Per riscrivere il passato l'Ingegnere vuole Tronchetti in galera

De Benedetti non ha più ruoli operativi nel gruppo di famiglia e passa il tempo a polemizzare con avversari o ex amici

Anche mia nonna invecchiando si fece un po' più dura. Ma mai quanto Carlo De Benedetti. La sua è una parabola micidiale. Sembra quel cartone animato, Cattivissimo me. Nella fiction il cattivone è un buono, ha solo l'aria dello spregiudicato delinquente. Deb, l'Ing, Cdb, insomma il Nostro, invece sta diventando proprio cattivello. Proviamo a citare i suoi ultimi bersagli. «A Marchionne darei un voto 4 in sincerità, a Romiti zero, a Elkann il voto dei nipoti. Colaninno? Un poveraccio. Agnelli? Un pessimo imprenditore. Il Vaticano una fogna. Tronchetti? Un incapace». E poi ancora sulla gestione Telecom da parte di Mtp: «La comunicazione è fatta bene, la rapina ancora meglio». Ma guai a replicare.
Ci ha provato, incautamente, Tronchetti e si è beccato una querela e un'inchiesta da parte della Procura di Milano per diffamazione a mezzo stampa, con annessa aggravante della continuità del reato. Insomma Mtp rischia il carcere perchè Carletto non tollera la seguente frase: «Se anche io raccontassi - si legge nell'avviso di conclusioni indagini, in riferimento ad una dichiarazione rilasciata all'Ansa da Tronchetti - la storia delle persone attraverso i luoghi comuni e gli slogan, potrei dire che l'ingegner De Benedetti è stato molto discusso per certi bilanci Olivetti, per lo scandalo legato alla vicenda di apparecchiature alle Poste italiane, che fu allontanato dalla Fiat, coinvolto nella bancarotta del Banco Ambrosiano, che finì dentro per le vicende di Tangentopoli...».
Abbiamo cercato di ricostruire punto per punto i casi citati da Tronchetti per capire dove ci fosse la diffamazione o il sanguinario insulto da dover lavare con una pena massima, comprese le aggravanti, di sette anni.

LO SCANDALO LEGATO ALLA VICENDA DI APPARECCHIATURE ALLE POSTE.

Se c'è una cosa sicura come il sole sono le tangenti pagate dalla Olivetti, guidata da De Benedetti, per fornire apparecchiature alle Poste. Non è un luogo comune, è una certezza. E a confessarlo, assumendosene la responsabilità, è lo stesso De Benedetti. In questo senso Tronchetti è fin troppo generoso. Una domenica mattina, in piena bufera Tangentopoli, Deb si presenta in una caserma dei carabinieri (è il 16 maggio del 1993) e ammette davanti a Di Pietro di aver pagato stecche per una ventina di miliardi di lire, di cui solo 10 per forniture alle Poste. Presenta un memoriale in cui racconta la rava e la fava. Repubblica, di sua proprietà, in un famoso titolo detta la linea della casa: «Era un clima da racket, o pagavi o non lavoravi». De Benedetti pagò. Eccome. Solo dopo un paio di giorni rilascia un'intervista al Wall Street Journal, sperando, forse, che De Pietro non avesse il tempo di leggerla, o non capisse l'inglese. La reporter, Lisa Bannon, nota: «De Benedetti non chiede scusa per le tangenti pagate e dice che lo rifarebbe, perchè queste erano le regole del gioco negli anni 80». Cdb, tra le virgolette, dichiara: «Lo rifarei con lo stesso disgusto con cui l'ho fatto negli anni passati». Insomma è il contesto che gli fa fare quelle cose brutte. Ohibò. Chissà se oggi, per fare un esempio, l'Expo può ispirare medesime giustificazioni. Il filo tra concussione e corruzione è sempre sottile. Come quello che c'è tra dichiarazione spontanee e paracule. Cdb all'epoca disse di essersi liberato da un macigno nel fornire il suo dossier a Di Pietro. Eppure nel medesimo documento scrive, riguardo alle tangenti alle Poste: «Ho visto che è circolato il nome Olivetti». Inoltre avevano già pizzicato tal Lo Moro, il grande collettore delle mazzette Olivetti. Insomma il cerchio si stava chiudendo. La dichiarazione è spontanea, ma giusto un attimo prima...

