Manifesti anti-Pm chiesta l'autorizzazione a processare Lassini

La Procura di Milano ha inviato ad Alfano la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dei responsabili dei manifesti <em>Via le Br dalle procure</em>

La Procura di Milano ha inviato al ministro della Giustizia la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Roberto Lassini, candidato a Milano per il Pdl, e Giacomo Di Capua, responsabile della segreteria del coordinatore regionale e sottosegretario Mario Mantovani, indagati per vilipendio all’ordinamento giudiziario in relazione ai manifesti anti pm con la scritta Via le Br dalle procure, affissi per le strade milanesi.

Il procuratore di Milano, Edmondo Bruti Liberati, in una nota ha spiegato che: "Di Capua, capo della segreteria dell'onorevole Mario Mantovani, e Lassini, presidente onorario dell'associazione Dalla parte della democrazia ideavano, ordinandone la stampa (nel numero di 5mila copie) e successivamente l'affissione, manifesti contenti l'espressione offensiva dell'onore e del prestigio dell'ordine giudiziario Via le Br dalle procure". Nella nota si spiega anche che Di Capua ha avuto un ruolo attivo nell'ordinare i manifesti alla società Cipi2 di Giovanni Comolli, lo stampatore che ha preparato i manifesti e che ha dato l'incarico di affiggerli ad un'altra società.