Se la lista Tsipras cerca l'unità del movimento a colpi di Tspritz

Il comitato milanese organizza una festa e il popolare aperitivo veneto cambia nome e colore

Tra litigi, dimissioni e polemiche la Lista Tsipras, non sembra essere partita sotto una buona stella. Ma per accantonare dissapori e malumori, cosa c'è di meglio di uno spritz? O meglio, uno Tspritz.

Dalla gauche caviar fatta di intellettuali e imprenditori che dissertano a base di champagne al più popolare aperitivo "anti-austerity" come richiamo per raccogliere fondi e inaugurare la sede del comitato milanese del movimento. La serata di autofinanziamento si è svolta martedì scorso all'Arci Bellezza di Milano. Due manifesti e due orari diversi per la stessa serata. Uno dai richiami vintage - con il rosso come colore dominante e un claim che irride a un modo di dire tipicamente milanese ("Bella Tsi!") - è stato pensato per i giovani e dà appuntamento in uno dei circoli preferiti della sinistra radical chic milanese dalle 18. L'altro, più serioso e simile a un comunicato stampa, che invita nello stesso luogo i più grandi a partire dalle 20. E qualcuno ironizza sui prezzi: 10 euro per il terzo drink (quando il primo costava 5 euro e il secondo 4) non è proprio un prezzo popolare.