Quanto è valso all'Olivetti di De Benedetti sottoporsi a questo racket? In cinque anni circa 600 miliardi di lire. Nel 1987 Ivrea fatturava 2 miliardi con le Poste, l'anno dopo 205 miliardi. Già nel 1983 Olivetti aveva predisposto una bella voce di bilancio per l'abbisogna. La dicitura era: spese non documentate. Insomma si erano preparati contabilmente a subire quei mascalzoni dei politici. Indro Montanelli su questo giornale scrisse: «Forse i piccoli e indifesi devono subire, ma per i grandi che avrebbero avuto tutti i mezzi - compresi i più autorevoli organi di stampa - per resistervi, la corsa al Principe era non solo voluttuaria, ma anche voluttuosa». Tronchetti non si preoccupi, la memoria sulle tangenti viene e va all'Ing. Due settimane prima della consegna del memoriale a Di Pietro, lo stesso Ingegnere davanti all'assemblea degli azionisti e in conferenza stampa giurava: «Non ho mai pagato tangenti». Dopo due settimane mise nero su bianco il contrario. In seguito Cdb provò a difendersi: queste cose «si dicono prima ai magistrati e poi alla stampa». Ahi ahi ahi, non ci siamo anche con questa. Circa dieci anni prima, il 16 giugno del 1985, lo stesso Ingegnere, meno rispettoso evidentemente delle prerogative della magistratura, urlò al mondo intero: «Per l'affare Sme mi hanno chiesto tangenti». Dopo qualche settimana fu ovviamente convocato dal magistrato Pasquale Lapadura all'oscuro di tutto, che dopo poco archiviò. Come la mettiamo con la storiella delle tangenti che prima si raccontano ai magistrati e poi alla stampa? Qualcuno può forse contestare che «la vicenda di apparecchiature alle Poste» non sia stata scandalosa? E soprattutto qualcuno ha il coraggio di slegarla da Carlo De Benedetti, dopo che proprio lui ammise tutto con un memoriale e un'intervista cazzuta al Wall Strett Journal?

L'INGEGNERE FINÌ DENTRO PER LE VICENDE DI TANGENTOPOLI

Anche questa affermazione è vera. Della tangentopoli postale abbiamo abbondantemente parlato. Sergio Luciano, in un'intervista per la Stampa, il 18 maggio del 1993 chiese al Nostro: «Oltre che fornire prodotti alle Poste, l'Olivetti ha avuto molti altri rapporti con la pubblica amministrazione. Ha dovuto pagare anche per questo? Risposta di Cdb: «Non posso rispondere, c'è il segreto istruttorio». Bene così. Poche settimane prima uno dei manager di punta delle sue aziende (la Sasib) aveva ammesso di aver pagato due miliardi estero su estero a Dc e Psi, relativamente ad alcuni appalti per la metro milanese. Si parlò di stecche per i pc dei magistrati e del sistema informatico dell'Inps. Ma il punto fondamentale è: l'Ingegnere finì o non finì in galera? Per una giornata, per una benedetta giornata, la risposta è sì. A Roma, a Regina Coeli. Dal memoriale, cosiddetto spontaneo, sono passati solo sei mesi. Il 31 ottobre del 1993 due magistrati romani, Maria Cordova e il gip Augusta Iannini, spiccano un mandato di cattura. A Milano l'Ing è indagato; a Roma temono che possa inquinare le prove o reiterare il reato. La Repubblica ci dice che entra in carcere con doppiopetto grigio e camicia celeste e che, dopo le formalità del caso e l'ufficio matricola, gli verrà consentito di mantenere la fede al dito. Il cronista, con enorme sprezzo del pericolo, nota come lo psicologo di Regina Coeli «sia rimasto colpito dalla chiacchierata con De Benedetti e che alla fine i due si sono salutati come vecchi amici». Più dura la Iannini che spiega i motivi del provvedimento per la «pericolosità sociale» e il rischio di reiterazione del reato. Il pm lamenta che ci sono fatti nuovi: macchinari scadenti accatastati al ministero. Gli arresti si tramutano dopo poco in domiciliari. Il processo finirà con assoluzioni e prescrizioni. Ma una cosa è certa: l'Ing tecnicamente dentro c'è finito. E lo diciamo senza alcun compiacimento. La Iannini recentemente alla nostra Anna Maria Greco ha detto: «L'ordinanza di custodia cautelare emessa su richiesta della Procura nel confronti dell'Ingenger De Benedetti è abbondantemente motivata, mettendo in luce una serie di elementi esistenti a carico dell'indagato» che nell'interrogatorio di garanzia aveva ammesso di aver pagato «alcuni miliardi per corrompere al ministero delle Poste chi aveva garantito all'Olivetti l'acquisto di telescriventi obsolete». Comprendiamo sia duro ricordare l'episodio alla ex tessera numero uno del Pd, come all'epoca fu duro per Eugenio Scalfari ammettere che De Benedetti non fosse quel «cavaliere solitario non intaccato da nessuna macchia e nessun compromesso» che il direttorone sperava.

