Da Bellini a Gio Ponti, all'asta le creazioni da Compasso d'oro

Jessica Bordoni

In questa settimana dedicata al design, la Casa d'Aste Il Ponte ha organizzato un'esposizione proprio nei giorni clou della Milano Design Week. Fino al 9 aprile lo storico Palazzo Crivelli, nel cuore di Brera, ospiterà l'esposizione delle opere che andranno all'incanto durante l'Asta di Arti Decorative del Novecento e Design il prossimo 11 aprile. In tutto 450 lotti, provenienti in gran parte da collezioni private e firmati da famosi designer italiani e stranieri.

Tra i pezzi più interessanti segnaliamo la grande credenza ed espositore con struttura a montanti e tralicci in rovere ideata dal gruppo di architetti BBPR per un appartamento milanese, pubblicata sulla copertina di Domus nel giugno 1941 (stima 9-10.000 euro). Da non perdere anche l'iconico divano «Le Bambole», vincitore del Compasso d'oro nel 1979 (stima 900-1000 euro). L'opera è stata progettata per il marchio B&B Italia dall'architetto e designer Mario Bellini, che nei mesi scorsi è stato protagonista di un'ampia retrospettiva alla Triennale di Milano. La mostra ha ripercorso oltre mezzo secolo di carriera del maestro (unico vincitore di ben otto Compassi d'oro), a trent'anni esatti dalla personale che gli dedicò il MoMa nel 1987.

Tra le poltrone all'incanto c'è anche «Galeotta», progettata nel 1968 dal trio di designer Jonathan De Pas, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, famosi per il loro stile pop e anticonvenzionale. L'opera riporta al clima della ribellione giovanile ed è Galeotta di nome e di fatto: con pochi gesti la poltrona si trasforma in una sensuale chaise-longue e in un'accogliente meridienne (stima 600-700 euro).

Grande attesa anche per i lotti di Gio Ponti: oltre a una cospicua selezione di pezzi, vanno all'asta una curiosa collezione di 28 lettere autografe (con disegni variopinti) indirizzate a un suo collaboratore della rivista «Domus» e alcuni studi per decori destinati alle ceramiche Richard-Ginori (stima 550-600 euro). Da citare anche la ricca proposta di lampade realizzate da Venini, Stilnovo e Arteluce, oltre quelle disegnate per Fontana Arte da Pietro Chiesa e da Max Ingrand. Per gli amanti delle vere rarità c'è anche il prototipo di un appendiabiti in metallo e legno del celebre architetto Giorgio Decursu. Elegante e dinamico nelle forme, è stato realizzato in soli quattro esemplari per l'azienda BBB Bonacina (120-150 euro). Per maggiori informazioni sull'asta si può consulte il sito: www.ponteonline.com