Moschea di via Maderna spunta pure la cupola E il Comune lascia fare

Nel capannone trasformato in luogo di culto abusivo i lavori continuano. Proteste di Fi

Cresce, si allarga e assume sempre più palesi caratteristiche di stampo religioso maomettano l'edificio di via Bruno Maderna, frequentato da turchi di fede islamica nella zona est della città, tra piazza Ovidio e l'Ortomercato. Si sollevarono non poche polemiche nel 2013, a fronte di una serie di cupole dorate, del tutto identiche a quelle di un minareto, costruite in quello che all'epoca era solo un capannone con una destinazione produttiva di tipo artigianale-industriale. Davanti alle proteste dei residenti e dell'allora presidente del Consiglio comunale Riccardo De Corato, il primo vicesindaco di Giuliano Pisapia, Ada Lucia De Cesaris, dopo una serie di verifiche nel cantiere e il riscontro oggettivo di una serie di irregolarità, precisò che non erano mai stati chiesti permessi a Palazzo Marino per la realizzazione di un luogo di culto in via Maderna, ma solo una comunicazione per interventi di manutenzione ordinaria senza cambio d'uso. Quindi i lavori vennero interrotti. Da allora risulta che nulla sia mutato in merito ai permessi, tuttavia non solo i lavori procedono in una direzione ben precisa - quella della trasformazione del sito in un'area di luoghi di culto ed edifici d'ispirazione chiaramente islamica, con una enorme cupola di rame in stile minareto e la facciata già abbellita con finestre ad arco in stile mediorientale - ma sopra a quello che appare a tutti gli effetti uno stabile adibito a moschea, ci sono anche vere e proprie abitazioni.

Inutile sottolineare che i residenti del posto sono sempre più preoccupati. «A una cinquantina di metri da via Maderna, in via Salomone, ci sono la chiesa e la parrocchia di via San Galdino - spiegano polemicamente alcuni cittadini che abitano in via Sordello -. Evidentemente qualcosa non funziona in Comune se chiunque può modificare a suo piacimento uno stabile che era un magazzino, farlo diventare una moschea a tutti gli effetti con tanto di cupola appena installata e il minareto già pronto di fianco per essere tirato su».

Molte le reazioni politiche. «Presenterò un'interrogazione per capire chi ha autorizzato i lavori di via Maderna e in cosa consistono esattamente - commenta Alessandro De Chirico, vice capogruppo di Forza Italia in Comune -. Di certo le preoccupazioni dei residenti sono legittime ed è incomprensibile l'atteggiamento dell'assessore Carmela Rozza che, alla richiesta di chiarimenti, ai cittadini ha risposto di fare un accesso agli atti. Capisco che l'assessore sia impegnata in campagna elettorale e che chi pretende sicurezza non sia un suo potenziale elettore, ma è questa la trasparenza di cui tanto si pregiano lor signori democratici?».

Caustico Max Bastoni, consigliere comunale e capogruppo alla Città metropolitana della Lega Nord. «C'è una legge regionale sui luoghi di culto che il Comune continua imperterrito a disattendere direttamente o indirettamente. Il Corano non ne parla ma le cronache sì». E conclude: «Beppe Sala è il nuovo mullah di quegli islamici che pensano di poter fare quello che vogliono. Se non fosse vero ci sarebbe da ridere. Qui c'è solo da piangere».

«In via Maderna si consentono abusi edilizi e illegalità e allo stesso tempo in altre moschee abusive, in via Cavalcanti e in via Cosenza, continuano i disagi per i cittadini mentre gli islamici si sentono sempre più forti, grazie al silenzio del Comune. - puntualizza il consigliere comunale di Forza Italia Silvia Sardone -. Le comunità musulmane fanno quello che vogliono, contando sulla vicinanza di Palazzo Marino. È semplicemente vergognoso che i milanesi vengano costantemente non calcolati e che siano consentiti tali abusi che sicuramente agli italiani mai verrebbero concessi. Sala non ha niente da dire o distoglierà lo sguardo come sempre?».

Commenti

fifaus

Mer, 10/01/2018 - 16:04

E' vergognoso che i milanesi non si ribellino!...