DE BENEDETTI È STATO DISCUSSO PER MOLTI BILANCI OLIVETTI

La parola discusso è il minimo che si possa dire. L'ingegnere De Benedetti è stato indagato per false comunicazioni sociali, falso in bilancio e insider trading. E se non fosse stato per le cosiddette (proprio dal gruppo De Benedetti) leggi ad personam fatte da Silvio Berlusconi, oggi probabilmente avrebbe la fedina penale meno linda. Un po' di discussione la concediamo dunque? Sarebbe erroneo dire che l'Olivetti sia tecnicamente fallita. Ma che i suoi bilanci siano stati un colabrodo questo è provato. Nell'estate del '96 succede il patatrac. Negli ultimi tre anni Ivrea aveva perso ai livelli di un ubriaco al tavolo della roulette: 3mila miliardi di lire. Nel settembre del 1995, l'ubriaco aveva chiesto ai soci risorse fresche per 2.250 miliardi. A luglio del 1996 l'Ingegnere si dimette da amministratore delegato per lasciare il posto a Francesco Caio che si porta con sè come capo della finanza Renzo Francesconi. Dopo poche settimane di lavoro i due capiscono che le cose sono peggio del previsto, l'azienda è in coma etilico, e vogliono nuovi quattrini e un piano di salvataggio da parte di Mediobanca. Caio mette nero su bianco le sue considerazioni pessime sui conti. Il titolo crolla. La semestrale post aumento di capitale brucia 440 miliardi. L'uomo dei numeri sbatte la porta e dice: «Sul piano strategico si possono fare mediazioni, sui numeri e la cassa, no». La Procura di Ivrea e la Consob iniziano ad indagare. Che sta succedendo nei bilanci di Olivetti? Passa qualche settimana e i giudici di Torino aprono un fascicolo per insider trading. L'Ing. avrebbe venduto allo scoperto titoli Olivetti prima della semestrale, per poi ricomprarli a valori più bassi dopo la stessa. Giulio Anselmi sulla prima del Corriere della Sera il 18 settembre di quell'anno scrive: «Tutti ricordano nel caso Olivetti quattro bilanci consecutivi accompagnati da promesse di pareggio. C'è da stupirsi se diffidando della trasparenza contabile delle aziende italiane si dà credito ai giudici». E ancora «il dato più grave e sconcertante è il fatto che l'ipotesi di enormi perdite occulte nei conti del gruppo di Ivrea non sia apparsa immediatamente inverosimile, ma sia stata considerata da tutti, analisti finanziari, banchieri, gestori di patrimoni tristemente possibile fino a prova contraria». La storia finisce con un patteggiamento per l'insider trading che gli costerà 50 milioni. Anche la partita del falso in bilancio si conclude con un patteggiamento. Ma la sentenza nel 2003 viene revocata. Sapete perchè? Grazie alla revisione del reato di falso in bilancio introdotta nel 2002 da Berlusconi. E non diteci che sui bilanci di Deb e sui falsi non ci sia stata alcuna discussione. Tronchetti, se proprio vogliamo, si è dimenticato il caso di insider. Su cui la discussione si è chiusa con un patteggiamento.

