Arriva «Mamma mia!» In scena l'eco degli Abba

La Milano del musical continua a sorridere: tra ottimi titoli in arrivo (Billy Elliott al Nuovo dal 10 dicembre) il posto d'onore spetta a uno spettacolo di culto che viene dal West End londinese: Mamma Mia!, vera e propria macchina da guerra del musical internazionale, atteso al Teatro degli Arcimboldi da stasera al 6 dicembre (ore 21, sabato ore 16.30 e ore 21; domenica ore 14 e ore 18.30, ingresso 65-25 euro, info 02.64.11.42.212.). Lo show, nell'allestimento originale firmato da Phyllida Lloyd con le coreografie di Anthony Van Laast, a Londra è un appuntamento stabile dal 1999, a Broadway è in scena dal 2001, 14 anni e 5.773 repliche. La sua versione «International Tour» (con band dal vivo di otto elementi e sopra-titoli in italiano) è quella che passa a Milano.Ad oggi il musical creato da Catherine Johnson e dalla produttrice Judy Craymer, intessuto con arguzia sui più grandi successi pop della band svedese Abba, è stato visto da oltre 54 milioni di persone in 49 produzioni e in 17 lingue diverse. Senza contare che Mamma Mia! The Movie, versione cinematografica del 2008 diretta dalla stessa Phyllida Lloyd con Meryl Streep, è tra i film musicali con gli incassi più alti a livello mondiale. Nostalgia per il pop vintage anni '70 e '80, storia di amori perduti e ritrovati nel sole e nel mare paradisiaco delle isole greche, infine un tocco di gioioso femminismo post-moderno: non è un caso che Mamma Mia! sia diventato un fenomeno commerciale.I brani che ne fanno da colonna sonora, con un riuscito gioco di utilizzo delle liriche per raccontare la storia in scena, sono le hit degli Abba, da «Honey honey» a «The winner takes it all», da «Dancing queen» a «Mamma mia!». Nel ruolo della protagonista Donna è attesa Sara Poyzer, attrice di prosa shakespeariana e, ciò nondimeno, star del musical britannico: «Il ruolo di Donna, che ormai interpreto da cinque anni, era scritto nel mio destino personale spiega la Poyzer -. Sono una fan degli Abba da quando avevo sette anni. Mi beccai una brutta influenza, ero chiusa in casa, a letto, e mia madre per farmi passare il tempo mi regalò un loro disco: fu una rivelazione».In passato, Sara Poyzer ha recitato in un altro musical di culto, felicemente stabile a Londra: Billy Elliott. I ruoli femminili vengono gratificati senza riserve nel musical: «A Londra spiega la Poyzer ho recentemente ammirato Imelda Staunton in Gipsy, in primavera Glenn Close tornerà a interpretare Sunset Boulevard: il musical è un genere nobile che attira grandi interpreti». Il passaggio dall'Italia è, per Sara Poyzer, un doppio regalo: «Amo l'arte e l'architettura spiega . Ho fantastici ricordi di Pisa e Firenze, e non posso che amare l'Italia per questo. Poi ci sono anche questioni di gola: adoro il vino rosso e il cibo, e non serve che dica altro».