Corsa a 211 km all'ora in via Palmanova Stangata da 1.104 euro in arrivo a un francese

L'auto è stata fotografata giovedì notte dall'autovelox

Aveva fretta un automobilista francese. Si preparava magari a lasciare Milano per raggiungere le spiagge della Costa azzurra o un'altra località di vacanza. Fuga dalla città, come si dice. Ma ha schiacciato fin troppo sull'acceleratore, 211 chilometri all'ora approfittando della una via Palmanvoa semideserta la notte tra mercoledì 4 e giovedì 5 agosto. Non era a conoscenza probabilmente dell'autovelox montato lungo la strada, infallibile. Nè dell'appalto che il Comune ha appena prorogato alla scoietà esterna che da due anni si concentra sulla caccia alle auto con targa estera che hanno preso una sanzione sul territorio milanese. Il Codice della strada consente di metterci più tempo per risalire all'identità del trasgressore e inviare la notifica, quasi un anno (360 giorni) rispetto ai novanta giorni canonici. Con calma quindi, magari nel mezzo della prossima estate, ma il francese che ha battuto il record negativo di eccesso di velocità, riceverà a casa una brutta sorpresa da Milano: una multa da 1.104 euro, salatissima perchè alla sanzione per il superamento del limite di velocità si aggiunge la maggiorazione prevista in orario notturno. Il comandante dei vigili Antonio Barbato ha assicurato che gli automobilisti stranieri che non rispettano il Codice ella strada non rimarranno impuniti ma vale «soprattutto in questi casi estremi, che sono un vero pericolo pubblico per i cittadini».

Ma solo un terzo delle sanzioni viene realmente spedita a domicilio: 52mila multe su un pacchetto di 220mila nel 2015 - una su quattro, anche meno -, circa 22.800 su 68mila nel 2014. Non con tutte le nazioni, specifica il Comune, c'è una reale collaborazione. Molti Stati non permettono di risalire a chi stava guidando l'auto, sia di proprietà che a noleggio. Tutto si complica se la residenza è fuori dall'Europa, e nella stessa Ue ci sono differenze di reazione tra i cittadini multati. Le leggi tutelano i furbi soprattutto in Svizzera.

Si aggirerebbe già intorno al centomila euro, come rivelato di recente, il debito degli svizzeri nei confronti della società Pedemontana. L'autostrada lombarda nei primi cinque mesi di apertura (da novembre 2015 allo scorso marzo) ha già raggiunto oltre mezzo milione di pedaggi non pagati, e un quinto dell'insolvenza (il 17,6 per cento del totale) è legato a targhe svizzere, probabilmente si tratta di ticinesi che abitano oltreconfine. E da marzo il contatore del debito ha continuato a girare.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 08/08/2016 - 09:11

Dubito che la paghera' mai,complimenti agli svizzeri,cosi famosi per essere inflessibili e precisi come orologi,tranne quando devono pagare...multe o pedaggi...tanto siamo ITAGLIANI sinonimo di koglioni.

Ritratto di host8965

host8965

Lun, 08/08/2016 - 09:29

Eh, questi ticinesi...è un invasione

gneo58

Lun, 08/08/2016 - 10:05

mettiamo che paghi, 211 km/h....non girava certo con una "panda" - magari era in Maserati o altra auto "di pregio" - pr gente cosi' 500-1000 euro non sono niente - pesa molto di più a noi un divieto d sosta da 41 euro (spesso elevate ingiustamente magari per riempire il blocchetto).

nem0

Lun, 08/08/2016 - 13:11

360 giorni per una notifica??? è talmente indecente che se ai vigili ed ai loro compari gliela mettono dove si deve è cosa buona e giusta

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 08/08/2016 - 13:38

Parafrasando le Roi Soleil avrà ingranato la V* marcia a tutto gas e intonando la Marsigliese avrà gridato: LA RUE C'EST MOI!!!

27Adriano

Lun, 08/08/2016 - 13:46

Non sarebbe meglio che la polizia si occupasse anche della riscossione delle multe , contestando subito l'infrazione ed esigendo il pagamento della sanzione anziché scortare inutilmente politici e magistrati mentre fanno le spese?????

Ritratto di bet_65

bet_65

Lun, 08/08/2016 - 16:46

Con la tecnologia attuale che a detta della Polizia possono sapere se l'auto è rubata oppure non ha pagato l'assicurazione RC oppure non ha fatto la revisione, per le auto straniere è mai possibile non si possa sapere se la vettura ha una multa in sospeso? fermo amministrativo finchè non viene pagata la o le multe in sospeso, troppo difficile in questo paese?????? così i nostri vicini di casa la piantano di fare i furbetti

gordianknot

Lun, 08/08/2016 - 16:47

Proprio ieri parlavo con due ticinesi della questione pedemontana. Per quanto mi riguarda, svizzero naturalizzato, vado di Telepass, loro devono entrare nel sito dell'autostrada dopo essere transitati, leggere lo status del ''conto targa'' e pagare tramite carta di credito. Il ''conto targa'' non rimane aperto a lungo, uno che facesse 1 mese di ferie passando all'andata per la pedemontana rischierebbe di trovarlo ''vuoto'' al suo rientro. Cosa ''svuotarlo'' significhi non lo, immagina la pratica sia gia' inoltrata a societa' recupero? Comunque questo per dire che non e' semplice pagare il pedaggio su quell'autostrada e chi l'ha studiato in quel modo deve essersi dimenticato che la strada serve Malpensa quindi con gran traffico di stranieri

Fjr

Lun, 08/08/2016 - 16:59

In Svizzera se ti beccano ti fanno pagare subito hanno anche il pos via GSM non puoi pagare ? Sequestro del mezzo vai in Italia recuperi i soldi e forse ti ridanno il mezzo

giovanni951

Lun, 08/08/2016 - 17:34

sempre che paghi...ed ho i miei dubbi.

mariod6

Mar, 09/08/2016 - 00:54

Gli svizerotti le multe te le fanno sempre pagare, se è autovelox ti arriva tramite i carabinieri, se ti fermano o paghi subito o vai a casa a piedi. Eventualmente ti chiamano un taxi. Se i carabinieri italiani ti notificano la multa svizzera perché la Cantonale non fa altrettanto con le multe italiane ??