Esplosione a Milano, tre i morti nella palazzina

È successo in via Brioschi, nell'area dei Navigli, forse per una fuga di gas. Sul posto ambulanze e pompieri

Sono tre le vittime confermate in un'esplosione a Milano, che ha causato un crollo parziale in una palazzina in via Francesco Brioschi, per una fuga di gas che sarebbe propagato dai fornelli della cucina di due studenti marchigiani, entrambi morti.

I fatti sono successi al numero 65 della via, all'ultimo piano del palazzo nel distretto milanese dei Navigli. La parte crollata è interna all'edificio e affaccia sul cortile di un palazzo più ampio e vi si accede da via Portoferraio.

Si pensa che sia stata una fuga di gas a causare l'esplosione. Il botto alle 8.45 di questa mattina, quando molti dei residenti si trovavano ancora nei loro appartamenti. Nel raggio di almeno duecento metri molti i palazzi in cui sono saltate le finestre.

Sul posto sono arrivate diverse squadre di vigili del fuoco e ambulanze. Due bambine sono rimaste gravemente ustionate nell'esplosione e sono state trasportate all'ospedale Niguarda (video).

Sono in tutto nove le persone in ospedale, tra cui una donna incinta e quattro bambini. Le piccole, di 7 e 11 anni, gravemente ustionate, sono figlie di una delle vittime. Il padre 51enne è tra i feriti.

Sono Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi i due studenti 27enni morti durante l'esplosione all'interno di un palazzo in via Portoferraio. Entrambi sono di origine di Macerata. La terza vittima dello scoppio è Micaela Masella, 43 anni.

Molte le persone che, ancora in pigiama, si sono riversate in strada dopo l'esplosione. È arrivato sul posto anche Marco Granelli, assessore alla Sicurezza del comune di Milano.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 12/06/2016 - 10:23

Ma nessuno sente l'odore di gas?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 12/06/2016 - 12:02

Non passeranno dei millenni quando di noi diranno che eravamo tanto stupidi da usare il gas, pericoloso come una bomba, nelle case e nelle città e ad usare il petrolio come combustibile. Si stupiranno pure perché eravamo disposti a perdere tempo e soldi coi gingilli a vento e sole. Speriamo non siano tanto severi.

Ma.at

Dom, 12/06/2016 - 12:39

Risposta a mbferno:chissà forse l'islam vieta di annusare e sicuramente vieta di usare il cervello!

Ritratto di MLF

MLF

Dom, 12/06/2016 - 15:08

Non è che qualcuno stesse cercando di assemblare un simpatico ordigno fai-da-te seguendo le istruzioni via internet del califfato?

linoalo1

Dom, 12/06/2016 - 17:01

Penso che,ormai,tutti sappiano quanto sia pericoloso il Gas!!!Questi disastri,succedono sempre solo per l'Infinita Ignoranza della Gente che utilizza il Gas!!!Esattamente come le Morti Bianche nel Mondo del Lavoro!!!!Ossia,la Troppa Sicurezza e Dimestichezza,porta spesso a trascurare le Norme di Sicurezza più Elementari!Ed ecco che succede il Disastro!!!

fervore50

Dom, 12/06/2016 - 18:38

voi del giornale siete masochisti, vi piace pubblicare commenti di emeriti i....i tipo mlf e vi gloriate che questi i..... vi seguono!

Ritratto di hermes29

hermes29

Dom, 12/06/2016 - 20:00

Come ogni casa ospita un contatore elettrico, cosi ogni casa assieme al contatore dovrebbe avere l'installazione dell'allarme contro fughe o perdite di gas. E inaccettabile morire nel troppo benessere e troppa immatura fatalità, che coinvolge anche chi presta particolare attenzione alla sicurezza del proprio domicilio. Avete LEGIFERATO l'obbligo delle cinture in auto? Almeno approvate qualcosa che serve alla salvaguardia delle stesse vite dei cittadini: subito detassabile o parzialmente finanziato. Per una veloce installazione servirsi dei fornitori di energia, non solo per pagare la RAI

ziobeppe1951

Lun, 13/06/2016 - 00:45

Fervore50....questo non è un giornale per te, passa al manifesto