Ancora una violenza sessuale. Peruviano molesta 15enne

L'uomo, clandestino, si è buttato sulla ragazzina che viaggiava con la madre. È finito a San Vittore

Un'altra aggressione sessuale in metropolitana, a pochi giorni da quella in cui nella serata di lunedì a Corvetto un romeno di 32 anni ha toccato il seno e provato a strappare i vestiti a una passeggera 26enne. Mercoledì mattina, in pieno giorno, è toccato a una ragazzina che stava viaggiando insieme alla madre.

Intorno alle 11.30 la 15enne si trovava in metropolitana. Con la mamma era a bordo di una carrozza della linea Gialla nelle vicinanze della fermata Lodi. Un uomo sullo stesso treno si è avvicinato con insistenza alla ragazzina. L'ha molestata e palpeggiata. La vittima ha chiamato la Polmetro, che è subito intervenuta, e ha descritto il proprio aggressore. Gli agenti sono saliti a bordo della metro alla stazione Lodi e hanno individuato e arrestato l'uomo con l'accusa di violenza sessuale. L'hanno portato a San Vittore. È un peruviano di 30 anni, senza permesso di soggiorno e senza precedenti penali.

Sempre sui mezzi pubblici, tre giorni prima dell'episodio di Corvetto, la notizia del tentato stupro di una barista 25enne da parte di un clandestino nigeriano alla stazione di Porta Garibaldi. La donna che stava rientrando a casa all'alba dopo il turno di lavoro in un locale della zona era scampata all'aggressore usando lo spray al peperoncino. «Un'altra violenza sessuale in metro a Milano, tanto per cambiare commessa da un irregolare, stavolta un peruviano. Ormai è un bollettino di guerra - sottolinea il deputato leghista Paolo Grimoldi -. Non passa giorno nella Milano del degrado e dell'insicurezza di Giuseppe Sala, senza che una donna venga aggredita o molestata. La città è allo sbando totale sotto il profilo della sicurezza per colpa delle dissennate politiche sull'immigrazione della giunta Sala-Majorino. Avanti così e il triste record di 237.365 reati denunciati nel 2016 verrà infranto».

E l'eurodeputato di Forza Italia Stefano Maullu: «La situazione sta rapidamente sfuggendo di mano. Le misure di sicurezza per le stazioni milanesi devono essere completamente riformulate, perché al momento non sembrano in grado di tutelare nessuno, nemmeno le ragazzine di 15 anni. Serve un'azione rapida perché i casi di violenza si stanno ripetendo con una regolarità davvero allarmante. Oltre ai pattugliamenti nelle stazioni, a mio avviso, servirebbe un generale rafforzamento dei controlli anche a bordo dei mezzi».

Commenti

lavieenrose

Ven, 10/08/2018 - 09:03

purtroppo molestano anche donne anziane che sono moltremodo indifese visto la fragilità fisica dovuta all'età

Ritratto di Situation

Situation

Ven, 10/08/2018 - 09:07

cosa ci fa tutta sta marmaglia senza permesso di soggiorno a zonzo tra noi a far disastri. Subito estradato

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 10/08/2018 - 09:07

prima in carcere poi rispedito al suo paese.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Ven, 10/08/2018 - 09:17

La boldrini vuole aggiungere qualcosa? O apre quella latrina solo per insultare Salvini che non vuole queste bestie sul nostro suolo?

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 10/08/2018 - 09:18

...senza permesso di soggiorno e "senza precedenti penali" ? be, dategli almeno il tempo di cominciare a collezionare denunce prima di giudicarlo

gio777

Ven, 10/08/2018 - 09:22

Oramai la ns bella Italia è terra di nessuno. Chi è ricco sta e starà bene (no mezzi pubblici, scuole private ecc.) Chi è povero sta e starà sempre peggio (si mezzi pubblici, scuole pubbliche ecc.) GRAZIE ALLA SINISTRA

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 10/08/2018 - 09:23

Se è senza precedenti penali lo ritroveremo presto sulla metrò. Invece il buon senso (di Salvini) direbbe che visto che è senza permesso di soggiorno và rispedito da dove è venuto.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 10/08/2018 - 09:35

Alla sinistra cattocomunista da fastidio che, quando a commettere queste ed altre violenze sono gli invasori, se ne citi la nazionalità. Perchè queste violenze rappresentanto il crollo dell'integrazionismo e la fine della cultura dell'accoglienza. Il Vescovo di Vittorio Veneto, nei giorni scorsi, ha dichiarato che "chi non è accogliene non può dirsi cristiano"... Se lo prenda nel suo castello (La sua se è un castello)...cristiano ... ma castello!

dagoleo

Ven, 10/08/2018 - 10:10

Ma dai poveretti. Sono risorse della Boldrini. Mandatele a lei le ospiterà a casa sua nel suo spazioso attico di Trastevere o in alternativa c'è posto da Saviano, nel suo attico a New York, (mica a Pechino l'ha comprato) a New York, nella terra del vizio e della mafia, per stare al centro delle indagini di cui vive. L'ha comprato appositamente coi soldoni guadagnati dai suoi libri sull'antimafia (libri scritti su indagini di altri) Ma la casa l'ha comprata anche per ospitare profughi e risorse. L'ha detto a tutti che la sua casa è aperta e disponibile. Quindi approfittiamone.

maurizio50

Ven, 10/08/2018 - 10:44

Il deputato MAULLU dice quello che in Italia tutti sanno. I trasporti pubblici vanno sorvegliati di giorno e di notte da presidi militari. E ringraziamo la stupidita congenita degli i.dio.ti di Sinistra che hanno consentito ai delinquenti di tutto il mondo di accamparsi in casa nostra. !!!

domenico.fumante

Ven, 10/08/2018 - 11:24

SONO IN DIRITTO DI SODDISFARE LE LORO NECESSITA FISIOLOGICHE E VERO SIGNOR GIUDICE?????????????????????''

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 10/08/2018 - 12:03

Attenti a come vi esprimete, l'attacco razzista è sempre "in canna".

Reip

Ven, 10/08/2018 - 12:20

Ma sempre a Milano?!?!

istituto

Ven, 10/08/2018 - 12:45

Bisogna cominciare con i rimpatri ma prima bisognerà riformare la Giustizia grazie alla quale le risorse Boldriniane possono rimanere a lungo in Italia nonostante i reati. Comunque c'è anche un problema di scarsa o nessuna collaborazione di tanti paesi esteri a riprendersi i loro concittadini. Ne ha parlato Matteo Salvini sulla nuova bussola quotidiana. Andate sul sito è troverete l'intervista in cui il Comandante parla a 360 gradi. Ha parlato con molte nazioni e molte ancora ne dovrà visitare per accordi sui rimpatri. Avanti così.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Ven, 10/08/2018 - 13:08

Per questi tipi niente galera (che noi paghiamo)ma inviato nel suo paese,sicuramente le galere sono vere,da noi sono alberghi per loro.