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 13/01/2018 - 08:17

qualcuno lo ha permesso!! provate voi,cittidini qualsiasi ad alzare una pietra senza i permessi..comunali,regionali,della sovraintendenza,dei beni demaniali..e via dicendo

pilandi

Sab, 13/01/2018 - 08:18

Sinceramente non capisco come la cupola sia un'aggravante del problema, il loro luogo di culto già c'é, cupola o non cupola.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 13/01/2018 - 08:33

La cosa vergognosa è che la maggioranza dei milanesi abbia votato Pisapia prima e Sala dopo. Adesso i milanesi hanno esattamente quello per cui hanno votato immigrati irregolari e moschee abusive, ecco il living style della sinistra radical chic, ovviamente per le periferie, per i ricchi che abitano in centro è altra storia.

giovanni951

Sab, 13/01/2018 - 08:39

che dice il ( purtroppo) sindaco di Milano? secondo me niente....é amico di questa gente che sotto sotto fa quel che vuole.

Ritratto di rebecca

rebecca

Sab, 13/01/2018 - 08:47

per trasformare una porzione di magazzino in mini-alloggio ho dovuto chiedere, tramite professionista, il permesso al comune di residenza, pagare, allo stesso, più di 4000,00 euro per oneri di urbanizzazzione. Oneri che a tutt'oggi non comprendo in quanto lo stabile è servito di allaccio a fogne, luce, gas ecc.Quando leggo un articolo come quello scritto da Paola Fucilieri capisco perchè gli italiani non si recano più a votare, NON HANNO PIU' FIDUCIA NELLE ISTITUZIONI!!

flip

Sab, 13/01/2018 - 08:52

sempre a 90 gradi siamo!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 13/01/2018 - 08:58

Come mai belli arti, ambientalisti, asl ed altri mille enti inutili dello stato non intervengono ??? Se fate un buco in giardino o davanti all'ingresso, in attimo arrivano tutti pronti a fare mille verbali.

baronemanfredri...

Sab, 13/01/2018 - 09:03

RIGUARDO ALLA PRESENZA DI UNA CHIESA CIO' NON DISTURBA IL PARROCO, IN QUANTO DON CICCIO L'ARGENTINO SI E' CALATO LE BRAGHE, SE NON ADDIRITTURA E' LORO AMICO E COMPLICE.

francobozzetti

Sab, 13/01/2018 - 09:12

Ma questo sindaco ed ancora quello precedente se li sono votati loro. Ed ora di cosa si lamentano? Io, appena ho potuto, me ne sono andato da questa città ed ora, con la morte nel cuore, ne vedo il suo progressivo e continuo decadimento.

paràpadano

Sab, 13/01/2018 - 09:18

i milanesi hanno voluto come sindaco un inutile idiota ora se lo tengano fino all'ultimo.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Sab, 13/01/2018 - 09:21

questi la guerra la sanno fare anche senza armi..

fabiano199916

Sab, 13/01/2018 - 09:26

il cambio di destinazione d'uso non è stato fatto? soluzione semplice: smantellare tutto. Quante storie...se la legge fosse applicata non ci sarebbero questi problemi...

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Sab, 13/01/2018 - 09:29

le bandiere di Allah avanzano sempre..

semelor

Sab, 13/01/2018 - 09:29

“Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo; con le nostre leggi religiose vi domineremo” Il dominio è già cominciato e l’Islam non si fermerà. Invochiamo Marco d’Aviano ultimo paladino contro l’Islam. È mai possibile che il mondo occidentale sia anestetizzato che non riesca a capire l’ enormità del problema. A mal estremi estremi rimedi: contaminare la zona con carne di maiale, ne va di mezzo il futuro dei nostri figli.

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Sab, 13/01/2018 - 09:30

La legge è uguale per tutti? Allora prendere gli stessi provvedimenti che si sarebbero già presi da tempo se avessi fatto io così. O se lo avesse fatto qualunque italiano o azienda italiana.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Sab, 13/01/2018 - 09:30

Ma quel maiale che continua a pascolare per le vie di Roma, non si potrebbe mandarlo li?

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 13/01/2018 - 09:38

Dall'800 in poi, fino ai primi anni della Repubblica, c'é stato un accordo tra lo Stato Italiano e le varie religioni praticate nel bel paese. Nessun accordo è stato MAI fatto con l'Islam, per la semplice ragione che quella "legge-religione" è incompatibile con la nostra costituzione. Le ragioni dovrebbero essere note a chi abbia un minimo di conoscenza delle nome dettate da Allah a Maometto, che tra l’altro prevedono l'applicazione della pena di morte, in vari casi, ancorché per noi risibili. Così é se vi pare (Pirandello dixit), ma così anche se non vi pare.

toni175

Sab, 13/01/2018 - 09:49

Milanesiii... avete votato pd & soci? allora teneteveli:-)))

magnum357

Sab, 13/01/2018 - 09:50

Se non ci sono le autorizzazioni alla luce del sole, come mai sindaco e assessori hanno lasciato andare avanti i lavori ? C'è qualcosa di losco nella giunta di sinistra !!!!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/01/2018 - 09:55

A questi è permesso tutto, se qualche italiano avesse buttato giù un muro in casa sarebbe punito per abuso edilizio. Ma questa è la Milano che piace ai milanesi, la Milano di salah e del pd.....quindi.....

