Magenta, rapina in sala slot: 10mila euro di bottino

I quattro rapinatori sono stati beccati a Corsico dopo la fuga. Si tratta di italiani

Rapina a mano armata l’altra notte a Magenta, all’interno di una sala slot. I delinquenti sono scappati con un bottino di 10mila euro, ma sono stati fermati dai carabinieri del Radiomobile di Corsico. Il fatto è avvenuto al centro Zeta Game, di proprietà di un cinese 53enne, in via Fratelli di Dio al civico 2 a Magenta, nel Milanese. Gli uomini sarebbero entrati nel locale tutti armati di pistola e con il volto coperto da calzamaglie. Secondo quanto ricostruito, avrebbero anche esploso due colpi in aria, per intimare il proprietario a consegnare loro l’intero incasso, quantificato in circa 10mila euro. Molte le persone presenti in quel momento.

Appena arraffato il bottino, i delinquenti sono fuggiti a bordo di due auto diverse, Una Opel Astra e una Fiat 500, facendo perdere le proprie tracce. La loro corsa è però terminata a Cesano Boscone, dove una macchina dei carabinieri li ha fermati e arrestati. Infatti, appena i rapinatori sono scappati è stato subito chiamato il 112, che ha allertato la centrale operativa di Abbiategrasso.Gli arrestati sarebbero tutti pregiudicati, di età compresa tra i 28 e i 63 anni. Sono stati accusati di porto e detenzione illegale di armi clandestine e alterate, ricettazione e rapina in concorso.

I militari, durante la perquisizione, hanno rinvenuto due pistole, una calibro 7,65 priva di marca, una Beretta calibro 7,65 risultata rubata nel 2018, un fucile da caccia Tecni-Mec a canne mozze, con due proiettili già inseriti, e 6mila euro in contanti. Importanti alla fine dell’arresto anche i video registrati dalle telecamere di sicurezza presenti nel centro scommesse. I quattro sono poi stati trasferiti al carcere di San Vittore.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?