Gdf, multinazionali nel mirino

Tra i risultati i versamenti al Fisco di Google e Amazon

Nel corso del 2017 sono state effettuate oltre 10mila verifiche e controlli e 2.267 indagini che hanno scandagliato tutte le tipologie di reati fiscali ed economico-finanziari e che hanno interessato le autorità giudiziarie, con la denuncia di 2.893 soggetti.

È questo il bilancio tracciato ieri dalle Fiamme Gialle di Milano in occasione della cerimonia per celebrare il 244esimo anniversario della fondazione della Guardia di Finanza che si è svolta in mattinata nella piazza d'Armi della caserma «Cinque Giornate», sede del Comando Regionale Lombardia. Alle celebrazioni hanno partecipato il comandante Interregionale dell'Italia Nord-Occidentale, Giuseppe Vicanolo, accompagnato dal comandante regionale Piero Burla.

Oltre ai 764 milioni recuperati dall'evasione fiscale, di cui un terzo già acquisito al patrimonio pubblico mediante sequestri di beni e disponibilità finanziarie, sono entrati nelle casse dello Stato altri 400 milioni versati dalle due multinazionali statunitensi Google e Amazon che rientrano nel novero dei cosiddetti Over The Top, acronimo utilizzato per individuare le principali web company a livello mondiale, che hanno deciso di avvalersi dell'istituto dell'accertamento con adesione a seguito delle indagini fiscali del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Milano. Si tratta di uno dei maggiori risultati conseguiti da quello che può essere definito un vero e proprio «Modello Milano».

Le Fiamme Gialle nel corso dell'anno si sono anche concentrate sul contrasto all'evasione fiscale internazionale (con 202 casi scoperti). Ammonta a 2,3 miliardi di euro l'Iva evasa, sono stati 1.225 gli evasori totali scoperti, 978 i lavoratori in nero e 2.168 quelli irregolari, mentre i datori di lavoro che si sono avvalsi di manodopera in nero o irregolare sono stati 537 .