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Sab, 13/01/2018 - 09:58

Se la notizia vuole enfatizzare un comportamento illegittimo del Comune che prima nega e poi tollera la costruzione della moschea, è un articolo-denuncia che può anche meritare il titolone in prima pagina. Ma se vuole enfatizzare che a Milano non devono essere ammesse le moschee, povero Giornale. Se poi si voleva parlare del minareto e non della moschea colla sua doverosa cupola dorata, il discorso è diverso. Credo che a Milano tutti sappiano che gli svizzeri non hanno voluto che lì venissero eretti nuovi minareti (col relativo muezzin che chiama dall'alto a raccolta i fedeli, come sappiamo tutti) MA NON la costruzione di nuove eventuali moschee. Forse un po' di buon senso anche a Milano...

manson

Sab, 13/01/2018 - 10:48

L avete votato il kompagno pro invasione di maomettani? Tenetevelo

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 13/01/2018 - 10:53

"cupole dorate del tutto identiche a quelle di un minareto", non é corretto, da wikipedia Il minareto (in arabo manār, lett. "faro") è la torre, presente in quasi tutte le moschee, dalla quale il muezzin (muʾadhdhin) cinque volte al giorno chiama alla preghiera i devoti di Allāh.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 13/01/2018 - 10:56

Anche Milano ha il sindaco che merita. Qualcuno però dovrà pur far rispettare la legge. Sull'abusivismo edilizio occorre essere chiarissimi ossia: Ogni immobile abusivo andrebbe abbattuto al più presto con sanzioni e spese a carico dei responsabili a vario livello. Il tutto senza ulteriori passaggi burocratici o ricorsi "pelosi".

moshe

Sab, 13/01/2018 - 11:23

Se il comune non interviene, VA PORTATO IN TRIBUNALE, NON CI SONO ALTRE ALTERNATIVE !!!!!

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Sab, 13/01/2018 - 11:26

Se fosse per Milano, la Lombardia sarebbe in mano alla Parodi in Gori. I milanesi ex bauscia vogliono fare i fichetti multietnici gemellati con London City. Scommetto che pur di essere progressisti sono disposti a tornare all' Egira ed eleggere un sindaco musulmano. Mah, non ci sono più le vecchie stagioni.

dallebandenere

Sab, 13/01/2018 - 11:33

Per il Comune suddito italiota invece,anche se cambia una vetrina o un insegna, o recinta con paletti e rete il suo terreno, ci sono i Vincoli Ambientali e Paesaggistici,altezze distanze e cubature da rispettare,Sovrintendenze da interpellare, deferimenti alla Procura della Repubblica e nel migliore dei casi TAR e Consigli di Stato,con fior di spese legali da pagare.Che Iddio fulmini tutto l'apparato parassitario che perseguita i deboli e ignora gli altri...

dallebandenere

Sab, 13/01/2018 - 11:37

I Milanesi hanno avuto l'opportunità di eleggere Sindaco un signor politico come Parisi.Hanno scelto Sala.Affari loro...

flip

Sab, 13/01/2018 - 11:37

i milanesi, (Ccon IL papa in testa) andassero in arabia o da quei paragggi ad erigere una chiesa....

VittorioMar

Sab, 13/01/2018 - 11:48

..QUINDI TUTTI I CITTADINI POSSONO FARE MODICHE E VARIAZIONI D'USO,SENZA LE NECESSARIE AUTORIZZAZIONI ??QUESTA E' ANARCHIA ...O NO ??

steacanessa

Sab, 13/01/2018 - 11:50

Che belinoni gli abitanti di milano! Persino gli abitanti di Genova sono rinsaviti, loro no. Dopo un sindaco disastroso ne hanno imbarcato uno peggiore. Chi è causa del suo mal ...........

rebella123

Sab, 13/01/2018 - 11:55

COSA SI ASPETTA A FARLA CHIUDERE? LE NOSTRE NON AUTORITA'