DE BENEDETTI COINVOLTO NELLA BANCAROTTA DEL BANCO AMBROSIANO

Vi diciamo subito che questa vicenda è davvero intricata. E a beneficio degli avvocati dell'Ingegnere che, come si è capito, sono dal grilletto facile, bisogna dire che il Nostro alla fine ne è uscito pulito. Chiaro? Pulito. Assolto dalla Cassazione. Ma il punto resta. Tutto si può dire tranne che l'Ing. non sia stato coinvolto nella bancarotta del Banco Ambrosiano. Se non si può dire neanche questo, bisognerebbe fare una legge speciale per la quale appena si nomina l'Ing. si inizi a cospargere di petali il suolo e si declami: bello, bravo e buono. Vi risparmiamo i dettagli. Ma la cosa è semplice. De Benedetti fa un passaggio veloce nel Banco Ambrosiano di Roberto Calvi. Ci rimane, come vicepresidente e azionista, per una sessantina di giorni. Lui sostiene di esserne uscito senza una lira di plusvalenza. L'universo mondo pensa che abbia realizzato un guadagno di 30 miliardi. Peppino Turani dalla Repubblica sintetizzò: «Calvi si è dichiarato pronto a riacquistare le sue azioni (51,5 miliardi più gli interessi) e a comprare le azioni Brioschi, di futura emissione, per 32 miliardi. De Benedetti non ha potuto rifiutare l'affare». I magistrati di Milano prima ipotizzano l'estorsione: Deb sapeva dei conti in profondo rosso del Banco e per il suo silenzio e uscita di scena, si è fatto profumatamente liquidare. La tesi viene respinta dal Tribunale. Ma si insinua un nuovo reato: la bancarotta fraudolenta. L'Ing. si fa liquidare sapendo del prossimo fallimento della banca. Viene condannato in primo grado a sei anni, in secondo ridotti a quattro. La Cassazione casserà per una illogicità procedurale. Ma è netta, poichè neanche rinvia ad un possibile riesame. De Benedetti ne esce pulito. Per scappare dal Banco ci mette 65 giorni, per liberarsi da questo gorgo giudiziario nove anni. Vi risparmiamo le dure critiche ai giudici che lo hanno condannato, alle insinuazioni e alle ispezioni che sono state fatte ai magistrati dell'accusa. Tutto troppo simile al caso Berlusconi, con la drammatica differenza del diverso esito in Cassazione. E allora si può dire che l'Ingegnere sia stato coinvolto nella bancarotta dell'Ambrosiano? Decidete voì. Con una postilla d'obbligo (prima di sparare, avvocati dell'Ing., leggete): e cioè De Benedetti è stato alla fine assolto. Buon per lui.

