I candidati scelgono i «dream team» per la corsa

Dall'ex direttore Rai allo spin doctor dell'Enel. Chi lavora dietro le quinte

Spin doctor, portavoce, esperti nei social network. I candidati mettono a punto la «macchina da guerra» delle Comunali e («House of Cards» insegna) la politica deve puntare su una buona comunicazione per essere con-vincente. Stefano Parisi lancia ufficialmente oggi la campagna da sindaco del centrodestra e in questi giorni ha arruolato le pedine più importanti dello staff. A coordinare la squadra sarà l'azzurro Bruno Dapei, «colonnello» del partito e presidente del Consiglio provinciale sotto la giunta Podestà. Ha puntato su una donna invece come capo dell'ufficio stampa: Cinzia Messori, che conosce bene il Comune visto che è stata caposervizio nello staff comunicazione durante la giunta Moratti, poi assistente della coordinatrice regionale di Forza Italia Mariastella Gelmini. Era stata sondata anche Gaia Carretta, ma ha deciso di restare a capo dell'ufficio stampa Atm. A curare i rapporti con le tv («una consulenza assolutamente volontaria, siamo amici da vent'anni») sarà invece Daniele Renzoni, in pensione dopo una vita in Rai (è stato anche direttore di Rai International). Per la parte web Parisi (che è stato ad di Fastweb e conosce bene il mondo digitale) si avvale per ora di collaboratori conosciuti in quegli anni, non ha stretto contratti con un' agenzia di comunicazione. Tra questi c'è Simone Bressan. Non appena ha detto sì al cav ed è sceso in campo, su Facebook è spuntata subito «Comitato Parisi», una pagina che (almeno per ora) non è ufficiale ma comunque gradita al candidato: dietro c'è il deputato Fi Antonio Palmieri, che è stato anche il responsabile nazionale della comunicazione. Tra i delegati dei partiti che stanno lavorando più attivamente sul programma ci sono Samuele Sanvito (per Maurizio Lupi), Carlo Fidanza (già europarlamentare di Fdi e lungo consigliere comunale, conosce bene le attività di Palazzo Marino), Armando Siri per la Lega (citato spesso come il «guru» di Salvini) e l'ex deputato Andrea Orsini per Forza Italia. Sta contribuendo alla campagna anche Stefano Pillitteri, in Forza Italia dalla fondazione nel 1994, consigliere comunale durante il mandato di Albertini e assessore nella giunta Moratti tra il 2006 e il 2011.Dall'altra parte della barricata: Giuseppe Sala, che dopo la vittoria per le primarie sarà protagonista oggi in Feltrinelli di un faccia a faccia con l'ex sfidante Pierfrancesco Majorino (doveva esserci anche la vicesindaco Francesca Balzani, ma l'annuncio della lista arancione che guiderà è rinviato), non ha ancora chiuso il contratto con l'agenzia Sec di Fiorenzo Tagliabue, che lo ha già seguito durante le primarie, ma è questione di dettagli. Già confermato e operativo invece il team che è stato più a stretto contatto con l'ex commissario Expo nella prima campagna: Stefano Gallizzi per la comunicazione, Valentina Morelli e Mario Vanni per la parte organizzativa. Lo spin doctor? Sempre Marco Pogliani, di area Cl, già consulente di grandi società come Enel, Olivetti, Citylife e presenza fissa sul sito Expo accanto al manager.ChiCa