Tra 25 aprile e 1° maggio, mostre e musei aperti per ferie

Quando arrivano festività e ponti, il dubbio ronza sempre: sarà aperto quel museo, si potrà andare a quella mostra che non c'è mai tempo di vedere? Il Comune fa sapere che la cultura non chiuderà per ferie, al contrario ci si aspetta accessi moltiplicati sia per i milanesi rimasti in città che per i turisti in giro per Milano. Così il 25 aprile, Festa della Liberazione, saranno visitabili dalle 9,30 alle 19,30 le mostre di Palazzo Reale «Durer e il Rinascimento europeo», «Italiana. Storia della moda dal 1971 al 2001» e «Impressionisti e Avanguardie dal Philadelphia Museum of Modern Art» e al PAC, Padiglione d'Arte Contemporanea, «Teresa Margolles». Stessi orari il 30 aprile e il primo maggio, Festa del Lavoro, con l'eccezione del Pac che il primo maggio farà gli straordinari fino alle 22,30.

Il Museo del Novecento (collezione permanente e le mostre «Giosetta Fioroni. Viaggio Sentimentale» e «Non ti abbandonerò mai» di Franco Mazzucchelli) e il MUDEC Museo delle Culture (collezione permanente e «Frida Khalo. Oltre il mito») sono aperti dalle 9,30 alle 19,30 il 25 aprile e il primo maggio, mentre lunedì 30 saranno aperti solo di pomeriggio dalle 14,30 alle 19,30. Gli altri musei civici, con le mostre, sono regolarmente aperti mercoledì 25 aprile, mentre sono chiusi lunedì 30 aprile e martedì 1° maggio. Il 25 aprile si potranno così visitare: «Una tempesta dal Paradiso» alla GAM; «Novecento di Carta» al Castello Sforzesco, «Outfit 900» e «Milano e la prima guerra mondiale» a Palazzo Morando; «Milano in Egitto» e «Milano sepolta. Dieci anni di archeologia urbana a Milano» al Museo Archeologico; «Storia dell'Umanitaria. Pioneri di Arditezze sociali» al Museo del Risorgimento.

Domenica 6 maggio, per l'iniziativa «Domenica al Museo», saranno aperti gratis tutti i musei civici e statali della città.