L'assessore cerca i colpevoli. Fi: «Siete voi»

Per molti la responsabilità della voragini apertesi in città in seguito alle piogge è dell'amministrazione. Carmela Rozza, assessore alle Opere Pubbliche, ritiene che la responsabilità possa essere di tutti tranne che di Palazzo Marino: «Noi stiamo seguendo il problema da tempo e andremo fino in fondo alla questione, perché qua il problema è chi ha dato il permesso di costruire così in profondità su un terreno simile: non si può creare un buco così in questa zona. Vogliamo anche capire chi ha dato il via libera alle opere e alle vendite degli appartamenti nonostante lo stato delle opere». Forza Italia va al contrattacco. «È il solito patetico tentativo di dare la colpa a qualcun altro - replica Fabrizio De Pasquale, consigliere comunale azzurro -: non si può nemmeno sempre puntare il dito contro i privati che in questa città versano un miliardo e trecento quaranta milioni di euro di tasse all'anno; oltre tutto è inammissibile che il Comune cerchi di scaricare le proprie responsabilità proprio nell'anno in cui sono state alzate le tasse per avere i fondi delle manutenzioni». Opere per le quali ci sono meno fondi, ma si potrebbero trovare, secondo De Pasquale: «Invece di continuare a buttare milioni per le piste ciclabili e per le pedonalizzazioni, si potrebbe utilizzare il denaro per effettuare manutenzioni più estese, a maggior ragione ora che ce n'è molto bisogno». Sulle responsabilità del danno, De Pasquale cita il codice: «Secondo l'articolo 915 del codice civile, il responsabile in questi casi è il proprietario del fondo: quindi sarebbe il Comune e non altri, perché è la strada che ha ceduto». Sta di fatto che è partita anche un'inchiesta della magistratura, perciò si spera che prima o poi tutte le responsabilità saranno accertate. Intanto lo scontro sul tema si è trasferito anche su Facebook . Un cittadino ha scritto sul profilo dell'assessore le sue rimostranze, per poi essere subito insultato da una sostenitrice di Rozza. «Qua in Porta Romana abbiamo visto anche un'abbronzatissima Carmela Rozza - ha commentato Daniele - più controlli in futuro Assessora». E subito ha replicato a ingiurie Giovanna, fan dell'assessore: «Scusa! Ma mi verrebbe rispettosamente da darti del cretino - ce ne fossero concrete lavoratrici trasparenti ed efficaci come Carmela Rozza, sicuramente da ringraziare, e da quando in qua è squalificante essere abbronzati e di carnagione scura?». Daniele però ha risposto senza scomporsi: «Cara Giovanna, è sempre facile lavorare dopo il disastro. Da mesi segnaliamo buche e altro all'Assessore. Queste cose fanno male alla città. Cretino tienitelo per te. Con rispetto, grandissima maleducata». Sul tema esondazioni è intervenuto anche Manfredi Palmeri, consigliere comunale di opposizione: «A che cosa sta servendo il celebrato e intelligente Piano del Sottosuolo? La Giunta lo aveva spacciato come lo strumento che avrebbe risolto tutti i problemi di coordinamento degli Enti in relazione alla programmazione e all'esecuzione dei lavori. L'assessore De Cesaris che cosa dice su questo, visto che si stanno dimostrando non in grado di gestire neppure la manutenzione ordinaria dei tombiniMBon