DE BENEDETTI FU ALLONTANATO DA FIAT

Un signore che conosce bene la Fiat di quegli anni, per averci lavorato, mi dice: «nel 1976, quando De Benedetti diventa amministratore delegato della Fiat e azionista al 5%, i soci erano debolissimi. Io non so se l'Ingegnere avesse in mano le carte per una scalata, di cui pure molto si parlò. In molti, all'epoca, pensavano che un golpe in Fiat si potesse fare. Anzi si può dire che ci furono solo due grandi manager Fiat che non ebbero questa ambizione: Romiti e Valletta. D'altronde De Benedetti poi, in Société Générale de Belgique, una scalata dalle modalità simili la mise in piedi». Il nostro resterà al Lingotto per una centinaio di giorni e ne uscirà con un bel gruzzoletto. Appena arrivato non perde tempo, va dall'Avvocato, allora presidente del gruppo, e gli dice: «Bisogna mandare via 20mila persone e 500-700 dirigenti». L'avvocato fece un rapido passaggio per i palazzi romani tornò a Torino e replicò: «Non se ne parla proprio. Nella situazione attuale del Paese non è compatibile un'operazione del genere». Chi allontana chi, allora? Cesare Romiti, l'uomo di Mediobanca in Fiat e anch'egli ammiinstratore delegato del gruppo in quegli anni (due galli in un pollaio, che sciocchezza) in un'intervista rilasciata nel 2013 dice: «De Benedetti piaceva all'Avvocato, ma cominciò presto ad assumere atteggiamenti antipatici: diceva in giro di essere il primo azionista individuale di Fiat. Cosa vera perchè gli Agnelli erano tanti e lui era entrato vendendoci molto bene la sua azienda, la Gilardini. Quando poi mi disse che bisognava cacciare via i dirigenti a lasciare a casa 50mila persone, l'Avvocato rispose: «Mi spiace non si può fare». «Allora me ne vado». «Va bene se ne vada» fu la risposta». E sulla possibile scalata, Romiti dice: «Non escludo che ci pensasse». Scalata o non scalata, anche in questo caso, come in quello del Banco Ambrosiano, è sempre difficile stabilire la verità. Ci sono sfumature che si giocano e nascondono in conversazioni che rimarranno sempre private. Ma pensare che De Benedetti, con le sue idee, potesse essere accettato e anestetizzato in azienda dall'Avvocato è davvero difficile.

Commenti

michele lascaro

Ven, 23/05/2014 - 17:50

Cosa aggiungere? Nulla. Ne abbiamo fatti tanti nel passato, di commenti, che ribadire un pensiero già espresso potrebbe ricordarci solo i primi versi dell'Iliade: "Cantami o Diva, l'ira funesta...

linoalo1

Ven, 23/05/2014 - 17:54

Povero DeBe,è incazzato con il Mondo perchè si rende conto che ormai è vecchio,e non lo vuole acettare!Per questo,mi piacerebbe una Legge che obblighi chiunque ad andare forzatamente in Pensione ad una certa età,che io reputo di 65 anni!Fare il Nonno e godersi gli ultimi anni della propria vita serenamente,non credo che dispiaccia nessuno!Lino.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 23/05/2014 - 18:05

E' inutile questo ha più santi in paradiso, nell'editoria ed in ALTRE SEDI che il calendario Gregoriano.

cast49

Ven, 23/05/2014 - 18:10

AVREBBE DOVUTO CONOSCERE LA GALERA, MA L'HANNO SEMPRE SALVATO E SI PERMETTE DI SPUTTANARE GLI ALTRI...

laghee100

Ven, 23/05/2014 - 18:14

con la tessera n. 1 del PD puoi dire ciò che vuoi !

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Ven, 23/05/2014 - 18:18

Ma cosa avete capito...questo ci campa in questo modo. Giungera' la solita mancetta , lo svizzero ha buone radici in Italia. Vero Kompagni ben pensanti ?

Ritratto di _alb_

_alb_

Ven, 23/05/2014 - 18:21

Il MAFIOSO n° 1 d'Italia. Riina gli fa una... E mafiosa la magistratura che lo protegge e lo spalleggia.

killkoms

Ven, 23/05/2014 - 18:26

e il bello che trova sempre cialtroni in nero che prendono per oro colato le sue menzogne!

comase

Ven, 23/05/2014 - 18:30

Non ci sono parole di fronte a questo fallito comunista.

peppe1944

Ven, 23/05/2014 - 18:32

Porro lei non mi e' affatto simpatico, Ma in merito a questo figuro PD le nostre opinioni convergono... Buona serata a 5 Stelle per Lei In Alto i Cuori VINCIAMONOI ( mi dispiace per Lei) MoVimento 5 Stelle

Ritratto di ersola

ersola

Ven, 23/05/2014 - 18:33

linoalo1 hai ragione ma questo vale anche per berlusconi giusto?

