Malpensa e Linate, nel 2011 più passeggeri e merci: 4,2%

Nonostante la crisi, gli aeroporti di Milano gestiti da Sea chiudono il 2011 in crescita. Malpensa: +2% (19.087.069 di passeggeri). Linate: +9,2% (9.061.749 di passeggeri). Cresce anche l'area Cargo, spinta dall'export: + 4,2%<strong id="tinymce" class="mceContentBody " dir="ltr"></strong>

Il 2011 è stato un anno difficile e di criticità per il trasporto aereo che ha avvertito in anticipo, come sempre accade, i venti della fase di recessione, ma gli aeroporti di Milano hanno chiuso l'anno con risultati positivi. Lo scalo di Milano Malpensa ha registrato un +2%, rispetto al 2010, con 19.087.069 passeggeri e in particolare, analizzando i dati dei soli voli di linea, la crescita è stata del 4%. Positivo anche l’andamento di Milano Linate: +9,2% con 9.061.749 passeggeri. I due aeroporti milanesi in totale registrano 28.148.845 passeggeri, con una crescita del +4,2%. Le cifre sono state rese note da Sea, la società che gestisce Malpensa e Linate. Da sottolineare, nel contesto della crisi economica che ha colpito tutti gli operatori del trasporto aereo, la riduzione del traffico verso in Nord Africa provocata dalla "primavera araba" che ha interessato i flussi verso Paesi come la Tunisia, l'Egitto e poi la Libia. Un contesto difficile, con l’amministrazione straordinaria della compagnia aerea Livingston (un milione di passeggeri in meno a Malpensa) e la decisione del Gruppo Lufthansa di rinunciare al progetto Lufthansa Italia.

Linate, più Italia e più Europa

La crescita del traffico nazionale è stata dell’1,2%, quella del traffico europeo del 25%, in particolare su Amsterdam, Parigi e Londra. La rotta Milano-Roma è stabile rispetto al 2010, con 1.523.000 passeggeri. Crescono anche i nuovi vettori Air Baltic e Air Malta, che hanno iniziato a operare alla fine 2010 (rispettivamente +68mila e +60mila passeggeri). La compagnia Blu Express ha, invece attivato un volo su Reggio Calabria, con cinque frequenze settimanali dal mese di giugno e Air Italy un volo su Bari dal mese di novembre.

Malpensa, nuove compagnie

Nel 2011, otto nuovi vettori passeggeri e all cargo hanno scelto Milano Malpensa: Gulf Air, Ethiopian Airlines, Biman Bangladesh, Air Europa, Transavia, Silk Way, Jade Cargo e Africa West. Sono stati così ampliati i collegamenti internazionali, incrementando anche rotte e frequenze da parte di vettori già presenti a Milano Malpensa. Durante il 2011 sono stati introdotti circa 180 voli aggiuntivi, di cui una trentina stagionali.

I vettori intercontinentali

Buoni i risultati registrati da Cathay Pacific (+81%), Sri Lankan (+76%) Air China (+36%) Ethiad (+33%) e Saudi Arabian (+32%). Tra i vettori europei i migliori risultati sono stati di Aerosvit (+131%), Aer Lingus (+72%) e Bulgaria Air (+66%), mentre sul piano nazionale è Wind Jet ad aggiudicarsi il maggior tasso di crescita 2011 rispetto al 2010 con un +103%. Tra i vettori americani le migliori performance sono state messe a segno da Delta +11,7% e di American Airlines +5,8%. Emirates, invece, è stato il primo vettore intercontinentale per numero di passeggeri trasportarti, 375mila, seguita da Delta con 234mila e da TAM con 164mila.
Le destinazioni del Nord America hanno registrato una crescita del +10,5% ( 36 collegamenti settimanali); il Middle East +2,4% (66 collegamenti settimanali); il Far East +22,9% (55 collegamenti settimanali); l'Africa (con esclusione del Nord Africa) +9,7% (16 collegamenti settimanali). L'area BRIC ((Brasile, Russia, India, Cina), ha segnato complessivamente un +24%.

Il Cargo cresce anche grazie all'export

Milano Malpensa nel 2011 si è confermata come primo aeroporto cargo in Italia per numero di merci trasportate. Questo nonostante la crisi si sia fatta sentire anche in questo settore, vero campanello d’allarme dello stato di salute di un’economia, con la sospensione dei voli del vettore Cargo Italia. Ma la crescita dei vettori che operano sullo scalo milanese, che nel 2011 hanno trasportato oltre 17 mila tonnellate di merce in più rispetto al corrispondente periodo del 2010, ha consentito a Malpensa di registrare un incremento del 4,2%, del traffico cargo, con buone performance sia nel segmento all cargo (+2,3%), che rappresenta oltre il 71% del traffico merci dello scalo, sia in quello dei voli misti (+9,3%). Risultato che conferma l’interesse dei principali vettori all cargo internazionali per lo scalo, è stato sostenuto in particolar modo dalla crescita del comparto export (+10,6%).

Le rotte del commercio

Nel 2011, la forte attrattività di Malpensa quale scalo merci, la politica di sviluppo di nuove rotte e frequenze attuata dal Gruppo Sea, la prosecuzione delle attività di revisione degli accordi bilaterali, hanno portato all’ingresso di due nuovi vettori all cargo: Jade Cargo e Silk Way, che hanno iniziato a operare rispettivamente due collegamenti settimanali verso Shanghai ( da inizio maggio) e un volo a settimana verso Baku (da fine maggio); al raddoppio dei voli settimanali di Saudi Arabian (tratta Milano-Jeddah-Riad); all’apertura da parte di Cargolux Italia del nuovo volo verso San Paolo, in Brasile sullo scalo di San Paolo e all’inizio dell’operatività del nuovo gigante dei cieli cargo, il 747-800 Freighter che ha operato da Malpensa il primo volo commerciale in Europa.
Sempre nel 2011, fra le compagnie aeree che hanno registrato le crescite più significative nell’area cargo, ci sono China Cargo Airlines (+101,1%), Saudi Arabian (+47,5%), Asiana (+37,9%) e Etihad (+28,4%). Ottimo anche l’ottimo andamento della merce trasportata nelle "pance" degli aerei passeggeri di Jet Airways (7.000 tonnellate) ed Oman Air (3.200 tonnellate).