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 13/01/2018 - 11:57

Non solo: presto i vicini saranno deliziati da quelle tipiche nenie turche-mediorientali,almeno 5 volte al giorno quando i fedeli di Allah vengono chiamati per la preghiera. Benvenuti a Milanbul,grazie a Salah e votanti pidioti presto non ci saranno più ne Rossi ne Brambilla,ma uomini barbuti,in pigiama e ciabatte,dal colorito olivastro,alternarsi tra moschee abusive e SUK.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 13/01/2018 - 12:09

#pilandi- 08:18 Prova , in Itaglia, a costruire una cuccia per il cane senza previa autorizzazione...e poi riferiscici.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 13/01/2018 - 12:12

#Nahum - 10:53 Il problema non è esattamente quello semantico. Ma non c'è peggior sordo di chi non vuole intendere. Specie se writer di sezione.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 13/01/2018 - 12:33

cari patani siete arrivati incominciate a comprare il sottanone!

Tarantasio

Sab, 13/01/2018 - 12:35

a loro le nostre belle chiese, e dei campanili ne facciano minareti... francesco dixit...

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 13/01/2018 - 12:53

e´molto diffiicle commentare simili situazioni,quando cé una classe politica fatta da personaggi di tale valore, dove i soldi sono la base di tutto anche contro le regole piu´comuni,

Scirocco

Sab, 13/01/2018 - 13:16

Basta fare quello che fanno in Corsica: ti lasciano finire di costruire la casa e quando è finita ti fanno saltare il tetto.

rossini

Sab, 13/01/2018 - 13:17

E la Procura di Milano., quella dell'AZIONE PENALE OBBLIGATORIA, che fa? Dorme? O finge di dormire?

Max Devilman

Sab, 13/01/2018 - 15:27

Ma non è in centro di Milano o in Bicocca, quindi "chissenefrega" dicono gli elettori di Sala......Solidarietà, ma lontana dalle case dei ricchi (elettori di sinistra), mi raccomando.

corivorivo

Sab, 13/01/2018 - 17:19

siamo alle solite. i culiritti si comportano come i padroni di casa. e i milanesi si comportano come dei cxxxxxxi(quando votano)

corivorivo

Sab, 13/01/2018 - 17:20

siamo alle solite. i culiritti si comportano come i padroni di casa. e i milanesi come i cxxxxxxi di turno(quando votano)

Giorgio Colomba

Sab, 13/01/2018 - 17:26

Come diceva Giolitti, le leggi per i nemici si applicano e per gli amici (dell'"imam" Sala) si interpretano. E si bypassano.

corivorivo

Sab, 13/01/2018 - 17:44

solita storia. i culiritti si comportano da padroni e i milanesi da cxxxxxxi(specie alle urne)

sparviero51

Sab, 13/01/2018 - 20:16

PURTROPPO I MILANESI VERI A MILANO SONO RIMASTI IN POCHI .LA MAGGIORANZA DEI POLLI DI ALLEVAMENTO CHE POPOLANO LA CITTÀ SONO INDIVIDUI IMMIGRATI SENZA BISOGNO DI "JUS SOLI" PROVENIENTI DAL REGNO DELLE DUE SICILIE DURANTE GLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO . ESSENDO MOLTO LEGATI ALLE PROPRIE TRADIZIONI STANNO ORMAI IMPONENDOLE ANCHE AGLI INDIGENI .A DAR LORO MANFORTE CI SONO POI LE TRUPPE CAMMELLATE PROVENIENTI DALL'AFRICA ACCOLTE CON FRATERNA ED EUFORICA AMICIZIA . CONTENTI LORO !!!

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 15/01/2018 - 10:59

sparviero51 quello che hai scritto è solo"venato"di storia vera,ma al tuo post c'è bisogno di qualche correzione e precisazione.i milanesi non sono rimasti in pochi ma bensì semi estinti,le truppe cammellate stanno estinguendo,quelli venuti dal sud negli anni 40/50/60/e non i milanesi che come si diceva già sono,quasi,estinti.certo se mi scrivi il tuo cognome possiamo verificare anche la tua provenienza;ma lo avrai il coraggio?altra cosa che ti voglio chiarire,quello che tu hai scritto(grossolanamente)io l'ho scritto filologicamente e che è la mia tesi(esposta oltre 2 anni fa su questo giornale,e per questo avete il titolo di PATANI ovvio che quello che sta succedendo in lombardia sta accadendo in tutto il nord italia;prosit!