giovauriem

Ven, 23/05/2014 - 18:40

quello che scrive porro è tutto vero e se vi domandate perché non sta ancora in galera,bhe! a me sembra ovvio,ha ricevuto la tessera n°1 del pd, solo che non riesco ad immaginare a quale prezzo,oltre l'asservimento di la repubblica alla procura di milano e dintorni e alla segreteria pd, visto che insieme alla tessera ha avuto anche i nessi e i connessi,tipo immunità giudiziaria e insabiamento di tutti (tanti) i procedimenti giudiziari a suo carico

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 23/05/2014 - 18:47

E' una volpe. Ha capito come fregare i soldi agli altri, mica stupido.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 23/05/2014 - 18:49

Vorrà spillare quattrini anche a Tronchetti.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 23/05/2014 - 19:04

Lui poteva non sapere...

nonna.mi

Ven, 23/05/2014 - 19:15

Ho letto con molto interesse l'articolo di Porro:in quegli anni,delle vicende da lui raccontate, io avevo l'hobby di andare a seguire le Sedute del Consiglio Regionale,riservate al pubblico che doveva però sempre tacere.Ricordo,senza tema di essere smentita, che si era saputo che tantissime apparecchiature elettroniche troppo obsolete ,anche se appena arrivate a Palazzo Lascaris dalla Soc. Olivetti gestita da De Benedetti, giacevano "in cantina" perché inservibili...naturalmente con grossissima spesa per la Regione Piemonte ma con vantaggiosissimi introiti per il Venditore ! Ho anche saputo che il Professor Monti, prima di accettare l'Incarico propostogli da Napolitano per la Presidenza del Consiglio, era andato da lui(DeBen.) per consigliarsi!...Indubbiamente l'ing. ha ottimi referenti! Myriam indignata.

serviceguy

Ven, 23/05/2014 - 19:17

Bell'articolo di Porro, dovrebbe essere lettura obbligatoria per tutti i 'proletari' del PD. Mi piacerebbe poter campare 200 anni solo per poter leggere come sara' raccontata la storia di questi ultimi 4 decenni e vedere come questo losco figuro e tutte le sue 'appendici' verranno catalogate...

Ritratto di pao58

pao58

Ven, 23/05/2014 - 19:18

'Azz...un curriculum degno di un Cavaliere dell'Apocalisse... E va pure in giro a fare il fighetto, di questo dico e di quello sparlo... Ma taci pistolone, e vedi di farti dimenticare in fretta .P

tonipier

Ven, 23/05/2014 - 19:24

" CI SONO DUE TIPI DI MAFIA" Una pericolosa, altra pericolosissima, molti della mafia pericolosa sono dentro le patrie galere, mentre, riguarda la mafia pericolosissima..... purtroppo sono fuori dalle patrie galere.

Albeola50

Ven, 23/05/2014 - 19:25

Amara consapevolezza che il solo a pagare e'sempre:Sivio Berlusconi!!Grazie Dottor Porro,servisse a qualcosa o a qualcuno il suo articolo!!

Ritratto di PICONE43

PICONE43

Ven, 23/05/2014 - 19:28

Mandiamo subito questo sporco extracomunitario nel Centro per l'identificazione e l'espulsione! Non deve stare nel nostro Paese neanche un minuto di più!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 24/05/2014 - 00:53

È da creduloni pensare che uno squalo capitalista della peggior specie, come questo svizzero impiccione degli affari nostri, possa parlare in modo diverso dalla maldicenza. UN TALE FURBASTRO CHE SI ALLEA CON LA SINISTRA PER FARSI GLI AFFARACCI SUOI È UNA PIAGA CHE INCANCRENISCE IL NOSTRO PAESE.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 24/05/2014 - 08:41

Caro Porro sei proprio in gamba. Purtroppo però certi scalatori sociali senza scrupoli sono quelli più protetti e salvati....chissà perché! Se la Giustizia non è solo una istituzione ma una arma in mano ai veri delinquenti c'è poco da fare. De maledetti è un mostro ma i sinistri se lo coccolano, chissa perché!!