Soli, rabbiosi e imprevedibili: la minaccia dei lupi solitari

Vivono nel sottobosco del Paese in crisi e covano risentimento per mesi. Scoprirli è impossibile, perciò sono così pericolosi

Sono soli, feroci e pieni di rabbia. Vivono nel sottobosco di un paese in crisi, nascosti tra le pieghe di un'indifferenza che li rende invisibili. Sono i nuovi lupi solitari. Scoprirli è impossibile perché non hanno né complici, né confidenti, né strutture. E quando decidono di colpire lo fanno senza preavviso e senza logica. Per questo rappresentano il peggior pericolo non solo per istituzioni e forze dell'ordine, ma anche per tutti i comuni cittadini. L'azione di Luigi Preiti né è l'esempio. La sua rabbia, il suo risentimento covano da mesi. Ad accenderle sono state la crisi matrimoniale e la perdita del lavoro. Ma su quelle braci Luigi Preiti ha gettato la benzina di rabbia e voglia di vendetta.
Nessuno può intuirlo. Il Preiti furioso è un individuo scomparso dal radar di affetti e rapporti sociali. Con la moglie ha relazioni formali, con gli altri famigliari contatti radi e superficiali. E non ha più né amici, né compagni di lavoro con cui dialogare. Convive solo con il mondo chiuso delle proprie ossessioni. Per uscirne non gli resta che un gesto esemplare con cui mettere fine alla propria esistenza e suscitare al tempo stesso l'attenzione incredula e stupita di un mondo colpevole d'averlo, a suo dire, ignorato e sottovalutato. Ma l'unico testimone del processo che porta Luigi Preiti all'azione è lui stesso. Gli eventi lo dimostrano. L'ora e il luogo dell'azione sono imprevedibili perché strettamente sintonizzati con la cronaca. Preiti si considera un giustiziere e vuole colpire la politica che sembra potersi rialzare. Sceglie di agire solo quando apprende che il giuramento dei ministri si svolgerà domenica mattina. Nel portare a termine l'azione c'è però un'assoluta imprevedibilità. Concentrato sul compiere un gesto eclatante, Preiti non studia tempi e luoghi. Tenta di accedere a Palazzo Chigi, ma si fa fermare mentre i ministri sono ancora al Quirinale e il giuramento è ancora in corso. Per riparare a quella svista reagisce come un attentatore suicida, spara sul primo obbiettivo disponibile, tenta di uccidere due divise simbolo delle istituzioni da cui si sente tradito. Nel farlo rischia di abbattere anche una donna incinta vittima inconsapevole della sua rabbia cieca ed esibizionista. Proprio questo danno collaterale prova come Preiti sia una bomba innescata, una minaccia capace di colpire chiunque.
Il suo non è però un caso isolato. L'Italia piegata dalla crisi economica, sfiduciata dalla politica assiste da 16 mesi al germinare di pericolosi lupi solitari. Il primo caso è del dicembre 2011, quando il 50enne Gianluca Casseri scatena una caccia al senegalese tra le bancarelle del mercato di Firenze uccidendo due extracomunitari e ferendone un terzo a colpi di 357 magnum. Casseri è un estremista di destra, ma è anche un fallito irrisolto che vede negli immigrati la causa dei propri insuccessi politici, sociali e personali. Appena 5 mesi dopo nel maggio 2012 arriva il sequestro degli impiegati dell'Ufficio Esatri di Romano di Lombardia messo a segno da Luigi Martinelli. Quel sequestro risolto pacificamente grazie all'intervento dei carabinieri diventa il simbolo dell'esasperazione dei piccoli imprenditori vessati dal fisco. Ma proprio il suo carattere simbolico e al tempo stesso violento minaccia di generare immediate repliche. La conferma arriva il 6 marzo di quest'anno quando Andrea Zampi, piccolo imprenditore 43enne, uccide a colpi di pistola due impiegate della Regione di Perugia colpevoli di avergli notificato il mancato accreditamento della sua impresa di formazione. Due impiegate innocenti trasformate - come i carabinieri feriti ieri - nel simbolo delle istituzioni da cui il lupo solitario, nascosto tra le nostre case e le nostre città, si sente abbandonato e tradito.

Maggio 2012: l'imprenditore irrompe all'Agenzia delle entrate nel Bergamasco e sequestra un impiegato per ore

Maggio 2012: esplosione davanti a una scuola a Brindisi, muore una ragazza. Reo confesso, è l'unico imputato

Marzo 2013: l'imprenditore irrompe negli uffici della Regione Umbria a Perugia e uccide due impiegate. Poi il suicidio


Dicembre 2011: Casseri, 50 anni, spara su un gruppo di ambulanti senegalesi a Firenze e ne uccide due. Poi si toglie la vita

Commenti

Cinghiale

Lun, 29/04/2013 - 08:51

I più deboli psicologicamente reagiscono così, sono più pericolosi quelli che riescono a ragionare e aspettano pianificando. Cari politici vedo tempi duri per voi e le vostre scorte.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 29/04/2013 - 08:51

gli ultimi episodi (dal 2011 ad oggi) hanno dimostrato che un governo impostato sui tecnici, che non stanno a sentire il dramma della gente, ma stanno a guardare i numeri, è sbagliata. questi episodi dimostrano che quando sale al governo una pattuglia di ministri con una idea: quella di mettere in cima alla lista il provvedimento contro berlusconi e contro le sue aziende, è sbagliata. per non parlare del movimento, che ha aizzato odio ed insulti, come ha sempre fatto grillo.... la politica non è questa, è altra, quella seria, quella che si fa un mazzo per la gente e non per la poltrona. se berlusconi voleva abolire l'imu, uno dei molti motivi era quella di alleviare le sofferenze della popolazione, non per guadagnare il voto politico... riflettete, stupidi ed ottusi sinistronzi e grullini....

decespugliatore

Lun, 29/04/2013 - 09:06

'Soli, rabbiosi e imprevedibili'..vero, ma ha aggiunto anche giustamente 'abbandonati e traditi' da chi? Secondo me, da che dice sempre di essere là (e lo sono in migliaia)'per fare il bene del Paese' mentre invece se ne fotte e pensa a fare il proprio lercio comodo. Guarda caso, nessun politico ha figli disoccupati e costretti a rovistare nella spazzatura per arrivare a fine mese.

cangurino

Lun, 29/04/2013 - 09:12

per fortuna le sparatorie di folli da noi non capitano, come negli stati uniti d'america. Infatti da noi le armi, praticamente, non si possono comprare. O meglio, da noi solo i delinquenti le trovano facilmente, mentre chi si vuole difendere in casa propria, trova ostacoli e costi incredibili. Per quanto riguarda lo squilibrato. Grillo ha chiamato i seguaci a calare su Roma per una storica Marcia su Roma. Speriamo che lo squilibrato sia l'unico ad averlo preso sul serio.

Baloo

Lun, 29/04/2013 - 14:40

Una società dove l'immagine stessa di Dio è stata offuscata dalla secolarizzazione imperante,porta in sè questi mali. Senza Dio il progresso è solo verso il baratro e ciò vale per gli individui,per le società e per le stesse istituzioni. E chi più spinge verso il nikilismoe l'annientamento dell'uomo spesso ha il vezzo di dichiararsi progressista.

angelomaria

Lun, 29/04/2013 - 14:43

sai parlando del 75% dei grillini