 - 10:57

Toh! Chi si rivede !! Pensavo fosse sparito

angelomaria

Sab, 19/01/2013 - 11:06

l'unico he non ha capito che e' finito come politico che eventualmente il suo prossimo incarico sara'quello di occupare unmt.6cubo con sbarre allefinedtre

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 19/01/2013 - 11:09

Magistrati di....nutella!

franky6464

Sab, 19/01/2013 - 11:09

e con quali soldi? ah già dimenticavo che tempo fà ha intrapreso la carriera politica con tanti bei milioni, gentilmente concessi dai contribuenti, dei quali, lui e sua moglie, tenevano ben salda la contabilità e sempre a disposizione. Domanda a tutti i lettori: chi mi sa dire a quanto ammonta il patrimonio attuale, totalizzato negli ultimi anni di vita politica fatta di "stenti e sacrifici"??? sono commosso...pover'uomo!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Sab, 19/01/2013 - 11:43

MA I COMUNISTI CHE SPUTANO QUI IL LORO VELENO NON DICEVANO SEMPRE CHE I COMUNISTI IN ITALIA NON SONO MAI ESISTITI?, COME É CHE NELLA LISTA DI INGROIA SPUNTANO TANTI PARTITI COMUNISTI???!.

beep

Sab, 19/01/2013 - 11:57

Ma i soldi che sono in cassa di chi sono ?

eloi

Sab, 19/01/2013 - 12:21

Solo Grillo "almeno per ora" ci dice aboliremo il finanziamento pubblico ai partiti. Assalto alla diligenza!!!!!!!!!!! Vogliamo immaginare se il Presidente della Repubblica non riuscisse a mettere insieme il gruppo per formare il nuovo Governo, e, dovesse indire nuove elezioni; altri rimborsi di spese elettorali. Lasca o raddoppia.

eglanthyne

Sab, 19/01/2013 - 12:41

Fuori la segretaria-tuttofare-tesoriere?Andò, non ci credo!

unosolo

Sab, 19/01/2013 - 13:11

escono dalla magistratura e diventano ricchi , ecco un motivo valido per fare un solo partito dei ex , durerebbe meno di un mese giusto il tempo di prendere i rimborsi poi si scannerebbero , allora il collante dei partiti sono i soldi ? che altro.

guidode.zolt

Sab, 19/01/2013 - 13:42

Così si fa, perbacco...! si comprano i seggi....!

Ritratto di illuso

illuso

Sab, 19/01/2013 - 13:42

Bella foto, compliment...Non capisco se la sua espressione sia da scemo del villaggio o da furbetto del quartiere.

guidode.zolt

Sab, 19/01/2013 - 13:48

Il Quarto stato di Pelizza da Norcia con Brancaleone da Bisaccia, semicondottiero ...!

Ritratto di I£ suddito italiota...

I£ suddito ital...

Sab, 19/01/2013 - 13:54

eccheciazzecca, basta ghe bingo

a.zoin

Sab, 19/01/2013 - 14:38

Cosa vuol dire , PAGO e PRETENDO ??? Pagare con il danaro non suo è da tutti, un MAGISTRATO dovrebbe sapere a cosa va incontro. Ma, da buoni ( Catto-Comunisti-Fascisti ) la Magistratura, chiude un occhio,(anche tutt`e due),Non hanno a che fare con il Cavaliere. QUESTA È L`ITALIA, I DIRIGENTI,CHE UNA VOLTA VOTATI, SE NE FREGANO DEL POPOLO.

Ritratto di gianni1950

gianni1950

Sab, 19/01/2013 - 14:40

la bella ammucchiata comincia a litigare ancor prima del voto. Cosa ne pensano gli italiani? di sprecare il tempo per andare a votare quella marmagli. Penso di no perderanno anche i voti dei comunisti selvaggi con la falce e il martello in testa a loro.

Ritratto di by Ciumbia

by Ciumbia

Sab, 19/01/2013 - 14:57

Anche Di Pietro crolla con i vecchi "Leader" della vecchia politica.

jaaaar

Sab, 19/01/2013 - 15:04

Il politico Borghesi Antonio ha aiutato le femministe di IDV a cercare di negare che l'alienazione genitoriale (PAS) è abuso sull'infanzia. Per il bene dei bambini, questi soggetti non devono riuscire a riciclarsi

eureka

Sab, 19/01/2013 - 15:10

Quel denaro fa parte dell'eredità Borletti? Se riuscirà ad avere una poltrona sicuramente si rifarà una volta per tutte, questa è l'impressione che da ai media. E' meglio che vada a ripetizione di Italiano, un politico carente nella sua lingua non fa bella figura.

fedele50

Sab, 19/01/2013 - 15:20

LUI apre la cassa , mamimfacci il piacere puffone , se non hai mai lavorato , aripuffone , rendi il maltolto alla nazione e sarebbe poco, dovresti vergognarti e sparire x sempre puffone.

killkoms

Sab, 19/01/2013 - 15:23

la foto"grintosa"del tipo mi fà venire in mente una battuta dell'indimenticabile stan laurel( stanlio),"ma esci con quella faccia anche la domenica"?

Romolo48

Sab, 19/01/2013 - 15:47

M a non era questo signore a denunciare il "Mercato delle vacche"?

killkoms

Sab, 19/01/2013 - 19:02

@romolo48,sì!ma quando NON lo faceva lui!